"Le leggi inutili indeboliscono quelle necessarie"
(Louis C. Montesquieu)


Clicca qui per tornare alla
HOMEPAGE


Il sito viene aggiornato quasi ogni giorno.
Dopo le partite, le foto vengono inserite dopo circa due ore,
salvo imprevisti.
Per leggere gli aggiornamenti quotidiani scendere più in basso nella pagina.



  "Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo."
Goethe


 
Diffideranno
                          anche me?
Coppa Disciplina 2014/15 e precedenti
Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive
Comunicati ufficiali Lega Calcio
Servizio Pubblico, Giugno 2014: "Chi ha ucciso l'Ispettore Raciti?"
Vai al sito di
                    Musicaroma
Se volete avere notizie su locali, 
concerti e musica a Roma

" AL DI FUORI DI ROMA NON C'E' NULLA
DI BELLO NEL MONDO"
Johann Joachim Winckelmann, 1756
(archeologo e filologo, nonché massimo teorico mondiale dell'estetica neoclassica)

"Non per guadagnar ma per amor del gioco"

QUELLI CHE SIAMO
*
LA GIUSTA DISTANZA
*
NON DORMO
*
IO STO CON GLI ULTRAS

 
Diffideranno
                          anche me?
Archivio aggiornamenti / Updates archive
Che tempo farà dove gioca la Roma?
Infobiglietti / Infotickets
La mia musica
Vai al sito di Pogopop:
                    punkrock - indie - crossover- new wave - spacerock
Radio Città Aperta 88.90 FM
tutte le maledette domeniche dalle 19 alle 21
 

 
 
AGGIORNAMENTI PRECEDENTI
 
13576


Non sempre i ribelli possono
cambiare il mondo.
Ma mai il mondo
potrà cambiare
i ribelli"
(Alain de Benoist)
"Una volta nel gregge,
è inutile che abbai:
scodinzola"

(Anton Cechov)


LA ROMA SI'
LA LAZIO NO


Tessera del tifoso/Art. 9
Considerazioni finali dopo la legge n. 146/2014

Petizione on line sul nuovo logo della Roma
(8532 sostenitori al 15.12.2015)

http://www.change.org/it/petitions/as-roma-no-al-nuovo-logo-roma-va-rispettata-2




In giallo, quello che scrive il webmaster
In giallo oro, le vostre e-mail
In bianco gli articoli di giornale ed altro
E-MAIL ME:
lorenzo@asromaultras.org
Lamentele?
tifosi@asroma.it
*
La tua card non risulta censita?
supporto@assistenzalisticket.it

"La Roma dà, la Roma toglie"

Dear AS Roma fans worldwide, we write you because something terrible is happening to the Curva Sud of AS Roma.  Police is destroying Curva Sud: chants, banners, flags are the past by now. We want to let you know that at the moment, if you should come here one day for a derby or some other match, you won't find anything you expect because the Curva Sud has been conducted to silence. If you want to share the protest, please write in english to tifosi@asroma.it writing "We support Curva Sud, stop repression". Thank you".


Αγαπητοί οπαδοί  της Roma σε όλο τον κόσμο, σας απευθυνόμαστε γιατι κατι απαίσιο συμβαίνει στους φανατικούς οπαδούς της Roma. H αστυνομία τους καταστρέφει: τα ύμνοι, πανό, σημαίες βρίσκονται στο παρελθόν. Θέλουμε να σας ενημερώσουμε ότι προς το παρόν, αν θελήσετε να έρθετε εδώ για ένα ντέρμπι η γενικά για έναν αγώνα, δεν θα βρείτε τίποτα από όσα περιμένατε διότι οι οπαδοί της ομάδας μας έχουν καταδικαστεί στη σιωπή. Αν θέλετε να ενισχύσετε τη διαμαρτυρία, σας παρακαλούμε γράψτε στα αγγλικά στο tifosi@asroma.it  "Εμείς υποστηρίζουμε τους οπαδούς της Roma, τέρμα στην καταπίεση" نحن نخاطبكم بخصوص شيء سيئ للغاية يحدث في الكورفا سود في أس روما. الشرطة تدمر الكرفة سود: تمنع الهتافات ، تصادر اللافتات والأعلام . نريد أن نخبركم أن في الوقت الحالي إذا جئتم لحضور مباراة الدربي أو أي مباراه عادية ، لن تجدو ما تتوقعوه لأن الكورفا سود أجبرت على السكوت. إذا كنتم تريدون نشر الإحتجاج فعليكم بإرسال ايميل باللغة الإنجليزية إلى( tifosi@asroma.it ) مكتوب بداخله نحن نساند كورفا سود واوقفو القمع. شكراً جزيلاً

re alle norske AS Roma-supportere.
Vi skriver til dere fordi noe forferdelig holder på å skje med AS Romas Curva Sud. Politiet holder på å ødelegge Curva Sud: sang, bannere og flagg er for øyeblikket historie.
Dersom dere har tenkt dere på Romakamp, derby eller annen kamp, vil dere for øyeblikket ikke oppleve det dere kanskje forventer, ettersom Curva Sud er tvunget til taushet.
Hvis du ønsker å dele denne protesten, skriv på engelsk til tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Takk.

Chers fans français de la AS Roma,
Nous vous écrivons car quelque chose de terrible est en train de se produire dans la Curva Sud de la Rome. La police est en train de la détruire: chants, bannières, drapeaux ne sont désormais que le passé.
Nous vous informons que si un jour il vous arrive de venir à Rome pour un derby ou un autre match, vous n’allez trouver rien de ce que vous vous attendez, parce que la Curva Sud a été réduite au silence.
Si vous voulez partager la protestation, écrivez s’il vous plait en anglais à: tifosi@asroma.it “We support Curva Sud, stop repression”.
Merci.

亲爱 的中国球迷,
我们写这是什么可怕的是发生在罗马的看台南基。
警方正在摧毁它:圣歌,条幅,彩旗,目前过去。
我们知道你的热情。
我们希望你知道,在当时,如果你来这里的德比或任何其他游戏,你不会找到你所期望的东西,因为看台南基闭上了嘴。
如果你想分享的抗议,请用英文写为tifosi@asroma.it~~V“我们支持南基看台,只是压抑。”谢谢。

DRAGI FANI AI ROMEI DIN TOATA LUMEA, VA SCRIEM PENTRU CA CEVA TERIBIL SE INTAMPLA IN CURVA SUD,A ROMEI. POLITIA VREA SA O DISTRUGA. CANTACE, BENARE SI STEAUGURI APARTIN PENTRU MOMENTUL DE FATA TRECUTULUI. VREM SA VA INFORMAM CA-CI IN MOMENTUL DE FATA, DACA VETI VENII PENTRU A VEDEA UN DERBY SAU ORICE ALTA PARTIDA, NU VETI GASI NIMICA DIN CEIA CE VA ASTEPTATI.PENTRU CA CURVA SUD A FOST REDUSA LA LINISTE. DACA VRETI SA NE AJUTATI CU PROTESTELE, VA RUGAM FOARTE FRUMOS SA SCRIETI IN ENGLEZA LA tifosi@asroma.it ACEST MESAJ: NOI SUSTINEM CURVA SUD, GATA CU REPRESIUNEA
Kedves magyar focidrukkerek és Róma szurkolók!
Azért fordulunk hozzátok, mert valami rettenetes dolog történik a
Róma stadion Curva Sud szurkolóival. A rendőrség tönkreteszi a
szektor szurkolóit: éneklés, drapériák, zászlók, transzpatensek
már mind a multé.
Ismerjük a lelkesedéseteket. Szeretnénk tájékoztatni Benneteket, ha
egy meccsre vagy bármilyen más találkozóra jöttök, semmit sem
találtok abból, amire számítatok, mert  a Curva Sud szurkolót
elnémították.
Ha szeretnétek csatlakozni a tiltakozásunkhoz, kérünk Benneteket, hogy
írjátok (angolul) a tifosi@asroma.it címre «We support Curva Sud, stop repression!»

Դիմում ենք Ձեզ, քանի որ սարսափելի բան է տեղի ունենում “Curva Sud”-ի հետ: Ոստիկանությունը փորձում է այն ոչնչացնել: Երգերը, պաստառները ու դրոշներն այս պահին արդեն անցյալում են: Ուզում ենք Ձեզ հայտնել, որ եթե որոշեք այցելել դեռբիին, կամ ցանկացած այլ խաղին, չեք գտնի այն ինչ ակնկալում եք, որովհետև “Curva Sud” - ին ստիպում են լռել: Եթե ցանկանում եք մասնակցել բողոքի ակցիային, խնդրում ենք անգլերեն նամակ գրել “We support Curva Sud, stop repression” հետևյալ հասցեին. tifosi@asroma.it : Շնորհակալություն:
เรียน แฟนๆ โรม่าทั่วโลก
เราเขียนถึงคุณๆ ทุกคน เพื่อให้คุณๆ
ได้รับรู้ถึงการกระทำที่น่าอดสูที่เกิดขึ้นที่ Curva Sud
ที่สนามโอลิมปิกสเตเดี้ยม ณ กรุงโรม
ตำรวจได้ทำลายทุกสิ่งอย่างที่อยู่ใน Curva Sud ทั้ง ป้าย, ธง
และสัญลักษณ์ต่างๆ ตอนนี้ได้เหลือแต่เพียงความทรงจำ
ถ้าวันนึงคุณได้มีโอกาสเดินทางมาดูดาร์บี้แมทที่โรม
คุณจะไม่ได้พบกับบรรยากาศเก่าๆ ที่เราเคยมีอีกต่อไป เพราะ  Curva Sud
วันนี้ได้ถูกทำลายจะเหลือแต่เพียงความเงียบงันไปเสียแล้ว
มาช่วยเราประท้วงการกระทำที่สุดจะทนและยอมรับได้ของตำรวจใน ครั้งนี้
ด้วยการเขียนอีเมลล์ภาษาอังกฤษว่า "We support Curva Sud, stop repression" มาที่ tifosi@asroma.it.
ด้วยความนับถือ
Queridos fans de la Roma
escribimos esto para que algo terrible está sucediendo a la Curva Sud de Roma. La policía está destruyendo: cantos, pancartas, banderas.... actualmente todos esto es el pasado.
Vosotros teneis un gran entusiasmo.
Queremos que sepas que en este momento, si quereis venir a un derby o cualquier otro juego, no encontrais nada de lo que vosotros esperais, porque la Curva Sud fue silenciada.
Si deseais compartir la protesta, por favor escribais en Inglés para tifosi@asroma.it "Apoyamos la Curva Sud, detenemos la represión."
Gracias

Liebe deutsche AS ROMA Fans,
Wir schreiben euch, weil unsere geliebte Curva Sud lebt gerade etwas wirklich sehr schlecht durch.
Die Polizei hat sie zerstört.
Gesänge, Banner und Fahnen gehören derzeit peinlich der Vergangenheit an.
Wir möchten euch informieren, dass falls ihr zum Stadio Olimpico kommen werdet, werdet ihr nicht finden, was ihr erwartet   habt,weil die Curva Sud zum Schweigen gebracht wurde.
Falls ihr uns bei unserem Protest unterstützen möchtet, schreibt bitte auf Englisch an tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Danke.

Queridos torcedores da ASRoma
Estamos escrevendo diretamente para vocês porque algo ruim esta acontecendo na setor da torcida Curva Sud da Roma.
A Policia esta desmanchando-la : Faixas, bandeiras, coros fazem parte do passado. Queremos vocês saibam que,
ao momento, se vocês quisessem vir em Roma para assistir a o Classico, ou outros jogos,, não vão encontrar nada de eclatante e legal
pois a Curva Sud foi obrigada á ficar silente.
Se quiser por favor compartilhem essa protesta, por favor escrevem em Inglês ao endereço tifosi@asroma.it
“Nos suportamos a Curva Sud, chega de repressão !!!”
Obrigado



 "..il prefetto è una lue (sifilide n.d.r.) che fu inoculata nel corpo politico italiano da Napoleone... Si credette di instaurare libertà e democrazia e si foggiò lo strumento della dittatura. Democrazia e prefetto repugnano profondamente l'una all'altro... Perciò il delenda Carthago della democrazia liberale è: Via il prefetto! Via con tutti i suoi uffici e le sue dipendenze e le sue ramificazioni!" (Luigi Einaudi - 17 luglio 1944))

Praefecti volant, Curva Sud remanet.
MARKETING O NON MARKETING...
LO STEMMA GRIGIO DELLA MAGLIA GRIGIA
PORTA SFIGA
 
"NO alla divisione della Curva Sud e della Curva Nord dello Stadio Olimpico di Roma"
(11.788 firme all'16.04.2016)
CLICCA QUI PER LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG
In passato ce la siamo presa con Forza Italia e la Lega Nord: oggi i responsabili della repressione in Curva Sud sono loro.




22 luglio 2016:


 


18 luglio 2016: on line le pagine di Roma/Pinzolo e Roma /Terek Grozny.

9 luglio 2016: una e-mail (scusate per i pochi aggiornamenti ma ho i lavori a casa e connessioni di fortuna): "Ciao lorenzo,ieri sono rientrato nel mio stadio..ero nel bel mezzo dell'olimpico per la prima serata di Vasco,non ho potuto fare a meno però di buttare un occhio alla curva per vedere la situazione..e con un gran stupore ho notato che rispetto all'ultima di campionato ci sono delle novità:come le balaustre davanti il piccolo settore sotto il tabellone e "scorrimano lungo tutto la scalinata centrale"sia da una parte che dall'altra e "vista così..la barriera in mezzo non ha più senso..perché sono state introdotte altre divisioni?è possibile che questo nuovo disegno della curva possa finalmente servire a togliere quella barriera??non so se questa novità degli scorrimano sia un ulteriore accanimento per dividere la curva o la soluzione alle barriere!!Ti ringrazio del tempo concesso e spero ci facciano sapere al più presto se la nostra Roma st'anno riuscira a  fare l'acquisto dell'anno...IL RITORNO DELLA CURVA SUD!!

