"Le leggi inutili indeboliscono quelle necessarie"
(Louis C. Montesquieu)


Clicca qui per tornare alla
HOMEPAGE


Il sito viene aggiornato quasi ogni giorno.
Dopo le partite, le foto vengono inserite dopo circa due ore,
salvo imprevisti.
Per leggere gli aggiornamenti quotidiani scendere più in basso nella pagina.



  "Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo."
Goethe


 
Diffideranno
                          anche me?
Coppa Disciplina 2014/15 e precedenti
Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive
Comunicati ufficiali Lega Calcio
Servizio Pubblico, Giugno 2014: "Chi ha ucciso l'Ispettore Raciti?"
Vai al sito di
                    Musicaroma
Se volete avere notizie su locali, 
concerti e musica a Roma

" AL DI FUORI DI ROMA NON C'E' NULLA
DI BELLO NEL MONDO"
Johann Joachim Winckelmann, 1756
(archeologo e filologo, nonché massimo teorico mondiale dell'estetica neoclassica)

"Non per guadagnar ma per amor del gioco"

QUELLI CHE SIAMO
*
LA GIUSTA DISTANZA
*
NON DORMO
*
IO STO CON GLI ULTRAS

 
Diffideranno
                          anche me?
Archivio aggiornamenti / Updates archive
Che tempo farà dove gioca la Roma?
Infobiglietti / Infotickets
La mia musica
Vai al sito di Pogopop:
                    punkrock - indie - crossover- new wave - spacerock
Radio Città Aperta 88.90 FM
tutte le maledette domeniche dalle 19 alle 21
 

 
 
AGGIORNAMENTI PRECEDENTI
 
13576


Non sempre i ribelli possono
cambiare il mondo.
Ma mai il mondo
potrà cambiare
i ribelli"
(Alain de Benoist)
"Una volta nel gregge,
è inutile che abbai:
scodinzola"

(Anton Cechov)


LA ROMA SI'
LA LAZIO NO


Tessera del tifoso/Art. 9
Considerazioni finali dopo la legge n. 146/2014

Petizione on line sul nuovo logo della Roma
(8532 sostenitori al 15.12.2015)

http://www.change.org/it/petitions/as-roma-no-al-nuovo-logo-roma-va-rispettata-2


In giallo, quello che scrive il webmaster
In giallo oro, le vostre e-mail
In bianco gli articoli di giornale ed altro
E-MAIL ME:
lorenzo@asromaultras.org
Lamentele?
tifosi@asroma.it
*
La tua card non risulta censita?
supporto@assistenzalisticket.it

"La Roma dà, la Roma toglie"

Dear AS Roma fans worldwide, we write you because something terrible is happening to the Curva Sud of AS Roma.  Police is destroying Curva Sud: chants, banners, flags are the past by now. We want to let you know that at the moment, if you should come here one day for a derby or some other match, you won't find anything you expect because the Curva Sud has been conducted to silence. If you want to share the protest, please write in english to tifosi@asroma.it writing "We support Curva Sud, stop repression". Thank you".


Αγαπητοί οπαδοί  της Roma σε όλο τον κόσμο, σας απευθυνόμαστε γιατι κατι απαίσιο συμβαίνει στους φανατικούς οπαδούς της Roma. H αστυνομία τους καταστρέφει: τα ύμνοι, πανό, σημαίες βρίσκονται στο παρελθόν. Θέλουμε να σας ενημερώσουμε ότι προς το παρόν, αν θελήσετε να έρθετε εδώ για ένα ντέρμπι η γενικά για έναν αγώνα, δεν θα βρείτε τίποτα από όσα περιμένατε διότι οι οπαδοί της ομάδας μας έχουν καταδικαστεί στη σιωπή. Αν θέλετε να ενισχύσετε τη διαμαρτυρία, σας παρακαλούμε γράψτε στα αγγλικά στο tifosi@asroma.it  "Εμείς υποστηρίζουμε τους οπαδούς της Roma, τέρμα στην καταπίεση" نحن نخاطبكم بخصوص شيء سيئ للغاية يحدث في الكورفا سود في أس روما. الشرطة تدمر الكرفة سود: تمنع الهتافات ، تصادر اللافتات والأعلام . نريد أن نخبركم أن في الوقت الحالي إذا جئتم لحضور مباراة الدربي أو أي مباراه عادية ، لن تجدو ما تتوقعوه لأن الكورفا سود أجبرت على السكوت. إذا كنتم تريدون نشر الإحتجاج فعليكم بإرسال ايميل باللغة الإنجليزية إلى( tifosi@asroma.it ) مكتوب بداخله نحن نساند كورفا سود واوقفو القمع. شكراً جزيلاً

re alle norske AS Roma-supportere.
Vi skriver til dere fordi noe forferdelig holder på å skje med AS Romas Curva Sud. Politiet holder på å ødelegge Curva Sud: sang, bannere og flagg er for øyeblikket historie.
Dersom dere har tenkt dere på Romakamp, derby eller annen kamp, vil dere for øyeblikket ikke oppleve det dere kanskje forventer, ettersom Curva Sud er tvunget til taushet.
Hvis du ønsker å dele denne protesten, skriv på engelsk til tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Takk.

Chers fans français de la AS Roma,
Nous vous écrivons car quelque chose de terrible est en train de se produire dans la Curva Sud de la Rome. La police est en train de la détruire: chants, bannières, drapeaux ne sont désormais que le passé.
Nous vous informons que si un jour il vous arrive de venir à Rome pour un derby ou un autre match, vous n’allez trouver rien de ce que vous vous attendez, parce que la Curva Sud a été réduite au silence.
Si vous voulez partager la protestation, écrivez s’il vous plait en anglais à: tifosi@asroma.it “We support Curva Sud, stop repression”.
Merci.

亲爱 的中国球迷,
我们写这是什么可怕的是发生在罗马的看台南基。
警方正在摧毁它:圣歌,条幅,彩旗,目前过去。
我们知道你的热情。
我们希望你知道,在当时,如果你来这里的德比或任何其他游戏,你不会找到你所期望的东西,因为看台南基闭上了嘴。
如果你想分享的抗议,请用英文写为tifosi@asroma.it~~V“我们支持南基看台,只是压抑。”谢谢。

DRAGI FANI AI ROMEI DIN TOATA LUMEA, VA SCRIEM PENTRU CA CEVA TERIBIL SE INTAMPLA IN CURVA SUD,A ROMEI. POLITIA VREA SA O DISTRUGA. CANTACE, BENARE SI STEAUGURI APARTIN PENTRU MOMENTUL DE FATA TRECUTULUI. VREM SA VA INFORMAM CA-CI IN MOMENTUL DE FATA, DACA VETI VENII PENTRU A VEDEA UN DERBY SAU ORICE ALTA PARTIDA, NU VETI GASI NIMICA DIN CEIA CE VA ASTEPTATI.PENTRU CA CURVA SUD A FOST REDUSA LA LINISTE. DACA VRETI SA NE AJUTATI CU PROTESTELE, VA RUGAM FOARTE FRUMOS SA SCRIETI IN ENGLEZA LA tifosi@asroma.it ACEST MESAJ: NOI SUSTINEM CURVA SUD, GATA CU REPRESIUNEA
Kedves magyar focidrukkerek és Róma szurkolók!
Azért fordulunk hozzátok, mert valami rettenetes dolog történik a
Róma stadion Curva Sud szurkolóival. A rendőrség tönkreteszi a
szektor szurkolóit: éneklés, drapériák, zászlók, transzpatensek
már mind a multé.
Ismerjük a lelkesedéseteket. Szeretnénk tájékoztatni Benneteket, ha
egy meccsre vagy bármilyen más találkozóra jöttök, semmit sem
találtok abból, amire számítatok, mert  a Curva Sud szurkolót
elnémították.
Ha szeretnétek csatlakozni a tiltakozásunkhoz, kérünk Benneteket, hogy
írjátok (angolul) a tifosi@asroma.it címre «We support Curva Sud, stop repression!»

Դիմում ենք Ձեզ, քանի որ սարսափելի բան է տեղի ունենում “Curva Sud”-ի հետ: Ոստիկանությունը փորձում է այն ոչնչացնել: Երգերը, պաստառները ու դրոշներն այս պահին արդեն անցյալում են: Ուզում ենք Ձեզ հայտնել, որ եթե որոշեք այցելել դեռբիին, կամ ցանկացած այլ խաղին, չեք գտնի այն ինչ ակնկալում եք, որովհետև “Curva Sud” - ին ստիպում են լռել: Եթե ցանկանում եք մասնակցել բողոքի ակցիային, խնդրում ենք անգլերեն նամակ գրել “We support Curva Sud, stop repression” հետևյալ հասցեին. tifosi@asroma.it : Շնորհակալություն:
เรียน แฟนๆ โรม่าทั่วโลก
เราเขียนถึงคุณๆ ทุกคน เพื่อให้คุณๆ
ได้รับรู้ถึงการกระทำที่น่าอดสูที่เกิดขึ้นที่ Curva Sud
ที่สนามโอลิมปิกสเตเดี้ยม ณ กรุงโรม
ตำรวจได้ทำลายทุกสิ่งอย่างที่อยู่ใน Curva Sud ทั้ง ป้าย, ธง
และสัญลักษณ์ต่างๆ ตอนนี้ได้เหลือแต่เพียงความทรงจำ
ถ้าวันนึงคุณได้มีโอกาสเดินทางมาดูดาร์บี้แมทที่โรม
คุณจะไม่ได้พบกับบรรยากาศเก่าๆ ที่เราเคยมีอีกต่อไป เพราะ  Curva Sud
วันนี้ได้ถูกทำลายจะเหลือแต่เพียงความเงียบงันไปเสียแล้ว
มาช่วยเราประท้วงการกระทำที่สุดจะทนและยอมรับได้ของตำรวจใน ครั้งนี้
ด้วยการเขียนอีเมลล์ภาษาอังกฤษว่า "We support Curva Sud, stop repression" มาที่ tifosi@asroma.it.
ด้วยความนับถือ
Queridos fans de la Roma
escribimos esto para que algo terrible está sucediendo a la Curva Sud de Roma. La policía está destruyendo: cantos, pancartas, banderas.... actualmente todos esto es el pasado.
Vosotros teneis un gran entusiasmo.
Queremos que sepas que en este momento, si quereis venir a un derby o cualquier otro juego, no encontrais nada de lo que vosotros esperais, porque la Curva Sud fue silenciada.
Si deseais compartir la protesta, por favor escribais en Inglés para tifosi@asroma.it "Apoyamos la Curva Sud, detenemos la represión."
Gracias

Liebe deutsche AS ROMA Fans,
Wir schreiben euch, weil unsere geliebte Curva Sud lebt gerade etwas wirklich sehr schlecht durch.
Die Polizei hat sie zerstört.
Gesänge, Banner und Fahnen gehören derzeit peinlich der Vergangenheit an.
Wir möchten euch informieren, dass falls ihr zum Stadio Olimpico kommen werdet, werdet ihr nicht finden, was ihr erwartet   habt,weil die Curva Sud zum Schweigen gebracht wurde.
Falls ihr uns bei unserem Protest unterstützen möchtet, schreibt bitte auf Englisch an tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Danke.

Queridos torcedores da ASRoma
Estamos escrevendo diretamente para vocês porque algo ruim esta acontecendo na setor da torcida Curva Sud da Roma.
A Policia esta desmanchando-la : Faixas, bandeiras, coros fazem parte do passado. Queremos vocês saibam que,
ao momento, se vocês quisessem vir em Roma para assistir a o Classico, ou outros jogos,, não vão encontrar nada de eclatante e legal
pois a Curva Sud foi obrigada á ficar silente.
Se quiser por favor compartilhem essa protesta, por favor escrevem em Inglês ao endereço tifosi@asroma.it
“Nos suportamos a Curva Sud, chega de repressão !!!”
Obrigado



 "..il prefetto è una lue (sifilide n.d.r.) che fu inoculata nel corpo politico italiano da Napoleone... Si credette di instaurare libertà e democrazia e si foggiò lo strumento della dittatura. Democrazia e prefetto repugnano profondamente l'una all'altro... Perciò il delenda Carthago della democrazia liberale è: Via il prefetto! Via con tutti i suoi uffici e le sue dipendenze e le sue ramificazioni!" (Luigi Einaudi - 17 luglio 1944))

Praefecti volant, Curva Sud remanet.
MARKETING O NON MARKETING...
LO STEMMA GRIGIO DELLA MAGLIA GRIGIA
PORTA SFIGA
 
"NO alla divisione della Curva Sud e della Curva Nord dello Stadio Olimpico di Roma"
(11.690 firme alle 15.00 dell'8 febbraio 2016)
CLICCA QUI PER LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG
In passato ce la siamo presa con Forza Italia e la Lega Nord: oggi i responsabili della repressione in Curva Sud sono loro.




