Coppa U.E.F.A. Quarti di finale, ritorno
BORUSSIA DORTMUND - ROMA 2-0
Dortmund, Westfalenstadion
giovedý 18 marzo 1993
ore: 20:30


invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
BORUSSIA DORTMUND: Klos, Reinhardt, Kutowski, Schulz, Zelic, Poschner (45'st Grauer), Zorc, Reuter, Rummenigge (35'st Karl), Povlsen, Sippel.

Allenatore: Hitzfeld.


ROMA: Cervone, Gazrya, Piacentini, Benedetti, Aldair, Comi, Mihajlovic, Haessler, Giannini, Rizzitelli , Muzzi (1'st Carnevale).


Allenatore: Boskov.


Arbitro: Krondl (CZE).

RETI: 40'pt Schulz, 1'st Sippel.
NOTE: Ammoniti: Schulz, Piacentini, Mihajlovic, Giannini.

 

FOTOTIFO











VIDEOTIFO
 






 

FOTOCALCIO










VIDEOCALCIO


I gol del Borussia









I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA





Corriere Della Sera

Arrivederci Roma, il cuore non basta

con un gol per tempo il Borussia rimonta la sconfitta dell' Olimpico.

Si e' conclusa a Dortmund l' avventura della squadra giallorossa turbata dalle vicende giudiziarie del presidente

