Coppa Italia - Quarti di finale, andata
NAPOLI - ROMA 0-0
Napoli, Stadio San Paolo
mercoledý 27 gennaio 1993
ore: 20:30


invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
NAPOLI: Galli, Ferrara, Francini, Crippa, Tarantino, Nela,
 Policano, Thern (31'pt Carbone), Careca, Zola, Fonseca.


Allenatore: Bianchi.


ROMA: Cervone, Rossi, Comi, Benedetti, Aldair, Hassler,
Bonacina, Salsano, Piacentini, Caniggia (29'st Muzzi),
Rizzitelli (7'st Carnevale).


Allenatore: Boskov.


Arbitro: Luci.

 

FOTOTIFO








VIDEOTIFO
 






 

FOTOCALCIO








VIDEOCALCIO












I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA




Corriere Della Sera

L' arrembaggio del Napoli sbatte contro un palo della Roma

Al San Paolo inutile supremazia della squadra partenopea (Fonseca colpisce un legno su punizione), i giallorossi centrano l' obiettivo pareggio

NAPOLI . La Coppa Italia si addice alla Roma, anche a quella disastrata e silenziosa che Boskov in campionato sta faticosamente cercando di risollevare dai bassifondi della classifica. Dopo aver gia' vinto sette edizioni del torneo, i giallorossi hanno strappato un prezioso pareggio al San Paolo, dove l' arrembaggio del Napoli si e' scontrato con una difesa nella quale ha giganteggiato Aldair e anche con il palo che ha respinto un calcio piazzato di Fonseca (ma in precedenza Haessler aveva scheggiato la traversa della porta di Galli). Tra due squadre appaiate sul quint' ultimo gradino del campionato e impegnate a scacciare la paura, il Napoli e' sembrato sicuramente piu' tonico. Protetto alle spalle dall' esperienza di Nela, il Napoli ha ritrovato grinta e condizione, guidato e ispirato da uno Zola sempre piu' maturo, capace di giocare a tutto campo con lucidita' . A vanificare il predominio partenopeo ha pensato una Roma schierata con l' evidente obiettivo di puntare al pareggio. Difesa rinforzata dagli arretramenti di Bonacina e Piacentini, di Salsano e Haessler e persino di Rizzitelli e tattica del contropiede affidata alle improbabili invenzioni di un Caniggia sempre piu' sprofondato in una crisi sconcertante e vincitore ex aequo con Bresciani dell' Oscar per il peggiore in campo. La qualificazione e' rinviata dunque alla partita dell' Olimpico ma e' chiaro che il pareggio di ieri fa comodo soprattutto alla Roma. Il cosiddetto derby del Centro Sud metteva di fronte due squadre unite da una amara analogia: quindici punti a testa in campionato, appena una lunghezza di margine sulla zona retrocessione, dopo aver cullato illusioni di grandezza per un' intera estate. Davanti a 40 mila spettatori e su un campo piu' adatto alla coltivazione delle patate che al calcio, il Napoli era stato lesto ad assumere l' iniziativa e dopo 10' aveva gia' collezionato due angoli, un assist di Thern sciupato da Bresciani, un gol di Fonseca annullato con largo anticipo e un' uscita di Cervone su Zola. Confortata dalla sicurezza di Aldair, la Roma badava soprattutto a difendersi, affidando il contropiede alle volate di Rizzitelli e alle serpentine di Haessler, piu' che agli sterili spunti di Caniggia, bloccato inesorabilmente da Ferrara. Alla fine del primo tempo chi poteva considerare stretto il pareggio era il Napoli, anche se la parata piu' difficile l' aveva compiuta Galli, deviando di piede una conclusione di Rizzitelli. Nella ripresa proseguiva ad attaccare il Napoli, che aveva rimpiazzato Policano con Carbone e che fruiva del lavoro sapiente di uno Zola a tutto campo. A sfiorare il gol era pero' ancora la Roma con Piacentini, che approfittava di una distrazione di Crippa per lambire il montante. Fischiatissimo, dopo 6' entrava Carnevale e la Roma si faceva vedere in avanti. "Napoli, Napoli" incitavano i tifosi delle due curve. Li ascoltavano soprattutto Zola e Fonseca, il primo procurandosi un calcio piazzato che il sinistro dell' uruguaiano spediva su un palo. L' arrembaggio partenopeo schiudeva anche qualche varco invitante al contropiede della Roma, che dopo 27' rimpiazzava un inguardabile Caniggia. Gli ultimi tentativi di scardinare lo 0 0 erano merito di Fonseca, che prima sfuggiva a Benedetti e poi impegnava Cervone direttamente dalla bandierina. Mario Gherarducci NAPOLI 0 0ROMA Galli 6,5 Ferrara 7 Francini 5,5 Crippa 6 Corradini 6 Nela 6 Policano 5 Carbone nel s.t. 6 Thern 6,5 Bresciani 4 Zola 7,5 Fonseca 6,5 Cervone 6,5 D. Rossi 5,5 Aldair 7 Bonacina 6 Benedetti 5 Comi 6 Piacentini 5,5 Haessler 6,5 Caniggia 4 Muzzi dal 27 s.t. s.v. Salsano 5 Rizzitelli 6 Carnevale dal 6 s.t. 5,5 ALLENATORE: Bianchi ALLENATORE: Boskov ARBITRO: Luci di Firenze 6 SPETTATORI: paganti 39.142, incasso 1.015.065.000 lire. NOTE: ammoniti Aldair, Comi, D. Rossi, Zola, Salsano. Gherarducci Mario


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me