10 febbraio 2016: al momento non faccio alcun commento sul conunicato Prefettura/Questura/AS Roma/SS Lazio. Lo farò quando avrò dati più certi. Nel frattempo:
"Ciao Lorenzo, ho appena letto il comunicato della prefettura e sono rimasto a bocca aperta.... premettendo che nella vita sono un esperto di monitoraggio ed analisi di dati statistici (ovviamente essendo abbonato in sud la mia professione principale è delinquere e non rispettare le leggi dello Stato....) mi corre l'obbligo, sebbene anche un bambino con la 5° elementare si renda conto dell'assurdità di quanto scritto nel comunicato, di precisare un paio di cose.
Dunque, ricapitolando, allo stadio olimpico per le partite della Roma abbiamo circa 30.000 abbonati, di cui circa 10.000 (la stragrande maggioranza abbonati in sud) decide di non entrare in contrasto con le norme volute da prefetto e questore. Per capire le ragioni del dissenso (ironia  ) si decide di distribuire e far compilare 2.000 questionari alle sole persone che decidono di entrare normalmente... peccato che un campione rappresentativo, a maggior ragione su una questione come questa, dovrebbe considerare l'intero universo degli abbonati.. quindi se si fosse in buona fede sarebbe bastato utilizzare i dati di un questionario on line compilabile da tutti gli abbonati... ma tant'è. Sorvolando sulle caratteristiche del campione di cui non si sa nulla ma che sicuramente avrà rispettato le principali metodologie statistiche essendo stato curato dalla dirigenza americana esperta in questo settore come nello sviluppo dei brand in generale (si veda stemma, colori, data di nascita del club ecc..  ) e che quindi sarà stato compilato da un numero di persone ugualmente rappresentativo di tutti i settori dello stadio nonché delle caratteristiche anagrafiche (età, sesso) degli abbonati (sicuri? sicuri sicuri?) ecco comunque i risultati: ben il 29,7% è d'accordo con le misure di sicurezza introdotte!!!! Come dite? e l'altro 71,3%? Vabbè non mi sembra certo importante.. che poi a dirla tutta, facendo dei calcoli alla buona dando per scontato come il 100% di quelli che decidono di non entrare sia contrario alle norme di sicurezza introdotte, tale percentuale scenderebbe al 14,9% circa.. cmq i tifosi in disaccordo, sia che rappresentino il 71,3% o l'85,1% del totale a seconda dei casi, sono l'espressione, non me ne voglia la prefettura.. di percentuali bulgare!! Fare quindi un comunicato per rimarcare il notevole risultato ottenuto è talmente stupido da lasciare interdetti... è come se a un referendum si presentassero a votare il 65% degli aventi diritto e tra questi oltre il 70% votasse contro... pensate che i promotori del referendum si complimenterebbero per il risultato raggiunto? Beh la prefettura lo ha appena fatto... complimentissimi!!!
Concludo con una considerazione... al di là di Roma Real che per varie ragioni per me non fa testo, questo ridicolo comunicato è la prova di quanto stiano alla frutta.. ragazzi per essere "costretti" a pubblicare dati alla rovescia bisogna stare veramente alla canna del gas.. invito quindi chi si deve far carico delle decisioni da prendere ora a ragionare bene... abbiamo preso il coltello dalla parte della lama ed ora lo abbiamo dalla parte del manico.. non si può e non si deve sbagliare... come dice il questore "lo stadio è dei cittadini"... proprio così... lo stadio è nostro e riprendiamocelo!.
Tommaso (curva sud 18-21)"
.
Poi:
"se il 93% degli intervistati ritiene che lo stadio sia un luogo sicuro ed il 71% dichiara che i provvedimenti non servono a un cazzo (dato al netto delle curve assenti quindi non intervistate), possiamo sintetizzare che questore e prefetto hanno fatto inutilmente più danni della grandine e che forse dirigere il traffico potrebbe essere un "compito istituzionale" più consono alla loro persone ?
E se li scrivono pure da soli i comunicati, manco totò e peppino !!!"
.
Fai la buca, riempi la buca.
Pensieri volanti:
"Buongiorno Lorenzo, condivido solamente un pensiero volante..
Guardando Roma-Samp  in TV....  al primo gol.. si è addirittura sentito il fischio dell arbitro che convalida mentre indica il centro del campo..... beh sarà per mia ignoranza, ma l ho scoperto domenica sera che in quell occasione gli arbitri fischiano anche...  
Perchè di solito, nella normalità, a un gol....... segue un Boato.
ma AvantiCosìRagazzi          Sempre Forza Roma"
.



8 febbraio 2016: grazie ad Adriano, inserite molte splendide foto di PSV Eindhoven/Roma della Coppa delle Coppe  1969/70, in cui la Roma si qualificò per sorteggio. Con una piccola ricerca ho anche trovato un raro video dell'incontro!
Analfabetismo a parte, ecco qui una dichiarazione di Tavecchio:

Tavecchio: “Il problema non si risolve chiudendo gli stadi. Istituita commissione per studiare le criticità”
“Lo stadio Olimpico? Qui ci sono anche altri fattori che non dipendono dal Presidente federale” ha poi aggiunto il numero uno del calcio italiano
Gli stadi italiani continuano a svuotarsi senza sosta. Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai cronisti presenti all’incontro tra gli allenatori, i capitani e gli arbitri di Serie A. Queste le sue parole:
“Vedere una partita in uno stadio da 70mila spettatori con sole 10mila persone dà un senso di pena. Proprio per questo motivo in questi giorni abbiamo istituito una commissione per studiare le criticità ed i rischi del calcio italiano. Giovedì si farà la prima riunione, è una commissione di gente che conosce il calcio e che non è interessata né con le componenti né con le società. Credo che daremo delle indicazioni per risolvere quello che io credo essere un problema non risolto. Non è sufficiente chiudere gli stadi per risolvere il problema, il problema non si risolve così. Chi, ad esempio, non è presente alla partita perché non è andato in vacanza perché quella dopo non la deve vedere? Questo è un problema. Lo stadio Olimpico? Qui ci sono anche altri fattori che non dipendono dal Presidente federale“
.
Ma, soprattutto:
Curva Sud, Gabrielli: “La divisione non è una mia idea.
Accordo con la Roma per trovare una soluzione”

“C’è un percorso che è stato sollecitato dalle due società, in particolar modo dalla Roma,
è stato siglato una sorta di accordo per trovare una soluzione che concili gli interessi di tutti”

Il prefetto di Roma Franco Gabrielli ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla divisione delle Curve dello stadio Olimpico, a margine di un evento della Città Metropolitana.
Queste le sue parole:
“C’è un percorso che è stato sollecitato dalle due società, in particolar modo dalla Roma, è stato siglato una sorta di accordo per trovare una soluzione che concili gli interessi di tutti. Leggevo, ed è una cosa che mi fa molto sorridere, che è Gabrielli che non ne vuol sentire parlare di queste cose ma lo dico per l’ennesima volta, perché mi sono stancato di fare il San Sebastiano su questa vicenda: la divisione delle curve non e’ un’idea di Gabrielli, e’ un’indicazione del Ministero dell’Interno (Alfano, n.d.L.) e di una specifica task force dell’aprile 2014 (Massucci, ex ONMS, n.d.L.), e’ una richiesta specifica del questore (D'Angelo, n.d.L), esaminata dal comitato per l’ordine e la sicurezza e siccome io sono uno che si assume le responsabilità’, me ne sono fatto carico insieme ad altri. Poi dire che il tema delle divisioni sia esclusivo del prefetto Gabrielli credo sia molto scorretto, io la mia responsabilità’ me la porto fino in fondo. Come con il discorso sui Daspo incrementati su indicazione mie, le sanzioni per il cambio di posto, dico che sono tutte fregnacce, perche’ sono cose che non competono a me (vero, competono al Questore...ma il Prefetto può annullarle visto che tutti hanno fatto ricorso n.d.L). Si continua a rappresentare, per molti aspetti strumentalmente e con l’unico interesse di voler attaccare la mia persona, di cui mi sono fatto una ragione e considero il prezzo del biglietto, una cosa molto scorretta di fare informazione, sembra quasi che io sia arrivato il 3 aprile per rendere la vita complicata a questa città. Il mio interesse – ha concluso il prefetto – e’ quello di essere utile e nel mio essere utile so assumermi le mie responsabilita’ e a volte non riesco a vedere che altri fanno lo stesso. Se dovessi riavvolgere il nastro rifarei esattamente le stesse cose, perché’, come ho detto altre mille volte, la cosa che mi interessava di piu’ non e’ l’aspetto della sicurezza della curva ma la safety della curva, perché’ la mia preoccupazione e’ che in una curva dove mediamente ci possono stare 8mila persona ce ne sono 12mila (vabbé, su questo abbiamo già dimostrato numericamente che è una bugia, ma non facciamo più polemica, n.d.L.). Questa era la mia preoccupazione e quindi ho accolto indicazioni e ho applicato disposizioni che non ho fatto io”.

7 febbraio 2016: la pagina di Roma/Sampdoria dopo la partita.

4 febbraio 2016: ricevo e pubblico:





2 febbraio 2016: in costruzione la pagina di Sassuolo/Roma.

30 gennaio 2016: La pagina di Roma/Frosinone fra stasera e domani.
25 gennaio 2016: in costruzione la pagina di Juventus/Roma. Chi mi manda il biglietto di Juventus/Roma? Terminata la stagione 1960/61.

17 gennaio 2016: in costruzione la pagina di Roma/Hellas Verona.





14 gennaio 2016: aggiunta una fototifo inedita di Inter/Roma 1980/81. Scovata l'amichevole Roma/Cagliari del 1970/71, con articolo e fotografia.
Roma by night:







9 gennaio 2016: inseriti i ritagli della rivista "Giallorossi" nella stagione 1980/81. La pagina di Roma/MIlan questa notte. Mi occorrono per il sito i biglietti di Chievo/Roma e di Roma/Genoa.. Se qualcuno li manda ... grazie!

6 gennaio 2016: In costruzione la pagina di Chievo/Roma.
30 dicembre 2015: In Costruzione la pagina di Voi Siete Leggenda.
27 dicembre 2015: grazie a Fabrizio, scovate due amichevoli mancanti (Spezia/Roma 2-7 del 1981/82 , Villafranca Lunigiana/Roma 0-4 del precampionato 1979/80 e una - pure Spezia/Roma 0-2 del precampionato 1979/80 - con tabellino incompleto).

26 dicembre 2015: ormai la stagione 1990/91 ha tutte le fototifo.

