2017/18
Tutte le tifoserie in trasferta a Roma, con giudizio il più possibile imparziale e fotografie. Se volete vedere altre foto della vostra trasferta a Roma, dovete andare nella pagina "fotografie",

clicca qui per la stagione 2003/04
clicca qui per la stagione 2004/05
clicca qui per la stagione 2005/06
clicca qui per la stagione 2006/07
clicca qui per la stagione 2007/08
clicca qui per la stagione 2008/09
clicca qui per la stagione 2009/10
clicca qui per la stagione 2010/11
clicca qui per la stagione 2012/13 clicca qui per la stagione 2013/144 clicca qui per la stagione 2014/15
clicca qui per la stagione 2015/16 clicca qui per la stagione 2016/17

Capienza dell'intero settore ospiti dei Distinti Ovest: 5.810
Era parecchio che non arrivavano con questi numeri: 2/3 del settore sono pieni. Due bandieroni sventolano con buona continuità per tutta la partita. A tratti si vedono battimani seguiti da circa metà settore ma i cori non arrivano fino in Sud, salvo nei momenti di silenzio durante "Roma campione" intonato nel secondo tempo. AF
Circa 300, forse qualcuno in più non smentiscono la loro fama e giocano il solito clichet. Cori compatti, autoironici e, comunque sostegno (o autosostegno?) fino alla fine.
Una cinquantina i tifosi friulani.
Si collocano nella parte bassa dell'enorme settore loro dedicato e fanno qualche coro, per poi fermarsi, seppelliti dai gol giallorossi.
L'orario non era troppo scomodo e le presenze, anche se la classifica non è delle migliori, sono veramente un po' scarse.
Forse in 7-800, provenienti dalle regioni diverse dalla Campania.
Null'altra da segnalare, a parte una bandiera genoana.
Almeno 2-300 tifosi del Napoli anche in Tribuna Monte Mario.
In circa 150, con quattro bandieroni, cercano di attizzare una ostilità con un "Roma-Roma-vaff" che però non ha alcuna presa.
Del resto i romanisti non hanno alcun tipo di rivalità con i calabresi e quindi il potenziale conflitto verbale si spegne praticamente subito. Per il resto fanno il loro tifo, seppur in modo discontinuo, durante tutta la partita.
Ormai la presenza "canonica" degli ospiti a Roma gira intorno alle 150 unità, quando negli anni passati era 5 o 10 volte superiore ed anche i felsinei arrivano con i numeri previsti. Accompagnati da tre bandieroni, sostengono la squadra come si può fare in 150.
* * * *
Giungono a Roma in circa mille unità, ma - grazie come al solito alla Questura di Roma - rimangono in silenzio per tutta la partita in quanto (visto che si deve distruggere il concetto di curva) non viene fatto entrare lo striscione Curva Ovest, un bandierone con il viso di Aldrovandi e uno stendardo con una scritta in dialetto "sen tigniz" (Siamo cocciuti).
Neanche tamburo e megafono.
Beh certo, trattavasi di tifoseria estremamente pericolosa e il tifo può causare problemi, soprattutto se proveniente da tifosi della città di Federico Aldrovandi, ucciso dallo Stato.
La squadra a fine partita saputo del motivo del silenzio ha applaudito.
Un centinaio scarso i cagliaritani, di cui una cinquantina Sconvolts.
Fanno quel che possono visti i numeri.
Circa una sessantina, sparpagliati per tutto il settore. Dalla Sud si vedono a stento e di sicuro non si sentono.
AF
Trasferta aperta ai tesserati dell'Atalanta, poco più di un centinaio.
Si danno da fare per quel che possono.
 Sempre colorati i Sampdoriani, tutto sommato non pochi nel 2018, di domenica sera. Sostengono la squadra e vengono premiati.
Si presentano in 1500, colorati e rumorosi. Proprio all'inizio, con irruenza quasi partenopea, si allargano un po' in modo minaccioso come a sottolineare il loro ingresso, ma nulla di che. Dopo un po' appare un tamburo che dà ritmo ai loro cori. Un paio di torce gettate a terra e anche sul risultato sfavorevole, specie nella parte bassa, tifano saltando come se nulla fosse.

CHAMPIONS LEAGUE
Poco più di 100, con una ventina di tifosi un po' più accesi sistemati in basso.
Molto meglio rispetto a quelli visti qualche anno fa.
Fanno il tifo, seppur in modo discontinuo, rispolverando cori storici che mai avevo sentito dal vivo, tra cui "We all follow the Chelsea Over land and sea - and Leicester!", a sottolineare ironicamente come Leicester non sia collocata da nessuna parte ed anche "One man went to mow, Went to mow a meadow, (aside) Meadow!,One man and his dog, (aside) Spot!,  Went to mow a meadow", che è una specie del nostro "Un elefante si dondolava sopra un filo della ragnatel" ma il cui testo in inglese è del tipo "Un uomo è andato a falciare, E' andato a tagliare un prato, un prato!, Un uomo e il suo cane, Spot !, E' andato a tagliare un prato".
Sopravvissuti, tutto sommato.
Una bandiera del Verona tra di loro, nella parte alta del settore ospiti.

Forse un centinaio, con numerose bandiere della loro nazione, si danno da fare all'inizio articolando qualche coro. Poi si spengono.


COPPA ITALIA
Circa 200, sostegono la squadra in maniera discontinua all'inizio, anche se poi si rincuorano con il risultato che, via via, dà loro ragione.

 
Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmarès
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends & enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla tribù
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me