Ottavidi Finale, ritorno
REAL SOCIEDAD - ROMA 0-0
San Sebastián, Estadio Municipal de Anoeta
giovedì 16 marzo 2023
Ore: 21.00


invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
REAL SOCIEDAD (4-4-2)
: Remiro; Gorosabel (71' Sola), Zubeldia, Le Normand, Rico; Merino, Zubimendi, Silva, Mendez (78' Cho); Oyarzabal (71' Kubo), Sorloth (63' Fernandez). A disposizione: Barrenetxea, Cho, Munoz, Navarro, Kubo, Sola, Turrientes, Zubiaurre, Illarramendi, Guevara, Pacheco, Fernandez. Allenatore: Alguacil.

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp (40' Zalewski), Wijnaldum, Cristante, Spinazzola; Pellegrini (88' Bove), Dybala (75' El Shaarawy); Belotti (75' Abraham). A disposizione: Boer, Svilar, Kumbulla, Celik, Camara, Bove, Tahirovic, El Shaarawy, Zalewski, Abraham, Volpato. Allenatore: Mourinho.

Arbitro: István Kovács (ROU). Assistenti: Vasile Florin Marinescu (ROU) - Ovidiu Artene (ROU). Quarto Ufficiale: Horatiu Fesnic (ROU). VAR: Bastian Dankert (GER). AVAR: Sören Storks (GER)

Marcatori: -

Ammoniti: Karsdorp (R), Zubeldia (RS), Mancini (R), Rico (RS), Fernandez (RS), Smalling (R)

Espulsi: Fernandez (RS)

 

FOTOTIFO





















































VIDEOTIFO
 
Scontri 1
Scontri 2
Panoramica
Scontri 3
Scontri 4
Scontri 5
Corteo Panoramica
E la Lazio
Video 1 Oooooohhh
Video 2
Video 3 Video 4


A.S.Roma Io di giorno e notte per le vie del centro
Tifosi di casa
Atmosfera

Forza Roma facci un gol


FOTOCALCIO



















VIDEOCALCIO

AS Roma sotto il settore
<Il servizio







ARTICOLO DI SIMONE MELONI (SPORT PEOPLE)

Quando l’urna associa la Real Sociedad alla Roma ci sono due reazioni naturali: la prima è l’eccitante curiosità di metter per la prima volta piede nei Paesi Baschi, a casa di una tifoseria che gode di una discreta fama. Dall’altra il timore di dover affrontare, come spesso accade su suolo iberico, la solita dose di repessione e aggressività da parte della polizia autoctona. Diciamo che a conti fatti non mancherà nessuno di questi ingredienti. Ma il dado è tratto, quindi occorre organizzare il viaggio nella maniera più minuziosa, anche perché ormai le compagnie aeree hanno capito alla perfezione la maggior parte dei giochini di chi ne è assiduo frequentatore e cerca sempre di risparmiare. Pertanto i prezzi, da qualche anno, sono lievitati, divenendo in prossimità di partite o concerti quasi vergognosi.

La tabella di marcia prevede uno scalo a Londra, l’arrivo a Santander e la prosecuzione in pullman fino a San Sebastian. Di fatto quasi una giornata di viaggio. Ormai abbiamo fatto il callo nell’incontrare facce familiari in ogni pezzo d’Europa, impegnati in scali improbabili e viaggi della speranza. Eppure penso di poter parlare a nome di molti, dicendo che questo modo bizzarro di muoversi regali molte più emozioni di un’asettica business class e di un lussioso taxi che ti porta fino in albergo. Spostarsi senza farsi spellare richiede ingegno, conoscenza della geografia e una grande dose di pazienza. Insomma, tre doti che nel mondo contemporaneo non sono propriamente scontate!

Dopo la piccola sosta a Santander, comprensiva di pranzo e solite esagerazioni alcoliche a cui ormai la Penisola Iberica ha abituato un certo tipo di trasfertisti amanti del vino, si sale su un pullman della compagnia Alsa alla volta di Donostia (nome basco di San Sebastian). Sottolineare l’utilizzo di questi pullman è anche per rammentare la poca simpatia e lo scarso senso dell’umorismo dei suoi autisti, che ci faranno rimpiangere persino qualche buzzurro conducente dell’Atac e il suo tragicomico inglese pure su linee che trasportano pelopiù turisti. Della serie “non c’è mai fine al peggio”. Che poi, quando di fronte hai soggetti che per un paio d’ore si sono rimpinzati di pintxos (la versione basca delle tapas, crostini di pane su cui viene messo ogni ben di Dio, dai calamari, ai formaggi e salumi) e vari tipi di crianza (vino rosso) c’è poco da fare gli scorbutici!

