1984/85, Roma
                  Mia

Il Servizio
Altro Servizio

1984/85


I giocatori della Roma sotto la curva
dopo la fine di Roma/Bayern


















Dal libro
"CUCS - COMMANDO ULTRA'CURVA SUD 12 ANNI DI STORIA, IMMAGINI,
PASSIONI E FOLLIE DI UNO DEI GRUPPI ULTRA' PIU' FAMOSI D'ITALIA".
"Il 20 marzo 85 ci troviamo allo Stadio Olimpico memori dell'epica impresa che un anno prima vide la Roma rimontare un passivo di 2 reti a 0 contro il coriaceo Dundee Utd. di Mc Lean, ci guardiamo in faccia l'un l'altro e riceviamo l'emozionante impressione di scoprirci tutti segretamente e scaramanticamente fiduciosi.
Non una parola sulla partita che ci attendeva mentre montavamo gli striscioni,i tamburi e i bandieroni,solo tanta tanta speranza e rabbia in corpo per come avevamo perso a Monaco.
Sono ormai le 15, le squadre stanno entrando e noi coscienti del nostro ruolo di dodicesimo giocatore in campo,mettiamo subito a dura prova le corde vocali. Davvero un gran bel tifo peccato che Iorio abbia sbagliato di un soffio la prima occasione per una ancora probabile rimonta. Madonna!! Rigore per il Bayern! Maledizione non ci voleva proprio ora che stavamo dando il massimo (la squadra e noi).Batte Matthaus, rete. Oddio guardate Franco e' disperato. Dài ragazzi aiutiamolo: Franco-Franco-Franco! Ma purtroppo con il passare crudele dei minuti, tra lo sgomento e la rabbia, ci rendiamo conto che la tanto agognata qualificazione alle semifinali si allontana sempre di piu'. Ed allora Fo-rza raga-zzi, For-za raga-zzi. Gli incitamenti si sprecano. Circa al quarto d'ora della ripresa e' partito da noi del CUCS un canto particolare: "Che sara' sara', noi sempre ti sosterrem, ovunque ti seguirem che sara' sara'..." All'inizio siamo in pochi a cantarlo, e'naturale e'un canto nuovo e non tutti lo conoscono. Ma ecco che questo canto sta coinvolgendo sempre piu' gente, 5, 10 minuti, tutta la curva si e' ormai alzata in piedi a cantare "che sara'sara'",ed allora via! Leviamoci le sciarpe dal collo, non e' quello il loro posto anche se fa freddo, ed alziamole al cielo: un tripudio di sciarpe giallorosse uno sventolio frenetico di bandiere. Abbiamo visto gente in mezzo a noi cantare con la rabbia dei vent'anni, sciarpe aperte al cielo e piangere ma non per il dispiacere, bensi'per la commozione e per l'orgoglio di appartenere a una curva del genere. 20 minuti di che sara' sara' ed ormai qualche lacrima l'abbiamo versata tutti. GOL! Ha segnato Nela, un boato cosi'neanche in coppa dei campioni ed allora su' ricominciamo con il nostro canto. Poco importa che Koegl abbia segnato il 2-1 per il bayern,noi non ce ne siamo neanche accorti. Ecco, la partita e' finita e la curva sud ha vinto ancora. Non c'e' un metro senza una sciarpa aperta. Tutta la squadra prima di rientrare negli spogliatoi e' venuta mestamente a ringraziarci, qualcuno di loro aveva persino le lacrime agli occhi e, credeteci questi sono gesti che un ultra' non deve e non puo' dimenticare, come non potra'mai scordarsi di questo 20 marzo e sempre potra' essere orgoglioso di poter dire: io c'ero."

Lattek, allenatore del Bayern: "Io sono rimasto sconvolto da quello che è successo all'Olimpico. In tanti anni di carriera non avevo mai visto una squadra che sta perdendo, che è eliminata, fuori dalla coppa, sostenuta così dai propri tifosi. Semplicemente meraviglioso, vorrei poterlo avere io un pubblico così. In Germania una cosa del genere non sarebbe accaduta, mai e poi mai. Che spettacolo, quasi mi sono emozionato". Lattek, Bayern trainer: "I remained overturned from what happened at the Olympic Stadium. During so many years of my career I never saw a team which is losing, which is eliminated, which is out of the Cup, supported in such way from their fans. Simply marvellous. I would like to have supporters like this. What a show, I almost felt emotioned".
Lerby (giocatore del Bayern): "E' stata una cosa entusiasmante, questo è stato lo spettacolo di folla più bello, più vero che io abbia mai visto. Non lo scorderò mai. Sono gli Italiani i veri grandi tifosi di calcio, ed io sono davvero orgoglioso di avere giocato e vinto davanti alla gente di Roma. Mi hanno commosso. Invidio i giocatori della Roma per questo". Lerby (Bayern player): "It has been an enthusiasming thing, this has been the crowd show most beautiful, most true that I ever saw. I'll never forget this. Italians are the true big football fans, and I am really proud to have played and won in front of roman poeple. They have touched me. I envy AS Roma players for this"
Roma:
Tancredi, Oddi, Bonetti (40' st Giannini), Ancelotti, Nela, Righetti, B. Conti, Cerezo, Pruzzo (1 st Graziani), Chierico, Iorio (all. Clagluna, DT Eriksson)
Bayern Munchen:
Pfaff, Dremmler, Willmer, Eder, Augenthaler, Lerby, Pfugler, Matthaus, Hoeness (24 st Kogl), Nachtwelt, Marthy (all. Lattek)
Arbitro: Christov (Cecoslovacchia)
Marcatori: 32' p.t. Matthaus su rigore, 35' st Nela, 36 st Kogl.

Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmarès
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends & enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla tribù
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me
Libro degli ospiti
Guestbook