Dino Viola è morto il diciannove gennaio del 1991, dieci anni domani e ci sembra ancora strano che non ci sia più. Forse dieci anni sono pochi per abituarsi alla perdita di uno così. Freddo, lontano, nobilmente distaccato, convinto di essere più intelligente, più bravo, più bello, più simpatico. Fosse stato un altro, gli avresti dato del presuntuoso, ma Dino Viola non era un altro, era il presidente della Roma e dello scudetto e piaceva un po’ a tutti che fosse com’era, perché in fin dei conti quel carattere l’aveva trasmesso pure alla squadra e ai suoi tifosi. Poteva capitare che la stima si tramutasse in affetto. E capita che l’affetto ci sia ancora.
       La sua tomba è al Verano e non è mai sola. Una cappella fatta costruire dalla signora Flora dopo la sua morte, perché Dino Viola non ne aveva mai voluto sapere, voleva una tomba a Cretarossa e basta. L’acqua di una fontana scorre notte e giorno. La foto è di quelle che amava e spediva pure ai giornali. Passano e si siedono tifosi o vecchi amici e lasciano fiori, biglietti, ritagli di giornale. Lo informano. Gli raccontano di questa Roma, che ricorda la sua, anche se i tempi sono cambiati e contano i soldi più che le idee. Gli dicono che sta di nuovo montando la rivalità con la Juventus, ma adesso non si divertirebbe, i toni sono troppo accesi. Altro che questione di centimetri.


La voce di Dino Viola

Commento di Dino Viola sullo scudetto appena vinto
(17518 kb)
   Dino Viola è nato ad Aulla, terra dura, di montagna. A Roma è venuto per studiare. Un giorno ha visto un tram pieno di gente e l’ha preso al volo. Si è trovato a Testaccio, dove giocava la Roma. Un colpo di fulmine, raccontò poi. Tornava a casa per le vacanze. Conobbe così la signora Flora, giovane e bellissima. La snobbò pubblicamente e così tutti capirono che si era innamorato. Lo ammise per iscritto. Una lettera dietro l’altra e una più tenera dell’altra e sembra impossibile che ad averle scritte sia stato l’uomo che ha inventato il violese, modo di dire e non dire. Con la signora, Viola era chiaro, romantico e convincente. Si è sposato in alta uniforme, magro, elegante, sicuro di sè. Avrebbe conquistato il mondo, potevi leggerglielo in faccia. La coppia abitò in via   Asmara, quartiere africano, dove è nato il primo dei tre figli, Riccardo. Poi si è trasferita ai Parioli, ma Viola voleva una grande casa in cima a una collina e la costruì sull’Aurelia all’inizio degli anni settanta. Vi rimase poche ore. I ladri, entrati durante la sua prima e unica notte lo convinsero a tornare ai Parioli. Più tardi, quando aveva problemi, si nascondeva in quella villa isolata, chiedeva gli attrezzi al giardiniere, potava gli alberi e pensava.
Dino Viola si lamenta del lancio di arance (una costante negli anni '80)

Intervista
novembre 1982

Intervista
febbraio 1983

Intervista 
La Roma 1983
 
Prese la Roma nel maggio del 1979. Il discorso della corona a Trigoria, accanto alla piscina. Anzalone pianse. Viola chiamò Liedholm, cui aveva strappato una promessa qualche anno prima: nacque la coppia scudetto. Insieme hanno disegnato pagine indimenticabili. Uno con il violese, l’altro con l’italiano più assurdo che si ricordi, ma si capivano. Roma seconda il primo anno, terza e infine prima. Viola aveva fatto il presidente a Palestrina, altro mondo, ma non per lui, che disse di aver capito tutto del calcio proprio in quegli anni. Aveva capito qualcosa degli arbitri. E raccontò poi di aver pagato regolarmente per un anno un signore del nord, ma solo per evitare ritorsioni. Non vinse, però fece cacciare i fischietti corrotti. Lo scudetto nell’ottantatrè, la finale di Coppa dei Campioni contro il Liverpool l’anno successivo. Dopo Liedholm, Eriksson, di nuovo Liedholm e poi Radice e Ottavio Bianchi. Quattro volte la spuntò in Coppa Italia.
Caso Vautrot e caso Lipopil, due spine, ma ci si può stare. Ha vinto tante di quelle battaglie, del resto. Fece allenare Eriksson e non era possibile, acquistò Cerezo e neppure questo era possibile. La sconfitta vera per il Lipopil, ma sotto c’era altro. Lo volevano far fuori e un giorno si saprà e si dirà perché.
       Il ventun dicembre del 1990, prima di salire a Cortina, si sottopose alla consueta visita medica. Se gli dissero qualcosa non lo sapremo mai. Di sicuro il presidente si guardò bene dall’informare la famiglia. Andò in montagna, come al solito. Si sentì male, l’operarono d’urgenza. Riportato a Roma e messo in clinica, dopo quattro giorni si arrese, mentre Roma tratteneva il respiro. A letto, da attore protagonista, come sopra un palcoscenico: si lamentava del fatto che i giornali si occupassero più della guerra del Golfo che delle sue condizioni.
(Roberto Renga)






INTERVISTA AL GUERIN SPORTIVO  1982/83

Intervista 1975/76


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmarès
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends & enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla tribù
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me
Libro degli ospiti
Guestbook