7 luglio 2016: ricevo e pubblico:






11 giugno 2016: sistemata la stagione 56/57.
22 maggio 2016: dicevamo, appunto:
Lettera di un tifoso disgustato
Quattrocentosettantatré. Sì, esatto, quattrocentosettantatré. Sono i giorni intercorsi da quando, in un piovoso martedì invernale di coppa, l’aria intorno all’Olimpico è cominciata a diventare irrespirabile. Poi, quest’estate, il colpo di grazia: le barriere in curva, il settore più appassionato e caratteristico di ogni stadio.
Domani scade il diritto di prelazione e io e altri amici abbiamo preso la nostra decisione: NON RINNOVEREMO. A meno che la situazione allo stadio non cambi. Se avessi ascoltato il tuo consiglio, Lorenzo, a novembre avrei iniziato a metter da parte 1.30€ al giorno per rinnovare, ma non l’ho fatto. Non ho intenzione di spendere soldi per entrare e assistere ai pietosi spettacoli sugli spalti di quest’anno, o per non entrare. La questione economica c’entra, ma fino ad un certo punto, perché in fondo di sacrifici economici per la Roma ne ho fatti e ne continuerò a fare come altri. E’ che inizio a trovare parecchio urticanti i comunicati e le promesse di istituzioni e società. Le parole del questore D’Angelo al convegno in Sapienza, ad esempio, lasciano intuire quello che un po’ tutti sospettavamo, che la questione sicurezza è un’enorme balla e che la volontà è quella di eliminare il tifo organizzato romanista, reo di aver esposto gli striscioni contro la mamma di Ciro Esposito. Striscioni per molti di cattivo gusto ma, ricordo, nel pieno rispetto della libertà di pensiero e parola.
So che molti in Sud hanno deciso per il rinnovo, anche a costo di spendere denaro senza mai entrare. Non riescono a digerire il fatto di veder occupata la loro “casa” dai turisti/occasionali/cesaroni di Roma-Real. E non li posso biasimare. Per noi in Nord è più facile rinunciare ad un posto che rimane acquistabile in qualsiasi momento della stagione qualora cambiasse la situazione, mentre loro, che custodiscono quel seggiolino ormai da anni, non hanno intenzione di vedersi scippati da chi neppure immagina che qualcuno, prima di lui, ha rinunciato anche a qualche ora di sonno per occupare quella posizione dello stadio.
Personalmente ritengo che tale scelta sia un gesto d’amore che la società non merita. Sappiamo entrambi che se ad oggi nessuno confermasse il posto in Sud è impossibile che la curva vada sold-out in abbonamento, forse non c’andrà comunque. Certo, per le partite di cartello i biglietti andrebbero esauriti, ma per un Roma-Carpi sotto la pioggia o un Roma-Spezia di Coppa Italia? Io credo di no. Il danno economico sarebbe consistente e non credo che la questione barriere sarebbe gestita con la medesima odierna apatia da parte della società. Per quanto mi riguarda se mi vogliono fuori dall’Olimpico gliela darò vinta, mentre non credo che la Sud si lascerà allontanare così facilmente. Mi auguro solo che la linea venga condivisa da tutti, perché ritengo che le più grandi sconfitte quest’anno siano state non mantenere una linea comune condivisa e non riuscire a trasmettere a tutti i veri motivi della protesta.
Intanto io,          
l’essilio che m’è dato onor mi tegno.
Edoardo, un abbonato in Nord.
Poi:
"Ciao Lorenzo...ti mando questa email per sottolineare ancora L arroganza di chi fino ad ora é stato preposto per L ordine pubblico di Roma..
Dopo le dichiarazioni di soddisfazione  del post partita di coppa Italia del nostro ormai ex prefetto per le barriere e non una parola del fallimento della  sicurezza per i due accoltellati ,ho avuto l ennesima conferma,della sciattezza e inadeguatezza di certi personaggi.
Avanti curva sud
Domenico"
.


20 maggio 2016: In costruzione la pagina di di Al Ahly/Roma.

19 maggio 2016: terminata la stagione 1957/58.

17 maggio 2016: aggiunte molte foto, grazie a Tommaso, di Milan/Roma.
Disfunzioni: "Ciao Lorenzo, mi chiamo Giuseppe M. e sono titolare di un abbonamento (ebbene si) tribuna tevere centrale settAS 34d fila21 posto14. Sabato 14 maggio mi reco al roma store di piazza colonna ore 14,30 per rinnovare il suddetto. Al momento del rinnovo l'impiegata dello store mi informa che non può essere fatto poichè lo stesso è già stato rinnovato da tale xyz nato a marino ecc.... Faccio notare che essendo io titolare dell'abbonamento e presentando carta d'identità, biglietto segnaposto stagione 2015.16 e "privilege"(!!!!!!!!!) e che la fase di PRELAZIONE sarebbe scaduta tre giorni dopo la cosa non fosse possibile. Naturalmente la cosa si è rilevata possibile. Dopo varie discussioni e minacce di denunce da parte mia e dopo aver chiamato quegli scienziati di trigoria il mio abbonamento si è finalmente materializzato.
La spiegazione? Tale xyz chiama il centro servizi o qualche ricevitoria dicendo che io non intendo rinnovare (infatti sono andato al roma store  per caso a lasciare 890euro!!!!) e quindi l'asroma TRANQUILLAMENTE lo passa a lui (ricordo nel periodo di mia prelazione e senza alcun assenso da parte mia). Aggiungere altro? Ai tempi d'Anzalone ste cose non succedevano. Un caro saluto Peppe asr66"
.


16 maggio 2016: porca miseria, non mi hanno invitato, e sì che è il mio compleanno!


15 maggio 2016: On line la pagina di Milan/Roma.
13 maggio 2016: una e-mail:
"Ciao Lorenzo,
sono Giorgio abbonato da tanti anni in curva sud ora anche con mio figlio, non faccio e non ho mai fatto parte di nessun gruppo ultras, ma se essere ultras vuol dire essere presente, in casa, in trasferta, cantare, gioire, piangere per la propria squadra allora lo sono.
Ti ho scritto tante volte in questo annus horribilis (che reputo peggiore di quello della tessera del tifoso) riguardo la protesta della Curva Sud contro le barriere ed i divisori installati dall'ex prefetto Gabrielli.
Siamo al punto di svolta, abbonarsi o non abbonarsi? Abbonandosi ci si piega al volere delle istituzioni ma si crea la pace interiore con il cuore che non ce la fa più a non vedere la propria amata Roma, ma si crea anche un conflitto interiore domandandosi, "se sono stato un anno fuori per la presenza del divisorio, perché ora dovrei entrare visto che il divisorio è ancora li?
Non abbonandosi si sta decisamente in pace con la propria coscienza (almeno chi ha aderito alla protesta), ma la possibilità di lasciare il posto in curva a tifosi che impiegheranno anni, sempre che ci riescano far tornare la curva quello che è stata, mi fa decisamente rabbia.
Per ora ho deciso di non avvalermi della prelazione, mio figlio ha condiviso in pieno la mia decisione, anche perché con una semplice frase ha detto "ma se rientriamo ora, potevamo rientrare subito no? cosa è cambiato da Roma-Juve ad oggi?" come dargli torto.
La morale di tutto questo è: secondo le istituzioni gli ultras sono il male del calcio, invece il calcio è nelle mani di chi lo sta distruggendo
A presto
Giorgio"
.



10 maggio 2016: Franchino:

Ciao Lorenzo.
Alla fine eccoci qui a fine campionato e credo sia invitabile fare bilanci.
Siamo stati oggetto di uno degli attacchi repressivi più importanti mai visti in precedenza e sì che io e te abbiamo vissuto il post Paparelli. Questa volta però a mio avviso la miccia non è stata un fatto di cronaca ma quello che ne è seguito: i famosi striscioni contro la signora che hanno indignato anche l'ultimo degli agnostici del calcio. Non entro nel merito specifico ma credo di poter dire che dal punto di vista "strategico" quello sia stato un clamoroso autogoal.
La repressione indiscriminata, volta a fare della Sud un esperimento da poi ripetere a livello nazionale, ha legittimato la protesta. Protesta che ha superato il confine degli ultras andando ad interessare anche gli "ordinari" frequentatori della Curva.
Ad un certo punto però, tra un comunicato e l'altro, ne è apparso uno che faceva riferimento alla vergognosa sconfitta con lo Spezia. Ohibò, dall'ordine pubblico si passa al merito sportivo? Lì la mia personale protesta è terminata e sono rientrato in silenzio.
Le giornate passavano, la società cercava una mediazione con l'autorità che prima rispondeva con una dichiarazione d'intenti ("i muri non sono permanenti") poi con un palese allentamento dei controlli all'entrata.
Alla vigilia della fine della stagione, ci siamo trovati quindi due entità contrapposte: quelli della protesta ad oltranza, contrari a qualsiasi mediazione, non disponibili a cedere di un passo e dall'altra parte "lo Stato" che evidentemente non può fare marcia indietro così supinamente solo perchè qualcuno decide di non entrare.
Nel muro contro muro chi vince? Sarebbe bello vedere con calma il finale ma c'è un "ma".
La protesta è venuta in corsa cioè ad abbonamenti già fatti. Ora bisogna vedere se chi ha i principi irremovibili ha anche i soldi per fare un altro abbonamento senza entrare. Sarei portato ad escludere tale ipotesi per cui resta quella dei biglietti come nell'anno della TdT. Meccanismo che ho attuato anche io fino a quando non hanno fatto la Home. Qui però, a differenza di allora, non so quanto la società voglia tutelare quelli che sono rimasti fuori e che non accennano a dare un segno di mediazione. Niente prelazione quindi per i vecchi abbonati? Mi sembra la soluzione più probabile.
Mi dirai che comunque una Sud spenta non attira e quindi non andrà in sold-out. Concordo. E' però anche vero che, volenti o nolenti, ci sarà un'iniezione importante di occasionali che siederanno al posto di molti duri e puri. Non dico gli occasionali che giravano in Curva a Roma - Real Madrid ma non saremo molto lontano.
I Fedayn l'hanno pensata diversamente. Hanno torto? Hanno ragione? Non lo so perchè non conosco quale sia la loro "strategia". So però che molte delle persone "normali" rientrate domenica scorsa facevano ragionamenti del tipo "ma se te dicono che nun devi sta' sulle scale e nun devi scavalca' perchè te ribelli?".
Perchè è non è più una questione di lotta alla repressione; è una questione di territorio. La Sud è una cosa nella quale si fa come dice qualcuno, dove vigono i valori della strada e dove nessuno deve osare mettere bocca. Dove si gode (sottolineo: si gode) nell'avere la prova che si è il gotha del tifo senza il quale tutto il resto è niente. Numericamente però il niente è destinato a prendere il sopravvento se non si cambia la strategia.
Vedremo. Io intanto resto con la morte nel cuore per vedere la curva così straziata. Allo stesso tempo sono molto curioso di vedere quali saranno gli sviluppi anche se per il momento, mi spiace dirlo, il risultato è Repressione 1 - Tifo 0.
Un abbraccio

Siccome la ricerca è costante, trovate le foto dell'amichevole Lodigiani/Roma del 2004/05.

I veri tifosi del Leicester:
Franchino"Ti scrivevo solo per segnalarti un reportage ( questa è solo la prima parte), che hanno realizzato i ragazzi di MondoFutbol.com che  conosco personalmente e devo dire che sono bravissimi. Te lo segnalo perchè parla di tifo e come esclusiva mondiale, hanno incontrato  Sabato scorso gli Union FS i tifosi più caldi del Leicester Ciry.
Devo dire 4 minuti veramente belli, sentire quei ragazzi parlare così è stato emozionante almeno per me.
Questo è il link al reportage
https://www.youtube.com/watch?v=iXDGYi4Fi-E


9 maggio 2016: alcune e-mail che possono offire spunto di riflessione:
"Ho letto l’ultima e-mail sulla protesta, a mente fredda a stagione finita dico che non mi è piaciuta poi tanto, non è servita non servirà.. essere ultrà (o ultras se preferite.. ) e scrivere (oltre ai fastidiosi accenni alla complicità che anzi potrebbero essere ritorti..) che non si può rinunciare alla “propria” dignità e libertà mi fa ancora pensare che  non poteva non essere colpita una curva divenuta nel tempo troppo autoreferenzialista…   era solo una provocazione di un carrierante italiota, i tamburi le torce i petardi in tutti gli stadi italiani si vedono e si sentono, non era quello lo scopo delle barriere… come si fa quindi ad essere ultrà (o ultras se preferite..) e sentirsi liberi e degni senza Roma???  Ma quasi la stessa cosa successe all’epoca della Sensi, con gli scudetti che intanto passavano via sotto il naso, poco male?? Bah…   Comunque fate voi io sono quasi vecchio ed allo stadio non ci andrò più, solo che essere ultrà (o ultras se preferite..) non è mai stato obbligatorio, dovrebbe essere solo onore e vanto si diceva.…….".
Poi:
"Ciao Lorenzo,
ti scrivo per avere delle informazioni su ciò che accadrà il prossimo anno..
Prima di rinnovare per l'undicesima volta l'abbonamento in curva Sud volevo sapere:
1. ho visto nel nuovo contratto la ridicola sezione divieti.. pensi che qualche punto possa riguardare le bandiere e le aste per le bandiere?
2. anche il prossimo anno la linea rimane quella di non entrare / entrare senza tifare?
Sono quasi riusciti a spegnere la mia passione e spendere nuovamente 300 euro per non entrare a neanche una partita... questa volta non sono disposto a farlo...
grazie come sempre,
Leo"
.
Dunque... quei divieti già c'erano. Praticamente, se seguissero alla lettera il contratto, tutto sarebbe vietato. Però, alla fin fine, è sempre la Questura cosa perseguire e cosa no. Secondo me non faranno problemi per le aste della bandiere.
Per quanto riguarda la linea, come diceva qualcuno, la linea non c'è. O meglio non c'è una visione unitaria e credo che le riflessioni ancora non siano complete.
La tendenza generale sembra essere quella di rinnovare, soprattutto per non lasciare spazio ai turisti del tifo occasionale che abbiamo avuto modo di ammirare anche a Roma/Chievo e che arrivano a farmi auspicare un anno di serie B "purificatore".
E' comunque certo che l'insensata gestione dell'ordine pubblico in questa stagione abbia provocato danni irreparabili e che almeno un migliaio di persone ce le perderemo per strada. Per dirla tutta, dubito fortemente che la Curva Sud possa andare "sold out" in libera vendita in caso di mancato rispetto della prelazione: in Curva Sud la gente va per via del tifo e del colore, e dopo questa annata dubito che ci sia quell'appeal che trascina gli abbonamenti. Ricordo che quando si boicottarono gli abbonamenti per via della tessera del tifoso, si abbonarono solo 3000 persone e le altre acquistarono i biglietti partita per partita (sfruttando una prelazione concesssa dalla Roma a chi aveva l'abbonamento dell'anno precedente).
Comunque, per quei tifosi che magari non sanno le decisioni di coloroche frequentano i gruppi organizzati,  cercherò di essere di aiuto tramite il mio sito.