24 dicembre 2015: Auguri a tutti!. Oggi è la Vigilia e non ho nulla da fare:
Il Questore di Roma ci dice che sono state applicate normative internazionali, ancorché non dica quali e, soprattutto, riferite a che cosa.
Ma, soprattutto, c’è tanta disinformazione e il Questore non ci spiega per quale ragione quelle “normative internazionali” debbano valere solo per il settore “curve” e non per gli altri settori.
La Curva Sud aveva una capacità di 8700 posti, e quindi rispettava la regola per la quale una curva non deve avere più di diecimila posti. Ciò nonostante è stata inserita una divisione che ne ha comportato – per ora - il volontario svuotamento.
Come si fa a dire, quindi, che “nulla abbiamo cambiato nel tessuto connettivo dello stadio” è incomprensibile.
Se è vero che molte regole in curva non vengono rispettate, non è affatto vero – come populisticamente illustrato - che si tratti di un malcostume romano, visto che le medesime regole europee non vengono rispettate, per la curva “di casa”, in nessuno stadio europeo: nella decantata Inghilterra – che peraltro ha stadi di nuova generazione al contrario della topaia Olimpico - la curva di casa sta regolarmente in piedi praticamente in tutti gli stadi ed anche i tifosi ospiti stanno in piedi, perché vogliono stare in piedi.
Il biglietto nominativo è anche una usanza tutta italiana, visto che in Inghilterra – ad esempio - il biglietto non è nominativo ma è solo associato ad un posto.
Quindi la frase “in tutti gli altri paesi è così” non è vera e probabilmente il questore non ha girato l’Europa o è male informato. Del resto non è necessario viaggiare fisicamente: basta farsi un giretto su Youtube per vedere come in tutta Europa le curve stiano in piedi e come, soprattutto in Germania, molte curve siano costruite proprio per stare in piedi in sicurezza. Forse la Germania non rispetta la normativa europea?
Attenzione: si può anche pretendere il pedissequo rispetto di tutte le regole, per stupide o intelligenti che siano.
Potrebbe farlo anche il Comandante della Polizia Municipale: da oggi tutti gli utenti della strada devono seguire le regole in modo strettissimo tutte le regole del Codice della Strada. E’ ragionevole pensare che la circolazione ne risulterebbe paralizzata.
Leggiamo la definizione di “sciopero bianco” da Wikipedia: Il termine sciopero bianco indica una forma di protesta dei lavoratori che consiste nel rifiuto di collaborare realizzato però senza astensione dal lavoro, mediante applicazione rigida e burocratica delle regole e dell'orario di lavoro contrattuale, cosa che ovviamente porta disagio perché la superfetazione di norme – se applicate rigidamente – porta alla paralisi.
Quindi si può anche essere non elastici, di fare gli sceriffi nel Far West, ma il risultato non può che essere quello attuale, vale a dire l’abbandono o la disaffezione senza la conquista dei “cittadini” di cui parla il questore.
La frase più singolare, del resto, è quella per cui lo stadio è del cittadino e non dell’ultras.
In primo luogo perché l’ultras è un cittadino.
In secondo luogo perché non tutti quelli che stanno protestando sono ultras, visto che all’ultima partita mancavano 7mila persone in curva, quando numericamente gli ultras ormai sono meno di mille.
In terzo luogo, perché con questa politica cieca, il “cittadino” non mi sembra essere tornato allo stadio, anzie, se di quei 7mila, 6mila se ne sono andati, è agevole poter dire – alla romana - che il cittadino se ne è annato dallo stadio: del resto a Roma/Spezia di Coppa Italia non ho visto tutti questi cittadini affollare la Curva Sud o, per la Lazio, gremire la Curva Nord in occasione di Lazio/Udinese.
Dopo di che, mi si deve spiegare come può una barriera impedire l’ingresso di un bombone o di un fumogeno: semmai possono essere i controlli al prefiltraggio ad impedirlo.
Per finire, è singolare che si parli di normative internazionali – e si ricorda che nessuna curva in Europa è divisa a metà come accaduto a Roma, visto che la stessa UEFA auspica la scomparsa delle barriere – quando le stesse normative, non meglio specificate, prevedono ad esempio che ci sia la possibilità di accedere per i diversamente abili, cosa che nelle curve romane è del tutto preclusa ed anche che i tornelli e i prefiltraggi siano condotti in modo da non creare assembramenti per le persone, cosa che pure all’Olimpico è una mera chimera.
Concludo dicendo che il populismo è apprezzabile, ma quando dice cose vere e soprattutto, senza fare paragoni impropri.


20 dicembre 2015: in costruzione la pagina di Roma/Genoa.
Esilarante articolo a pagina 9 del Corsport di oggi, in cui Giovanni Malagò chiede ai tifosi "di non fermare il cuore di Roma". Il cuore di Roma non lo stanno fermando i tifosi ma lo ha fermato qualcun altro, piantandogli una lastra nel mezzo. E un cuore diviso in due non batte. E' la medicina che lo dice. Altro che passione scemata, levate quella barriera e vedrete che succede.


19 dicembre 2015: clima sereno prima di Roma/Genoa:



18 dicembre 2015: preciso da subito che le persone che hanno un daspo in corso possono andare, in quanto non si tratta di una partita di calcio organizzata nell'ambito del CONI. E' come fosse scapoli/ammogliati che si giuoca all'Olimpico.

Vincent Candela
è lieto di invitarti alla
Conferenza Stampa - Stadio Olimpico 22 Dicembre 2015 - ore 10
Per presentare
VOI SIETE LEGGENDA
l’Evento dell’anno per i Tifosi della Roma
#VoisieteLeggenda

“Roma e l’Italia mi hanno dato tanto e qualsiasi cosa io possa fare, non ripagherò mai del tutto l’affetto ricevuto. Per questo l’evento si chiama - Voi siete Leggenda - perché è dedicato alla gente. Sarà una festa delle Famiglie, dei Tifosi e della Roma”.

Con questo spirito e con queste emozioni, Vincent Candela ha deciso di organizzare l’evento dell’anno dedicato a tutti i Tifosi della Roma.
Il 29 Dicembre, allo Stadio Olimpico di Roma, tornano in Campo le Glorie della Roma, quei ragazzi che hanno indossato negli 88 anni di Storia la Maglia con Onore e hanno sudato per i Colori Giallorossi, per tornare a vivere una giornata indimenticabile insieme ai loro Tifosi unici al Mondo.

Nello splendido scenario della Sala Conferenze dello Stadio Olimpico di Roma Vincent Candela e il suo staff, Giuseppe Giannini, insieme alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò, hanno il piacere di invitarti alla Conferenza Stampa di presentazione di questo evento unico - Martedì 22 Dicembre, alle ore 10 – ingresso lato Monte Mario.

Nuova Fondazione Bambino Gesù Onlus - Il tema sociale è assai caro anche alla Nuova Fondazione Bambino Gesù Onlus che ha appena lanciato la sua campagna di comunicazione sociale ‘Vite Coraggiose’. “Le Vite coraggiose - spiega Cynthia Russo, responsabile Fundraising e Comunicazione Sociale della Fondazione - sono quelle dei piccoli pazienti affetti da malattie rare e ultra-rare, spesso privi di diagnosi e di cura, che assieme alle loro famiglie e ai nostri medici e ricercatori scendono in campo ogni giorno per affermare il loro diritto alla vita». Nel corso dell’evento verrà assegnato il ‘Premio Vite Coraggiose’, destinato a chi si distingue per costanti prove di coraggio anche nello sport”.
 
Actionaid - “Siamo felici di essere partner di questo evento perché la passione per il calcio e per lo sport è un potente mezzo per innescare dinamiche di cambiamento. Attraverso lo sport, infatti, ActionAid promuove stili di vita e valori postivi, favorendo l’inclusione e l’aggregazione sociale nelle comunità più povere e marginalizzate”, dichiara Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia, charity partner dell’evento.

Fondazione Bioparco di Roma - Il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccìa sottolinea: “siamo lieti di partecipare ad un importante evento sportivo a sfondo sociale, rivolto in particolare alle famiglie, nostro target di riferimento. Coniugare sport ed educazione ambientale è una sfida che aderendo a ‘Voi siete leggenda’ siamo certi di vincere!“.


MIIA - “Siamo orgogliosi di essere Main Sponsor di un evento con finalità benefiche come Voi Siete Leggenda.  Miia ha deciso di impegnarsi nel sociale rimanendo coerente con il legame sempre più forte instaurato con il mondo dello sport e privilegiando l’Associazione Trentadue con lo spirito di sostegno alle famiglie”.

L’incasso sarà devoluto in beneficenza per aiutare i Bambini, le cui famiglie sono in difficoltà economiche e sociali, ad una crescita sana attraverso lo Sport.

Si prega di richiedere l’accredito alla seguente mail – ufficiostampa@vincentcandela.it

Per noi è importante avere la tua presenza!

Ufficio Stampa
Nicola Cilento
329 1774343

www.voisieteleggenda.it



17 dicembre 2015: ricevo e pubblico questo comunicato:
La società continua a non esistere.
Nessun provvedimento dopo l'ennesima figura di merda.
Pallotta ha intascato i 20 milioni di euro della champions ed è di nuovo sparito.
Il nostro DS è concentrato sulla partita di domani in cui scende in campo la sua squadra del cuore.
I giocatori come al solito prenderanno il loro ricco stipendio come l'allenatore.
Domenica 20 dicembre in occasione di Roma-Genoa la Curva Sud invita tutti i settori dello stadio, dalla curva alla tribuna, a rimanere a casa.
Indifferenza totale.
C'è modo e modo di perdere sul campo voi avete perso senza dignità, senza  lottare, senza sudare, senza amore.
Sparite dalla nostra vista.
Siete tutti colpevoli!

"Roma"

16 dicembre 2015: la pagina di Roma/Spezia in serata.
Sul prossimo Roma/Real Madrid, da Madrid tengono a dire:
"Le mie prime parole sono di ringraziamento a tutte le persone che permettono la diffusione di questo articolo, e anche le persone che leggeranno esso. Alle porte del prossimo incontro di Champions League tra Real Madrid CF e AS Roma vogliamo fare una breve presentazione del nostro gruppo e della sua storia, e soprattutto cercare di cambiare l'idea esistente che tutti i Madridisti tifano Lazio.
Vi inviamo un'intervista realizzata recentemente da noi per la pagina facebook italiana Romanticamente Rivoluzionari.

In giro per il mondo: Orgullo Vikingo 92 – Real Madrid

Oggi per la nostra rubrica in giro per il mondo, vi raccontiamo di un gruppo, Orgullo Vikingo del Real Madrid e una sua sezione MODUS VIVENDI MADRID, che è un gruppo che da sempre forse, ha vissuto forse all’ombra dei più famosi Ultras Sur ma che nonostante tutto ha saputo mantenere una propria identità nel corso degli anni e che si è saputo distinguere con un proprio stile e mentalità. Per questa occasione abbiamo scelto che siano loro stessi a raccontarsi, per cui traducendo all’italiano lasciamo a loro la parola:
“ORGULLO VIKINGO nasce nella stagione 1992-1993 grazie a membri di parte US che decidono di creare movimiento anche nel Fondo Norte, basandosi su modelli di tifo all’italiana: Coreografie, stendardi, sciarpe
dopo 23 anni di vita, ORGULLO VIKINGO (OV92) possiamo definirlo come un gruppo che ha passato diverse fasi. Per diversi motivi, OV92 si è posizionato nel corso degli anni in diversi posti: Fondo Norte bajo, Gallinero, Lateral Padre Damián, Tercer Anfiteatro Fondo Norte, Sector 535, Sector 522 Fondo Sur y Sector 524 Fondo Sur (Attualmente)
Se dovessi definire OV92, direi che è un gruppo che si è mantenuto sempre molto fedele a un proprio stile. Dall’inizio si è cercato di essere originali con le coreografie, e con il materiale del gruppo tanto se parliamo di stendardi, striscioni e bandiere che se parliamo di sciarpe, polo etc etc.
Ov92 è un gruppo apolitico. Anche se all’inizio si usavano i colorid ella bandiera spagnola, dopo pochi anni, si decise di ritirare la bandiera per evitare qualsiasi connotazione politica, in modo che gli unici colori che rappresentano OV92 sono quelli del suo tricolore: MORADO, BLANCO Y AMARILLO.
OV è sempre stato un gruppo con un numero di persone molto limitata, la stagione con più effettivi è stata quella del 1994-1995 con 500 persone; la media però è di circa 100 membri. Non abbiamo mai voluto essere un gruppo molto numeroso e sempre abbiamo preferito la qualità alla quantità, adattandoci alle situazioni di volta in volta.
Dal principio, abbiamo sempre avuto una speciale ammirazione verso la scena ultras italiana riguardo a coreografie, striscioni e bandieroni, ma anche per il panorama casual inglese. Di fatto, all’interno di OV92, esiste una sezione chiamata MODUS VIVENDI MADRID che difende lo stile e il modo di vestire Casual così come il modo di vivere il calcio.
Lungo questi 23 anni, OV92 ha realizzato moltissime trasferte ( in Spagna non è consuetudine che un gruppo viaggi ovunque giochi la propria squadra ma di solito le trasferte vengono scelte ndr). A livello nazionale, tutti gli stadi spagnoli e fuori Spagna siamo stati a Anfield Road, Parc des Princes, Leoforos (Panathinaikos), BayArena (Bayern Leverkusen), Signal Iduna Park (Borussia Dortmund), etc… e a 3 Finali di Champions: Amsterdam 1998, Parigi 2000 e Glasgow 2002. Non siamo stati presenti come gruppo a Lisbona 2014 perché non ci è stata concesso nessun biglietto.
Inoltre, dal 1992 fino al 2005 abbiamo seguito anche la squadra di basket per tutto l’arco delle stagioni sia in casa sia in trasferta, ci piace ricordare la lFinal Four 1995 (Zaragoza) e 1996 (Parigi) così come tutte le Finali di Copa del Rey in cui abbiamo seguito la squadra (Siviglia, Malaga, Barcellona, etc…)
Dalla stagione 2011-2012 comincia un periodo difficile OV92 che raggiunge il suo punto massimo nella stagione 2013-2014. La posizione dentro lo stadio di Orgullo Vikingo cosiì come l’impossibilità di comprare biglietti a un prezzo normale, riduce il numero di OV92 a 50 miembri attivi. Quando si conclude questa stagione veniamo invitati a formar parte della curva di supporto al Real Madrid C.F: FANS RMCF
Nella stagione 2014-2.015, il Real Madrid Club de Fútbol crea infatti FANS RMCF con 4 gruppi principali: VETERANOS, PRIMAVERA BLANCA, LA CLÁSICA Y ORGULLO VIKINGO. Questi 4 gruppi gestiscono la curva, con OV92 che è ciò che rappresenta i modelli più tradizionali di gruppo ultras. questa è stata una decisione molto diffícile per OV92 che per 21 anni era rimasto in solitario, e l’opzione di condividere una curva insieme ad altri gruppi di diversa mentalità era per noi una sfida. Il bilancio di quest’anno e mezzo in FANS RMCF è positivo per OV92; da un lato, abbiamo apportato la nostra esperienza del mondo delle curve a questo progetto e inoltre all’interno di OV92 vi è stato un ricambio generazionaleche ci ha permesso di intraprendere nuovi percorsi. Il Real Madrid Club de Fútbol è uno dei Club sportivi più importanti e per questo tutto ciò che lo circonda è superattenzionato e analizzato. Per questo motivo ci vengono imposte molte limitazioni quando si tratta di supportare la squadra. In ogni caso cerchiamo di apportare sempre la mentalità di gruppo così come del bel materiale che ci caraterizza, tutto affinchè il progetto Fans Rmcf sia il più coerente possibile.
Siamo inoltre molto stretti con l’uso dei social network. Non vogliamo che nessuno pubblichi fesserie in twitter, Facebook, etc… per evitare questo siamo chiari coi nostri membri che non vogliamo ciber-ultras.
Amicizie e rivalità di Orgullo Vikingo:
A livello nazionale non abbiamo amicizie con nessun gruppo.
A livello internazionale: Salerno (Viking Guerrieri), Ujpest (Ultras Ujpest) e Panathinaikos (Gate 13)
Rivalità: Sono molte le squadre che odiano il Real Madrid, ma se dovessimo dire quelle che ci odiano di più, diremmo: Atlético de Madrid, FC Barcelona y Olympiakos Pireo”

