LO STADIO OLIMPICO

Ideato nel 1927 e originariamente noto come Stadio dei Cipressi, nacque su progetto di Enrico Del Debbio per poi essere ripreso nel 1937 da Luigi Moretti e usato come quinta scenica dei giochi del periodo fascista; abbandonato durante la guerra e usato come autoparco dalle truppe alleate, nel 1949 ne fu deciso dal CONI, suo proprietario, il completamento a cura di Annibale Vitellozzi, che lo ultimò nel 1953; all'epoca noto come Stadio dei Centomila per via della capienza che si aggirava intorno ai 100 000 posti, fu ribattezzato Stadio Olimpico dopo l'assegnazione a Roma dei Giochi della XVII Olimpiade del 1960.
L'ultimo riassetto è stato effettuato per i mondiali di calcio del 1990.
Attualmente lo Stadio è in grado di accogliere 82.656 posti a sedere, così suddivisi (dopo la ristrutturazione del 2007/08):

Tribuna Monte Mario     14.266     Include l'area d'onore così composta:

    Tribuna d'Onore Centrale (Centrale Sinistra - Centrale - Centrale Destra);
    Tribuna d'Onore Laterale (Laterale Sinistra - Laterale Destra);
    Tribuna Autorità (Autorità Sinistra - Autorità Centrale - Autorità Destra);
    Tribuna Autorità CONI (5 file di poltrone colorate di blu, rosso, giallo, verde e nero);
    Palchi (Centrali e Laterali);
    Superpalchi.

Inoltre, sono presenti due aree ospitalità ("Corporate" e "Piazza Italia"). Le poltrone di tribuna autorità e autorità CONI sono riscaldate elettronicamente e godono di schermo LCD touch screen con diretta TV della partita.
Tribuna Tevere     16.527     Divisa in "Tribuna Tevere" e "Tribuna Tevere TOP"
Distinti Nord Est     5.636    
Distinti Nord Ovest     5 597     Settore ospiti per le partite casalinghe della Roma
Distinti Sud Ovest     5.765     Settore ospiti per le partite casalinghe della Lazio
Distinti Sud Est     5 702    
Curva Nord     7.500     Settore principale del tifo organizzato della Lazio
Curva Sud     7.500     Settore principale del tifo organizzato della Roma
Tribuna Stampa     553    
Totale     70.634    

L'impianto è stato realizzato con particolare attenzione allo svolgimento delle attività legate al calcio e all'atletica leggera. Qui infatti si svolgono oltre che le gare di campionato della Lega calcio e le partite della nazionale, anche importanti manifestazioni come il " Golden Gala " di atletica leggera. All'interno della struttura ci sono gli uffici della Direzione e del CONI che coordinano le attività collegate al funzionamento dell'impianto. Al di sotto di ciascuna delle due curve sono collocate 2 palestre dotate di attrezzature per atleti portatori di handicap. Al piano terra sono ubicati magazzini e quattro bar, due per curva, e i servizi igienici pubblici. Al primo piano c'è un pronto soccorso; l'altra metà del primo piano e tutto il piano superiore sono occupati da uffici.
La Tribuna Monte Mario è invece strutturata secondo la seguente tipologia: nel seminterrato c'è un parcheggio di 40 vetture, per lo più utilizzato per le vetture delle autorità presenti alle manifestazione sportive. Nel piano terra è posta la sala d'onore, gli spogliatoi per i calciatori e i locali tecnici. Al primo piano è situata la sala stampa dotata di tutti i mezzi necessari comprese le attrezzature per le riprese televisive. Al secondo e terzo piano c'è il pronto soccorso per il pubblico, il bar e i servizi di controllo delle uscite. Nella Tribuna Tevere oltre alle infrastrutture pubbliche come bar e pronto soccorso ci sono 130 posti per disabili situati al livello dell'ingressso. Le uscite dell'impianto sono a più livelli nelle tribune, mentre nelle curve sono poste a un livello intermedio. La copertura parziale dell'impianto riguarda soltanto lo spazio relativo agli spettatori; essa è stata realizzata in PTFE politetrafluoroetilene con rete in fibra di vetro. L'impianto di illuminazione è adeguato agli standards internazionali sia per l'atletica che per le gare di calcio. All'interno dello stadio sono inoltre installati sistemi di sicurezza a circuito chiuso per il monitoraggio del servizio antincendio e per il controllo della struttura di copertura, nonchè un impianto di amplificazione sonora. I due tabelloni videomatriciali a colori consentono di seguire gli avvenimenti anche in video all'interno dello Stadio. 