Per finire:
"Ciao Lorenzo,
con questa mia email volevo semplicemente ringraziare, a titolo del tutto personale, i ragazzi della Curva Sud, che a loro volta hanno ringraziato tutti coloro che hanno portato avanti, fino in fondo e con coerenza, la protesta iniziata la scorsa estate. Sono io che mi sento di dover dire grazie a loro, pur non facendo "ufficialmente" parte del gruppo che porta avanti lo striscione ROMA, perché rappresentano quella parte di romanismo attivo da stimare, apprezzare e tutelare con orgoglio, senza se e senza ma.
La stagione in corso ha dimostrato a tutti (o meglio, a chi sia abbastanza intelligente da capire, o comunque mediamente normodotato) che abbiamo sempre avuto ragione: lo stadio Olimpico senza la Curva Sud non esiste. Tutte le volte che ce la siamo presa con gli occasionali, con la gente dei distinti e delle tribune che guarda la partita in silenzio, con quelli che andavano via 5-10 minuti prima per evitare il traffico, avevamo ragione: lo stadio si è vagamente rianimato da aprile in poi per i venti minuti finali di Totti, a testimonianza del fatto che quando criticavamo chi cantava soltanto i cori pro-Totti non lo facevamo perché siamo contro il più grande giocatore della nostra storia (e ci mancherebbe), ma solo perché per noi questo è un modo di tifare e sostenere l'A.S.Roma del tutto inconcepibile. Chi va allo stadio sta che è sempre stato così (senza bisogno che glielo faccia notare il Giancarlo Dotto di turno), e che soltanto noi abbiamo (per anni) colmato le "lacune" degli altri spettatori (io non li chiamo nemmeno tifosi, tu nel commento a Roma-Chievo hai detto che trattandosi di romanisti non ti va di essere troppo critico, ma sinceramente preferisco mille volte un bergamasco che va allo stadio a cantare 90 minuti col cuore per l'Atalanta che un romanista che si presenta all'Olimpico con la maglietta di Totti presa insieme al Corriere dello Sport).
Quando fu introdotta la tessera del tifoso, iniziammo a combattere un'altra battaglia per le nostre libertà rinunciando all'abbonamento: passarono 2 anni (di rinunce e sacrifici), e alla fine si trovò un sistema alternativo per farci abbonare e andare in trasferta anche senza Privilege. Questo per spiegare, a chi dice "ma avete rotto il cazzo con questo muro contro muro, cosa sperate di ottenere?", che se siamo uniti, coerenti e compatti alla fine vinceremo noi, come sempre. Non molliamo ora.
Avanti Curva Sud, uniti fino alla vittoria!
Alessandro"
.
Poi un articolo che ho conservato di un numero de "Il Romanista" del 2007:


8 maggio 2016: in linea la pagina di Roma/Chievo, comprensiva della "battellata" sul Tevere.
Ricevo e pubblico:
"Il nostro campionato della coerenza lo abbiamo vinto! La Curva Sud e' rimasta vuota anche questa volta, nonostante i giornali e alcuni comunicati facessero pensare altro. Grazie a tutti. Grazie a tutti quelli che pur avendo un abbonamento in tasca hanno rinunciato anche questa volta ad entrare. Grazie a tutti quei ragazzi che ci hanno sempre seguito, grazie a quei padri di famiglia che hanno fatto un sacrificio enorme lasciando i propri figli fuori dallo stadio. Grazie a tutte quelle persone che semplicemente hanno creduto fino in fondo  a questa battaglia. Grazie per la coerenza, per il sacrificio, per la tenacia. Grazie Curva Sud, una battaglia importante è vinta adesso vinciamo la guerra. Noi dal canto nostro ci saremo sempre, in Italia, in Europa e adesso, se davvero cambierà qualcosa anche nella nostra Curva...altrimenti fieramente per la nostra strada e sempre più coerenti per la nostra dignità e libertà!
Curva Sud ROMA".


7 maggio 2016: ricevo e pubblico:





2 maggio 2016: in costruzione la pagina di Genoa/Roma.

30 aprile 2016: Per quanto riguarda quanto scritto da "Repubblica" sul contratto di abbonamento della Roma 2016-17, che prevederebbe che in caso del 60% di assenze non si avrebbe diritto alla prelazione per il 2017-18, ho letto per bene tutte le clausole e non c'è nulla del genere. Da un punto di vista puramente tecnico, quindi, il rischio in questione non c'è e quindi - almeno sotto questo profilo - ciascuno può decidere tranquillamente cosa fare.
Le notizie del giorno sono però tre.. in ordine cronologico: la prima è quella per la quale a Roma/Chievo i Fedayn hanno comunicato che torneranno, in silenzio, in curva Sud (quello che gira in su FB non è un comuinnicato fatto dai Fedayn ma - autonomamente - da una pagina FB.
La seconda è che Gabrielli non è più Prefetto di Roma perché è diventato capo della Polizia;
la terza è questo comunicato che ricevo e pubblico del gruppo "Roma":
"Siamo noi i ragazzi della parte bassa della curva, quei ragazzi che portano avanti lo striscione ROMA.
Non ci arroghiamo il diritto di parlare per tutti ma diamo voce a tutte quelle persone che fino ad oggi ci hanno seguito ed hanno portato avanti in modo esemplare questa pacifica e civile protesta.
Siamo noi i ragazzi di Campo Testaccio, noi rappresentiamo quello splendido fiume variegato di 4.000 persone presenti il giorno del derby.
Siamo noi i ragazzi che a Roma-Sassuolo erano fuori dalla curva e che sono stati denunciati per aver manifestato in modo pacifico il dissenso verso una situazione ormai inaccettabile.
Siamo noi quei ragazzi che non hanno mai abbandonato l'AS Roma in Italia e in Europa. Siamo noi quei ragazzi a cui il sistema ha cercato di togliere voce e libertà a suon di diffide inventate e multe salate ma che ancora sono al proprio posto.
La coerenza per noi è importante.
Le barriere purtroppo sono ancora lì, è concreto e reale il rischio per quei ragazzi che hanno già preso una multa per Roma-Juve di prenderne una seconda e quindi di venire diffidati. La polizia in curva ancora c'è, l'arroganza di un sistema marcio e corrotto non si è affievolita ma resta indifferente ed indolente. Ed è per tutto questo che decidiamo di non entrare, di rimanere ancora una volta fuori da questo sistema che non ci rappresenta. A malincuore, ancora una volta, scegliamo la strada più difficile, la strada che ci fa rimanere ancora lontani dal nostro cuore che è rimasto in quella curva. Non è il momento di scendere a patti con nessuno, a testa alta portiamo avanti il nostro credo.
Noi non entriamo.
Noi non cediamo.
Noi non arretriamo.                                      
Noi rimarremo fieramente fuori per la nostra storia. Noi tutti siamo ROMA!
Curva Sud fino alla fine!
La Vera Maggioranza dei gruppi della Sud".


25 aprile 2016: in linea la pagina di Roma/Napoli. Dai tabelloni dello Stadio Olimpico pare che il 27 aprile inizierà il rinnovo degli abbonamenti. Posso dire di essere curioso?.
Marco ha due biglietti per Genoa/Roma cui non può più andare: ecco qui la sua mail.

21 aprile 2016: in costruzione la pagina di Roma/Torino che dedico ad Alessio uno dei migliori della Nord alta che ieri ci ha improvvisamente lasciato R.I.P. Alessio :-(


18 aprile 2016: questa intervista a Valerio Mastandrea - per chi l'avesse persa - merita di stare su questo sito (e ci rimarrà nella pagina "Vita Vissuta"):
"Conti, Chinellato, Maggiora, Boni, Peccenini, Santarini, Di Nadai, Di Bartolomei, Pruzzo, De Sisti, Scarnecchia. Allenatore, Ferruccio Valcareggi. Arbitro Michelotti. «Roma-Atalanta, sei maggio del 1979, la prima partita che vidi allo stadio» dice Valerio Mastandrea, che è dell’inverno 1972 e con la squadra fondata nello stesso quartiere in cui abita si è accompagnato-mese più mese meno, molti dolori, qualche sparuta gioia- per trentasette anni. Dopo la sconfitta con la Lazio nel derby di Coppa Italia del 2013- quella che nel sintetico Lulic 71, riempì di graffiti celesti i muri di mezza città omaggiando in cinque sole lettere e due numeri, giustiziere dei nemici e momento chiave della gara- Mastandrea tornò a casa, accese il computer e scrisse “Peggio”. Una sintesi del destino di chi soffre.
Relativizzazione, ironia e idealismo, quasi un autoscatto: «Vincere per un romanista è ottenere giustizia. La vittoria nel suo mondo è illegale perché la legge vuole che perda sempre e sempre quando non dovrebbe». Seguono notti di coppe e di campioni, rimpianti, esempi, paure, gioie, consapevolezze. Incipit: «All’inizio del credo e alla fine della decenza. Peggio di così non poteva andare. Non è vero. Perché il concetto di peggio per un romanista non esiste, non è confinato in una logica precisa».
Più in là dei 60 film, dei premi e dei copioni studiati per Scola, Virzì, Moretti, Abel Ferrara e Giordana, Mastandrea ha visto anche un altro cinema. Per le strade di Testaccio, con una cassa d’acqua nella sinistra e le chiavi di casa nell’altra mano, lo salutano con familiarità. Lui parla con gli sconosciuti in libera uscita, accarezza i cani al guinzaglio e non dimentica di quando abbaiando alla luna tra i gradoni di un’arena a briglia sciolta, l’intera settimana altro non era che un conto alla rovescia dai tre fischi finali della domenica a quello iniziale della domenica successiva.

Da bambino giocava a calcio?
Forse avrei voluto, ma le iscrizioni, quando mia madre mi accompagnò nell’ottobre 1978 in oratorio, erano state già chiuse. «Signora ci dispiace-dissero i preti a questa signora di ventisei anni che teneva per mano il figlio di sei- il gruppo del calcio è stato completato a settembre». «Cos’è rimasto?» domandò. «La pallacanestro. L’allenamento è iniziato da dieci minuti, se suo figlio vuole può iniziare subito».

E lei iniziò.

«Vuoi giocare a pallacanestro?», «Che sport è?», «Un calcio con le mani». Mamma mi strappò un rapido assenso, si tolse la maglietta, me la mise e mi mandò sul parquet. Il basket è stato la mia vita fino al 1988.

Poi?

Smisi. Mi disamorai. Avevo avuto uno sviluppo lento. A quindici anni marcavo gente con la barba. Il basket è uno sport molto fisico e mi facevo sempre male. Con i miei compagni di allora ogni tanto giochiamo ancora.

Niente calcio quindi.

Dopo aver mollato il basket che come tutti i veri ex non seguo più, ho giocato in porta per tre o quattro anni. Non ero capace e non ero neanche coraggioso. Mi piaceva stare tra i pali, ma nelle uscite ero una pippa. I miei danni li ho fatti. Ho anche spaccato una gamba al mio difensore. Ci penso spesso, poveraccio.

Dinamica?

Lui e l’attaccante, un bel toro, avanzano gomito a gomito verso la porta. Io, gliel’ho detto, non uscivo mai. Quella volta esco. La palla è bassa e io prendo tutto. Il mio difensore era molto simpatico, scherzava sempre. Così quando lo sento urlare gli dico di rialzarsi sorridendo. Ma quello non si rialza. Allora mi avvicino, gli abbasso il calzino e vedo l’osso fuori asse.

Lo sport è anche questo: brutalità, immediatezza e colpi duri?

Stare in uno spogliatoio, in qualsiasi spogliatoio, significa condividere con i tuoi compagni tantissime cose. Lo sport è una forma di socialità importantissima.

Lo è anche la curva?

Allo stadio, da piccolo, andavo con un amico di mio nonno. Poi, più grandicello con quelli del bar, un po’ più adulti di me. Quando iniziai a farlo da solo cominciai a capire anche altro.

Che cosa?

Andare in curva a 18 anni, vivere in quell’ambiente e passare tanto tempo in quel contesto, ti fa sentire l’identità della tua squadra nel cuore in un’altra maniera. E poi lo stadio, la curva, è aggregazione vera.

Può spiegarcelo?

Sei giovane. Vedi con i tuoi occhi un mondo nuovo e una comunità che ha le proprie regole. Sei sedotto da tante situazioni al limite. Impari a distinguere i confini. A fermarti in tempo. Cresci e intanto, riconosci i tuoi simili.

Chi erano i suoi simili in curva?

Gente con cui viaggiavo per vedere un Brescia-Roma serale, di lunedì, in trasferta. Gente che ha conosciuto il mondo attraverso la Roma e in funzione della Roma. Gente che sa come muoversi a Bruges e a Mosca. Dove mangiare e dove bere il caffè buono. La chiamano sottocultura. Non so, a me sembra cultura vera e propria.

Lei non ama parlare della Roma.

Lo faccio solo con i miei simili. Parlo pochissimo del mio rapporto con la Roma proprio perché lo definisco un rapporto. E non si racconta in giro di come fai l’amore con la tua donna. Finiti i tempi delle descrizioni sofferte dei flirt adolescenziali, su certe cose, non c’è niente di meglio del silenzio.

L’hanno cercata per chiederle di schierarsi tra Totti e Spalletti?

L’hanno fatto, certo. E io gli ho detto di non azzardarsi. Io nasco come romanista a prescindere dal mestiere che faccio e dalla persona che sono. Non l’ho scelto. È stato automatico.
Tra il campione quasi quarantenne e l’allenatore di ritorno, Roma si è divisa.
Sono stati giorni sofferti. È come se avessimo avuto un grave problema di famiglia. Non è che uno non prenda posizione per ignavia, ma solo perché è troppo complicato.

Giorni sofferti.