Modus Vivendi Madrid. MVM è una sezione appartiene a Orgullo Vikingo 92, ed è formato da un gruppo di ragazzi che seguiamo il movimento “Casual”. Per molti anni in OV92 ci sono stati strisiconi con la scritta “Modus Vivendi Madrid”, realizzate da membri del gruppo appasionati del movimento Casual, ma è stato 4 anni fa cheabbiamo deciso di unirci come piccolo gruppo di amici per formare una sezione che è come una grande famiglia. ammiramo lo stile inglese nei vestiti e lo stile italiano in curva, ci consideriamo dei romantici del vecchio caalcio, ma non solo parliamo di calcio e curve, nel nostro gruppo non solo parliamo di calcio ma di tutto ciò che ci circonda, città, musica, cibo, birre.. crediamo infatti che essere casual non è solo mettersi una fred Perry o delle Stan Smith, essere casual è un modo di vivere. Cerchiamo sempre di differenziarci dagli altri gruppi esistenti in RMCF. Ai nostri inizi eravamo un gruppo di sole 6 persone e adesso siamo circa una ventina, riuniti sotto la frase “NOI FELICI POCHI” crediamo infatti che sia più importante la qualità delle persone che il numero. Siamo grandi amici del Panathinaikos, come tutti i membri di OV92; ma come MVM siamo grandi appassionati dell’ AS Roma e dei suoi ultras (a me personalmente mi piacciono molto anche i ragazzi di palermo), a livello personale abbiamo molte amicizie con gente di Roma e abbiamo creato il MODUS VIVENDI ITALIA. La gente in Italia tende a pensare che tutti a Madrid siamo laziali, ma non è così. “Ama la tua città, supporta la tua squadra e dfend la tua gente”
.

*
Sul questionario distribuito allo stadio:
"Ciao Lorenzo,
volevo farti notare che il questionario in questione (scusa il gioco di parole), noi di curva non possiamo compilarlo, in quanto non è indirizzato a noi.
Al punto 11 leggo testualmente "Cosa ti spinge ad assistere alla partita in questo settore e non in "curva"?...
dicendo "questo settore" è evidente che lo stanno consegnando a chi non è della curva!
Un saluto e SEMPRE FORZA ROMA
Giorgio"
.
In effetti non lo avevo notato. Chiedono per quale motivo i signorotti della Monte Mario non vanno in curva, e ciò perché auspicano che la Curva Sud sia piena (o sostituita) di/a gente come loro. I giochi sono svelati da questo questionario.
E-mail:
"Ciao Lorenzo,
volevo capire una cosa ma la Roma ha un contratto che la vincola a giocare all'Olimpico?
Perchè non si può giocare al Flaminio ?
Magari è una domanda stupida ma se non vogliono cambiare le direttive per l'Olimpico allora perchè non cambiare stadio, che tristezza.
Buon lavoro
Luca"
Si, la Roma ha un contratto con il CONI... Sul punto anche Eugenio:
"Ciao Lorenzo, stavo pensando ad una cosa che forse è irrealizzabile ma mi piacerebbe quantomeno condividerla con te, che ne dici se si organizzasse una raccolta firme per convincere pallotta e la dirigenza della roma ad abbandonare l'olimpico e a prendere in affitto il flaminio? Credo che gabrielli o non gabrielli la scelta dello stadio dove disputare le partite della Roma rientri nei loro diritti...ci sarebbe solo da capire quando scade il contratto di affitto con l'olimpico e se una eventuale rescissione prematura possa comportare una penale eccessivamente onerosa...penso che con qualche intervento che rientri nell'ordine di alcuni milioni di euro (personalmente quest'estate potrei rinunciare ad un all'acquisto di un calciatore e giocare la prossima stagione li) ed eseguibili durante la pausa estiva il flaminio possa essere reso agibile per la serie A in tempi brevi. La capienza non credo che rappresenti un problema visto che nonostante la Roma stazioni nelle parti alte della classifica da ormai quasi 3 anni raramente si superano all'olimpico le 35.000 presenze.
Cosa ne pensi?
Sinceramente non vedo aspetti negativi, ne gioverebbe lo spettacolo poichè l'effetto televisivo sarebbe di uno stadio stracolmo, ne gioverebbero i calciatori a giocare in un atmosfera incandescente e ne gioveremmo noi tifosi perchè andremmo in uno stadio che non è stato soggetto di interventi ormai 'stratificati' dei vari prefetti e ministri della difesa che si sono succeduti negli ultimi 15 anni"
.
Temo la cosa sia irrealizzabile per via del contratto con il CONI. Ci vorrebbe un  Dino Viola.
Nuovo sito della Roma:
"5 delle 11 migliori foto scelte sul fresco nuovo sito della Roma sono con fumogeni!!! Daspiamo il sito ahah. Kapitano".
Facessero pace col cervello: o è reato o non lo è.
Su Napoli/Roma:
"Caro Lorenzo,
scrivo solo a proposito dei cori fatti dai napoletani contro la mamma di Antonio De Falchi. L'anno scorso, per uno striscione apparso in Curva Sud (che non conteneva offese alla signora Leardi, ma che criticava solamente la sua eccessiva presenza in TV e sui giornali), l'opinione pubblica si indignò nei confronti del settore, compreso il presidente James Pallotta, che definì "fucking idiots" i suoi componenti. A mio parere, ma questa è solo una mia supposizione, la divisione e l'aumento della repressione in Curva derivano anche da quell'episodio. Oggi, a prescindere dalla vergogna del gesto (i morti non si toccano, MAI) mi chiedo come sia possibile che i cori in questione siano stati ignorati da tutti. Detto questo onore a mamma Esperia e ad Antonio, e avanti curva Sud!
Un abbraccio,
Andrea"
.
Sulla cosa andrei cauto. Ferma restando l'estrema inimicizia con i napoletani, nessuno riporta la fonte di questa notizia. E io sono un po' come San Tommaso.
Sempre bello rivedere i Tottenham in questo promo video per la Puma:
https://www.youtube.com/watch?v=nxnTxBnTDIM

Le iniziative editoriali non conformi vanno sempre valorizzate:

"E sappiano che tra una partita vissuta allo stadio, in curva, e una partita seguita nel salotto di casa, davanti alla tv, c’è la stessa differenza che passa tra scoparsi una bella figa e guardare un film porno…".
(da L'estate più piovosa di Milano - Pierluigi Spagnolo - Edizioni Meridiano Zero)

Amici di As Roma Ultras,
vi scriviamo per segnalarvi l'uscita del romanzo noir, "L'estate più piovosa di Milano" (copertina in allegato), nelle librerie di tutta Italia per la collana Mz.Lab di Meridiano Zero (gruppo editoriale Odoya di Bologna), scritto da Pierluigi Spagnolo, 38 anni, giornalista barese della Gazzetta dello Sport (ex Corriere della Sera, City e Corriere del Mezzogiorno), con un passato (a volte anche un presente) curvaiolo, fatto di passione, amicizia, gruppi, bandiere e trasferte (con la Nord del Bari).
 
Vi scriviamo perché il protagonista principale del noir è Massimo De Palo, giovane precario e ultras del calcio, che perde il lavoro dopo aver rimediato un Daspo allo stadio, dopo una dura contestazione alla sua squadra fuori da San Siro. Tra amarezza e rabbia, tra difficoltà e voglia di giustizia, De Palo decide così di mettersi alla ricerca di chi, in Questura, ha deciso di inserire proprio lui tra le vittime dell'ingiusto Daspo di gruppo.
 
La sua vicenda si svolge in una Milano noir, che si prepara al grande appuntamento dell'Expo, nell'estate più piovosa di sempre, quella del 2014, tra estremismo politico, case popolari occupate, sesso mercenario, vizi privati e mondanità. Per Massimo De Palo (e per i suoi amici di curva) le pagine del libro diventano l'occasione per spiegare in modo crudo e onesto chi sono davvero gli ultras, come funziona il mondo delle curve, l'ipocrisia del mondo dei mass media, pronti solo a demonizzare e a denigrare un movimento fatto anche di passione e orgoglio, di aggregazione e solidarietà. Sfatando tutta una serie di luoghi comuni.
 
Crediamo che il libro possa interessare tutti i ragazzi che amano la vita da stadio, l'aggregazione delle curve e il mondo ultras.

Vi ringraziamo per l'eventuale attenzione che vorrete prestare a questo libro.
Tutte le altre informazioni potrete trovarle sulla pagina Facebook "L'estate più piovosa di Milano".
Grazie ancora e a presto
L'estate più piovosa di Milano
di Pierluigi Spagnolo
Mz.Lab-Meridiano Zero
Per info: 338.8535108


13 dicembre 2015: su Napoli/Roma: "Vorrei far notare una cosa che magari non le è sfuggita: perché non c'è stato neanche un comunicato con le motivazioni e sopratutto con la scritta " divieto per i tifosi romanisti di fare la trasferta napoletana per tot e tot motivi"? È già scontato oramai che la trasferta napoletana sarà vietata a vita e non c'è neanche più bisogno di un comunicato? E un ultima cosa sempre riguardo questa trasferta... È normale che ai romanisti così detti "privilegiati" non sia permesso andarci invece ai napoletani "privilegiati" (da quello che so i napoletani non hanno away card quindi hanno solo la tessera tifoso per lo meno i Napoli club) è permesso? La tessera del tifoso della Roma quindi è di serie B rispetto a quella del Napoli a quanto pare!
Grazie per l'attenzione buone feste!
P.S. Quanto mi manca la curva sud!"
.
In uno Stato di Polizia di solito è tutto carbonaro. Nel caso di spcie, con la Determinazione del 2 dicembre 2015 l'Osservatorio ha ritenuto Napoi/Roma ad elevato profilo di rischio ed ha rimesso il tutto alle determinazioni del CASMS, che avrà sufggeito al Prefetto di adottare il provvedimento di divieto di vendita. Ma, come detto, lo Stato carbonaro non lo fa sapere esplicitamente.
Sempre lo stesso Stato carbonaro si è reso conto che - visto che un minore di 14 anni non è penalmente perseguibile - era assurdo pretendere per lo stesso la tessera delo tifoso o la Away per andare in trasferta.
Il Parlamento ci ha messo 7 anni a capirlo, l'Osservatorio solo 8 anni e 2 mesi, visto che ci ha messo un anno e due mesi per recepire una legge dello Stato.
Con la determinazione n. 39/2015, quindi è stato stabilito che i minori di 14 anni possono comprare biglietti per la trasferta anche senza TdT o Away: era una questione che non sarebbe mai dovuta neanche esistere.
Se qualche rivenditore, quindi, vi dovesse chiedere "Away", TdT o documento per il vostro marmocchio, sbattetegliela in faccia.

