II Giornata
ROMA - JUVENTUS 2-1
Roma, Stadio Olimpico
domenica 5 settembre 1993
ore: 16:00

invia una e-mail per i resoconti
 

Tabellino partita:
ROMA: Lorieri, Bonacina, Lanna, Mihajlovic, Comi, Carboni, Haessler (27'st Scarchilli), Piacentini, Balbo, Giannini, Rizzitelli (29'st Muzzi).
In Panchina: Pazzagli, Benedetti, Berretta.

Allenatore: Mazzone.


JUVENTUS: Peruzzi, Porrini (17'st Marocchi), Torricelli, Conte, Carrera, Julio Cesar, Di Livio, D. Baggio, Vialli (17'st Ravanelli), R. Baggio, Moeller.

In Panchina: Rampulla, Baldini, Galia.

Allenatore: Trapattoni.


Arbitro Beschin di Legnago.

RETI: 34'pt Balbo, 33'st M÷ller, 36'st Muzzi.

NOTE: Ammonizioni Bonacina, Lorieri, Mihajlovic, Ravanelli, al 6'st R. Baggio tira un rigore sul palo, al 14'st Vialli tira un rigore fuori.
 

FOTOTIFO













VIDEOTIFO
 






 

FOTOCALCIO





VIDEOCALCIO

Sintesi Il servizio Balbo
Tutta la partita, commento in inglese
Muzzi


 
 

 

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA




Corriere Della Sera

Juventus al tappeto come ai tempi di re Falcao FESTA ALLO STADIO E IN CITTA

di BRUNO TUCCI Sessantasettemilatrecentottantaquattro superfortunati. E singolare cominciare il commento di una partita di calcio in questa maniera. Ma e' il solo modo per far capire al lettore quanto sia stato emozionante l' incontro di ieri all' Olimpico tra Roma e Juventus. Macche' nostalgia del passato, macche' amarcord! Gli anni Ottanta? Sono stati dimenticati. I Platini, i Falcao, i Conti, i Cabrini rimangono sempre nel cuore dei tifosi, ma possiamo assicurarvi che, quanto ad emozioni, il primo Roma Juventus del campionato ' 93 ' 94 non teme raffronti. Si dira' : e' stato un bello spettacolo solo per i tifosi giallorossi che, alla fine, hanno vinto. Gli altri, i bianconeri, hanno soltanto sofferto, assistendo ad un incontro che li ha delusi dal primo al novantesimo minuto. Il cronista si permette di dissentire e cerchera' di dimostrare che tutto questo non e' vero. Lasciamo in archivio i quarantacinque minuti iniziali della partita. Normale amministrazione, anche se la squadra di Mazzone era riuscita, su azione di calcio d' angolo, a portarsi in vantaggio con un bel gol del piu' opportunista degli opportunisti, vale a dire Abel Balbo. (A proposito, sapete a chi assomiglia per questa sua caratteristica l' asso argentino? A Luciano Taccola, il centravanti scomparso anzitempo per un brutto segno del destino). Bene. Cominciava la ripresa e la Juve prendeva a macinare chilometri. Vialli e Baggio apparivano piu' vivi, insieme con il resto dei compagni. Al quinto minuto, il primo ineccepibile rigore. Batteva Roberto Baggio. Pareggio assicurato. C' era solo da sbrigare le pratiche burocratiche del regolamento. Nemmeno per sogno. Lorieri intuiva, forse sfiorava la palla che, comunque, finiva sul palo e poi rimbalzava lontano dall' area giallorossa. Che cosa avrebbero detto gli aruspici nell' antica Roma? Avrebbero interpretato l' episodio, forse avrebbero sentenziato la fine della partita. Ma, da allora, sono passati millenni e, in curva sud, i veggenti non ci sono oggigiorno. Non restava che continuare perche' , alla fine dell' incontro, mancavano ancora tantissimi minuti. La Juve non mollava, anzi. Premeva sull' acceleratore e, poco piu' tardi, si ripeteva lo show dell' arbitro che indicava il dischetto degli undici metri. Scene di disperazione: in curva qualcuno si strappava letteralmente i capelli, altri mangiavano i fogli dei giornali acquistati al mattino. Decisione sacrosanta, comunque, perche' il fallo era netto ed indiscutibile. Il supermiliardario Baggio non se la sentiva, poveretto, di rischiare le coronarie. E, comportandosi alla maniera di Don Abbondio (che non avendo coraggio non se lo poteva dare), ha preferito passare il testimone ad un altro "eroe povero" della domenica: quel tal Vialli che affida spesso alla lingua cio' che i piedi non sanno piu' fare. A questo punto, sara' bene dire due parole su Lorieri, il portiere della Roma. C' e' chi afferma che, sabato mattina, di nascosto, si sia andato a far benedire dal prete della sua parrocchia; c' e' chi, piu' laicamente, dice che il numero uno della Roma abbia caratteristiche magiche. Nel senso che, con il suo sguardo, riesce ad ipnotizzare gli avversari, nel caso specifico i rigoristi della squadra avversaria. Vere o non vere queste leggende? Interrogativo di non facile soluzione. Sta di fatto che, per la seconda volta, la Juventus ha sbagliato grossolanamente la grandissima occasione, mandando il pallone direttamente fuori dalla porta difesa da Lorieri. Beh, che volete che vi dica il cronista? Nessuno avrebbe piu' scommesso sulla reazione dei ragazzi di Trapattoni. Ed invece, la vecchia signora ha tirato fuori gli artigli ed e' riuscita, pochi minuti piu' tardi, ad afferrare il pareggio. Euforia da una parte, delusione dall' altra. Ma, diciamo la verita' , i romanisti avrebbero pure potuto starci, viste le circostanze della partita. Pero' , sotto il Cupolone non siamo abituati alle mezze misure. Il bicchiere noi lo vogliamo sempre pieno. Non ci piace riempito a meta' . E allora, perche' non insistere, perche' non tentare il colpo grosso dopo l' umiliante batosta subi' ta a Genova? La voce corre in fretta, prima sugli spalti, poi in campo. I giocatori la raccolgono, la fanno propria e riescono a portarsi nuovamente in vantaggio. Quello definitivo. Incredibile, vero? In curva sud, un tifoso, ormai senza forze, gridava: "Se continua cosi' , non arrivo a meta' campionato". Era strafelice, comunque, come le altre migliaia che, in serata, hanno preso a sfilare per le vie del centro, strombazzando e urlando la loro gioia per aver battuto finalmente la vecchia, odiata signora. Un solo piccolissimo consiglio: "Non e' troppo presto?". Forse, ma per il tifoso vale il principio del "carpe diem". Cioe' a dire: godiamoci quel che avviene oggi, perche' domani non sappiamo mai che cosa potra' succedere. Amen.


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me