La sofferenza è un’altra cosa, però ci incontravamo al bar tra persone romaniste con certe facce che erano un programma: «Ma tu stai male?», «Benissimo non mi sento». È stato come se le chiacchiere di casa tua, quello che ne so, fatte a Natale tra un sette e mezzo e una stoppa, fossero rese pubbliche. Lo so che sembra ridicolo, ma la Roma è qualcosa che va oltre l’amore, gli anni e la passione. È facile dire moriremo romanisti. Il difficile è vivere come tali.

Il calcio le piace ancora?

Allo stadio non vado più. Sono abbonato, ma non riesco più ad andare in un posto in cui le due curve non sono piene e non cantano. Non c’è più l’approccio goliardico. L’ironia e l’autoironia che faceva impazzire gli avversari e ci portava a passare sopra alla sconfitta. A ridere e a far casino anche se perdevamo per cinque a zero. Il romanista sapeva prendersi e prenderti per il culo come nessuno. Oggi il Barcellona ti fa sei gol ed è subito psicodramma. Si sfasciano le famiglie. È diventato tutto più nevrotico ed è svanita quella sensazione di poter andare oltre. Oltre il risultato, come si diceva, ma non solo.

Andare oltre era importante?

Era fondamentale. In curva ho imparato a ridere e ad amare nonostante tutto. Se tifi per una squadra che ha storicamente perso scudetti e coppe, spesso in casa e sempre all’ultimo istante, ridere è l’antidoto che ti permette di sopravvivere alle sofferenze dell’amore.

Sono sensazioni che si stanno perdendo?

Si stanno perdendo perché lo stadio è diventato un luogo inaccessibile. Ci sono norme assurde che limitano fortemente quando non impediscono del tutto l’accesso allo stadio. Mi stupisco che ci si sia dimenticati la valenza sociale di una curva.

Curva e tifosi vengono raccontati unidirezionalmente?

È strano, ma quando si tratta di discutere di tifo, anche da parte dei commentatori più illuminati, c’è un riflesso pavloviano. E si ascoltano banalità, analisi superficiali, accuse scontate. Per scrivere di quel mondo dovresti conoscerlo. E conoscere non significa giustificare ogni eccesso, ma evitare di chiudere una curva per un coro magari sì.

“La curva come luogo d’elezione della frustrazione” hanno scritto.

E hanno mentito. I frustrati che portano allo stadio le rabbie delle proprie vite esistono, ma sono negli altri settori dello stadio. In curva c’è un’altra dimensione. Che il settore popolare continui a essere il settore più sano non me lo toglie dalla testa nessuno. Una curva unita vale da sola tutti gli agi e i lussi dei mille Emirates Stadium sparsi per il mondo.

I tifosi parlano di repressione indiscriminata.

Che nel 2016 non si permetta ad alcune tifoserie di venire allo stadio di Roma e viceversa mi pare un controsenso. Sembra una scelta poco intelligente e poco lungimirante. A meno che l’interesse non sia mantenere la tensione alta senza alcun reale interesse nel contrastare le derive violente che pure esistono, di cui chi controlla conosce ogni dettaglio a partire dai nomi e dai cognomi e di cui certo non sarò mai alfiere. Se dai una coltellata a un altro, amico mio non sei.

Si ricorda di Gabriele Sandri?

I morti da stadio italiani me li ricordo tutti, uno a uno. La lezione che suo padre Giorgio ha dato a tutti, a differenza di quanto fecero le istituzioni, è stata grandissima. Ci penso sempre a quella conferenza stampa che fu fatta in tarda mattinata. Parlarono di una rissa da stadio come fosse un reato che prevedesse sparare.
Sarebbe bastato dire la verità: «Un matto ha sparato, prenderemo provvedimenti». Perché poi uno ci pensa: «Faccio a cazzotti e tu che fai, mi spari? Dall’altro lato di una carreggiata, in autostrada?». La repressione in questi anni ha alzato molto il livello dello scontro. Ma alcune curve hanno dimostrato di sapersi educare da sole anche attraversando momenti di contraddizione pura. I precetti calati dall’alto come le ricette da laboratorio non funzionano.

Lo stadio è stato usato come laboratorio per veicolare la repressione?

Senz’altro. Il mondo del pallone è appetibile per ogni forma di potere. L’ambiente che rimpiango, a tutto questo, al potere in senso stretto, era estraneo.

Ha mai avuto paura allo stadio?

Certo. Ho imparato ad avere paura e ad avere coraggio.

Il calcio è conflitto?

Il calcio è battaglia nel senso positivo del termine. È conflitto perché a duellare sono due identità. Chi tifa si immedesima, vibra, soffre e sembra quasi soffiare alle spalle di chi corre. Perché la gente ama i calciatori scarsi che però mettono in gioco ogni cosa? E perché invece detesta la personalità di un calciatore che è l’unico aspetto che un atleta non può allenare?
Puoi migliorare tecnicamente, ma il tuo carattere rimane tale e a essere diverso da come sei in fondo non impari mai. Una volta Franco Baldini mi disse che per capire che calciatore hai davanti agli occhi, devi guardare quanto gli altri si fidino di lui in campo. Non è solo questione di tecnica. La squadra è una classe, l’allenatore è il professore, gli alunni vanno in campo e devono dimostrare di avere cuore, non solo di aver appreso la lezione.
Dalle maglie in lanetta degli anni 70 a oggi, il calcio ha compiuto il suo giro ed è diventato un affare.
Il pallone negli ultimi trent’anni è stato talmente mercificato a livello ideologico e non solo commerciale che è entrato nell’immaginario collettivo ancor prima che le persone lo scoprissero e lo praticassero. I bambini italiani oggi hanno accesso al calcio in una maniera talmente costante, polemizzata ed esasperata che automaticamente, in un processo imitativo, rifanno delle cose invece di scoprirle.

Colpa delle tv?

Prenda il cinema. Perché, Fuga per la Vittoria a parte e soprattutto per merito del cast, non esiste un buon film sul calcio che sappia coniugare immagine e drammaturgia? Perché la tv ha ucciso la curiosità. Perché devo concentrarmi sulla finzione quando con Sky posso leggere persino il labiale al rallentatore e capire cosa ha detto il giocatore in campo?

Il calcio è anche letteratura.

Il libro di Sandro Modeo sul Barcellona è filosofia. Come erano saggi filosofici anche i pensieri di Soriano e Galeano. Si ricorda il suo affresco di Maradona? «È stato un grande calciatore di calcio nonostante la cocaina». Nonostante.

Amava altri campioni che non vestissero la maglia della Roma?

Il romanismo l’ho incamerato molto presto, a cinque o sei anni. Ho avuto un momento di offuscamento quando Zico andò all’Udinese. Era un campione ed era brasiliano come Falcao. Non dico che tifassi per l’Udinese, ma una sbandata l’avevo presa. Poi ci fece gol e mi bastò per capire da che parte stavo.

Altre sbandate?

È come chiedermi se mi è mai piaciuta una donna diversa dalla mia.

Figurine romaniste?

A parte quelle dell’infanzia, penso al bomber Pruzzo e ad Agostino (Di Bartolomei ndr) e a qualche passione improvvisa e smodata per certi eroi da derby, vedi Simplicio, ho sempre ricordato meglio le figurine che mi hanno interrotto un sogno, magari al novantesimo. Vavra dello Slavia Praga ad esempio adesso si è ritirato e magari ha aperto una burgheria a Praga, ma per me resta un nome indimenticabile. E comunque le figurine che ti restano dentro più di quelle dei calciatori sono quelle dei tuoi compagni di stadio.
Alcuni conosciuti, altri raccontati, storie e persone che hanno sempre fatto e dato qualcosa in più al senso più grandi dell’essere tifosi di una squadra di calcio. I calciatori prima o poi smettono di giocare nella Roma. Noi non smettiamo mai di essere parte della Roma. Non c’è un contratto che scade. A parte quello con la “commare secca”.

E le sconfitte?

Ringrazio dio di aver avuto solo dodici anni a Roma-Liverpool e non più di quattordici dopo Roma-Lecce. Le sconfitte si ricordano meglio delle vittorie. A volte gli zero a zero improvvisi non li cancelli più. Il Liverpool ad esempio mi ha colpito in tutte le fasi della mia vita. Infanzia. Adolescenza e quasi maturità. (Coppa Uefa, arbitro Miranda). Forse da vecchio un dispiacere glielo darò anche io.

Il lutto?

Bisogna elaborarlo e accettarlo alla velocità della luce. Perché per un romanista la vittoria è illegale e la legge vuole che perda sempre e sempre quando non dovrebbe. Non vincere una Coppa dei Campioni. Non una Coppa Uefa. Non due Coppe Italia. Non due scudetti. Giocando sempre in casa. Episodi che sanciscono la biodiversità di un romanista. E la sua grande forza. Non nel sopportare. Ma nel crederci sempre, pronto a cogliere il canto della normale felicità, quella che non ci appartiene di natura: la felicità illegale. E vittoriosa.

Malcom Pagani/Rivista Undici"
.

2015/16 Lazio/Roma a Testaccio

Anni '80, fuori la Curva Sud


16 aprile 2016: risistemata la stagione 1958/59. Inseriti tutti i ritagli del Corriere dello Sport per la stagione 1984/85 (con delle belle chicche).
Spettacolare video tratto dalla pagina FB Canale 11B. Suggerisco anche di vedere "Quel pasticciaccio brutto della squadra regioanle", che trovate anche in questa pagina del mio sito.

14 aprile 2016: non è stato molto arguto concedere la Curva Sud ai milanisti per la finale di Coppa Italia...:


12 aprile 2015: on line la pagina di Roma/Bologna.

6 aprile 2016: una lettera da Arezzo che posso pubblicare:
Ciao Lory come stai? Sono tornato per vedere Arezzo/Siena  derby che per noi vale una stagione e che non si vedeva in campionato da 17 anni. c ho un paiodi riflessioni da fare... Sai bene che mi trovo per motivi di lavoro in UK e per cercare di addolcire la mancanza dello stadio e dell'Arezzo mi vado a vedere a volte partite nella zona. Solitamente calcio minore dove credo si trovino ancora valori veri non avvelenati da telecamere, milioni e pajette.  Mi e' capitato di vedere anche due partite importanti come Celtic-Din.Zagabria di Europa league e Scozia-Polonia qualif fase finale europei. In entrambi i casi ho fatto un biglietto di 20 sterline (circa 25 euro) per settori coperti e ottima visuale di gioco. Mai mi e' stato chiesto il documento, ne al rilascio del tagliando ne all ingresso stadio. Il biglietto, con stupore personale, non e' nominale! All entrata in entrambi i casi sono arrivato al cancello del settore senza alcun prefiltraggio e nessuno mi ha perquisito (questa prassi non e' prevista). I poliziotti di servizio allo stadio non hanno ne casco ne scudo... cordialita' incredibile! Il tutto di fronte a 50000 presenze. Polacchi e Croati per altro non hanno la fama della "gita scolastica" in Europa. Gia' questo bastava per farmi capire che non tutto quello che ci hanno raccontato in italia sul "modello anti hooligans" probabilmente era esatto.... sarebbe piu corretto dire che hanno preso un esempio da sventolare all opinione pubblica  e lo hanno applicato in maniera completamente diversa. Infatti per entrare allo stadio citta' di Arezzo in occasione del derby col Siena ho passato un prefiltraggio e una perquisizione abbastanza approfondita, il tutto sotto telecamere di sorveglianza e in possesso di un titolo nominativo... ai ragazzi che avevano organizzato la coreografia sono stati sequestrati striscioni (assolutamente non offensivi) e le aste delle bandiere da sventolare. Solo una parte di quest ultime sono state restituite grazie all'intervento dei signori Agnelli e Cucciniello che hanno cosi evitato che un derby cosi sentito avesse una cornice incolore! Il tutto per una gara giocata davanti a circa 3000 spettatori. A distanza di 24 ore mi sono ritrovato di nuovo all'aereoporto di Roma per prendere il volo di ritorno. Entro nella hall di fiumicino a mezzanotte in punto col mio zaino (che nessuno a controllato) e mi stendo nella sala d attesa dove alle circa 50 persone gia' presenti (di ogni provenienza e destinazione e con bagagli di ogni tipo) se ne aggiungono nell arco di un paio d ore altrettante. Tutte senza il minimo controllo. Alle 5 di mattina l aereoporto e' un brulicare di famiglie e gruppi di persone e mi chiedo cosa sarebbe potuto succedere se in uno di quei bagagli ci fosse stato dell esplosivo. Non avremmo potuto parlare di falla nei controlli... nessuno ci ha controllato! Salgono ansia, amarezza e rabbia alle quali pero non voglio lasciar spazio perche nonostante la sconfitta che brucia ho avuto l occasione di trascorrere una giornata con la mia gente nella mia curva e la mia squadra del cuore allora atterrando ad Edimburgo penso... beh con i tempi che corrono almeno le curve sono a prova di terrorismo.
Solidarietà alla Curva Sud dal Marocco:


5 aprile 2016: un altro articolo sul derby di Marco Aurelio Stefanini:
“Per il derby appuntamento alle ore 13.30 in Via Zabaglia”. Se qualcuno anni fa ci avesse detto questa frase, probabilmente avremmo stentato a crederci. Per chi conosce un po’ di storia dell’A.S. Roma non sfuggirà certamente che la via, intitolata al celebre “Mastro pontarolo” della Roma di fine ‘600, è quella di Campo Testaccio; costruito nel 1929 da Silvio Sensi (padre di Franco), fu la casa della squadra capitolina fra il 1929 e il 1940. 161 incontri disputati che hanno portato 103 vittorie, 32 pareggi e sole 26 sconfitte. Un autentico fortino dove la Roma ha iniziato a farsi conoscere. Un luogo che oggi è solo una distesa di prato incolto tra baracche e recinzioni di fortuna nel cuore di uno dei quartieri storici di Roma e noto feudo del tifo giallorosso. Un luogo dove è comunque un onore poter vivere in maniera diversa quello che per la città eterna è un appuntamento imprescindibile: LazioRoma o RomaLazio (tutto d’un fiato) che dir si voglia. Non che la Lega sia impazzita ed abbia concesso di giocare la partita nel vecchio campo giallorosso. E no, non è che non sia successo perché in casa gioca la Lazio. Anzi, uscendo da questa dimensione “Ritorno al Futuro” e tornando all’attualità ritrovarsi a Campo Testaccio per vedere il derby e tifare la Roma (o per chi tifa Lazio nel caso di specie farlo a Tor di quinto) è purtroppo l’epilogo della situazione che sta vivendo il tifo capitolino oggi. Una situazione fatta di biglietti a prezzi esorbitanti per uno stadio scomodo neanche minimamente pensato per il calcio; fatta di tessere e numerosissimi divieti che sempre più stanno allontanando i tifosi dal supportare da vicino la propria squadra del cuore. Una fotografia abbastanza fedele di quel calcio tutto soldi e diritti tv che tanto piace ai padroni del calcio moderno.  Ma che poco piace a chi di questo sport è la vera linfa: il tifoso. Fortuna vuole che, citando Venditti, “C’è ancora un gruppo di amici che non si arrendono mai”. Ecco, ieri noi di Tabser abbiamo voluto conoscer meglio questi ragazzi. E per farlo abbiamo scelto di seguire il match a Testaccio con i tifosi giallorossi. Che sia successo perché l’inviato che scrive tifa Roma è una pura casualità (o anche no!).
Diciamoci la verità: non sono mai stato e probabilmente non sarò mai un ragazzo della Curva Sud. Niente di personale. Anzi, da quando ho iniziato a seguire il calcio sono sempre stato affascinato nel vedere anche cosa succede sugli spalti, facendo particolare attenzione ai canti ed ai colori. E, nonostante la telecronaca, sono quasi sempre riuscito a distinguere i cori che quei ragazzi cantavano. I tre quarti della mia adolescenza sono andati via fra partite e ricerche sul web riguardo la storia di questi ragazzi. E così come per me, lo stesso vale per altri ragazzi della nostra redazione che, per quanto riguarda gli elementi capitolini, è abbastanza ripartita tra tifosi di Roma e Lazio. Per questo abbiamo deciso di approfondire la piaga di questa stagione calcistica abbastanza anomala che ha costretto la Roma e soprattutto la Lazio a dover giocare in casa senza ricevere il giusto sostegno. Misure repressive che vanno dalle ormai famigerate “barriere” in curva alle multe per il cambio di posto, controlli esagerati, tensioni continue: tutti fattori che hanno portato numerosissimi tifosi a disertare ad oltranza lo Stadio Olimpico. Senza colori, senza bandiere e con un silenzio assordante. Qualcosa di orribile anche per un semplice appassionato di calcio. Qualcosa che le due tifoserie hanno deciso di combattere con il buon senso lasciando lo stadio vuoto a chi lo vuole vuoto e trovando nuove modalità per vivere insieme e con partecipazione la propria passione. Come ad esempio organizzarsi per vedere insieme il derby sul maxischermo a Testaccio.
Uscito di casa, arrivo alla Piramide Cestia verso le 13.15 e inizio ad intravedere la marea giallorossa. Mi accingo per raggiungere Via Zabaglia, dove mi aspetta un amico. Si iniziano a intravedere i primi fumogeni e a sentire i primi cori: ci sono tutte le componenti per vivere un pomeriggio piacevole, nonostante la temperatura assolutamente tropicale. Si parte in corteo e si arriva fino all’ex Mattatoio, situato non molto lontano da Campo Testaccio. Lungo il tragitto tantissimi cori (per la Roma e contro la Lazio), diverse bandiere e fumogeni e soprattutto circa 3.000 tifosi. Mai e poi mai mi sarei aspettato un simile numero viste le frizioni che nelle ultime settimane accompagnano i tifosi della Roma: qui nessuno litiga per Totti o per Spalletti, ma sono tutti uniti per far sentire la propria voce. La partita scorre liscia e la Roma vince nel tripudio generale: canti, sfottò, balli, saltelli e gavettoni ci accompagnano per tutta la partita, letteralmente dominata dai ragazzi di Spalletti. Dopo il triplice fischio l’ex Mattatoio si svuota, coi tantissimi ragazzi che continuano a cantare per tutto il tragitto che li riporterà alla metro o all’autobus più vicino. Una festa popolana, quasi come nel finale di “Febbre a 90” quando l’Arsenal ha appena vinto il titolo dopo 18 anni e per le strade di Highbury impazza la gioia. Si torna a casa con la speranza di poter tornare a festeggiare ancora insieme un’altra vittoria. E magari di poterlo fare con i propri beniamini sotto la Curva Sud. Perché un calcio senza tifosi che calcio è?

4 aprile 2016: una e-mail:

"Non sono affatto d'accordo con le esternazioni di Luca Di Bartolomei riportate nel sito. Le opinioni, essendo tali, non possono essere né vere né false, e ognuno può abbracciare quelle che preferisce, però ci sono delle affermazioni che non ritengo vere e che credo sia bene evidenziare.
1) Nelle curve, dunque, vi sarebbero «minoranze di criminali che dettano legge». Premesso che minoranze di criminali ci sono o possono esserci in ogni categoria, ivi inclusi parlamentari, politici ed amministratori pubblici, giornalisti e così via), che tali ipotetici criminali siano allo stadio e dettino legge è affermazione indimostrata.
2) Forse nel 2016 ad andare allo stadio si resta turbati di essere vessati e trattati come delinquenti, soltanto per essere tifosi. Poi: forse Luca Di Bartolomei non lo sa, ma è evidente che il ventilato collegamento tra le "barriere e il rispetto delle regole" è una gran fregnaccia, che ci propinano questi scienziati e che alcuni accettano senza alcun senso critico.
3) Lo striscione non era «contro la madre di un tifoso morto» e in ogni caso esso non aveva violato alcuna legge o norma, esprimeva solo un'opinione, senza insultare o calunniare nessuno. Anche Luca Di Bartolomei esprime sue opinioni e fino a prova contraria ciò è consentito dalla Costituzione italiana.
4) «Non si deve cedere ai ricatti, a maggior ragione se sono violenti».  Ricatti violenti?! ma di chi/cosa sta parlando?! Si direbbero parole in libertà...
5) Questa è fantastica e merita di essere riportata quasi per intero: «[...] La vicinanza di esponenti della sinistra radicale o della destra post-fascista con le curve, per poi dividersi i voti secondo convenienza, è uno spettacolo cui assistiamo anche oggi e che avvelena il clima dentro le tifoserie. Sono stati fatti entrare i mercanti nel tempio e da questa situazione è difficile uscire». Vabbè, che dire, si commenta da sola...
6) Ah, beh, certo, con i dati della questura (3/4.000 scavalcamenti a partita, vero?! Che fenomeni!) stiamo a posto! Ma le domande chi gliele ha fatte, gabrielli!?
7) Prostituzione in curva?! ma sì, dài, mettiamoci anche l'abigeato, la lesa maestà e l'alto tradimento...
 
Bella la citazione finale del Capitano (e padre di Luca), che risponde e porta chiarezza alle elucubrazioni emerse nell'intervista.
C'è solo la ROMA!
Livio".
Ne approfitto per salutare Marisa Di Bartolomei, che ho incontrato all'inizio del corteo di Testaccio.

Un bellissimo articolo di Simone Meloni:

                                      L’amore di Campo Testaccio è più grande dei suoi patetici detrattori

“Papà, mi porti in mezzo ai fumogeni?”. Comincia così la giornata del derby. Quello delle divisioni, quello dei divieti e della polizia a cavallo, beffardamente annunciata come innovazione suprema del ventunesimo secolo da chi, forse, è rimasto a concetti, idee e modus operandi più consoni al medioevo.

C’è tanta gente di fronte a Campo Testaccio, l’antico fortino difeso a spada tratta dal Fornaretto Amadeo Amadei, quello stadio costruito sul modello di Goodison Park che, come un’antica favola, si è tramandato magicamente di generazione in generazione, pure avendo vissuto solamente undici anni ed essendo stato tristemente demolito nel 1940. Ci dicono che Campo Testaccio è stato quanto di più romanista sia esistito per ospitare le partite del sodalizio giallorosso. E ci crediamo. Perché ubicato in una zona, in un anfratto, che sa di popolare in ogni sua sfaccettatura, anche se negli ultimi anni è cambiata tanto e repentinamente.

Ci sono le signore affacciate alla finestra, con i bambini e con le bandiere giallorosse. Aspettano che il corteo parta. Nessuno, forse neanche il più ottimista, avrebbe pensato a una simile risposta da parte delle persone. Tanta gente comune, altro che tifosi violenti, irrispettosi della legalità e delle più basilari regole del vivere comune, come nei giorni precedenti avevano volgarmente vomitato i virtuosi pulpiti dei Luca Di Bartolomei, o dei Claudio Lotito. E come faranno, anzi hanno già iniziato, in questa settimana, i soldati dell’ingiusto, che stigmatizzeranno i fumogeni, le torce e il fiume di gente non autorizzata che ha camminato pacificamente per le vie del quartiere. Perchè questa è la democrazia del 2016.

La stessa che ha costretto tanti a operare una scelta coraggiosa, profondamente simbolica nell’era del consumismo e del clientelismo sfrenato, come quella di disertare le gradinate nonostante i tanti soldi spesi. Ditelo a chi parla di prostituzione, droga e minacce allo Stato. Raccontategli di chi c’era ieri a Testaccio e ricordategli delle file disumane contro il Real Madrid, dove poteva scapparci il morto, ma dove proprio quello Stato “minacciato” parlò di tutela necessaria nei confronti dei cittadini e perfetto mantenimento dell’ordine pubblico..

Ditelo a chi stamattina si è affannato ad anteporre e tentare di galvanizzare uno dei pochi momenti aggregativi svoltosi nella città della disgregazione ponderata, le solite storielle utili a generare la macchina del fango necessaria per giustificare chi ha speso milioni di danaro pubblico per presidiare uno stadio con 22.000 spettatori, ad esempio, e farlo passare come un successo.

“Infiltrazioni politiche, guerriglia con i rom, giornata non per le famiglie, reporter minacciati mentre facevano il proprio lavoro, ultras ubriachi e molesti” si legge sull’edizione romana del Corriere della Sera. Stereotipi che proprio non si riesce a sconfiggere, tanto meno ad analizzare, per quanto fanno comodo per essere piazzati in determinate situazioni e dar loro un aspetto totalmente travisante. Chi per anni ha fotografato, sbattuto in prima pagina i tifosi come mostri, con tanto di nomi, cognomi, indirizzi, senza rispettare un minimo di deontologia professionale, come può pretendere il rispetto degli stessi? Quando si scrivono articoli senza aver assistito ai fatti, caricandoli di falsità e significati vigliacchi, come si può essere a posto con la coscienza?

“A piazza Santa Maria Liberatrice un gruppo di estrema destra, vestito di nero, si unisce marciando al corteo dei tifosi”. Chissà che con la vicinanza della chiesa non si trattasse di uno stuolo di Cistercensi o Pallottini, invaghiti anche loro dalla bellezza popolana e sacrale del corteo? Chissà come si è capito che costoro fossero tutti di un certo orientamento politico? Evidentemente in pochi minuti si è svolto un censimento, da cui i presenti sono rimasti all’oscuro. Anche perché, sui tremila marcianti, volendo, si poteva avere un ottimo campione circa il pensiero politico della Capitale. Del resto, e sembrerà strano a qualcuno, chi ha indossato la sciarpa e sventolato la bandiera, non era là per fare tribuna politica. Magari, foste edotti in materia, aveste letto un libricino di antropologia, pure l’inserto parrocchiale, ma anche semplicemente messo piede in una curva per una volta, scoprireste con facilità che là in mezzo c’erano fascisti, comunisti, democristiani, socialisti, repubblicani. Forse anche guelfi, ghibellini, giacobini, carolingi e merovingi. Peccato che a nessuno fregasse nulla, dato che l’obiettivo comune era l’esaltazione del tifo per la Roma e la tutela della Curva Sud.

Chi si è messo in mezzo al corteo, magari venendo da fuori città, macinando chilometri e girando mezz’ora per cercare un posto dietro la Piramide Cestia, ieri non aveva altri pensieri. Nessuna di quelle fesserie cui fanno riferimento dei sicari inviati subdolamente da talune redazioni per sminuire la giornata.

Si è parlato di assalto al campo rom con i blindati della polizia costretti a presenziare fino a tarda notte. A parte la netta discrepanza tra il concetto di abusivismo e il principio legalitario cui certa carta stampata fa riferimento, per foraggiare le scelte prefettizie e descrivere il mondo delle curve e dei tifosi in generale come la classica feccia che ristagna in zone franche; a detta di lor signori, quello che lascia alquanto basiti è l’approfondimento nullo e il totale stravolgimento di una situazione di tensione circostanziata rispetto alla grandezza dell’evento, e soprattutto creata da presenze esterne arginate dai tifosi stessi. Ci si aspetterebbe da tale Maria Rosaria Spadaccino, estensore dell’articolo, una maggiore veemenza, in virtù della giustizia e dell’uguaglianza che tanto invoca nel suo articolo e sui suoi profili social, una reazione scandalizzata sulle motivazioni che hanno portato 3.000 persone in quel luogo, ma evidentemente sul suo profilo Facebook la signora Spadaccini era troppo impegnata ad augurare ai presenti di “essere chiusi sottoterra dove dovreste essere. Poi vengo personalmente a mettere un piede sopra”. Frase che denota tutta la sua tolleranza verso il genere umano, oltre che la capacità di fare cronaca super partes e al di là dei propri pregiudizi. Il problema è che scrivendo per una testata come il Corriere della Sera, ha la forte possibilità di muovere l’opinione pubblica.

E allora ricominciamo a parlare di quella folla umana, con bandieroni, striscioni e pirotecnica, che si è mossa da Via Zabaglia in direzione Ex Mattatoio. C’erano tutti. Urlavano. Cantavano i cori che quest’anno non hanno riecheggiato nel tempio naturale di questo popolo, la Curva Sud. Ogni passo in avanti c’era la consapevolezza di essere uniti da una passione, da un ideale e da una volontà, quella di tornare a tifare la propria squadra nel modo più naturale possibile. Non ci sono divisioni in questo pomeriggio testaccino, perché l’anima di Roma è così.

Partire da Campo Testaccio, attraversare le strade con i fumi giallorossi che si levano al cielo, è una delle cose più romaniste che siano state fatte negli ultimi anni. Oltre a una dimostrazione di come, per sconfiggere la cultura del tifo, non bastino due barriere e una campagna spaventosamente infamante portata avanti con fare dittatoriale e in spregio, questo sì, a qualsiasi regola di rispetto nel rapporto istituzioni/cittadini. Regole che semplicemente non esistono più, è messo nero su bianco che chi osa contestare, dimostrare il proprio dissenso, verso qualsiasi decisione piovuta dall’alto, merita una damnatio memoriae.