Terminata la stagione 1961/62. Per quanto riguarda l'incontro Gabrielli/Pallotta, non c'è alcun commento da fare, visto che alcun fatto concreto è stato rivelato, se non che dalla prossima stagione si migliorerà la fruibilità delle curve dell'Olimpico (che, per inciso, erano già perfettamente fruibili prima che il Prefetto di Roma causasse da solo il problema attuale, il cui danno a livello di ambiente allo Stadio è paragonabile alla bomba di Hiroshima).
Questo il questionario che pare sia stato predisposto da C.O.N.I. e AS Roma e distribuito allo stadio (non si sa in quale settore, per certo la Monte Mario). Anzitutto, se manca una buona parte della Curva Sud, il questionario è ovviamente viziato e quindi un questionario del genere dovrebbe essere anche inviato per e-mail a tutti gli abbonati della Roma, visto che è evidente come in questo caso possa essere sottoscritto da assoluti occasionali, il cui parere conta meno di zero.
Il presupposto da cui parte il questionario è comunque non imparziale: in primo luogo mentre vengono suggerite le risposte in ordine alla presunta utilità delle barriere, la contestazione alle stesse viene lasciata alla casella "altro", così come qualsiasi altra domanda parte dal concetto prefettizio per il quale sia necessaria più sicurezza allo Stadio Olimpico.




Bene, la domanda n. 1 manca di almeno due ulteriori caselle: a) tutte le volte che gioca in casa, a volte in trasferta; b) quasi tutte le volte che gioca in casa, qualche volta in trasferta. Poi, da questa stagione, andrebbe aggiunto anche c) mai in casa, sempre in trasferta.
Se, poi, il, questionario viene con segnato allo stadio, mi si deve spiegare come sia possibile la risposta "mai", al primo quesito.
Il n. 15 è quello più confuso: le prime tre voci sono assolutamente ovvie e - in particolare la prima - nulla c'entra con lo stadio. La quarta voce mischia "aggressione" e "ingiurie" ai tifosi della squadra avversaria come fossero la stessa cosa. Allo stesso modo viene impropriamente accostata l'accensione di fumogeni al loro lancio.
Sul questionario: "scrivo in merito del foglio da compilare dato ieri ai pecoroni che sono entrati ... Si può fare richiesta che ogni abbonato  in campionato e coppa , possa ritirare il foglio e compilarlo in qualche romastore o allo stadio? Oppure in estrema ratio entriamo tutti lo compiliamo e ce ne andiamo".
Bene, è ora che anche noi compiliamo il questionario, visto che nessuno ce lo ha dato: chi vuole se lol stampi, barri le caselle, scannerizzi il, tutto e lo invii a tifosi@asroma.it.
Siccome il CONI, invece, non ha una mail ma un form da compilare, ci penserà la Roma ad inoltrargli le risposte.
Nel frattempo:
"Ciao Lorenzo,
Anche a Modena cominciano a fioccare le multe per chi non occupa il proprio posto in gradinata dopo Modena-Lanciano...guarda a caso, in un solo settore, quello A distinti laterali della gradinata, occupato da gente che, evidentemente, non risulta essere gradita
http://gazzettadimodena.gelocal.it/sport/2015/12/07/news/modena-non-sei-al-tuo-posto-in-gradinata-al-braglia-multone-1.12577186
Evviva gli stadi sicuri, a "misura d'uomo", freddi, silenziosi, grigi e senza tifosi...
Scusa lo sfogo, grazie mille
Ale - A Modena solo il Modena"
.
Ecco l'articolo:
MODENA. Si può essere multati perché allo stadio non si rispetta il posto segnato sul biglietto o sull’abbonamento? Certamente. E’ successo ai tifosi romanisti all’Olimpico e, più di recente, pure ad alcuni sostenitori del Modena che sono soliti sistemarsi in gradinata. 166,66 euro di sanzione per “uso scorretto di abbonamenti e biglietti”.
Un provvedimento abbastanza raro come dimostrano i pochi precedenti sull’argomento. Questo è il comunicato dei tifosi canarini che saranno costretti a pagare la cifra di cui sopra: «Giusto raccontare quello che sta accadendo nel settore A, distinti laterali della gradinata. Negli ultimi giorni stiamo ricevendo multe salate (per la partita Modena-Lanciano) di 166,66 € per "uso scorretto di abbonamenti e biglietti", con tanto di controlli incrociati e minacce da inizio anno. In pratica solo ed esclusivamente ne settore A Distinti, si applica la legge ferrea del biglietto nominale con posto assegnato e, rigorosamente a sedere, mentre nel resto dello stadio no. Badate non siamo stupidi, lo sappiamo benissimo che e' una mossa mirata a spostarci da quel settore, ma siamo arrivati al ridicolo, e abbiamo deciso di raccontare questa misera storia. Una società che lascia completa carta bianca alla questura, di gestire i propri tifosi.
Ci chiediamo se il prossimo passo sarà fare i biglietti in questura per entrare?! In uno stadio deserto, in uno stadio rimasto uno dei pochi in Italia, dove neppure si può bere una birra, e tanto meno lo spettacolo in campo si salva, diciamola tutta. Dove vogliamo arrivare con questa gestione? Qui, il tanto caro vostro discorso sulle famiglie, i disordini e gli ultras, non c'entra nulla, non e' all'ordine del giorno, qui c’è la specifica volontà di vuotare di se stesso lo stadio per comodità di gestione.
Oggi sperando che queste parole giungano a chi di dovere, diamo questo segnale, più dei nostri cori vogliamo che passi questo messaggio. In una realtà sorda nei nostri confronti, che chiede compromessi prima di offrire dei servizi,
a questo gioco non ci stiamo! Staremo fuori dallo stadio per la partita dell'8 dicembre, a cantare come sempre per i nostri ideali, una maglia una città un simbolo. Rifiutandoci di entrare, in segno di protesta contro uno stadio, il nostro stadio, che non ci vuole più».
Su Roma/Bate Borisov Youth League:
"Buona sera scrivo per raccontargli quanto mi è successo oggi per roma bateborisov a trigoria.
Sono arrivato fuori all ingresso verso le 14 e c'era una gran fila,con me c erano mio figlio di 2 anni e mia moglie.
I carabineri vedendomi con il bambino in braccio mi hanno fatto entrare mentre a mia moglie no perchè erano finiti i posti(cosa non vera).Sono andato dal carabinere per dirgli che il bambino voleva la madre e se era possibile farla entrare visto che il bambino la cercava e la risposta è stata:"E che je dovemo fa le regole so queste".
In poche parole sono dovuto uscire e andarmene.Volevo far vivere l emozione della curva al piccolo ma non mi è stato permesso"
.


9 dicembre 2015: la pagina di Roma/Bate Borisov stanotte. Nel frattempo, ecco qui qualche foto di Roma/Bate Borisov per la Youth League... nell'ultima i tifosi escono dall'impianto al 30' per ricongiungersi con quelli rimasti fuori per problema di capeienza, tifando da fuori:













7 dicembre 2015: comunicato ufficiale Curva Sud:
Mercoledì 9 dicembre alle ore 14.00 tutti a Trigoria a sostenere la Roma Primavera contro il Bate.
Portate tutti una bandiera, coloriamo il settore, tiriamo fuori la voce.
Adesso dividete a metà anche Trigoria.
Saremo il vostro peggior incubo.
A.S.Roma di giorno e notte.

Curva Sud


5 dicembre 2015: in costruzione la pagina di Torino/Roma.

4 dicembre 2015: rassegna stampa:










3 dicembre 2015: aggiunte molte fototifo nella stagione 1995/96. Su Facebook girava questo comunicato, di cui ho verificato l'autenticità:

Non avrebbe senso rientrare allo stadio in un altro settore dopo che da mesi stiamo combattendo per la nostra curva.

Non avrebbe senso perché nulla e' cambiato. Rientreremo allo stadio solo quando tutto sarà come prima.
Rientreremo allo stadio dalla porta principale, da protagonisti nella nostra Curva.
Rientrare adesso in un altro settore sarebbe un compromesso che non accetteremo mai.
Quindi a Roma-Lo Spezia la Curva Sud rimarrà a casa!
Aspettando ancora un segnale dalla nostra società...
Curva Sud Roma.

30 novembre 2015: la pagina di Roma/Atalanta.

28 novembre 2015: la pagina di Barcellona/Roma.

21 novembre 2015: in costruzione la pagina di Bologna/Roma. Chi mi manda il biglietto?

12 novembre 2015: possibile che, come un tempo, questo sito non possa più occuparsi di tifo ma solo di repressione?
Evidentemente è così, comunque sia, dopo aver letto l'ennesimo articoletto della Gazzetta dello Sport, che scrive come la Questura auspichi che il prossimo anno i tifosi della Sud non si abbonino lasciando il posto ai "nuovi tifosi", mi sento di dire che ho dei dubbi che questo accada. E' assai più probabile che si abbonino e, al limite, continuino a lasciare gli spalti vuoti o comunque silenti. I prefetti passano.
Siate previdenti: mettendo da parte - da oggi - un euro e trentatre centesimi al giorno, a giugno avrete 280 euro, giusti giusti per l'abbonamento di Curva Sud.
Praefecti volant, Curva Sud remanet
*
Una piccola rassegna stampa mondiale:

Irlanda

Spagna

Brasile

Nigeria

Uk - BBC

UK - Daily Mail

UK - The Guardian

Grazie a mia sorella Daria, ecco qui l'articolo del "The Guardian", noto quotidiano inglese, tradotto in italiano:

L’ultimo derby tra Roma e Lazio oscurato dall’assenza dei tifosi
 La Roma è rimasta imbattuta negli ultimi quattro derby, con due vittorie e due pareggi.

“Mai così triste”, lamenta Il Corriere dello Sport. Le curve dietro le reti allo Stadio Olimpico saranno vuote quando la Lazio affronterà la Roma nel Derby della Capitale domenica prossima. Niente coreografie maestose, niente fumogeni e niente petardi. L’atmosfera sarà surreale invece che febbrile.
Gli ultras di entrambe le squadre brilleranno per la loro assenza. Divisi dalla fede, stavolta sono uniti nella protesta, scioperando contro le misure introdotte dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli, che hanno diviso in due le curve Nord e Sud tramite barriere in plexiglass.
Per Gabrielli, è una questione di sicurezza. Ha percepito il pericolo osservando le curve della Lazio e della Roma. Ha avuto l’impressione che fossero spesso sovraffollate, che le scale divenissero posti e che uno spazio per 8700 persone fosse invece occupato da undici o dodicimila tifosi.

Ma le azioni intraprese sono state considerate come un passo indietro. Il calcio italiano doveva buttare giù le barriere, invece di erigerne delle nuove. Non avrebbero ad esempio potuto impiegare più stewards per imporre l’ordine?
Gli ultras pensano che Roma sia presa ad esempio. Gli altri campi in Italia non sono soggetti alle stesse misure. Gabrielli è accusato di volersi far notare come la persona che contrasta la violenza e che dimostra come Roma possa  organizzare efficacemente eventi sportivi, visto che la città è in gara per ospitare i Giochi Olimpici del 2024.
Lui si difende elencando i gravi scontri occorsi il giorno del derby e prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina nel maggio del 2014.

Questa situazione ha messo gli ultras, che non si sentono tutelati, in contrasto con le loro squadre. Il presidente della Lazio Claudio Lotito ha combattuto contro di loro sin da quando ha comprato il club. Le loro prove di forza lo hanno indotto ad avere perfino la scorta, argomento che sta usando come difesa per giustificare i 70.000 euro di multe ricevute per eccesso di velocità.
Neanche il proprietario della Roma James Pallotta ha avuto paura di prendere posizione. Uno striscione, che accusava la madre di un tifoso del Napoli, morto prima della sopracitata finale di Coppa Italia, di far soldi sulla tragica morte di suo figlio, ha scandalizzato Pallotta e l’Italia. Ha chiamato i “neanche 10” tifosi dietro questa storia “F… idioti e s……”. Si è cercato un riavvicinamento.

