XXI Giornata
ROMA - BOLOGNA 2-1
Roma, Stadio Olimpico
domenica 15 febbraio 1998
ore: 15:00

invia una e-mail per i resoconti
 



Tabellino partita:
ROMA: KONSEL, CAFU, ZAGO, PETRUZZI, CANDELA, TOMMASI, HELGUERA, DI FRANCESCO (32' ST SCAPOLO), PAULO SERGIO (24' ST GAUTIERI), BALBO (1' ST DELVECCHIO), TOTTI.
(12 CHIMENTI, 3 DAL MORO, 16 PIVOTTO, 13 VAGNER). 
BOLOGNA: STERCHELE, PAGANIN (1' ST CARNASCIALI), TORRISI, MANGONE, TARANTINO, PARAMATTI, MAGONI, CRISTALLINI (42' ST FONTOLAN), BAGGIO (1' ST NERVO), KOLYVANOV, ANDERSSON.
(22 BRUNNER, 14 SHALIMOV, 23 PAVONE, 35 MARTINEZ). 
ARBITRO: CECCARINI DI LIVORNO. 
ANGOLI: 6-2 PER LA ROMA. 
RECUPERI: 1' E 3'. 
NOTE: CIELO COPERTO, TERRENO IN BUONE CONDIZIONI, SPETTATORI 48.055 PER UN INCASSO 1.365.580.000 LIRE. AL 45' ST SONO STATI ESPULSI PER PROTESTE TARANTINO, PARAMATTI E L'ALLENATORE ULIVIERI CHE PROTESTAVANO PER LA MANCATA CONCESSIONE DI UN CALCIO DI RIGORE. AMMONITI MANGONE PER GIOCO FALLOSO, ZAGO E KOLYVANOV PER PROTESTE. 



FOTOTIFO





VIDEOTIFO
 






 

FOTOCALCIO









VIDEOCALCIO


Il servizio



   Il servizio  

 

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA









Corriere Della Sera

A Roma fischiano tutti, tranne l' arbitro

Ceccarini non concede un rigore vistoso al Bologna: Ulivieri e due giocatori vengono espulsi. Due episodi contestati. Cristallini segna ma la rete e' annullata. Scapolo fa il pallavolista.

Nella giornata della protesta decidono Delvecchio nel finale e una clamorosa svista del direttore di gara

ROMA - La domenica del fischietto giallorosso, usato da oltre diecimila romanisti per protestare contro gli arbitri e il Palazzo, finisce nel (solito) pasticciaccio stagionale che stavolta danneggia il Bologna, quasi non bastasse l'immeritata sconfitta di misura. Tocca al signor Ceccarini sorvolare su un vistoso mani di Scapolo, proteso in elevazione a disinnescare l'ultima carica rossoblu' dentro l'area - flipper. Gelo sugli spalti, ma il direttore di gara, gia' sgradito alla Roma, rimuove l'incubo ribaltando quanto sarebbe logico presagire: rigore negato e, anzi, punizione d'alleggerimento causa presunto fallo di Nervo sul saltatore romanista. Possibile? Sembra l'applicazione d'una giustizia vagamente compensativa, fatta apposta per scatenare l'ira di Tarantino e Paramatti, che non vogliono credere ai loro occhi. Come Renzo Ulivieri, capace solo di schizzare tarantolato dalla sua panchina, con la mimica eloquente dei borseggiati. Scene d'ordinaria indignazione, nel vano tentativo di spingere il livornese Ceccarini a consultare il guardalinee Preziosi (che aveva dapprima segnalato il penalty) e il quarto uomo. Scene disdicevoli da aggiungere alla lunga lista degli errori arbitrali, mentre i tre contestatori piu' agitati vengono pregati d'accomodarsi fuori. Vincere cosi' non e' nello stile zemaniano; e forse il caos dell'epilogo offende perfino quei tifosi arrivati allo stadio per improvvisarsi giudici virtuali sullo sfondo dell'arbitraggio vero. Protesta un po' folcloristica e un po' sconsiderata, che sottrae sull'1 - 1 al Bologna pure un gol regolarissimo, quando Cristallini incorna una punizione di Kolyvanov. Ceccarini annulla perche' giura che l'esecuzione del calcio piazzato non e' stata preceduta dal suo fischio; i bolognesi trasecolano ricordando d'essere capitati a giocare in uno stadio - uccelliera. E sospinta dagli anomali fischietti, la Roma parte bene. E' splendida la percussione - Candela per eludere Paramatti e Torrisi, delegando Di Francesco al ruolo d'apripista. Tutto facile? Macche', il camaleontico 5 - 4 - 1 disegnato da Ulivieri devasta la rattoppata difesa dei romanisti al primo spiffero: scende Paramatti e centra, Antonio Carlos e Andersson si elidono, Kolyvanov controlla e batte Konsel. Il provvisorio pareggio traumatizza i giallorossi, ancorati alla lentezza distributiva di Helguera, che sostituisce Di Biagio. Si', assente pure Aldair, mancano in campo i migliori esecutori del gioco di Zeman, quelli che garantiscono le chiusure e dettano le cadenze nei ribaltamenti. Il Bologna ne approfitta sull'asse Magoni - Cristallini - Baggio, senza osare come potrebbe fino all'intervallo. Poi, sottratto Roby e innestato Nervo, il contenimento felsineo funziona per l'inconsistenza di avversari allungati. Balbo, monumento al goleador ignoto, ha lasciato il posto a Delvecchio, che comunque finalizza l'unica manovra decente vista nella ripresa, rifinita dal panchinaro Gautieri. Seguira' il parapiglia del rigore negato e chi ha avuto, ha avuto.