Sapete cosa vuol dire togliere il derby a un tifoso di Roma? Vuol dire semplicemente togliergli il calcio. Il momento più alto dello sport nella sua città. Non ci era riuscito nessuno a svuotare l’Olimpico in occasione di una stracittadina. Nemmeno la scala gialla di Achille Serra, gli striscioni vietati del post Arkan, le coreografie palesemente combattute dalla Questura o le centinaia di diffide piovute senza senso e con un’oculatezza degna dei migliori anni del governo Pol Pot. Ci sono riusciti Alfano, Massucci, D’Angelo e Gabrielli. Hanno fatto sì che 3.000 persone si riversassero tra il Circo Massimo e il Tevere, con fare pacifico, festoso, ma incazzato e deciso.

Loro. Quelli che per far ritornare i ragazzi allo stadio hanno posto come condizione, tra le tante, il divieto di slogan contro le istituzioni. Dimenticando di mettere, a questo punto, alle entrate direttamente agenti segreti provenienti dalla Stasi o dall’Ovra. Ma non c’è da temere, già in mattinata hanno annunciato il vaglio delle immagini relative alla giornata di ieri. Perché, non sia mai, il pugno duro è da usare assolutamente verso chi ti ha sbattuto in faccia la realtà dei fatti: tutte le decisioni prese sul tifo da un anno a questa parte sono state palesemente sbagliate, in grado, talmente hanno fatto scalpore, di mettere a repentaglio le carriere di chi, sui supporter, pensava di costruirsi il proprio futuro.

È vero che la televisione fu una delle prime morti del tifo. È vero che le pay tv erano, e restano, uno dei principali mali del pallone, e non tanto per il fatto di svuotare gli stadi, che personalmente ritengo vero in parte, ma per contaminare con la loro sete di business, l’anima di questo sport. È altrettanto vero che il culmine di questo pomeriggio, con la gara proiettata sul maxi schermo nella grande area dell’Ex Mattatoio, deve essere visto nel suo valore rappresentativo, e non meramente, e anche banalmente, oltre che erroneamente, come la resa incondizionata del tifoso che, d’ora in avanti, potrà sfogare il suo estro e il suo modo d’essere, solo davanti a uno schermo al plasma. Testaccio deve essere un punto da cui ripartire e dare linfa per lo sprint finale di una battaglia che, ci lascino dire, ha significati epocali, in un’era dove l’appiattimento sociale deve farla da padrone ovunque e dove è diventato a dir poco difficile pensare di poter recriminare unitariamente per qualcosa. Anche se a qualcuno parrà stupido mobilitare migliaia di persone per tornare a cantare quattro cori per ventidue smutandati, sarebbe bello se si aprissero le menti, capendo come una protesta del genere assuma un valore antropologicamente fondamentale.

Mentre dei bimbi si arrampicavano su un appiglio, per vedere le azioni della partita, ed esultare ai quattro gol della Roma, mentre mamme di famiglia fraternizzavano con i famigerati ultras e, persino mentre qualche giornalista, perché miei cari, nascosti, ma a Roma ancora ce ne sono e son degni di espletare questa attività, seguiva i cori della Sud, qualche chilometro più in là, seguendo il corso del Tevere, solerti bersaglieri a cavallo facevano esercitazioni per emulare il passaggio del Piave. Per evitare Caporetto, e portare ai propri generali la testimonianza di una vittoria, da mettere nero su bianco il giorno dopo, nel magnificente comunicato che attesta l’impeccabile controllo del Foro Italico.

L’odore delle ultime torce chiude il pomeriggio, dopo il triplice fischio di Banti. Una giornata che in tanti ricorderanno, ma nella quale resta il rammarico di non aver potuto esser parte integrante di una vittoria pesante, che con i tifosi nelle due curve sarebbe certamente passata agli annali della storia romanista. Ma così non sarà. Il popolo ha deciso, per ora. Ognuno prende la strada di casa, col sorriso sulle labbra, sognante e soddisfatto di aver rispolverato il ricordo dei propri nonni. Che magari a Campo Testaccio avevano assistito allo storico 5-0 sulla Juventus, da cui Mario Bonnard trasse la trama per l’omonimo film. E i quali, forse, per intere ore hanno ammantato i nipoti con storie relative a quegli anni.

A vegliare su questa passione popolare resta la storia di una comunità. Un’identità che per essere smantellata avrà bisogno di colpi ben più forti, ma che per resistere e sferrare l’attacco decisivo, non può ignorare l’ignominia che arriva dall’esterno. Lo stadio Olimpico e la Curva Sud restano le case naturali dei tifosi della Roma. È là che dovrà tornare a pulsare il cuore che ieri ha invaso una parte di Roma. Perché le gesta del passato restino legate a un futuro in cui ai figli e ai nipoti si possa ancora parlare di ciò che fu, con la speranza che essi costruiscano il ciò che sarà, sempre mantenendo inalterato quello spirito popolare. Quello che ieri si è riflesso nelle erbacce malinconiche ma ancora fiere di Campo Testaccio.

Simone Meloni.

Un articolo del direttore de Il Fatto Quotidiano:




3 aprile 2016 (sera): le foto di Lazio/Roma, soprattutto da Testaccio.

3 aprile 2016: ecco a voi il derby di Roma:




2 aprile 2016: proposte:
"Ciao lorenzo  Mi chiamo simone 36 anni, Ti scrivo di getto senza neanche rileggermiCerco di essere sintetico.
Non sto nella sud, ci sono stato 12 anni Ora sono abbonato nel distinto lato monte mario (c’è scritto curva sud nell’abbonamento ma per me quello è un distinto in tutto e per tutto)
Sono d’accordo con la scelta dei ragazzi e spero vivamente rimangano compatti in questa sofferta ma giusta decisione. Se si rientra con le barriere per l’opinione pubblica Gabrielli avrà fatto bene a metterle.
Invece no, bisogna resistere.
Bisogna cercare un dialogo con la Roma: nella sud con le barriere non si entra.
E allora?
Allora perche non chiedere alla società per il prossimo anno di fare un abbonamento speciale in tevere , una tevere unificata che ne so a 300/350 euro.
Una tevere senza barriere. Sarebbe un gesto.
Se la sud ce la “sporcano” , noi la sud la andiamo a fare da un’altra parte.
Si farebbero 17000 abbonati in tevere lorenzo. Si sposta il settore famiglia o in curva sud o in distinti nord.
Sai che colpo d’occhio.
Dici  di no? Dici che è improponibile?
Per me questo è l’anno zero.."
.
Si sta cercando di avere un dialogo con la Roma e proficuo è stato l'incontro organizzato al Teatro Ambra da MyRoma, ove vi era anche Sebino Nela, SLO della squadra giallorossa, insieme a Marco Seghi ed altri.
Anche questa proposta è stata fatta, come anche quella di giocare in un'altra città.
Poi:
"Ciao Lorenzo, anche oggi mi è toccato leggere le ennesime dichiarazioni del prefetto gabrielli sul problema curve. Purtroppo sono dello stesso tenore delle precedenti rilasciate da quello che a questo punto credo possa essere definito senza dubbio un “minus habens”!
Il personaggio in questione continua a ripetere, come un disco rotto, che le barriere (ancora si fa finta che il problema sia solo quello) possano essere tolte quando i tifosi saranno tornati ed avranno dimostrato di rispettare le regole. Aggiungendo però questa volta una notizia “sconvolgente”!!! Che le stesse potranno essere sempre rimesse!!!! Almeno con questa intuizione da premio Nobel si sarà guadagnato lo stipendio di Marzo!
Invito il suddetto personaggio ad informarsi presso le prefetture delle città nelle quali l’AS Roma ha giocato, per conoscere il comportamento tenuto dalla tifoseria nelle precedenti trasferte così da rendersi conto che, nonostante la mancanza di barriere e forze dell’ordine all’interno dei settori ospiti, di multe per il cambio posto e di perquisizioni dittatoriali, non si è creato alcun problema per l’ordine pubblico.
Forse si renderebbe conto della figura da incompetente che sta facendo agli occhi di tutti e magari smetterebbe di coprirsi di ridicolo con certe esternazioni.
Grazie dello spazio e sempre onore a chi porta avanti questa battaglia senza cedere mai ai ricatti del sistema.
Ettore Tribuna Tevere"
.
Lazio-Roma e quell'Olimpico mezzo vuoto secondo Luca Di Bartolomei
Riflessioni a tutto campo con il figlio dell'indimenticato Agostino sull'ennesimo derby a curve deserte e senza il calore della folla


E' anche difficile da spiegare. Impossibile ad esempio giustificarlo con motivazioni sportive...
"Il muro contro muro è diventato solo una prova muscolare tra le due tifoserie e le forze dell’ordine con logiche di altro genere. Sono temi su cui non possiamo permetterci di puntare la luce a fasi alterne. Le curve degli stadi sono diventate qualcosa di diverso, con al loro interno persone perbene e minoranze di criminali che dettano legge".

Ha quindi ragione il prefetto di Roma, Franco Gabrielli?
"Non ho problemi a dire che ha ragione lui. Mi pare che abbia parlato con chiarezza: se le regole saranno rispettate, le barriere spariranno. Ma bisogna anche dire che è la prima volta che c’è una contrapposizione così dura e noi non possiamo più consentire che le cose vadano avanti così. Non si può accettare che nel 2016 per andare allo stadio si debba rischiare anche semplicemente di restare turbati dal punto di vista psicologico".

Non è quindi solo questione di violenza fisica.
"No. Ci sono cori che possono essere goliardici, ma quando si insulta un ragazzo per il colore della sua pelle o si fanno striscioni contro la madre di un tifoso morto, si va oltre qualsiasi logica".

Per aver detto cose simili Pallotta si è fatto terra bruciata attorno: lo sa, vero?
"E' capitato anche a me nel tempo, ma non importa. Le battaglie si combattono anche prendendosi qualche insulto".

Anche a costo di trovarsi uno stadio vuoto, perdere soldi e sottostare a un ricatto?
"Credo di sì. Non si deve cedere ai ricatti, a maggior ragione se sono violenti. Guai ad arrendersi se vogliamo lasciare qualcosa di meglio per le prossime generazioni: un calcio diverso, più umano e più vicino a certi valori. Solo in questo modo saranno i tifosi stessi a selezionare i propri comportamenti e a rendere il calcio e lo sport anche un business. Posso farle un esempio?".

Certamente...
"Ci sono paesi in cui chi esagera in campo poi è quasi obbligato a chiedere scusa per non perdere consenso e mercato. Da noi le cose vanno diversamente: siamo attaccati ai diritti Tv e alle compravendite sul calciomercato con effetti a volte distorsivi, come la vicenda Parma ha mostrato un anno fa".

A Roma si è tollerato troppo intorno e dentro le curve dell’Olimpico?
"Sicuramente con Gabrielli c’è stato un grande cambio nella gestione della sicurezza dentro e fuori lo stadio. Prima non andava bene ed era evidente, ma la questione non è solo romana e non bisogna rifugiarsi nell’idea che anni fa le cose fossero migliori perché è assolutamente falso. A Roma come altrove".

A Roma, però, è difficile parlare di queste cose: c’è sempre la sensazione di avere a che fare con ambienti protetti anche dalla politica... Lei come la vede?
"Roma ha la sua particolarità, essendo il luogo delle istituzioni. La vicinanza di esponenti della sinistra radicale o della destra post-fascista con le curve, per poi dividersi i voti secondo convenienza, è uno spettacolo cui assistiamo anche oggi e che avvelena il clima dentro le tifoserie. Sono stati fatti entrare i mercanti nel tempio e da questa situazione è difficile uscire".

Obiezione: l’Olimpico lo disertano in tanti, non solo il gruppo di ultrà più estremi.
"Gli stadi italiani sono vecchi, precari e inospitali. Disincentivano la gente, che si sta abituando sempre più a restare a casa davanti alla televisione. Ma è anche stata la politica perseguita agli inizi di questo millennio".

E’ un problema di accoglienza degli stadi, ma anche la conferma che i capi-curva sono in grado di condizionare il comportamento degli altri?
"Assolutamente. Si fanno grandi sulle spalle degli altri, figure di cartapesta che danno consistenza a fenomeni altrimenti circoscritti, come dimostrano anche i dati della Questura".

Come andrà a finire questa vicenda: chi cederà per primo nel muro contro muro?
"Deve andare a finire con il ritorno della gente allo stadio, meglio se con qualche presenza in meno. Il derby di Roma deve avere come cornice l’Olimpico pieno e vedo coerenza in quello che dice Gabrielli quando spiega che rispettando le regole verranno tolte le barriere".

Il cuore della guerra è il possesso di un territorio, quello delle curve...
"Lo Stato e noi tifosi e cittadini non possiamo accettare che lo stadio sia un luogo terzo, che non segue le regole della comunità in cui viviamo. Non ci può essere cessione di sovranità".

Se oggi qualcuno la rivendica così con forza, è però perché in passato l’ha avuta, non trova?
"Dove c’è un vuoto, questo vuoto si riempe. Negli anni Settanta e Ottanta nelle curve c’era la violenza di matrice politica, poi è arrivata la delinquenza organizzata e abbiamo visto fenomeni di spaccio, prostituzione e altro. Abbiamo ceduto pezzi di sovranità a persone che le indagini hanno dimostrato essere legati alla criminalità organizzata. Ma sa cosa mi spiace maggiormente? Che questa affermazione siamo in pochi ad averla fatta in tutti questi anni. In tanti si affannano a parlare quando c’è una vittoria o una polemica sportiva qualsiasi, ma su questo tema c’è silenzio".

Perché, a suo avviso?
"Perché fanno voti, potere e un pezzo d’economia. Ma l’idea di turarmi il naso non mi è mai piaciuta, forse perché un pezzo della vita della mia famiglia si è svolta lì dentro, in uno stadio. Questa gente non mi ha mai fatto paura, probabilmente perché non ho nulla da spartire con loro".

Altri invece hanno molto da perdere?
"Non so chi, però quando c’è da prendere posizione su questi temi siamo sempre in pochi. Guai a lasciar perdere se si vogliono creare le condizioni perché si possa tornare allo stadio in maniera normale. O decidiamo di comportarci da professionisti, oppure restiamo un’allegra combriccola governata non si capisce da chi".