Pallotta non ha mai tentato di sfuggire al dialogo con i tifosi della Roma. Il mese scorso, durante una sessione di domande e risposte su Facebook, prima di concludere con uno spiritoso “cordiali saluti, il f…. presidente”, ha nuovamente sottolineato che “la Curva Sud è il cuore e l’anima della Roma” e sarà “parte integrante della costruzione del nuovo stadio”.
 
Francesco Totti si fa un selfie dopo aver guidato la rimonta della Roma nel derby di gennaio.

Finchè non sarà costruito, comunque, saranno alla mercè del prefetto di Roma. La Roma e la Lazio non sono proprietarie dello Stadio Olimpico, perciò non possono dire la loro sulle decisioni riguardanti la sicurezza. Gabrielli ha promesso di buttar giù le barriere se vedrà un cambiamento nel comportamento e un rispetto delle regole, ma per ora siamo dove siamo.
Naturalmente tutto questo ha portato a momenti di introspezione in tutte e due le squadre. “Non ho intenzione di giudicare i nostri tifosi”, ha detto diplomaticamente l’allenatore della Lazio Stefano Pioli. “Ma insieme siamo decisamente più forti. Senza di loro siamo più deboli”.
Anche la Roma si lamenta della distanza. Dopo la partita decisiva di martedì contro il Bayer Leverkusen, l’allenatore Rudi Garcia ha detto: “Quando il gioco si fa duro abbiamo bisogno dei tifosi, perché possono aiutarci molto”:
Per il Direttore Sportivo Walter Sabatini, la Roma è amatissima - ma al momento “l’amore dei tifosi è un amore silenzioso”.
E’ una situazione curiosa perché entrambe le squadre quest’anno stanno giocando un calcio che genera entusiasmo. La Lazio ha affrontato domenica scorsa il Milan con la possibilità della nona vittoria consecutiva in casa, raggiungendo così il record stabilito negli anni ’30.
Nonostante abbia perso e nonostante le ripetute sconfitte in campionato abbiano smorzato l’entusiasmo nell’ambiente, la Lazio stava pian piano tornando alla forma che la portò l’anno scorso a finire al terzo posto, e sembrava che che stesse tornando sulla buona strada dopo la delusione di aver fallito la fase a gironi in Champions League.

La Roma, nel frattempo, è la favorita per lo scudetto ed era in cima alla classifica dopo una serie di cinque vittorie consecutive fino alla sfortunata sconfitta per 1-0 contro l’Inter. Questo è l’anno della Roma.
Ha sconfitto i campioni d’Italia della Juventus, un risultato che ha portato euforia anche nel carcere di Regina Coeli.

La Roma ha giocato con la Fiorentina, che era prima in campionato, e ha vinto. E’ l’inizio di campionato più prolifico dal 1960.
In passato, una forma così aveva infiammato l’ambiente nella capitale. Invece entrambi i gruppi ultras si sentono abbandonati ed è un peccato che si sia arrivati a questo, perché,  perfino per gli alti standard di questo derby, i recenti anni hanno visto incontri tra i più intensi e memorabili della sua storia.
E’ già stato scritto un libro sulla finale di Coppa Italia del 2013, quando Senad Lulic segnò il gol decisivo per la Lazio e lanciò una linea di vestiti, 71, come il minuto in cui ha segnato. Sono stati inscenati funerali goliardici per la Roma dopo quella partita e sono stati affittati aeroplani da tutte e due le tifoserie per far volare striscioni durante le amichevoli pre-campionato con messaggi di insulto.

Nel 2013-14, Garcia “ha rimesso la chiesa al centro del villaggio”, vincendo il suo primo derby nella stagione in cui la Roma ha aperto con un record di 10 vittorie consecutive e, per l’orrore della Lazio, è andata vicinissima alla vittoria dello scudetto.
Anche la scorsa stagione è stata positiva. A gennaio, Francesco Totti ha salvato la Roma da un 2-0 riportandola a un pareggio, 2-2. Non soltanto ha superato Dino da Costa come il miglior marcatore della Roma di tutti i tempi, ma si è anche fatto un selfie per festeggiare uno dei suoi goal, che è stato ritweettato più di 8 milioni di volte.
Poi a maggio arrivò il derby da 40 milioni di euro, valido per la qualificazione automatica alla fase a gironi della Champions League. Lotito l’ha fatta spostare in modo molto controverso a un lunedì per via della finale di Coppa Italia disputata dalla sua squadra il mercoledì precedente.
“La rigiochiamo domani?” si leggeva sulla maglia di Alessandro Florenzi dopo la vittoria della Roma per 2-1, siglata all’ 85° minuto da Mapou Yanga-Mbiwa.
Daniele De Rossi ha festeggiando alzando il dito medio verso i tifosi della Lazio, un gesto per il quale è stato sanzionato solo il mese scorso. Sguazzando nella desolazione della Lazio, anche Totti ha indossato una maglia delle sue. Questa diceva semplicemente: “Game over.”

Perciò, tradizione a parte, c’è molta carne al fuoco. Probabilmente la Roma non disporrà di De Rossi e Florenzi, oltre Totti. Mirelem Pjanic, il loro miglior giocatore della stagione, è squalificato.
Ma la partita non dovrebbe mancare di goal e azione. L’attacco della Roma con Mohamed Salah, Edin Dzeko e Gervinho affronta Felipe Anderson, Miroslav Klose e Antonio Candreva della Lazio e ognuno di loro si metterà in mostra di fronte alle difese traballanti.

La Roma è rimasta a reti inviolate solo in un’occasione questa stagione, mentre la Lazio ha un buco grande come Stefan de Vrij dietro. Solo il Carpi ha concesso più dei 18 goal che ha preso la Lazio quest’anno e Mauricio, in particolare, ne è responsabile. Già in questa stagione è diventato il primo giocatore ad essere espulso in Champions League, Europa League e campionato.

Così spesso evento dell’anno a Roma, stare lontani dal derby sottolinea ancor più la profondità del sentimento degli ultras. Le due squadre sentiranno la loro mancanza. Dopotutto, il calcio senza i tifosi è nulla.

Qui, invece, le parole di Sabatini:
"Non voglio entrare dentro questa cosa, non me ne occupo non perché sono Ponzio Pilato. Con tutto il rispetto che ho verso i nostri tifosi, lavoro per loro prevalentemente, ma il mio pensiero sulla curva si è molto incrinato quando la squadra è stata chiamata sotto e quando i ragazzi sono stati insultati e hanno preso sputacchi. E’ stato il momento più basso della mia esperienza a Roma, ho odiato quel momento, mi sono sentito a disagio e anche in colpa, mai avrei pensato che lavorando, se non con qualità, ma con la quantità tutti i giorni tante ore al giorno. Tutti i giorni, tante ore al giorno, mi ha molto umiliato personalmente, mi sono sentito umiliato ai giocatori, hanno dovuto resistere dalla richiesta di levarsi la maglia. Ha cambiato un po’ la mia psicologia sul rapporto fra tifosi e squadre. È stato il momento più basso da quando sono a Roma, mi sono sentito a disagio, mai avevo immaginato subire una cosa del genere. Mi hanno detto che gli avevano chiesto di togliersi la maglia, hanno cambiato i rapporti".
Ora, Il calcio è eccessivo e siamo d'accordo. Ma la buona fede rimane là dove i tifosi pretendono cuore-orgoglio-dignità, di fronte a milionari discotecari. E anche Sabatini su qualche acquisto ci dovrebbe spiegare molte cose. Mica siamo deficenti.
Intendo dire che a fronte di una squadra che dà tutto, i tifosi la seguono fino alla morte. Se, invece, l'impressione che si dà è che si abbia di fronte bamboccioni viziati presi da figa e champagne e con le gambe molli (ogni riferimento a Roma/Fiorentina è puramente causale), allora le cose cambiano. Sabatini o non Sabatini.

10 novembre 2015: la repressione di Gabrielli ha ottenuto un'ottima visibilità internazionale (grazie David di Norwich!):
UK:
http://www.bbc.co.uk/sport/0/football/34762687
http://www.theguardian.com/football/blog/2015/nov/09/roma-deserted-derby-lazio-ultras-make-point
http://www.theguardian.com/football/2015/nov/08/roma-lazio-derby-serie-a-match-report
http://www.dailymail.co.uk/sport/football/article-3309441/Roma-seal-derby-win-against-Lazio-deserted-stadium-angry-Ultras-stay-away-protest-security-measures.html
http://uk.reuters.com/article/2015/11/08/uk-soccer-italy-idUKKCN0SX0PV20151108
http://www.eurosport.co.uk/football/roma-win-with-controversial-penalty-as-fans-boycott-derby_sto4983993/story.shtml

Stati Uniti:
http://www.foxsports.com/soccer/story/serie-a-results-roma-lazio-napoli-juventus-fiorentina-110815
http://www.bostonherald.com/sports/soccer/2015/11/inter_wins_1_0_at_torino_roma_beats_lazio_2_0_in_derby
http://www.washingtontimes.com/news/2015/nov/8/inter-wins-1-0-at-torino-roma-beats-lazio-2-0-in-d/
http://www.miamiherald.com/sports/article43671525.html
http://www.idahostatesman.com/sports/article43671525.html
http://www.sanluisobispo.com/sports/article43674201.html
http://www.newsobserver.com/sports/article43671525.html
 
Nuova Zelanda:
http://www.nzherald.co.nz/sport/news/article.cfm?c_id=4&objectid=11542150

Sud Africa:
http://www.pressreader.com/south-africa/the-mercury/20151109/281943131765144/TextView

 
Nigeria:
http://www.nigerianbulletin.com/threads/the-derby-without-supporters-roma-lazio-fans-set-for-boycott.139631/


Dalla Germania:
Caro Lorenzo,
BVB-Schalke: solo persone in piedi, vie di fuga invisibili, addirittura sbandieratori in campo ! 
Avrà gradito la visione il nostro prefetto, spettatore attento del calcio internazionale ?
http://video.gazzetta.it/differenza-il-derby-roma-quello-ruhr/f82c90ce-8717-11e5-a262-2135938a2b33
Ciao, S.".


Un ottimo articolo di Simone Meloni (Sportpeople), il migliore sinora:
LA MENZOGNA: UN'ARTE A ROMA CHE TROVA LA SUA MASSIMA ESPRESSIONE
La menzogna è, in fondo, una nobile arte. Nobile perché, se propagata con mestiere, sa deviare, manipolare e mistificare la realtà. Ne abbiamo sentite tante nelle ultime settimane, in questi giorni di avvicinamento al derby della Capitale. Una gara che un tempo era sinonimo dell’evento sportivo più atteso in città, e non solo. La curiosità era quella di vedere le coreografie, di leggere gli striscioni e di assistere alla sfida del tifo. Un qualcosa che ci invidiava tutto il mondo.

Eppure già da qualche anno si era deciso di cambiare registro. Sì perché la morte clinica registrata ieri in Viale dei Gladiatori, non è stata che la rappresentazione dell’ultimo sospiro di una gara già stritolata negli anni da varie forme di repressione. Dal divieto saltuario per gli striscioni, alla tessera del tifoso obbligatoria per accedere nelle due tribune, ai prezzi spropositati per uno stadio decadente e lontano dal campo come l’Olimpico. Passando, ovviamente, per una chiara strategia del terrore che ha sempre caratterizzato il match negli ultimi anni. Un nugolo di voci e chiacchiericci che dalla settimana precedente hanno raccontato indistintamente di guerriglie urbane e incidenti. Anche quando, effettivamente, non avvenivano. Di certo abbiamo un fatto: all’interno dello stadio la situazione è pacificata da diversi anni. Eppure è proprio là che la folle repressione delle istituzioni è andata a far leva in questa stagione.