DORTMUND . Cade a pezzi la societa' e crolla la squadra. Undici romanisti da combattimento dentro questo serraglio che si chiama Westfallenstadion, coi balconi gremiti sopra l' arena. Undici boskoviti senza fortuna, senza un accettabile copione tattico, anche se pronti a impegnare ogni possibile risorsa fisica, perfino commoventi tra le tempeste del loro mestiere. Pioviggina a Dortmund. E' una sera di spifferi gelati, dove si cercano stampelle per stare su' , per attutire le scorribande borussiane. Subito le avanzate dirette da Zorc, oltre il frastornato irriconoscibile Giannini, sembrano sovrapporsi tanto sono frequenti, controllando la solidita' dei sostegni giallorossi: Benedetti addosso a Povlsen, Garzya sui piedi e sul collo di Sippel; Piacentini e Aldair quali tamponatori esterni, Mihajlovic dietro a Rummenigge, Comi la' in trincea a chiudere i varchi. Non era pero' questa la Roma promessa, prima che si sapesse di Ciarrapico e del vicepresidente Mauro Leone. Difatti mancano tracce di ragionamento, di logica tattica. E' una Roma incapace di portare avanti le azioni, quindi via via sommersa, a dispetto della manovra monocorde del Borussia che prevede quale unico tema lanciare Reinhardt, promotore e finalizzatore poco ispirato del can can d' avvio. Basterebbe raddoppiare dalle sue parti, lungo la corsia sinistra, laddove schizza via dopo pochi istanti lanciato da Sippel, salvo spropositare l' esecuzione in frenesia. La Roma arretra, dimentica laggu' tanto Muzzi quanto Rizzitelli, prescindendo da un solo alleggerimento contropiedistico che somiglia a una goccia in un mare. Capita quando, su proposta di Piacentini, Muzzi, saltato una tantum il suo controllore, riesce a crossare in corsa: volano ad anticiparsi di testa Rizzitelli e Schulz, senza comunque incidere. Poi la Roma s' accartoccia nei suoi presentimenti, salta la diga centrocampistica, aumenta la produzione offensiva dei corridori tedeschi. Che recapitano continue centrate frantumate dalla contraerea giallorossa. Che sfiorano pero' la realizzazione quando in mischia Reuter si coordina, sbattendo fuori di poco. Fraseggi stretti. Cadenze insopportabili. Anche il libero Zelic adesso esce di slancio per determinare la superiorita' numerica e Haessler s' improvvisa terzino. Povera Roma con la testa altrove fino a pochi istanti dal decisivo confronto per la semifinale Uefa. Povera Roma che costringe Cervone quasi a superarsi due volte su Sippel e Povlsen, liberati ancora da Reinhardt. E proprio Reinhardt, sempre lui, approfittando d' un disimpegno sbagliato Giannini Rizzitelli, si catapulta verso l' area di rigore, provando il pallonetto da brividi. Ecco, ci siamo: se ne va Schulz, sprinta quasi sul fondo e tocca a Rizzitelli, saltata ormai ogni lecita contrapposizione romanista, atterrarlo. Punizione di Reinhardt: va su Povlsen, respinge Piacentini corto e dal limite Schulz indovina la stangata che riproduce la parita' tra Roma e Borussia. Pero' adesso il Borussia si gasa, domina ovunque, arriva prima su qualsiasi pallone e non serve inserire Carnevale al posto di Muzzi per frenare le corse simultanee di troppi guastatori tedeschi. Cosi' , appena finito l' intervallo, i borussiani raddoppiano, senza concedere alla Roma neppure il tempo di riavvicinare i reparti. Si tratta di un' ingenuita' difensiva: prima Aldair vede sbucare la solita accoppiata Reinhardt Reuter e abbocca a una finta di quest' ultimo. Che lascia proseguire Reinhardt verso la centrata decisiva: tutti fermi i giallorossi, e Sippel con la fronte timbra il raddoppio. Rimane la rabbia romanista, mentre ribaltata la situazione, Reuter, Zorc e Rummenigge rifiatano, pregustando di colpire ancora di rimessa. Ma nel clima da corrida, possibile causa un arbitro che non sa frenare il gioco duro (soltanto tre ammonizioni), la Roma si fionda adesso al rischiatutto, rimediando botte e calci d' angolo. Disperazione pura. Disperazione che aumenta quando proprio da un corner di Haessler, Benedetti salta sopra chiunque. Impatto azzeccato e palo interno, maledizione! Roma sfortunata. Roma che si sbilancia e si espone, costringendo di conseguenza Cervone a piombare quasi al limite dell' area grande per bloccare in qualche modo Sippel, ultimo uomo lanciato negli spazi spalancati. E successivamente a impedire un gol fatto, a tu per tu con Povlsen grazie a un miracolo di intuito. Certo, di qua, nella bolgia finale Carnevale sfiora la traversa e poi segnala inascoltato che Kutowski ha spostato con la mano un passaggio a mezza altezza tratteggiato da Haessler. Ma e' tardi: l' avventura europea della Roma finisce qui. Franco Melli BORUSSIA D. 2 0ROMA MARCATORI: Schulz al 40' p.t.; Sippel al 1' s.t. Klos 6,5 Reinhard 7,5 Kutowski 6 Schulz 7,5 Zelic 6,5 Poschner 6 Grauer dal 45' s.t.s.v. Reuter 6 Zorc 6,5 Sippel 6,5 Rummenigge 6 Karl dal 35' s.t.s.v. Povlsen 5,5 Cervone 7 Garzya 6 Aldair 6 Piacentini 6,5 Benedetti 6 Comi 6 Mihajlovic 5,5 Haessler 5 Muzzi 5 Carnevale nel s.t. 5,5 Giannini 5 Rizzitelli 5 ALLENATORE: Hitzfeld ALLENATORE: Boskov ARBITRO: Krondl (Cecoslovacchia) 5 SPETTATORI: 40 mila circa. NOTE: ammoniti Mihajlovic, Piacentini, Schulz e Giannini.

Boskov scarica le colpe sui giocatori "Difesa e attacco: sbagliavano tutti"

DORTMUND . (f.m.) Tristezze di Dortmund. Qua la Roma ha aperto ufficialmente uno dei periodi peggiori della sua storia societaria e qua e' stata sfrattata dall' Europa. I giocatori sfilano in silenzio. Lasciano a Boskov l' ingrato compito di spiegare: "Siamo entrati in campo privi della necessaria tranquillita' . Dovevamo gestire meglio il vantaggio da cui si ripartiva. Invece due errori difensivi ci hanno condannato e troppi sbagli in attacco non ci hanno consentito di riprendere quota. A parte l' indiscutibile impegno, abbiamo sbagliato tutto". Oggi a Ginevra sorteggio delle semifinali di Coppa coppe e Coppa Uefa, con Parma e Juve. Melli Franco


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me