31 marzo 2016: ricevo e pubblico:
"I tifosi della Roma che hanno già provveduto ad acquistare il titolo di viaggio per recarsi a Bergamo il giorno 17 aprile per la partita tra Atalanta e Roma, nel caso in cui fosse negata la possibilità di accedere all'impianto Atleti Azzurri d'Italia, saranno costretti a fermarsi a Milano l'intera giornata oppure a scegliere di assistere a una qualunque partita di categoria che si disputerà quel giorno tra la Lombardia e il Piemonte.
In attesa, porgiamo cordiali saluti.
Un nutrito gruppo di tifosi romanisti"
.
Ricevo e pubblico:





30 marzo 2016: bene, ora i burocrati hanno ulteriormente appreso che non c'è un pubblico "nuovo" capace di sostituire il "vecchio" che volevano rottamare:

Ecco un efficace reminder di Emanuele Corederoma:
"Come vogliono riportare le famiglie allo stadio:
Distinto sud, genitore e bambino età 8 anni, 120€ (240 mila lire)
Parcheggio a 2 km dallo stadio
Code di 1 ora al prefiltraggio
Acqua, patatine e gelato 10€ (ventimiladellevecchielire)
Visibilità "modalità binocolo"
Cartelloni pubblicitari davanti la porta
Vetrate davanti gli occhi.

Come allontanare i tifosi di curva:
Schedatura con tessera tdt
Biglietti nominali
Difficoltà di acquisto biglietto
Divieto cedibilità biglietto
Divieto acquisto giorno della gara
Tornelli
Prefiltraggio
Pre pre filtraggio
Ulteriore Schedatura individuale con video
Divieto cambio posto
Divieto e sanzione cori tradizionali
Sanzione di gruppo "do cojo cojo"
Divieto di fumogeni
Divieto di torce
introduzione solo striscioni gruppi autorizzati
Divieto affissione striscioni su vetrate
Divieto tamburi
Divieto megafoni
Divieto introduzione striscioni sfottò
Divieto coreografie
Barriere in vetro
Forze dell'ordine in curva
Prezzo biglietto curva 35€ (70 mila lire)
Abbonamenti ad aprile anno precedente
Peroni a 4€
Simil borghetti 3€
Visibilità campo quasi zero
Cartelloni pubblicitari davanti la porta
Insulti dal presidente della società.

Tutto questo e molto altro, non la violenza, ha portato uno dei derby più belli del mondo a diventare uno spettacolo pietoso e poco sentito.

Ma la colpa, per il cittadino medio, è dei tifosi di curva"
.


Segnalo questo interessante incontro ed invito tutti a partecipare:


Può sembrare insignificante, ma sotto Pasqua ho avuto più tempo a disposizione e ho scovato delle fotografie rare che vanno a colmare dei buchi della storia della Roma. La prima è la foto di Roma/Bruges 1975/76, che era letteralmente introvabile e che ho scovato nell'archivio di un quotidiano on line olandese, da cui ho anche tratto diversi ritagli relativi a PSV/Roma del 1969/70. Poi ho trovato tre foto dell'amichevole Celtic/Roma dell'agosto 1997. Poi ho trovato sul "Littoriale della domenica" diversi articoli che presentano le partite del campionato di guerra 1943/44.


26 marzo 2016: nella stagione relativa alla Coppa Italia 1983/84, inseriti molti ritagli del Corriere dello Sport.

22 marzo 2016: una e-mail che chiarisce un equivoco:
"Ciao Lorenzo,in questi giorni si è alzato un polverone per la pubblicazione di una locandina da parte di "Campania giallorossa" dove erroneamente è stato  messo  disponibile l'acquisto di biglietti in curva sud in occasione del derby.
Ci tenevo a chiarire,che noi di Campania giallorossa pur entrando allo stadio,abbiamo sempre rispettato ed appoggiato la protesta della sud,non mettendo MAI in vendita i biglietti per la Sud.
Dopo l'ultimo episodio,abbiamo deciso in occasione del derby,di salire a Roma ma di NON entrare.
Spero solo che questo fraintendimento non ci crei problemi in futuro,anche perché in trasferta siamo sempre presenti.
Grazie per avermi dedicato un po' del tuo tempo.
-Un romanista napoletano".


19 marzo 2016: la pagina di Roma/Inter in tarda serata.

18 marzo 2016: oggi il nostro sito festeggia i 13 milioni di accessi e tra pochi giorni il 17esimo anno di vita. Certo, l'avvento dei social network ha diminuito radicalmente le visite, basti pensare che per passare da 12milioni a 13milioni ci si sono messi 2 anni e 2 mesi quando ai tempi d'oro (quando non esisteva FB e tutte le notizie sulla Roma passavano su questo sito), ci si mettevano 7-8 mesi.
Comunque sia, credo che questo sito sia tuttora una bella vetrina per la nostra tifoseria e per l'archiviazione dei dati sulla nostra squadra del cuore. Ormai possiamo dire che il 98% delle partite disputate dalla Roma, amichevoli incluse, ha un articolo di giornale o una fotografia, grazie al contributo di tutti e soprattutto di Andrea, che sta facendo tuttora un grande lavoro di ricerca.
Se un giorno dovessi crepare, spero che qualcuno possa raccogliere il testimone.
Avanti romanisti!


14 marzo 2016: in costruzione la pagina di Udinese/Roma.

8 marzo 2016: on line la pagina di Real Madrid/Roma.

5 marzo 2016: in costruzione la pagina di Roma/Fiorentina.

3 marzo 2016: ricevo e pubblico questa foto:


1° marzo 2016: sulle dichiarazioni di Spalletti (da "La Curva Sud non si divide"):
"Spalletti: "Se non si va venerdì allo stadio, mi viene il dubbio che si anteponga qualcosa di personale alla Roma".

Carissimo Mister,
le persone (PERSONE) che liberamente decidono di non tornare in Curva Sud - se è di quelle che parla, perchè lo "stadio" è un concetto più ampio - lo fanno ad un costo enorme, proprio quello di non rivedere "la famiglia" e stare lontani dal proprio amore. Non o fanno per capriccio. Almeno non tutti. Si, probabilmente c'è qualcuno che su questa storiaccia ci marcia, qualcuno che probabilmente ha scambiato il "Tempio" Curva Sud per un luogo dove mercanteggiare valori diversi dal romanismo. Ma sono una minoranza, anche esigua. La stragrande maggioranza delle persone che popola(vano) la Curva Sud ha scelto di starne lontano per motivi molto importanti; come la libertà di esprimere il proprio amore per la squadra senza dover sottostare ad una serie di angherie e prepotenze comminate da un potere istituzionale cieco, sordo e pure un po' sbruffone. Eh si, caro Mister, perchè qualcuno è bene che la informi dal di dentro: quella bella marea umana che l'ha sostenuta e osannata ad Empoli, quella spinta in "più" che arrivava da quel settore, è arrivata perchè quei ragazzi hanno potuto esprimere il proprio amore senza troppi vincoli. Non a scapito della sicurezza, ci mancherebbe, ma - ad esempio - seduti, anzi in piedi, vicino al proprio amico, ai propri amici di sempre senza dover rispettare un numero scritto su un biglietto. Senza per questo dover rischiare una multa salatissima e, in caso di reiterazione di un atto d'amore come il tifare dove si crede, un DASPO, fino a tre anni, che più o meno vale una "libertà vigilata" se c'è pure l'obbligo di firma.
Caro Mister Spalletti, l'unica cosa personale che si antepone (e pure con enorme difficoltà, ci creda) alla pazza voglia di tifare la Roma, la sua Roma, la nostra Roma, è la salvaguardia della propria dignità umana e quella di preservare la propria libertà personale.
Quelli che vorrebbero entrare e non lo faranno, esercitano un sacrosanto diritto, quello del dissenso. Manifestato nella maniera più civile che una contestazione "ultras" ricordi.
Per far rientrare questa civile protesta, caro Mister, occorre che qualcuno che fa sfoggio smodato di muscoli e prepotenza, faccia davvero un passo indietro, non solo a parole, ma anche coi fatti. Serve, ad esempio, che il Prefetto Gabrielli rinunci ad opporsi ai ricorsi presentati dai legali di chi ha ricevuto la salatissima multa per il cambio posto comminata in Roma-Juventus. Le pare normale, Mister, che a delle persone sia stata elevata una sanzione di tra i 150 ed i 250 euro per aver detto "Forza Roma" da un seggiolino diverso dal proprio? E stiamo parlando solo di un piccolo aspetto di una situazione grave, gravissima, di come è gestito con protervia e prepotenza l'ordine pubblico in quello Stadio, ma un po' nella città tutta. La Roma, sappiamo, si sta impegnando per cercare di risolvere la situazione. Essenzialmente subisce questa prepotenza, e comprendiamo pure che si debba "trattenere" dall'andare in guerra lancia in resta contro Prefetti, Questori e Capi di Gabinetto che, per quel che si è potuto vedere, si sono rivelati come PERSONE ottuse, talvolta impreparate ed inadeguate al ruolo che ricoprono, con il lecito sospetto che siano a ricoprire incarichi di prestigio con il solo scopo di portare a termine la propria personalissima scalata sociale a scapito di tutto e tutti, e tanti saluti al buon senso e alla tremenda e improcastinabile necessità di pacificazione, tra istituzioni e popolo, che ha questa città travolta da mille scandali, in cui lo sfoggio di una lama di vetro e acciaio in curva sud, le centinaia di agenti utilizzati per meticolosissimi controlli, anche a bimbi di tre-quattro anni, centinaia di migliaia di euro spesi per impedire, sostanzialmente, alla gente di vivere a ROMA (che vorrebbe le Olimpiadi) la propria passione calcistica, rimanga l'atto più visibile di una gestione dell'ordine pubblico per altri versi raccapricciante.
Eh si, caro Mister, la gente di curva muore dalla voglia di tornare a tifare la Roma come ha visto fare ad Empoli, ma ci sono situazioni per le quali è impossibile farlo. Se lei, che è riuscito a rianimare una squadra e a far sognare di nuovo un popolo, riuscisse a rianimare il buon senso delle istituzioni che pare morto e sepolto, verrà ricordato come un successo che vale più di uno Scudetto, che, detto tra noi, prima o poi riuscirà a vincere con questi colori addosso.
E con un popolo appresso"
.

27 febbraio 2016: in costruzione la pagina di Empoli/Roma.

Ecco qui l'esito del sondaggio che ha coinvolto 3214 tifosi della Roma che è stato svolto on line. Si faccia tesoro dei risultati:
CLICCARE QUI PER SCARICARE IL PDF








25 febbraio 2016: e-mail di Stefano:
"Ciao Lorenzo. Voglio solo chiederti se sono pazzo io o se qualche segnale preoccupante lo vedi anche tu.
E’ tanto tempo che non vivo piu’ a Roma e non seguo piu’ le vicende di casa nostra come vorrei pero’ un po’ di esperienza nell’osserare le scalate di arabi, russi e americani in UK me la sono fatta. C’e’ chi sfrutta, lucra, munge e chi qualcosa per la propria comunita’ di riferimento lo fa davvero (basta rimanere a Manchester per entrambi gli esempi).
Nel nostro caso e’ incredibile come per una squadra ricca di storia ma povera di trofei si sia deciso di snobbare la prima scommettendo sull’arrivo dei secondi (insieme al nuovo stadio che, per me, non faranno mai).
Io non sono mai stato prevenuto, anzi. Dopo anni di Rossella quando ho visto che Daniele Lomonaco era stato nominato responsabile dell’Ufficio Stampa e Franco Baldini DS ero entusiasta. E mi piaceva anche Scucchione, la sua faccia pulita, il suo non cercare polemiche, il non parlare degli arbitri. Tutto finito dopo neanche due anni. Poi il vuoto, un andirivieni di top manager ed esperti marketing che probabilmente non sanno neanche contro chi giochiamo il derby. Gente che non ci capisce, gente che parla di users e non di tifosi, di click, di likes, a cui non frega assolutamente nulla se una famiglia di San Giovanni deve fare due ore di fila e passare tre controlli prima di entrare allo stadio. Non contiamo nulla. Chi va allo stadio rappresenta una cornice che non ha piu’ nessuna importanza o almeno questo e’ il messaggio che danno. Magari tifosi clienti…
Il cambio dello stemma, come lo hanno fatto, comunicato e presentato, non solo e’ stata una mancanza di rispetto, e’ stato doloroso. Stronzate come l’anno con la maglia autoprodotta, o la maglia con i colori della Juve sono dettagli che danno fastidio, che fanno parlare, che diminuiscono la nostra credibilita’ ma nessuno se ne preoccupa.
La situazione della Curva: non e’ colpa della societa’ dicono…non mi pare di aver letto molto parole spese a favore della Curva, a parte i f.ing idiots. La mia opinione e’ semplice. Loro, chiacchiere a parte, gli ultras non li vogliono. Rompono i c.glioni e basta. Le coreografie le inventeranno loro, daranno loro delle bandierine da sventolare, cartoncini da sollevare sotto gli ordini dello speaker esaltato di turno con musiche a tutto volume, riprese a circuito chiuso su chi si bacia o si mette il cappello piu’ scemo e concorsi sui social media ufficiali…
Fino ad arrivare alle ultime polemiche sul Capitano: a me della diatriba con Spalletti frega poco. Voglio giocare, te ne vai a casa, cretinate per le radio, per il Corriere dello Sport. Per me quello che conta e’ che di nuovo non si doveva arrivare a questo punto come non puoi permettere ad una tua giornalista di tromabre con un allenatore e farla parlare male del suo sostituto.
La cosa andava gestita internamente, come hai detto tu, e soprattutto se e’ vero che giudichi Totti un patrimonio del club (puo’ stare simpatico o meno ma come giocatore e romanista non si discute) difendilo. Per me si sono preparati il terreno per dargli il benservito, perche’, come la Curva, anche lui rompe i c.glioni. Spero di sbagliarmi, perche’ dopo aver resistito a offerte del real Madrid e del Milan mi dispiacerebbe vederlo con la maglia dei LA Galaxy…
E non mi tirino fuori il paragone con Del Piero. La Juve vince qualcosa ogni anno, noi ogni 20 se ci dice bene. Che devi preservare? non e’ meglio preservare il patrimonio, la tradizione, la storia piuttosto che un business plan?
Dimmi se sono matto io (vedo complotti da ogni parte) ma che questa gente abbia scelto la strada del non dialogo mi pare chiaro"
.