Come nei migliori stati autoritari, Roma si è svegliata sotto i colpi delle perquisizioni preventive. Non siamo a Berlino Est, dove la Stasi cercava in tutti i modi traditori e antagonisti dello Stato, e neanche nel Cile di Pinochet. Siamo semplicemente in Italia nel 2015. E tutto ciò è preso a cuor leggero. Come se fosse normale. “Due perquisizioni hanno dato esito positivo. Trovati coltelli e fumogeni”, titolano diversi giornale senza batter ciglio. Volendo forse inculcare nella mente del lettore che tutto ciò sia per forza di cose un grave atto delittuoso. Come se nessuno di noi in casa avesse coltelli e come se nessuno di noi a Capodanno abbia sparato un raudo. Inoltre le torce, come i fumogeni, sono liberamente in vendita in tutti i negozi di pirotecnica. Forse ci dimentichiamo di essere il Paese dove migliaia di comuni mettono a bilancio congrue spese per le feste patronali, con spettacolo maestosi di fuochi d’artificio. Dov’è la notizia insomma?

Per una settimana è andato avanti il patetico balletto delle dichiarazioni prefettizie, delle minacce, degli avvertimenti e dei “braccio di ferro che lo Stato vincerà, perché ne va della sua credibilità”. Ci hanno raccontato, questi signori, che nell’Urbe sarebbero sbarcate frotte di tifoserie da tutta Europa per dar vita alla Woodstock della violenza, con scene di guerriglia urbana da controllare in tutta la città. Esattamente quando le due curve avevano annunciato da settimane la propria diserzione. Esattamente qualche giorno dopo le dichiarazioni dello stesso Gabrielli, sconcertato dall’imponente impiego di forze dell’ordine di pubblica autorità in questi eventi, con relativo dispendio di danaro pubblico.

Peccato che la realtà parli di oltre mille agenti a presidiare il nulla, elicotteri a sorvolare un Olimpico vuoto della sua anima e gremito da appena 29.500 spettatori (anni fa neanche un derby amichevole avrebbe registrato simili numeri), blindati di polizia e carabinieri con idranti sfollagente e agenti in borghese disseminati attorno a tutta la zona dello stadio. Senza contare le operazioni di bonifica iniziate ben prima del fischio d’inizio. Tutto questo per cosa? Qualcuno dia conto di tutto il denaro pubblico sperperato mentre la città affonda nell’inedia.

Ma il pugno duro della legge si è mostrato in tutta la sua mascolinità possente agli ingressi. Alcuni volantini che spiegavano le motivazioni della protesta (divulgati dai ragazzi che attraverso la pagina https://www.facebook.com/Salviamolacurvasud/?fref=ts stanno cercando di dar voce alla stessa) e non incitavano in alcun modo alla violenza, sono stati sequestrati. “Questi non possono entrare”. Perché la libertà d’espressione è un bel concetto da portare nelle scuole e nei discorsi filosofici di qualche guru televisivo, ma ben più difficile da rispettare e concedere a tutti. A Roma, almeno in questo ambito, semplicemente non c’è.

Le veline della Questura ci hanno parlato beffardamente di successo. Di derby senza incidenti, con un bilancio di alcuni fermati e qualche diffidato. Le motivazioni? Stato di ebbrezza, un paio di fumogeni accesi e una sciarpa bruciata. Un’Operazione Valchiria a tutti gli effetti. Più o meno con lo stesso esito, mi suol dire. Ma guai a rammentarlo ai nostri generali. Loro hanno vinto a prescindere, imponendo la legalità e il rispetto delle regole. Assiomi con cui si sta giustificando il totale soffocamento di ogni libertà basilare. Se oggi si sequestra un volantino di protesta e si entra a casa di liberi cittadini all’alba, domani cosa si riterrà normale? Prendere le impronte ai neonati e imporre ai bambini delle elementari di scrivere temi elogiando questo piuttosto che quell’altro personaggio politico? Ci avete riempito la testa, alle scuole, con parole tipo “Repubblica, Democrazia, Libertà, Uguaglianza etc etc”, per prepararci a tutto ciò? Lo dico senza problemi: tutti questi eventi che si stanno generando attorno alle tifoserie di Roma e Lazio mi danno un buon motivo per non far crescere mio figlio in questo Paese. Perché la gravità e la naturalezza con cui vengono perpetrati sono un chiaro viatico per comprendere quale sarà il clima dei prossimi anni a queste latitudini.

Non si è trattato soltanto di un assassinio a una partita di calcio storica e tradizionale. Ma si è andati oltre. Si è messo nero su bianco che l’arroganza del potere e tutta la sua prepotenza debbono vincere e averla vinta su tutto e tutti. Manipolando, sporcando e cercando sempre un modo per uscirne puliti. Le numerose interviste a Gabrielli e gli articoli atti a screditare la Curva Sud, guarda caso usciti il sabato prima della partita, nonostante si trattasse di fatti risalenti a un anno fa, sono il chiaro segnale che la protesta dei tifosi (e non solo degli ultras) ha quanto meno colto nel segno. Mettendo a nudo tutta la boria e il senso di prevaricazione di alcuni escretori istituzionali. Ci hanno parlato di pochi violenti. Eppure molti giornali non conformi al finanziamento pubblico (ma anche qualche grande testata, diamo a Cesare quel che è di Cesare), ne hanno parlato appoggiando la scelta dei contestatori. Così come radio e televisioni private. Il problema è che la grandezza e l’imbattibilità di questo sistema sono rese certe dai pilastri che le appoggiano da sempre.

Così non dobbiamo preoccuparci solo del Derby. Ma della nostra dignità e del nostro diritto di essere uomini, se non liberi (ognuno ha un suo concetto di libertà), almeno rispettati e rispettabili. E non colpevoli in principio, venendo additati di far parte di questa o quell’altra categoria ritenuta “spazzatura” da un chiaro disegno sociale.

“Leggi speciali: oggi per gli ultrà, domani per tutta la città”, negli ultimi tempi abbiamo spesso riesumato questo striscione che campeggiava nelle curve italiane una quindicina di anni fa. Eccoci. Ci siamo arrivati. Oggi è “per tutta la città”. Oggi è quel domani di cui si parlava tre lustri or sono tra un battito di tamburo, una sciarpata e una coreografia ben riuscita. Ci hanno spogliato della fantasia, tolto il divertimento dello stadio e incattivito come persone. Uno Stato civile, quale si fregia di essere l’Italia, almeno a detta di alcuni, dovrebbe semplicemente vergognarsi di essere fautore di tutto ciò. E invece se ne vanta e continua imperterrito nel suo ruolo di distruttore spietato. Non ascoltando niente e nessuno. E considerando la sua gente come la peggiore colonia di scarafaggi da schiacciare e sterminare in breve tempo. Ad maiora!

Simone Meloni

9 novembre 2015: da Il Fatto Quotidiano, articolo del direttore Padellaro.
"In quel Cern di cervelli fumanti che è il Viminale di Angelino Alfano, dopo l'avvenuto derby Roma-Lazio, il superprefetto col botto Franco Gabrielli può orgogliosamente rivendicare la scoperta delle "Bomba N" dell'ordine pubblico: quella che cancella le persone e lascia intatti i problemi.

Non è stato un compito semplice ma la ricetta vincente del brillante burocrate si basa su poche ma fulminanti idee. Primo: alimentare un clima di stato d'assedio, come se il problema non fosse limitato a "un numero infinitesimale" (parole sue) di agitatori travestiti da tifosi, ma sulla Capitale stessero invece per calare le orde sanguinarie dello stato islamico. Secondo: mettere in riga l'informazione di terra, di cielo e di mare diffondendo attra-verso plotoni di microfoni allineati e coperti un semplice concetto: l'emergenza è grave, anzi gravissima, ma, tranquilli, il dream-prefetto vigila insonne sulla sicurezza dei cittadini. Terzo: schierare intorno allo Stadio Olimpico, migliaia tra poliziotti, carabinieri, finanzieri, vigili urbani, pompieri, artificieri, sommozzatori, guardie cinofile e campestri, insomma la più grande e munita armata dai tempi dello sbarco in Normandia.

Ma, statene certi, neppure il generale Eisenhower avrebbe potuto raccoglierei risultati ottenuti dal prefettissimo. I quartieri intorno all'Olimpico sono stati espugnati strada per strada ottenendo la totale desertificazione dell'area. All'interno dello stadio solo poche migliaia di spettatori (individui, probabilmente, senza fissa dimora) minuziosamente filtrati, perquisiti e controllati onde evitare che fossero introdotti nell'impianto militarizzato, pericolosi corpi contundenti come bicchieri di carta e stelle filanti. Mentre sugli spalti, corpi speciali opportunamente mimetizzati vigilavano per impedire il levarsi di cori territorialmente discriminatori, e infatti l'incontro si è opportunamente svolto in un religioso silenzio.

La descrizione fatta è solo apparentemente ironica. Ieri, per la prima volta da quando a Roma è nato il calcio, un evento di enorme impatto popolare, il Derby della Capitale, è stato trasformato nella morte del calcio. Poco male, si dirà, di fronte ai problemi ben più
gravi che deve affrontare il paese, ma è appunto pensando a questi più gravi problemi che vengono i brividi. Dall'inizio del campionato, come molti sanno, è in atto lo sciopero delle curve di Roma e Lazio dopo la creazione, su ordine prefettizio, all'interno delle curve stesse di barriere metalliche che, tra l'altro, hanno tolto il posto a numerosi tifosi che avevano già pagato l'abbonamento. Nella protesta, fino ad oggi, silenziosa dei gruppi organizzati c'è sicuramente della pretestuosità. Ma che la prefettura non abbia mosso un dito per evitare l'incancrenirsi della cosa, è sotto gli occhi di tutti. Per esempio: se nelle due tifoserie i sobillatori maleintenzionati sono, come sostiene l'autorità, poche decine, tutti peraltro noti alle forze dell'ordine, perché non si è provveduto a fermarli in tempo, visto che lo strumento del Daspo a questo serve? E invece assistiamo a un'esibizione muscolare che, non sappiamo quanto inconsapevole, serve a portare acqua solo a chi vuole trasformare i tifosi, in fuga dagli stadi, in clienti delle tv a pagamento. A Roma la politica è ridotta male assai, ma la gestione della cosa pubblica (e delle passioni ad essa connesse) è troppo importante per lasciarla nelle mani di qualche burocrate desideroso solo di farsi bello".




Roma Club São Paulo


Simone Meloni su "Superscommesse.it":
"Io non c’ero. Per scelta. E nonostante questo ho sofferto. In maniera incredibile. Ho sofferto perché saltare il derby è un qualcosa di innaturale e perché la mia città è stata cinta ingiustamente d’assedio. Bombardata per una settimana da bugie, notizie inventate e minacce continue e mirate da parte di alcuni esponenti delle istituzioni. Ma quello che succede a Roma è ritenuto normale dal resto del Paese? Oppure sono le prove generali per una repressione poliziesca che ha in programma di espandersi anche oltre il Grande Raccordo Anulare a breve giro di quadrante?
Uno stadio deserto, per pochi intimi. 29.500 spettatori, il minimo storico per una stracittadina. Eppure ci hanno voluto far credere alla calata dei lanzichenecchi, all’arrivo di plotoni d’esecuzione provenienti da ogni parte d’Europa per ingrossare le fila degli eserciti-ultras capitolini che avrebbero dovuto fronteggiarsi in una Waterloo nostrana, possibilmente su Ponte Duca D’Aosta. La mistificazione mischiata alla repressione più bieca. Quella che ha fatto sottrarre volantini che spiegavano la protesta in maniera pacifica, come avviene nei più accreditati regimi del mondo. In Italia ci si riempie troppo spesso la bocca per denigrare chi oltre le Alpi, a nostro dire, si tinge di crimini contro l’umanità o inibizioni dei più basilari diritti della persona. Ma se quello che è avvenuto a Roma, perquisizioni preventive all’alba incluse, non è un segnale di grave sospensione dei diritti, per cosa vogliamo scandalizzarci?

Il calcio ha funzionato e funge tutt’oggi da laboratorio sociale. Prendete i tornelli e le barriere, sperimentate in prima battuta proprio in occasione di eventi sportivi ed esportati poi in vari campi della vita di tutti i giorni. Oppure il famoso Daspo, il divieto di partecipare alle manifestazioni sportive (del tutto anticostituzionale in Italia, perché emesso dalla polizia anziché da un giudice, privando quindi l’imputato di un contradditorio, che spesso, ad anni di distanza dal termine della sanzione stessa, decreta l’innocenza dello stesso), che lentamente vorrebbe prendere piede anche durante le manifestazioni di piazza.