 Dimensioni: 68 mt. per 105 mt.
La curva sud, seggiolino per seggiolino
Capienza settori della Curva Sud prima della ristrutturazione del 2007/08 dovuta al Pre effetto Serra:
H = 1470 spettatori (42 file)
O = 1386 spettatori (42 file)
G = 1386 spettatori (42 file)
F = 693 spettatori (42 file)
P = 693 spettatori (42 file)
A = 345 spettatori
N = 345 spettatori
B = 638 spettatori
M = 638 spettatori
C = 817 spettatori
L = 817 spettatori
D = 314 spettatori
I = 314 spettatori

COME ARRIVARE


In treno:
Dalla Stazione Termini (6 km di distanza):
Prendere la Metropolitana A direzione Ottaviano e scendere al capolinea; da qui prendere l'autobus N° 32 e scendere alla fermata Piazzale della Farnesina.
Oppure 
Prendere la Metropolitana A direzione Ottaviano e scendere alla fermata Flaminio; da qui prendere il tram N° 225 e scendere al capolinea: Piazza Mancini.
Dalla Stazione Tiburtina:
Prendere la Metropolitana B direzione Laurentina fino alla fermata di Termini. Qui effettuare il cambio di linea con la Metropolitana A direzione Ottaviano e seguire le indicazioni precedenti.
Dalla Stazione Ostiense:
Prendere la Metropolitana B (a Piramide) direzione Rebibbia fino alla fermata di Termini. Qui effettuare il cambio di linea con la Metropolitana A direzione Ottaviano e seguire le indicazioni precedenti.
- Distanza: 6 km - 20 minuti

In aereo:
Dall'Aeroporto Leonardo da Vinci - Fiumicino
(40 km di distanza):
Prendere i treni per Termini, Ostiense, Tiburtina. E da qui seguire le indicazioni precedenti.
Oppure 
Con l'automobile prendere l'Autostrada per Fiumicino e seguire le indicazioni precedenti.
- Distanza: 40 km - 60 minuti

In macchina:
Arrivando da Milano, Firenze, Bologna (Autostrada A1):
Uscire sul G.R.A. direzione Flaminia, prendere l'uscita N° 5 (Flaminia), quindi seguire le indicazioni per lo stadio (Foro Italico).
Arrivando da Pescara, l'Aquila (Autostrada A24):
Uscire sul G.R.A. direzione autostrada Roma-Firenze (A1), prendere l'uscita N° 5 (Flaminia), quindi seguire le indicazioni per lo stadio (Foro Italico).
Arrivando da Napoli (Autostrada A2):
Uscire sul G.R.A direzione autostrada Roma-Firenze (A1), prendere l'uscita N° 5 (Flaminia), quindi seguire le indicazioni per lo stadio (Foro Italico).
Arrivando da Fiumicino - Aeroporto "Leonardo da Vinci" - (Autostrada per Fiumicino):
Uscire sul G.R.A. direzione Cassia-Flaminia, prendere l'uscita N° 5 (Flaminia), quindi seguire le indicazioni per lo stadio (Foro Italico).
- Distanza: 10 km - 35 minuti 
Clicca per vedere
                    meglio
Clicca per vedere
                    meglio


1928: Progetti di Costruzione




1938: Lavori di costruzione di quello che all'epoca si chiamava "Stadio dei Cipressi"






















 
 


Prima della ristrutturazione 
per i mondiali del 1990





L'area del Foro
                  Italico nel 1959/60
Stadio
                  Olimpico, 1920 (grazie Artefatti)
1958/59
1983/84
1983/84
Prima della
                  costruzione
Inaugurazione
Inaugurazione
Inaugurazione
Inaugurazione

1952

1952

1938






Progetto di Stadio per sostenere la candidatura ai giochi olimpici del 1940 da
Il Messaggero del 17/01/1935