24 febbraio 2016: e-mail di un altro Livio:
"Ho letto con molto interesse la mai del 26enne Livio, circa la possibilità e l'eventualità di un ritorno nelle curve (parlava della Curva Sud, ma concettualmente è la stessa cosa in Nord).
Secondo me non credo che sia utile o proficuo rientrare nello stadio. Credo infatti che se si rientra così stanti le cose, la Trimurti D’Angelo/Tronca/Gabrielli gabellerà la cosa ai media compiacenti (e ignoranti) e all'opinione pubblica per lo più ignorante come una grande vittoria della giustizia e della legalità e la dimostrazione che essi erano nel giusto, che la fermezza ha pagato e altre baggianate del genere. Ritengo che naturalmente dimenticherebbero subito le reticenti e cautissime ammissioni di insuccesso che sono stati costretti a fare grazie ai macroscopici effetti della protesta e dell'assoluta civiltà della stessa.
Quindi, a mio parere, è opportuno continuare in questo modo fino alla fine della stagione, terminata la quale avranno tutto il tempo - se è vero ciò che pensa Livio di questi servitori del Palazzo - di togliere le barriere ecc. In tal caso, ovviamente, si rientrerà nella prossima stagione.
C'è solo la ROMA!
Un altro Livio"
.
Inseriti tutti i ritagli del Calcio Illustrato nella stagione 1953-54.

23 febbraio 2016: e-mail di Livio:
"Ciao Lorenzo,
Sono Livio, vado in curva sud da 13 anni (quindi da metá della mia esistenza) e ho sempre difeso a spada tratta i ragazzi della curva, ritenendoli la parte piu importante della stessa all'interno dello stadio olimpico e di tutti gli stadi d'italia e d'europa quando gioca l'a.s. Roma. Ti scrivo per raccontarti il mio "esperimento" di Roma-Palermo. Da settembre fino a domenica gli unici stadi all'interno dei quali sono entrato sono stati in trasferta. Ma domenica ho voluto verificare di persona la situazione all'interno dell'olimpico. Sará che sono un inguaribile ottimista, sará perchè ho visto gabrielli fare una clamorosa retromarcia e d'angelo divagare sull'argomento, sará per quel comunicato della questura dove tra la righe si legge un dietro-front (che potrebbe anche risultare una "trappola"), sono andato all'olimpico, in curva sud. Controllo e perquisizione rapide all'obelisco (tutti i cancelli aperti come la normalitá richiede) eseguito da parte di stewardt, successivamente controllo di biglietto/documento prima deI tornelli eseguito sempre da stewardt (ai quali ho esplicitamente chiesto "ma non mi perquisisce neanche un polizziotto" e la risposta è stata "no ormai ce ne occupiamo solo ed esclusivamente noi"), nell'antistadio neanche una camionetta, ne digos, ne celerini, solo stewardt (anche se sicuramente qualcuno in borghese "sospetto" c'era, come sempre aggiungerei). Proseguo per le scale, vado al bagno e non mi ritrovo nessun celerino/agente digos sulla porta o dentro ne tantomeno stewardt. Espliati i miei "bisogni fisici", prendo un bel respiro e mi faccio coraggio, la sensazione mentre esco dal boccaporto non è più la stessa, un tempo era quasi la mia parte preferita arrivare allo stadio e fare quelle scale con la curva, la mia curva, che già cantava a squarciagola. A parte le sensazioni, però, ho potuto notare che c'era gente sul boccaporto, appoggiata al vetro, e che nessuno stewardt è andato (per tutto il corso della partita) a intimare loro di spostarsi. Mi giro e vedo la barriera, quella fantastica opera architettonica degna di un bernini, e la tristezza nel vederla è tanta. Salgo in alto , nel punto piu alto della curva (zona a me sconosciuta, ma data la circostanza è irrispettoso occupare determinati seggiolini) e vedo, con mio grande stupore, gente che passa per le scale gialle, quelle vicino ai distinti, senza che nessun "addetto" intervenga (a differenza delle scale adiacenti alle famose "barriere", dove gli stewardt c'erano). Lontano dal mio posto (neanche so dove sia), in piedi. Nessuno mi ha detto nulla (anche perchè non c'erano stewardt).
Tralasciando lo schifo dei fischi a spalletti, e dei cori deliranti per dzeko (fortunatamente non provenienti dalla sud, settore totalmente muto), la domanda che mi è sorta spontanea è questa:
"Se provassimo tutti insieme a rientrare?"
E subito dopo: "se i gruppi rientrassero, resterebbe tale e quale ad ora la situazione?" Ovviamente no. Ma è proprio l'interpretazione di questo "ovviamente" il punto della mia email, Lorenzo. A mio modestissimo parere è stato fatto un grosso passo indietro da parte di queste istituzioni drogate dalla ricerca di visibilitá (fa piu notizia una curva "ripulita" che la camorra in questo paese), le barriere fisicamente non possono essere eliminate ora, non c'é tempo. E poi cosa ci aspettavamo? Che nel comunicato la questura comunicasse al mondo intero che chi va in curva sud è autorizzato a fare quello che vuole? Neanche su marte potrebbe mai accadere ciò. Se rientriamo tutti, penseranno che ci va bene così? Questo é un rischio, ma se si entra e si prosegue a fare una protesta contro le barriere, per un ritorno alla normalitá, non si arriverebbe allo stesso risultato? Forse si, forse no. Per me le barriere le leveranno. E forse è il mio inguaribile ottimismo (soprattutto quando si parla della a.s. Roma) a parlare, e la nostalgia di una curva, la più bella del mondo, che dovrà tornare nel suo habitat naturale. Spero prima possibile, con la stessa intelligenza con cui si é portata avanti questa protesta.
Viva la Curva Sud.
Livio"
.

22 febbraio 2016: ritengo opportuno pubblicare questo articolo di Simone Meloni perché descrive benissimo la questione:
Roma: striscione e sciacalli, quanto fa comodo la Curva Sud?

“Che ti succede amico estetico, rincoglionirsi non conviene…”. Così iniziava un celebre canzone di Antonelli Venditti. Quella sull’Insostenibile leggerezza dell’essere. Non ci preme citare Milan Kundera, e forse non dovremmo neanche citare il cantautore capitolino. Ci soffermiamo però su questa leggerezza. Dell’essere. Di quale essere, vi chiederete?

Succede che Francesco Totti, il Capitano dell’AS Roma, rilasci delle dichiarazioni forti al TG1. Logica conseguenza, il terremoto mediatico che si abbatte sul club e i suoi tifosi. In tanti ingaggiano una personalissima guerra a difesa di questo o quell’altro fronte, pochi ricordano che al centro di tutto dovrebbe esserci un sentimento di tutela comune nei confronti della squadra che sostengono di supportare e qualcuno pensa bene di porre in essere un comportamento che fa il verso a un animale facente parte della famiglia dei Canidi. Lo chiamano sciacallo. E quasi sempre è accostato all’essere umano per paragonare una situazione in cui uno o più soggetti approfittano di una debolezza altrui o di una situazione di caos per affondare i propri artigli e muovere i propri interessi. Generalmente con fare losco.

Succede anche, questa mattina, che fuori dalla Curva Sud dello stadio Olimpico, venga rinvenuto uno striscione che recita: “Prima lo stemma, poi le barriere, ora il capitano…adesso basta!”. Manna dal cielo, pensano alcuni. Con il tifo organizzato in sciopero per le note faccende relative alla gestione de divin triumvirato D’Angelo/Tronca/Gabrielli, si pensa bene a un ritorno di fiamma da parte dello stesso e a una presa di posizione sulla vicenda Totti/Spalletti. Alcuni giornali lo sottolineano subito, e in tanti, gli vanno dietro. Profani e non.

Le fonti andrebbero sempre approfondite. Ma non siamo qua a dar lezioni di deontologia, dal nostro piccolo e insignificante pulpito. Ci preme piuttosto sottolineare le anomalie che rendono poco credibile un’entrata in gioco dei ragazzi di curva e molto più plausibile quella degli sciacalli, di cui sopra. Canidi che certamente hanno spientemente cavalcato l’onda e gettato nel calderone tante cose, superficialmente e inesattamente, per riscuotere il successo nazional popolare. Un po’ come farebbe Barbarona D’Urso o Massimone Giletti, a seconda dei gusti (dicono che entrambi siano dei sex symbol).

Stemma, barriere e società. Tutto insieme. Un po’ confusionaria e sommaria come cosa. Che la società americana abbia delle pecche indelebili in questi anni di gestione è dato incontrovertibile ma, come succede spesso nell’Urbe Eterna, esiste chi la sua crociata contro Pallotta & Co. l’ha iniziata dieci minuti dopo il loro insediamento. Forse consci di non godere più dei privilegi precedenti. Forse vogliosi di vendicarsi di un ambiente che da tempo li aveva “sgamati” e messi con le spalle al muro. Costretti alla ritirata sulle Frequenze Medie. Di conseguenza, non parliamo di battaglie e principi affermati per il bene della Roma. In questo non differisce molto il comportmanto dell’Olimpico nella gara di ieri col Palermo.

Se sullo stemma appare chiara e netta la responsabilità di una società che sin da subito ha ignorato le tradizioni e il senso di identità di una tifoseria, che quella Lupa Capitolina sormontata dall’ASR se l’era riguadagnato quasi vent’anni prima, attraverso una più che civile raccola firme per sostituire il lupetto di “Violese” memoria, non possiamo asserire con certezza e senza indugi il resto dei concetti contenuti nello striscioni. Posto che, per gli esperti “del settore”, basterebbe vedere caratteri e calligrafia per capire che con la Curva Sud e i suoi veri occupanti c’entra ben poco. Ma noi siamo qui per spiegare e cercare di stigmatizzare gli sciacalli. Ai quali non vogliamo regalare nessuna carcassa.


 
Le barriere sono una scelta della società? Se vogliamo dire ciò non siamo poi credibili per criticarne i comportamenti in merito. E’ palese che l’imposizione di Questura e Prefettura sia stata accolta passivamente dal club di Piazzale Dino Viola. E visto il periodo storico, che vede una Capitale fortemente militarizzata e senza un governo politico, bensì in mano a una dittatura paramilitare, oggettivamente è anche difficile credere che una società intenzionata a edificare un nuovo impianto sportivo e, probabilmente, con pochi appoggi “che contano”, sia in grado di mettersi di traverso contro delle vere e proprie macchine da guerra. Questo non giustifica, sia chiaro. Ma rende l’idea di come far passare il concetto per il quale la barriere siano state volute dalla Roma è a dir poco sbagliato (non dimentichiamoci che la società ci rimette comunque sotto il profilo economico e dell’immagine e, in ottobre, nella figura di Baldissoni ha attaccato abbastanza pesantemente le istituzioni. Solo parole, per ora, ma credere in una congiura in stile “scie chimiche” appare esagerato).

Il capitano: forse occorrerebbe attendere la fine di tutta questa storia per averne un’immagine chiara e nitida. Senz’altro bisogna giudicare tralasciando i propri pregiudizi e le proprie simpatie, concetti di base che permettono una cronaca pulita e imparziale. O quanto meno onesta. Che non sarebbe certo male per una città che ormai da anni vive e vegeta su una macro informazione fatta di rappresaglie e ripicche adolescenziali. La società, è ovvio, pecca incredibilmente in assenteismo su tutta la vicenda. “L’affaire Totti non è mai esistito” ha tuonato Baldissoni, pronunciando una frase per la quale persino Pierrot avrebbe ricacciato dentro la lacrima per trasformarsi in un allegro e ironico Pulcinella.

Insomma, la morale è che la “vetrina” Curva Sud è un qualcosa che fa comodo a molti. Per muovere consensi, click e visite. Sembra che non si attenda altro che metterla in mezzo alla qualunque, senza analizzare e prendere informazioni precise. Sarebbe importante, invece, evidenziare come lo sciacallaggio foraggiato da alcune fazioni di Guelfi, impegnati nella loro dantesca battaglia contro i Ghibellini, era, è e resta uno dei mali principali di questa città e di questo club. Un qualcosa che tira fortemente il carro verso il passato, non avendo minimamente a cuore ciò che ipocritamente pubblicizza. Del resto, costoro per anni sono stati untori delle malelingue anti-curvaiole e, guarda caso, oggi che il vento soffia in una certa direzione, si ritrovano a piantare striscioni equivoci e volutamente ingannevoli davanti al settore caldo del tifo giallorosso. Chi ha occhi per vedere li apra e tiri un osso lontano, per farlo rincorrere da questi fenomeni. Che, in fondo, non dimentichiamocelo mai, fanno pur sempre parte della famiglia dei Canidi"
.

Questo sistema indovinate chi lo ha escogitato?
"Volevo raccontarle la mia esperienza assurda, a mio pare, e chiederle un parere ed un consiglio, se possibile. Decido di acquistare il biglietto per empoli-roma, usciti come sa oggi alle ore 15:30; attendo così l'orario e mi collego al sito TicketOne per acquistare il tagliando online.  Compilo i relativi campi, in quanto possessore della As Roma club Away, e al momento di inviare i dati relativi alla tessere away mi da un errore relativo alla Fidelity Card! Decido così di riprovare convinto di aver commesso qualche errore scrivendo, ma cosi non è! Provo almeno 15-20 volte, niente da fare! Decido allora di recarmi ad un negozio TicketOne (erano circa le 15.50), i biglietti ancora disponibili. Durante il tragitto mi sorge un dubbio: può darsi che ci sia veramente un problema nella mia card away. Telefono così al centro servizi e con enorme stupore scopro che la mia tessera non è stata registrata correttamente al ministero degli interni! Mi chiedo come è possibile?! L'operatore afferma di aver inviato una segnalazione e che in una massimo due ore il problema sia risolto e quindi mi suggerisce di riprovare l'acquisto del tagliando per empoli. Spiego all'operatore che non riuscirò mai a trovare un biglietto dopo l'attesa di un ora, ma non c'è altra soluzione. Attendo due ore e decido di richiamare il centro servizi per sapere se almeno la mia tessera fosse funzionante (i biglietti erano ormai finiti). Nella seconda telefonata l'operatore mi spiega che loro non hanno modo di verificare se il problema è stato risolto, ma si limitano a dirmi che con molta probabilità non c'è alcun problema"
.