2016/17
Tutte le tifoserie in trasferta a Roma, con giudizio il più possibile imparziale e fotografie. Se volete vedere altre foto della vostra trasferta a Roma, dovete andare nella pagina "fotografie", e da lì nella stagione 2015/16

clicca qui per la stagione 2003/04
clicca qui per la stagione 2004/05
clicca qui per la stagione 2005/06
clicca qui per la stagione 2006/07
clicca qui per la stagione 2007/08
clicca qui per la stagione 2008/09
clicca qui per la stagione 2009/10
clicca qui per la stagione 2010/11
clicca qui per la stagione 2012/13 clicca qui per la stagione 2013/144 clicca qui per la stagione 2014/15
clicca qui per la stagione 2015/16


Capienza dell'intero settore ospiti dei Distinti Ovest: 5.810
Un centinaio scarso. si danno da fare per tutto il tempo in cui il risultato resta in bilico. Complice il vuoto assordante dell'Olimpico, si riesce anche a sentirli in qualche occasione.
Circa un centinaio con alcune bandiere. Fanno il loro, ma gli ultras sono un'altra cosa.
Giungono a Roma in circa 600, collocati nel settore ospiti anche se uno striscione crotonese, autorizzato dalla Questura, si trova nella Curva Nord giallorossa. Tifano quel che possono, fino a quando la Roma asfalta la loro squadra e quindi smettono di fare i cori.
E' lì che subentra il silenzio dello Statio Olimpico.
Gli ultras, con una mentalità che rende loro onore, non vengono ma è comunque pieno di interisti di tutte le regioni di Italia.
Il coro "Siete come la Lazio", pur essendo loro gemellati, la dice lunga sul tipo di tifosi che erano nel settore ospiti.
Gli ultras palermitani disertano la trasferta per solidarietà con i romanisti colpiti dalla repressione dello Stato.
In una sessantina nel settore ospiti, circondati dagli stewards.
Non fanno tifo, limitandosi ad applaudire quando alcuni romanisti della Nord insultano i catanesi.
Circa 100, di cui una 40ina tifanti.
Circa 100, visto che gli ultras pescaresi hanno disertato la trasferta per solidarietà contro le barriere e le multe.
Circa 1500 i tifosi rossoneri, con un centinaio provenienti da Milano.
Il tifo è decente inizialmente, anche favorito dal silenzio romanista, per poi scemare durante la partita, fermo restando che solo la parte più bassa cerca di fare qualcosa.
La totale, eccezion fatta per quei cento, carenza di mentalità è rappresentato dall'incomprensibile coro "vincerete il tricolor", cantato alla fine, quasi preferissero la vittoria della Juve.
Una ventina i clivensi, sistemati in Monte Mario.

Una cinquantina circa, si muovono e un paio di volte, nei momenti di silenzio più imbarazzanti, se ne sente anche la voce.
I viola annunciano l'astensione dal tifo per 30' perché "quel che è accaduto a Roma potrebbe accadere a Firenze" e questo fanno. Al trentesimo esatto iniziano a tifare, non certo aiutati dal numero, molto esiguo anche per una partita di martedì sera. Saranno meno di cento, forse una ottantina.
Non è una grande serata.
Più o meno in 200, fanno il tifo tutta la partita, nonostante il pesante passivo.
Circa 200 nel settore ospiti ed altrettanti in Monte Mario.
Si trattava dei napoletani non residenti in Campania.
Una trentina di gitanti.
Un centinaio collocati nella parte bassa del settore ospiti, fanno il tifo e cercano di incitare la loro squadra, nonostante il passivo.
150 bergamaschi, non ultras, ma che tifano in modo costante.
Non smentiscono la fama che Bergamo ha in ordine all'attaccamento alla squadra.
Distinto Lato Monte Mario pieno come non si vedeva da tempo di gente juventina proveniente da ogni angolo dello stivale, presente anche in Tribuna Monte Mario.
I gruppi si sistemano in basso e tentano di far fare il tifo, anche se non spesso il risultato è realmente corale. Ammutoliscono sul 3-1 e accolgono le vittime della "Pulizia etnica" nella curva nord giallorossa.

CHAMPIONS LEAGUE
Circa 200, con l'aiuto anche di qualche sampdoriano. Fanno la loro parte e la cosa basta e avanza, visto che lo stadio non riesce a corpire le loro voci. Dopo il primo gol viene accesa una torcia, chissà se con il rilevamento biometrico riusciranno ad arrestare il pericoloso delinquente che si è reso colpevole dell'accensione della medesima...

EUROPA LEAGUE

Per un attimo ho pensato che avessero fermato qualche persona in giro per Roma e gli abbiano detto "venite nel settore ospiti che non c'è nessuno". Mi sbaglio di poco. Circa 40 rumeni trapiantati a Roma e credo 8 tifosi dalla Romania, con una bandiera del Giappone (?), una dell'Astra Giurgiu e un tipo col sombrero. La presenza di un tifoso rumeno con la maglia di Totti qualifica l'Astra Giorgiu come una delle peggiori tifoserie mai viste a Roma nella mia vita. Esilarante lo speaker dell'Olimpico che blatera il suo messaggio sui tifosi ospiti che devono attendere la polizia e via dicendo quando i tifosi ospiti, al 90%, escono per andare nelle loro case romane.
Austria Vienna/Questura di Roma 3-0
E' stato abbastanza divertente, ma per certi versi frustrante, vedere una bella coreografia con tanto di striscione non autorizzato in uno con fumogeni e torce nel settore ospiti. Divertente perché subito sono accorsi decine di agenti in borghese, del tutto impotenti. Frustrante, perché basterebbe davvero così poco per far tornare il colore all'Olimpico: basterebbe non rompere i coglioni.
Ottimo tifo austriaco, anche con qualche coro contro la Roma in italiano.
Calano un po' in qualche momento, ma posso dire che sono una ottima tifoseria.
Circa 500, fanno un tifo composto.
I gionali intitolavano "allarme ultras".
Sono loro i terroristi.
Circa un centinaio in Monte Mario seduti.
Una ventina nel settore ospiti.
Insignificanti.
Sono in circa 1000 e tifano con buona costanza, replicando la buona prova fornita in casa. Calano sul 2-1 per poi festeggiare al fischio finale.

COPPA ITALIA
Una sessantina circa, con bandierine doriane e striscioni.
Da segnalare il sequestro, ad opera della Polizia, del pericoloso striscione
"Fratelli del centro Italia non mollate".
Ancora una volta complimenti alle "forze dell'ordine".
Giungono a Roma in circa 500 e confermano di essere una buona tifoseria. Stanno zitti per rispetto ai dirimpettai romanisti per i primi dieci minuti e poi sostengomo la loro squadra con la voce, le sciarpe e la bandiere.

 
Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmarès
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends & enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla tribù
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me