Il fatto che oggi inquieta, più di ogni altra cosa, sono le veline della Questura supportate da alcune esimie fonti editoriali. Si parla di successo sotto il profilo dell’ordine pubblico. Di assenza, dopo tanti anni, di cronaca nera a margine del derby. E’ un qualcosa di raccapricciante, almeno personalmente. Dove sta il successo di uno Stato che per dimostrare tutta la sua forza ha desertificato un evento di prim’ordine della città vietando tutto il vietabile e tenendo un atteggiamento da vero e proprio despota? Come si può parlare di successo in assenza della maggior parte del pubblico? E’ ovvio. Se domani copriamo di bombe nucleari il Medio Oriente, non ci sarà più la questione palestinese. Se mettiamo i picchetti all’Autostrada del Sole, non ci saranno più stragi dovute a incidenti automobilistici. E me lo chiamate successo?
 
Uno Stato non è forte quando è autoritario, bensì quando riesce autorevolmente a far rispettare le regole non imponendo divieti e limitazioni con la violenta repressione del caso. Il successo è far giocare Roma-Lazio a porte aperte per tutti, senza divieti, senza tessere del tifoso, con le coreografie e senza incidenti. Ci riuscite? Ci volete provare? Volete essere una volta tanto, da 150 anni a questa parte, credibili agli occhi dei cittadini? La risposta è palesemente negativa. Perché fa comodo riempire giornali, televisioni e radio con continui annunci sulla sicurezza, sull’ordine pubblico e sulla sua gestione. Far credere che si viva costantemente in una situazione di tensione. Quando basterebbe agire nella normalità delle cose e gestire gli eventi come si fa in buona parte del mondo civilizzato. E come si saprebbe fare anche qua.

Per ora fatevi belli con il silenzio dell’Olimpico. La vostra vittoria. Il vostro fiore all’occhiello. Il vostro vanto. E’ comunque un successo destinato ad implodere. Come tutti i successi derivanti da forme coatte di ottenimento. Il problema fondamentale è che l’Italia resta il Paese del Gattopardo, dove “se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”. Ed è proprio questa nulla speranza nel cambiamento e nell’evoluzione di un posto incastrato nelle proprio contraddizioni e nella propria mentalità feudale che ucciderà le generazioni future. E non solo il Derby di Roma"
.

Repressione:
"Ciao Lorenzo, premesso che non sono entrato e ho visto la partita in tv, a fine derby mi sembra di aver visto una cosa molto strana...sky ha inquadrato biglia mentre rispondeva ai laziali del distinto che non poteva andare sotto il settore. dal labiale mi è sembrato di capire "mi hanno detto che non possiamo venire". Vorrei sapere se qualcuno ha notato la stessa cosa... se cosi' fosse purtroppo è pienamente in linea con lo schifo che stanno facendo!
Daniele
FORZA ROMA"
.
Ottima figura, intanto, sul piano internazionale:



http://www.espnfc.com/italian-serie-a/12/blog/post/2701454


Clicca per l'articolo
Un interessante pezzo scritto per South Farm: la libertà è pericolosa:
https://matteomontisf.wordpress.com/2015/11/06/south-farm-la-liberta-e-pericolosa/?fb_action_ids=609191052552188&fb_action_types=news.publishes&fb_source=og_snowlift_photo_robotext


8 novembre 2015: in costruzione la pagina di Roma/Lazio, il derby di Gabrielli. Nella storia, verrà ricordato per questo.


6 novembre 2015 (pomeriggio): sono le 15.00, il tempo delle chiacchiere è finito. La vittoria prefettizia in questo derby sarebbe un qualche disordine, la vittoria dei tifosi della Roma è la diserzione per quello che ci hanno tolto.
Come diceva qualcuno a noi caro....:
"QUESTA E' L'ORA DE MOSTRA' QUANTO VALEMO"
Dal valore dei Romanisti, dipende la loro sorte. Sempre daje Roma daje.

6 novembre 2015: le ultime mail...
La prima di Fabio:
"Sono un tifoso della Curva Sud che sta aderendo alla protesta, non entrando da Roma-Barcellona, pur avendo entrambi gli abbonamenti. Ho appena letto il seguente articolo su Repubblica,  Roma, allarme hooligans nel derby blindato: mille poliziotti fuori dall'Olimpico
che con il giornalista di turno cerca di soffiare sul fuoco, di questo derby che sperò sarà il piu' triste della storia -soffro solo a scrivere queste ultime parole. Comunque, io non faccio parte di nessun gruppo pur aderendo a molti degli ideali ultra' rispetto al tifo, ma vorrei sottoporre la questione-proposta a chi legge il tuo sito (so che chi fa i comunicati sa molte cose piu' di me e io cedo sempre la parola a chi ci sta dentro piu' di me) se non sarebbe meglio far partire una nota preventiva nella quale ci sia scritta: la Curva Sud non sarà presente ne' fuori ne' dentro lo stadio e qualunque situazione si potrebbe creare non sarà ascrivibile alla curva sud.
saluti forza roma sempre"
.

La seconda inviata alla Roma da Stefano:
"Buongiorno, dopo gli evidenti elementi che comprovano la mancata presa di posizione a favore dei tifosi di Curva Sud da parte della A.S.Roma vi espongo quanto segue:
Dopo 45 anni di stadio siete riusciti col vostro comportamento ad allontanarmi da cio' che ho sempre difeso e sostenuto 365 gg.l'anno.
Se il prefetto / sindaco o vice papa che dir si voglia sig. Gabrielli vi avesse negato l'uso dello stadio nelle partite casalinghe voi potevate (forti di almeno 10,000 abbonamenti gia' sottoscritti) chiedere tranquillamente di non giocare a Roma e voglio vedere se il signore in questione ci avrebbe autorizzato o meno a spostarci in campo neutro.......
La verita' e' che vi ha fatto comodo tentare di sbarazzarvi di chi vi ha sempre sostenuto economicamente e non e siete riusciti a diventare come se non peggio del sig. Lotito.
Io personalmente vi ho dato 715,00 euro e di questi tempi pesa poiché ho due abbonamenti di Sud per il campionato e 2 mini per la Champions, mio figlio si chiama Valerio in onore di Spadoni che voi sicuramente neanche conoscete.
Stando a casa per non venir minacciato di daspo o multato se mi voglio vedere la partita accanto ad un'amico che magari e' tanto tempo che non vedo mi sento ancora piu' orgoglioso e romanista di voi che non ci avete mai difeso e ripenso ancora e rivendico anche le sconfitte e tutte le notti insonni alla guida magari tornando da Milano o da altre citta' in Italia ed Europa sempre fiero di essere stato accanto alla mia Roma e pronto a ripartire magari anche bisticciando con la mia famiglia.
Ieri in occasione dei commenti post Leverkusen ho sentito che anche Sabatini e Garcia si lamentano dello stadio un po' ....freddino ma nessuno ha il coraggio di dire il perché, dimenticavo nessuno tranne un certo Daniele De Rossi che oltre ad essere un gran giocatore e' sicuramente un grand'uomo.
Fiero di restare fuori e orgogliosamente libero e romanista"
.
La seconda:
"Ho firmato.. ma non riesco ad essere d’accordo con questa protesta fino in fondo.
Civiltà ed educazione certo…  Ma siamo tifosi della Roma, ultrà, ultras, fate voi, io mi ritengo ancora un ultrà e questo vuol dire che si tifa la Roma, oltre tutto e tutti, perché è amore, non politica non soldi non profitto non trenta denari ma SOLO AMORE…
Chi antepone altro alla Roma non è un ultrà e non ama la Roma davvero, non è obbligatorio esserlo ma tant’è, bisogna essere precisi ed onesti, almeno intellettualmente.
Il derby dopo quello di Paparelli ci fu la repressione dura, ci tolsero tutto ma eravamo là, a tifare, solo con le mani e la voce, bastava, la curva fu discretamente piena anche quella volta e la repressione pian piano scemò.
Mi correva l’obbligo di ricordarlo a me stesso ancora una volta più che ad altri, poco interessati.
Perché le decisioni repressive fanno parte della storia di questo paese, servire sempre il ricco anche, fare i forti solo con i deboli pure e proprio per questo bisogna essere forti, essere ultrà, non borghesi lamentosi e bottegai come loro ma ultrà.
Chiedo ancora scusa se ho disturbato.
Qualcuno se lo ricorda ancora quel bandierone giallorosso con la U gigantesca? Forse in questo sito da qualche parte si trova ancora, di questo sempre grazie avvocato.
Ma la A.S. Roma è anche mia.
E ci vuole ben più di gabrielli o pallotta o cerchiobottisti di varie leghe a farmela dimenticare.
Vi saluto, rivoglio anche i tamburi in curva…  La Roma ancora mi fa delirare..
Ma io ero un Ultrà.
E si rinuncia a qualcosa per essere qualcuno"
.
Qui il problema, caro Giuseppe, è che i ragazzi hanno già rinunciato a troppo. E nessuno dimentica la Roma, visto che è seguita in modo massiccio in trasferta. Dopo Paparelli tolsero tamburi e striscioni, ci furono perquisizioni ferree e forte repressione, ma qui non è morto nessuno all'Olimpico e sono anni che ci stanno sfragagnando con le loro norme assurde. Ricordo quel bandierone stupendo con la "U", ma quel bandierone con le norme di oggi non lo avrebbero fatto entrare.
Poi:
"Davvero non riesco a passare sopra a tutte queste falsità che si dicono Ho 25 anni di stadio alle spalle ho 39 anni E mai e dico mai ho raggiunto questo limite di non sopportazione!!
Caro prefetto io (e parlo per me) non devo dimostrare niente a nessuno Non devo dimostrare come si è tifoso soprattutto.
Bensì Siete voi che invece pagati dai cittadini che dovete far vedere a noi come fate il vostro mestiere A me non interessa se la colpa è della società o no Il mio problema di tifoso è iniziato già anni fa..
Tanto per iniziare si parcheggia la macchina km dall impianto( ho trovato tre volte i vetri spaccati causa nomadi..ma i 1700 agenti dove erano?) Anni dopo anni sempre più difficile andare allo stadio ,Causa biglietti nominali e varie tessere inventate non si sa ancora il motivo Ore in fila per entrare al pre filtraggio e poi finalmente nello stadio Per amore della Roma alla fine si passa sopra a tutto Ma il vaso cominciava ad essere colmo.
Ora per me sempre e solo per me la goccia è traboccata con la vetrata divisoria..con i nastri ai muretti per non farci appoggiare..con le multe e diffide per le peggio stronzate che vi siete inventati Qualcuno mi potrà spiegare perché un ragazzo deve essere daspato per un fumogeno acceso?
Perché ?
Allora io sono  d accordo e solidale con là sud che non bisogna entrare finché tutto ciò avviene Questo gioco non mi piace più e sono libero di non entrare caro prefetto Quindi non faccia appelli ma usi il buon senso.
Avrà anche un "curriculum" della  sua bella carriera ma credo non abbia mai messo piede in uno stadio La delinquenza non la vogliamo né in sud ne a Roma né in Italia..ma le sue norme non C entrano niente con quello che ci vuole far credere E non capisco chi ancora entra..
Non si sta facendo una protesta violenta nella quale magari qualche ragazzo non vuole giustamente partecipare e non lo avrei fatto nemmeno io.
Si sta protestando per i nostri diritti di tifosi in modo civile.se abbassiamo la testa ora dovremmo farlo per sempre Ho visto troppa gente in sud contro il Bayer leverkusen quindi devo capire che a loro tutto ciò sta bene ?
Siamo rimasti in pochi ad amare ancora il nostro vecchio calcio?
Ciao Lorenzo Avanti sud Domenico"
.
Altra mail dedicata a chi vuole importare il sistema di tifo europeo in uno stadio da terzo mondo:
"Buongiorno Lorenzo,
ti scrivo giusto per inoltrarti una foto dalla quale si evince la visibilità imbarazzante del campo di cui ho goduto dal posto 8 della fila 47 del settore 46 AD della curva nord.  40 euri... Inutile parlare dei controlli pre tornelli sempre più numerosi e fastidiosi. Ho ceduto solo perché me lo ha regalato un caro amico per il compleanno,  ma questo stadio a chi come me ha più di 15 anni di Sud alle spalle, non dice più nulla.  Forza Roma e viva la Curva Sud. Grazie un abbraccio Federico".
 

L'articolo di Simone Meloni "Derby Roma Lazio, quella partita a cui volontariamente non andrò":
http://news.superscommesse.it/calcio/2015/11/derby-roma-lazio-quella-partita-a-cui-volontariamente-non-andro-109812/

sono