San Sebastian è uno di quei posti che non può non rimanerti dentro. Prima ancora di parlare del suo stretto rapporto con la Questione Basca, e del suo ruolo politico e sociale in una zona molto delicata della Spagna, ad appena venti chilometri di distanza dal confine con la Francia, occorre sottolinearne le bellezze paesaggistiche. Con un centro cittadino piccolo e grazioso, in cui spicca Plaza de la Constitucion con i suoi tipici edifici iberici, colorati da quelle che in Portogallo chiamano azulejas. Ciò che più colpisce è la visuale dalle due colline, che specularmente fungono da cesura alla magnifica spiaggia cittadina della Concha (la conchiglia, per la sua forma), che giace su questo lembo di Mar di Cantabria (un’articolazione dell’Oceano Atlantico). Da una parte il Monte Iguelda, dall’altra il Castello che sovrasta la città vecchia. E al centro della Concha il bellissimo Palazzo Miramar, sede sporadica – in passato – della famiglia reale spagnola durante le vacanze estive. Osservando le centinaia di persone che già si avvicendano sulla spiaggia, giocando a pallone, prendendo il sole e facendo il bagno, non si rimane sorpresi nel sapere che questa è una delle località costiere migliori di tutto il Paese. E sapete cos’altro colpisce in positivo? Malgrado i Paesi Baschi abbiano la nomea di zona più cara della Spagna – essendo una regione economicamente forte e industrialmente sviluppata grazie alla lavorazione del metallo – la vivibilità per noi italiani (abituati ormai a salassi pure per una birretta in centro) è davvero notevole. Cosa che concilia assolutamente con il posto che si visita, oltre a mentenere alta l’identità, favorendo il divertimento e lo “struscio” da parte della gente del posto.

San Sebastian è la terza città dei Paesi Baschi (dopo Bilbao e il capoluogo Vitoria) con i suoi 185.000 abitanti e deve il suo nome alla presenza dell’ominimo monastero. Anche se, va sottolineato, la radice del nome va ricercata innanzitutto nel basco Donostia. Done, infatti, significa Santo. Ed è l’appellativo più antico. Prendendo spunto da questa osservazione linguistica cominciamo con il dire che la provincia della Gipuzkoa, di cui San Sebastian è capoluogo, è quella più bascofona (su circa seicentomila abitanti, almeno la metà parla, scrive e comprende il basco) delle tre. Con la Biscaglia e l’Alava che invece contano rispettivamente il 25 e il 16% dei parlanti. Per capire quanto la storia e le tradizioni di un popolo possano essere effettivamente autodeterminate e longeve, occorre sempre prestare attenzione alla lingua. Una delle migliori cartine al tornasole dal punto di vista storico e antropologico. Il basco (euskara) è una lingua paleoeuropea, vale a dire una lingua parlata dapprima dell’avvento del ceppo indoeuropeo, padre di tutti gli attuali idiomi e delle loro pregresse trasformazioni. Il basco (che attualmente è la lingua madre del 20% dei residenti nella regione) è ciò che rimane, quindi, di un vasto sistema linguistico che riguardava il nostro continente millenni fa. Un sistema di cui faceva parte anche l’aquitano. Queste due, assieme, sono infatti conosciute come lingue vasconiche.

Ma effettivamente quando parliamo di popolo basco, a cosa facciamo riferimento? Si tratta di un’area compresa tra i fiumi Ebro e Garonna, menzionata dai romani per la presenza di tribù quali proprio vasconi e aquitani e che, nell’Alto Medioevo, era conosciuta per l’appunto come Vasconia. Abitata da un popolo ostile e guerrigliero, citato peraltro nella celebre Chanson de Roland, che narrando la Battaglia di Roncisvalle evidenzia la ribellione delle popolazioni autoctone, talmente cruente da costringere alla ritirata le truppe di Carlo Magno. Tuttavia attorno alla genesi dei baschi rimane sempre un alone di mistero, c’è chi li lega strettamente agli iberi, rendendoli quindi tra i primi colonizzatori della penisola, chi sottolinea come l’euskara e altre lingue caucasiche siano residui di una fitta rete linguistica cancellata poi dall’invasione indoeuropea e chi addirittura azzarda la clamorosa ipotesi di un’origine indoeuropea del popolo. Sta di fatto che le loro radici si perdono nella notte dei tempi e una tempra arcigna, oltre a una forte difesa dellae proprie tradizioni, ne ha preservato parte dell’identità da invasioni, rappresaglie e tentativi di “conversione” in epoca moderna, vedasi soppressione da parte dello stato franchista di qualsiasi tipo di autonomia in favore di una centralità linguistica e culturale completamente castigliana.