1949


1949

1951

1951

1953

1953

Lo Stadio Olimpico: come era e com'è
(Rosso & Giallo, novembre 1999)
di Stefano Boldrini
È stato la fabbrica di San Pietro dell'Era moderna: dovevano ristrutturarlo al costo di 80 miliardi, alla fine i costi sono stati triplicati: 233. Il marchio di mangiasoldi è nei cromosomi: la manutenzione mensile assorbe 1 miliarduccio al mese. Ha, questo sì, la copertura più grande del mondo, tutta in teflon, 42 mila metri di tensostruttura con uno sbalzo di quasi settanta metri, che i progettisti copiarono da un modello dell'aeroporto di Abu Dhabi: salvo poi scoprire che la storia della copertura degli stadi fu un'invenzione italiana per aumentare il business delle imprese. Il progetto per il rifacimento fu presentato il 10 aprile 1987 e, secondo le previsioni, doveva essere completato entro il 31 maggio 1988: in realtà, fu ultimato quando le squadre stavano per scendere in campo nella prima partita dei Mondiali di Italia '90, quelli delle notti magiche che divennero tragiche quando gli azzurri furono battuti in semifinale, ai rigori, dall'Argentina.
Stadio Olimpico, naturalmente. Ha 46 anni e gli hanno rifatto il look nemmeno come la più siliconata delle siliconate. È nato il 17 maggio 1943, era una domenica, e l'Italia per la festa organizzò un'amichevole con la grande Ungheria. Un laziale (il portiere Sentimenti IV) e cinque romanisti (Bortoletto, Grosso, Venturi, Pandolfini e Galli) in omaggio alla diplomazia: davanti a ottantamila spettatori, vinsero 3-0 i magiari, doppietta del colonnello Puskas e gol di Hidegkuti, quello che inventò la variante del "centravanti arretrato". Riveduto e corretto, soprattutto costoso, rivide la luce dopo un anno di ritiro dalle scene (Roma e Lazio disputarono le partite del campionato 1989-90 al Flaminio) sabato 9 giugno 1990, ore 21, partita Italia-Austria 1-0: 72.303 spettatori paganti, 800 giornalisti, il solito migliaio di imbucati e gli occhi spiritati di Totò Schillaci che al 79' fece gol ed evitò che la festa andasse di traverso al Belpaese. Sono passati nove anni e l'Olimpico non piace più. Roma e Lazio, per esigenze economiche, vogliono uno stadio tutto loro: quando si va in Borsa (la Lazio è stata quotata il 6 maggio 1998, la Roma lo sarà nel Duemila) è importante avere un patrimonio immobiliare. La Lazio ha prima espresso il desiderio di acquistare il Flaminio o di averlo, al limite, in concessione poi ha rilanciato l'idea di uno stadio tutto suo, zona Bufalotta. Anche il presidente romanista Sensi ha riportato in auge quello che fu il cavallo di battaglia di Dino Viola, lo stadio di proprietà. Il presidentissimo ebbe l'ispirazione in una mattina del 1986 mentre stava in bagno davanti allo specchio a farsi la barba. L'idea era buona, anzi ottima, purtroppo Viola aveva anticipato i tempi di almeno dieci anni. Allora si disse "Viola vuole costruirsi lo stadio tutto per sé per mangiarci sopra", oggi gli stadi di proprietà sono l'ultima moda. Viola propose di realizzarlo in un primo momento alla Magliana, poi, quando gli risposero che la Magliana è nella zona Ovest della capitale e invece il futuro era ad Est (in omaggio al cosiddetto Sdo, Sistema Direzionale Orientale), rilanciò con il progetto della Romanina: bocciato anche quello. Non piace, l'Olimpico, non solo perché divora soldi (Roma e Lazio per usufruirne devono pagare l'affitto), ma anche perché è scomodo, perché quando ci sono le partite che contano il traffico impazzisce, perché la pista d'atletica fa a cazzotti con la visione dello spettacolo calcistico.
Lo Stadio Olimpico
        alla fine del 1954 (guardate lo sfondo)
Altro capitolo, quello della pista: la rifecero per i mondiali di atletica del 1987 ed è ormai da buttare. Mette a rischio l'organizzazione del Golden Gala del 2000: per dire a che punto siamo arrivati. Il problema angosciante dell'Olimpico è stato però un altro: quello della sicurezza. Per anni (e tuttora) ha avuto in tal senso un'agibilità provvisoria: c'era il problema delle vie di fuga per gli automezzi. Luigi Cimnaghi, da pochi mesi direttore degli impianti sportivi del Coni, spiega che il problema è in via di risoluzione: "È stato individuato un piano tecnico. I mezzi di soccorso passano per la porta principale, quella usata dai pullman delle squadre. Costeggiano il bar del tennis, dove è stato ordinato lo sgombero dei parcheggi e prendono la salita che da su villa Ruggeri. C'è anche la volontà di risolvere il problema dello sfollamento lungo l'anello superiore. Bisogna però creare i varchi, perché ci sono le quattro barriere di vetro tra curve e distinti che ostruiscono il passaggio. Teniamo sotto controllo anche il sistema d'allarme antincendio. Di questo stadio non si può che essere soddisfatti, per me è il più bello del mondo. I costi di manutenzione? Sfido chiunque a spendere di meno nella gestione di un impianto come l'Olimpico". Il peccato originale è nella proprietà. L'Olimpico sorge sul terreno del demanio, è quindi di proprietà del Comune anche se in pratica c'è una comproprietà Comune-Coni. Per renderlo appetibile dal punto di vista economico, dovrebbe innovarsi nel senso moderno del termine. Dovrebbe aprirsi alla città: ristoranti, negozi, attività commerciali, culturali, artistiche e sportive. Ma in un paese che sta mandando al macero il Velodromo dell'Eur, non c'è da sorprendersi se uno stadio Olimpico inserito nella vita quotidiana della città e non estraneo è un'utopia.
 S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.

Sulla sinistra Giulio Andreotti
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
  S.P.Q.R.
L'area del Foro Italico
          nel 1959/60

MEMORABILIA
ROMA
ROMA
ROMA
ROMA




1944


12 febbraio 2010

12 febbraio 2010

12 febbraio 2010
 

12 febbraio 2010


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmarès
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends & enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla tribù
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me
Libro degli ospiti
Guestbook