VII Giornata
ROMA - LAZIO 3-1
Roma, Stadio Olimpico
sabato, 29 settembre 2018

ore 15.00

invia una e-mail per i resoconti
 
Tifo Roma:
Spettacolare la Curva Sud questo pomeriggio. decine e decine di bandiere con i colori sociali sventolavano mentre una frase diceva tutto: "giallorossa al ciel s'innalza... è lei che fa la storia".
Tifo ottimo per tutta la partita e meritatissima la gioia dei tre punti.
i se
Tabellino partita:
ROMA (4-2-3-1): Olsen; Santon, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi (29' st Cristante), N'Zonzi; Florenzi (38' st Juan Jesus), Pastore (37' pt Lo. Pellegrini), El Shaarawy; Dzeko.
A disposizione: Kluivert, Zaniolo, Fuzato, Under, Mirante, Marcano, Karsdorp, Schick, Lu. Pellegrini.
Allenatore: Di Francesco

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Caceres; Marusic, Parolo (9' st Badelj), Lucas Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic (37' st Caicedo); Luis Alberto (9' st Correa); Immobile.
A disposizione: Guerrieri, Cataldi, Wallace, Proto, Berisha, Durmisi, Murgia, Patric, Bastos.
Allenatore: Inzaghi

ARBITRO: Rocchi di Firenze
MARCATORI: 45' Lo. Pellegrini, 67' Immobile, 71' Kolarov, 86' Fazio
NOTE: Ammoniti: Olsen, Dzeko, Pellegrini (r), Badelj (L). Recupero: 3' e 4'. Calci d'angolo: 7 a 6 per la Lazio

Tifo Ospiti:



FOTOTIFO


PAGINA 2








































































Altre siti che pubblicano foto di ogni partita in casa:
http://www.lamiaroma.org
http://www.laroma.net


VIDEOTIFO
 
Curva Sud
Curva Sud dal campo
Dentro la Sud all'inizio

Curva Sud dal campo 2



  La coreografia
 

FOTOCALCIO




















VIDEOCALCIO

Gol di Kolarov dalla Monte Mario
Gol di Kolarov dalla Curva Sud
Lo. Pellegrini
Kolarov Fazio Il servizio


     

LUIGI
Curva sud in vecchio stile,imbandierata e colorata con in basso lo striscione "Giallorossa al ciel s'innalza...è lei che fa la storia!! ",sempre idee diverse non autorizzate.Gran tifo per tutta la partita,a parte un calo di 10-15 minuti nel primo tempo,secondo me a "causa" dei  bandieroni che creavano una sorta di barriera con i ragazzi in basso.Spettacolare il coro "quando al ciel..." mentre per il nuovo "Roma da capogiro" viene meglio in trasferta.Un paio di striscioni dal settore Nel nome di Roma a contornare il tutto!La storia insegna!!
Viva la Roma

FRANCESCO
“Non smetterò mai di lottar per questa maglia storica, il passato non si dimentica”, e battiamo le mani alla Curva Sud che nel derby ritrova una forma esaltante ed un entusiasmo d’altri tempi.
L’avvicinamento allo stadio è diverso da tutte le altre partite,in strada incontri anche loro e non vedi l’ora di non vederli più.
La coreografia non lascia spazio sopra è tutto giallorosso e la dedica è azzeccata.
L’unica pecca di giornata sono i posti lasciati nuovamente vuoti per le norme di sicurezza, creano buchi che invece potrebbero essere pieni di voce; è forse per le stesse che i giocatori della A.S Roma a fine gara non vengono a ringraziare? (i calciatori della lazio al gol corrono sotto la Nord)
Esultanze sentite veramente, alla seconda e alla terza rete ho perso rispettivamente un polso e un paio d’occhiali.
C’è più coordinazione del solito, ritornano dei megafoni (finalmente)anche se ancora troppo pochi per far uniformare l’INTERO tifo.
Nei momenti in cui tutti i gruppi cantano in sintonia si sentono i seggiolini vibrare, è spettacolare.
La Nord ( in realtà quasi piena già dall’inizio), non si sente mai in lontananza.
A Ponte della musica a fine partita si sente un bombone, nulla di che.
Il traffico del ritorno è piacevolissimo, soprattutto quando incontriamo un laziale per strada che ha bucato, poi dici l’ironia.

È LEI CHE FA LA STORIA !!!


I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA























corrieredellosport.it
Roma-Lazio 3-1: tacco di Pellegrini, Immobile, Kolarov e Fazio
Il derby si colora di giallorosso: una giocata del centrocampista - in campo per Pastore infortunato - sblocca il match, nella ripresa il pari rapace del bomber biancoceleste prima della punizione decisiva del serbo


 Vladimiro Cotugno

sabato 29 settembre 2018 16:50

ROMA - L'aveva fatto suo con eleganza, se lo stava facendo sfuggire per sciatteria, se lo è ripreso con la cattiveria e con la rabbia che Di Francesco tanto cercava: la Roma si prende il derby e fa il pieno di tutta quell'autostima persa nella confusione umana e tattica di queste prime giornate, scoprendo quasi per caso un Pellegrini decisivo da trequartista, mezz'ala e rifinitore, vero protagonista di questa vittoria. Il 3-1 porta infatti anche la sua firma, la prima, poi quella del pari tanto rapace quanto illusorio di Immobile e infine quelle decisive delle frustate di sinistro di Kolarov e di testa di Fazio, a farsi perdonare la follia che aveva regalato il pareggio ad una Lazio che esce sconfitta e delusa dall'Olimpico.