Da un punto di vista geopolitico non vanno confusi il popolo e la regione autonoma esistente nello Stato spagnolo (l’Hegoalde, Paesi Baschi del Sud) la quale è sicuramente quella in cui la cultura basca resta più radicata. Ciò non esclude quella parte del territorio francese (Labourd, Soule e Bassa Navarra) chiamata Iparralde (Paesi Baschi del Nord), che fa storicamente parte della Vasconia. Inoltre si deve tener conto dell’importante diaspora avvenuta soprattutto nella prima parte del ‘900, quando dopo aver preso parte alla Guerra Civile Spagnola su fronte repubblicano (fatta eccezione per i baschi di Navarra), alla vittoria di Francisco Franco la popolazione venne repressa e privata di qualsiasi autonomia. Solo nel 1975, con la morte del caudillo e il ripristino della democrazia, lo stato spagnolo tornerà a concedere quelle autonomie (attualmente la Comunità è dotata di un proprio parlamento, di un tribunale, di un Ararteko – cioè una sorta di garante che si accerta non vengano calpestati determinati diritti dallo Stato Centrale – e un Administración General del Estado, che rappresenta invece il governo spagnolo) storicamente già presenti nel sistema dei fuero – una sorta di privilegi creati alla nascita del Regno di Castiglia per uniformare l’aspetto legislativo ma concedere alcuni privilegi laddove necessario – che per secoli erano stati garantiti a questa regione. Concessioni che non porranno però fine alla lotta volta all’autodeterminazione dei territori, portata avanti in particolar modo dall’ETA (Euskadi Ta Askatasuna, Paese basco e libertà) – un’organizzazione armata, di principale stampo marxista-leninista – e politicamente dal partito Batasuna, disciolto poi dalle autorità spagnole perché ritenuto braccio destro dell’ETA.

A chi si trovi a girare nelle strade di San Sebastian, Vitoria e soprattutto Bilbao risalterà certamente la presenza su molti balconi, ma anche presso alcuni esercizi, di bandiere, adesivi e drappi di Etxerat, associazione che dal 1991 si batte per la liberazione di prigionieri ed esiliati a causa della loro lotta per l’indipendenza. Senza dubbio fa un certo effetto vedere simili rivendicazioni in un’Europa – almeno quella occidentale – che crediamo ormai scevra da certe dinamiche, ma dove invece (i recenti scontri di Derry insegnano) alcune tematiche non sono realmente sopite o morte, ma ardono sotto i carboni e rischiano di rivenire a galla di tanto in anto.

In tanti, anche nelle nostre curve, fanno bella mostra della Ikurrina (la bandiera basca) conoscendo poi ben poco di tutto quello che c’è dietro questo semplice pezzo di stoffa. Assodata l’inutilità – e la dannosità talvolta – di anteporre idee politiche alla militanza ultras nel 2023, la presenza di questo vessillo è senza dubbio un segno tangibile di come la suddetta Questione Basca abbia sovente rappresentato la volontà di resistere alle oppressioni statali per preservare diversità e cultura. Nella fattispecie l’ikurrina (dal neologismo ikur’ina, e a sua volta dal termine ikur, che significa simbolo) è stata creata nel 1894 dai fratelli Luis e Sabino Arana, fondatori del Partito Nazionalista Basco. Sullo sfondo rosso (colore della Biscaglia) si staglia una croce di Sant’Andrea verde e una di San Giorgio bianca, colore del cattolicesimo. La bandiera che vediamo sventolare oggi in disparate manifestazioni di piazza e in numerosi stadi, è riuscita persino a spodestare l’antica aquila nera, simbolo del Regno di Navarra. Conosciuta in basco come Arrano beltza.

Peraltro, ricollegandoci al cuore di questo racconto, sono in molti a riconoscere l’importanza di questa regione nell’importazione e diffusione del football su suolo iberico. La particolare importanza commerciale del Golfo di Biscaglia, infatti, ha favorito a inizio secolo i più disparati contatti e non è casuale che le principali squadre basche abbiano una fondazione prossima all’inizio del ‘900. Senza contare che antichi giochi sferistici come la pelota basca e lo Jal alai rappresentano un segno tangibile del retaggio paleoeuropeo di questo popolo.