Sensi ora non si lamenta piu' "Va bene, ma io lotto ancora"

ROMA - (f.hav.) Il sorrisetto che lo accompagna la dice lunga. Franco Sensi lo sfoggia senza nascondersi: "E' andata bene, quando si esce cosi' va sempre bene. Non e' stata una gara divertente, ma e' il risultato che conta". Quel fallo di mano di Scapolo rilancera' le polemiche scoppiate una settimana fa, dopo la partita perduta dai giallorossi contro la Juventus. Ma Sensi e' minaccioso, lancia messaggi trasversali: "Sto conducendo la mia battaglia all'interno del Palazzo. Presto saprete", aggiunge. E se ne va, unico dei romanisti a parlare, dopo aver aggiunto che la protesta con i fischietti "e' stata una buona iniziativa, anche se ci ha messo un po' in imbarazzo".

GAZZONI: "SISTEMA IN CRISI" L'allenatore: "Piu' uniformita' cosi' il campionato e' falsato"

ROMA - (f.hav.) "Cosi' si falsa il campionato, manca uniformita' nelle decisioni arbitrali. A Torino, contro la Juventus, Gautieri e' saltato al collo dell'arbitro e non e' successo nulla. Non so cosa abbiano detto i miei giocatori espulsi ma, sicuramente, hanno colpe meno gravi di Gautieri". Renzo Ulivieri e' furioso. Il Bologna (i giocatori tacciono) e' sicuro di aver subito un torto e, oltre alle espulsioni di Tarantino e Paramatti e dello stesso tecnico, domenica prossima potrebbe dover fare i conti con altre squalifiche. A fine gara la contestazione dei rossoblu' nei confronti di Ceccarini, dei guardalinee e del quarto uomo, e' stata, se possibile, ancora piu' violenta di quella in campo: Carnasciali, Fontolan e Sterchele hanno urlato e inveito contro la terna arbitrale. "Al peggio non c'e' mai fine" sintetizza Ulivieri. Non e' stato tenero nemmeno Gazzoni. Oltre ad annunciare l'eventuale presentazione di un ricorso per la rete non convalidata a Cristallini (Ceccarini non ha fischiato la ripresa del gioco su un calcio di punizione ma i rossoblu' ne avrebbero sentito uno proveniente dagli spalti), il presidente del Bologna ha distribuito battute al cianuro: "L'arbitraggio ha condizionato la gara. Netto il fallo di mano: in questo sistema c'e' qualcosa che non funziona".


Repubblica

Arbitri, la disfida continua

LA SINTESI in uno striscione esposto in curva Nord: "La Juve non si smentisce: Moggi paga, Nizzola obbedisce". Da questo concetto-slogan, ormai interiorizzato dai tifosi della Roma, nasce la protesta: la gente giallorossa si fischia falli e rigori da sola, Sensi combatte a via Allegri. O almeno così svela alla fine della partita: "Sto portando avanti una vera battaglia all' interno del Palazzo". Attenzione: il presidente dice "all' interno", non "contro". Le parole sono importanti, soprattutto in questo periodo di polemiche e deferimenti a raffica. Insomma si tratta di un' opera di tessitura diplomatica: "Presto conoscerete il risultato di questo lavoro", aggiunge Sensi. Intanto sui campi il caos regna incontrastato. L' arbitro è un uomo stressato e si è visto anche ieri. Ceccarini sapeva che sarebbe stato nel mirino di entrambe le parti. E così è andata. Alla fine protestano tutti. La Roma è convinta di aver subìto i seguenti torti: 23' , inesistente fuorigioco fischiato (dall' arbitro, non dai tifosi) a Tommasi; 30' , fallo di Mangone su Paulo Sergio non visto; 59' , spinta di Paramatti a Totti non punita con il calcio di rigore. Dall' altra parte il Bologna ce l' ha con Ceccarini perché non ha segnalato un fallo da rigore di Candela su Andersson (3' ); non ha convalidato un gol di Cristallini su punizione-assist di Kolyvanov (l' arbitro non aveva fischiato, ma un fischio Kolyvanov dice di averlo sentito e non facciamo fatica a credergli) al 56' ; il famoso fallo di mano di Scapolo non punito con il rigore in pieno recupero (secondo i romanisti il rigore non c' era perché Scapolo nell' occasione era stato spinto da Nervo) e le conseguenti espulsioni di Ulivieri, Paramatti e Tarantino. Sintesi: bufera totale. Quelli della Roma sono in silenzio stampa, i bolognesi invece parlano e ne dicono di tutti i colori. Il presidente Gazzoni, addirittura, minaccia di fare reclamo perché i diecimila fischietti hanno confuso le idee a Ceccarini e a Kolyvanov nell' episodio del gol di Cristallini non convalidato. "Negli ultimi minuti - dice Gazzoni - l' arbitro è stato disastroso. Siamo stati penalizzati, mi deferiscano pure, mi farò sentire", cioé combatterà pure lui all' interno del Palazzo. O forse contro? Intanto Ulivieri tra una battuta e l' altra - il suo è stato un vero show in sala stampa - dice cose pesantissime: "Qui si rischia di falsare il campionato. Chiedo uniformità di giudizio: la settimana scorsa Gautieri è saltato addosso a Messina e non è stato neppure ammonito; stavolta protestiamo noi e veniamo espulsi in tre. No, non ci siamo proprio...".


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me