LULIC SFONDA A SINISTRA - Un tiro di Immobile messo in angolo da De Rossi apre la sfida. Propositiva la Roma, che trova Luiz Felipe a chiudere El Shaarawy, di rimessa la Lazio: Milinkovic-Savic bravo a trovare Lulic tra le linee, Santon poi ferma il tiro di Luis Alberto. Una veronica di El Shaarawy e un tacco al volo di Parolo i ricami di un derby che lentamente si svela: il piano di Inzaghi è sfondare a sinistra, SMS e Luis Alberto vanno a fare densità proprio in quella zona, creando superiorità e permettendo a Lulic di infilarsi più volte. Da uno dei palloni del bosniaco arriva la conclusione di Marusic e in sequenza, dopo l'angolo, il tentativo successivo di Immobile che Santon di schiena mette sopra la traversa.

STRAKOSHA-LUIZ FELIPE DECISIVI - Dopo i fischi dell'Olimpico a Rocchi, reo di aver chiamato un fuorigioco su una rimessa laterale, l'equilibrio del derby vacilla: Luis Alberto servito da Marusic non trova il tempo di tirare a due metri da Olsen, sulla ripartenza Dzeko salta elegante Acerbi in velocità ma si vede respingere la conclusione da Strakosha. E' di nuovo il momento della Roma: il portiere albanese salva ancora il risultato su Pastore, Luiz Felipe è decisivo quando toglie dai piedi di Florenzi il pallone a pochi metri dalla porta, dall'angolo De Rossi non riesce a ribadire in porta la torre di Nzonzi. Lazio in affanno, El Shaarawy fallisce il controllo solo davanti al portiere e la grazia. 

PASTORE KO, PELLEGRINI IL TACCO CHE NON TI ASPETTI - Nel momento migliore della Roma il polpaccio sinistro ferma Pastore, costretto a salutare dopo 36': al suo posto Di Francesco decide di inserire Pellegrini, una scelta forzata ma che risulterà decisiva. Solo nove minuti dopo infatti arriva il gol che sblocca la partita: torre di Dzeko, El Shaarawy combatte con Luiz Felipe che tocca scomposto il pallone mandando a vuoto Strakosha, Caceres completa la frittata sbagliando il rinvio e il neoentrato firma il derby con classe, mandando in porta il pallone col tacco e la Roma in vantaggio all'intervallo.

FOLLIA FAZIO, IMMOBILE SPIETATO - Inzaghi cambia dopo otto minuti della ripresa: fuori Luis Alberto e Parolo, entrano Badelj e Correa con Milinkovic-Savic ad aumentare la pressione offensiva. Olsen blocca a terra il tentativo di Immobile, dall'altra parte Dzeko appare nervoso - sarà anche ammonito - e meno in partita rispetto al primo tempo. Florenzi si accende sulla fascia con grandi giocate, la Roma tiene in mano la partita ma se la fa sfuggire incredibilmente al 67': Fazio, senza pressione, commette due errori in serie tra controllo e spazzata e Immobile è un falco a fiondarsi sulla sfera, farla sua e infilare spietato il quarto gol in campionato alle spalle di Olsen.

KOLAROV, UN SILURO PER IL 2-1 - Il pareggio però dura poco, qualche minuto: Pellegrini viene abbattuto da Badelj un attimo prima di entrare in area, sulla palla va Kolarov che decide per il siluro di potenza, sul palo di uno Strakosha mal piazzato e battuto per il nuovo vantaggio romanista. Inzaghi cambia ancora per scelta - Caicedo per Lulic - Di Francesco per necessità: De Rossi, acciaccato, lascia il posto a Cristante (DiFra col centrocampo a 3), poi è Florenzi a lasciare la fascia di capitano a Dzeko per far entrare Juan Jesus.

FAZIO, UN GOL PER FARSI PERDONARE - Il finale di marca Lazio è un assalto confuso, con un tiro di SMS da fuori area e qualche pallone in area senza pretese, quello della Roma è invece molto più cinico: Kolarov sfiora la doppietta, con Strakosha stavolta reattivo, ma il portiere laziale non può nulla sullo stacco imperiale di Fazio servito al meglio da una punizione ancora di Pellegrini. E' il 3-1, il tris definitivo, è la gioia del gigante argentino che scioglie nell'abbraccio dei suoi compagni il sollievo più dolce per l'errore precedente che poteva costare un derby intero.

Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me