Chiaramente il calcio ha preso il sopravvento per interesse e seguito. Mantenendo un ruolo importante nella rivendicazione della propria identità. Oltre al celebre modello Atheltic Bilbao – che da sempre tessera solo ed esclusivamente atleti baschi o cresciuti in club e strutture basche – non tutti sanno che esiste una vera e propria selezione “nazionale” (non riconosciuta da FIFA e UEFA), attiva sin dagli anni ’30 del Novecento. Un aneddoto esemplare risale al 1937, in piena Guerra Civile. L’allora Lehendakari (il presidente del consiglio della Comunità Autonoma) spinse per formare una selezione nella quale fossero annoverati alcuni tra i migliori calciatori di Spagna, con la finalità di realizzare un tour mondiale e raccogliere fondi utili a perorare la causa Repubblicana e, di conseguenza, legittimare ancor più l’autonomia della comunità basca. Furono diverse stelle dell’epoca ad accettare e la tournée, dopo diverse tappe continentali, riuscì a valicare i confini europei portandosi dapprima in Messico e poi in Argentina. A quel punto la FIFA dichiarò illegittima Euzkadi, impedendo ai giocatori di scendere in campo. Per eludere tale divieto il sodalizio tornò in Messico, affiliandosi alla federazione locale e disputando il campionato nazionale sotto il nome di Club Deportivo Euzkadi (piazzandosi terza).

Il successivo avvento del franchismo e l’impossibilità di dar sfogo a qualsiasi corrente nazionalista non spagnola, portarono al fermo di qualsiasi attività. Si riprese a giocare solo nel 1979, “esordendo” contro l’Irlanda in un’amichevole finita 4-1 tra le mura amiche del vecchio San Mames di Bilbao. Mentre bisognerà attendere il 2007 per vedere – sett’antanni dopo – giocare la selezione in trasferta, e più precisamente in Venezuela.

Da una pur breve analisi storica è lapalissiano dedurre un profondo scontro sociale e politico che ormai da secoli attraversa la Spagna. Frizioni che si riverberano anche negli stadi, dove negli anni non sono mai mancati striscioni, cori e riferimenti a tutto ciò. Parlando di San Sebastian, ad esempio, resta agli archivi uno degli episodi più cruenti accaduti a margine di una partita della Liga: nel 1998 fuori allo stadio Vicente Calderon, prima della sfida tra l’Atletico e la Real Sociedad, un tifoso basco viene ucciso da alcune coltellate. Proprio in un periodo in cui la trattativa tra lo Stato e l’ETA era in una fase delicatissima, con l’organizzazione basca che lentamente cominciava ad accusare la forte repressione attuata dal governo del primo ministro Aznar. Quando si parla di movimento ultras spagnolo è inevitabile tener conto delle dinamiche – molto ma molto diverse dalle nostre – che riguardano quel Paese e che giocoforza si attengono a una storia nazionale travagliata, scombussolata da importanti e forti richieste di autonomia, non solo su fronte basco.

Link articolo




I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA






  





"Col 2-0 la Real rischia tutto e fa il possibile per cambiare la storia. Hanno fatto molto bene con il loro pubblico, con una tifoseria fantastica. Ma i agazzi hanno avuto tutto, l'ambizione iniziale di fare un gol. Nei primi 15-20 minuti ci si aspettava un dominio forte della Real, invece è stato l'opposto e il dominio è stato nostro. C'è stata una palla che mi sembra impossibile non sia entrata, quella di Dybala, ma questo ci ha dato fiducia. Poi dovevamo controllare difensivamente e andare in contropiede. Ogni minuti eravamo più vicini, ma non bisogna mai smettere di cercare di fare gol. Abraham ed El Shaarawy sono entrati per questo. Complimenti ai ragazzi, merito a loro. È una grande Europa League, abbiamo eliminato due avversari di qualità e siamo ai quarti insieme a squadre di altissimo livello. Ringrazio anche il pubblico che è venuto qui, erano con noi a soffrire nella gabbia."


Il sorteggio? "Non mi interessa. Ci sono squadre che non dovevano starci. Una squadra eliminata da una competizione deve andare a casa. Capisco le regole. Se la coppa la vince una squadra che viene dalla Champions sarà senza significato. L'Europa League è fatta per noi che abbiamo iniziato dal primo giorno. La Lazio non avrà una terza competizione europea, no?"
MOURINHO















 


























Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me