XXI giornata
JUVENTUS/ROMA 2-0 
Torino, Allianz Stadium
Sabato, 6 febbraio 2021
ore 18.00

invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci (85′ Demiral), Chiellini, Alex Sandro (85′ De Ligt; Chiesa (82′ Bernardeschi), Arthur, Rabiot, McKennie (64′ Cuadrado); Morata (64′ Kulusevski), Ronaldo. All. Pirlo. A disp. Buffon, Pinsoglio, Di Pardo, Dragusin, Frabotta, Peeters.

Roma (3-5-1-1): Pau Lopez; Mancini, Ibanez, Kumbulla; Karsdorp (76′ Bruno Peres), Cristante (62′ Perez), Villar (62′ Diawara), Veretout, Spinazzola; Mkhitaryan; Borja Mayoral (62′ Dzeko). All. Fonseca. A disp. Peres, Pastore, Ciervo, Santon, Fuzato, Calafiori, Mirante

Arbitro: Orsato di Schio

Reti: 13′ Cristiano Ronaldo, 70′ Ibanez aut.

Ammoniti: 35′ Mancini, 37′ Arthur, 54′ Kumbulla, 61′ Ronaldo

 


A PORTE CHIUSE PER EMERGENZA COVID-19
FOTOTIFO

Scritta
"Roma Capitale
1871-2021"








VIDEOTIFO

   
 






FOTOCALCIO


 









VIDEOCALCIO

  Il servizio
 








 

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA








corrieredellosport.it
Juve-Roma 2-0: Ronaldo in gol, Pirlo scavalca Fonseca in classifica
I giallorossi giocano ma sono troppo sterili in attacco. Il portoghese invece regala spettacolo: prima segna, poi colpisce una clamorosa traversa. Un'autorete di Ibanez nella ripresa chiude i giochi. Dzeko in campo nell'ultima mezz'ora

Simone Zizzari
 06.02.2021 19:57
Ronaldo e un autogol di Ibanez. Tanto basta alla Juve di Pirlo per avere la meglio su una Roma volenterosa ma terribilmente evanescente. Un 2-0 allo Stadium che pesa più dei tre punti perché significa sorpasso in classifica ai giallorossi e terzo posto in solitaria con una partita da recuperare e cinque punti di distacco dall’Inter capolista. Una svolta vera e propria per il cammino in Italia dei bianconeri pluricampioni d’Italia. La Roma spende tante energie, ci prova, manovra, palleggia, regala buone sensazioni ma dimostra ancora una volta una evidente carenza in termine di personalità e cinismo offensivo. Troppa leggerezza, troppe amnesie difensive per poter pensare di andare allo Stadium e conquistare il bottino pieno. Quando si trova davanti una big, la squadra di Fonseca si perde. La Juve di Pirlo fa il minimo sindacale, si difende con ordine, lascia sfogare l’avversaria, gestisce energie e poi la punisce con il fenomeno portoghese. Una evidente, cristallina dimostrazione di forza.

Le scelte di Pirlo e Fonseca
Pirlo si affida ad un ampio turnover in vista della partita di coppa Italia contro l’Inter di martedì prossimo. Cuadrado riposa, Bentancur è squalificato, Dybala e Ramsey ai box. Rivoluzionata la difesa con Szczesny di nuovo in porta, Danilo a destra e Alex Sandro sulla fascia opposta. Al centro ci sono Bonucci e Chiellini. Gli esterni offensivi sono McKennie e Chiesa con Ronaldo e Morata lì davanti. La Roma  - senza Smalling e Pedro infortunati, Pellegrini squalificato e Dzeko in panchina - risponde con il 3-5-2. Ibanez centrale difensivo, Kumbulla e Mancini ai suoi fianchi. In avanti c’è Mkhitaryan a girare attorno a Borja Mayoral.

La Roma tiene palla, Cristiano Ronaldo segna
Il primo tempo è divertente. La Roma gioca, tiene palla, prova a manovrare e sulla sinistra con Spinazzola riesce anche ad arrivare pericolosamente dalle parti di Szczesny. Manca però la cattiveria giusta per chiudere l’azione, manca lo spunto per l’affondo decisivo. In poche parole, i giallorossi non tirano praticamente mai in porta. Diverso l’approccio della Juve che aspetta gli avversari, ruba palla e riparte veloce con Chiesa sulla destra e Ronaldo lì davanti pronti a sfruttare ogni occasione. Il cinismo che manca alla Roma se lo prende tutto CR7 che al primo affondo non perdona la fragile retroguardia avversaria. Siamo al 13’ quando Alex Sandro sulla sinistra aggira Cristante mettendo in area un pallone morbido per Morata. Lo spagnolo scarica al centro per Ronaldo che, colpevolmente lasciato libero di calciare da Kumbulla, non perdona infilando Pau Lopez con un angolato rasoterra. Il portoghese ritrova dunque il gol dopo due giornate di astinenza in campionato. E’ l’1-0 che permette alla Juve di gestire con maggior serenità la gara. Subìto lo svantaggio, la Roma riparte con  la sua solita manovra, bella a vedersi ma tremendamente poco concreta. Borja Mayoral si danna l’anima provando ad aprire spazi per i compagni ma non c’è verso di mettere i brividi a Szczesny. L’unica eccezione la regala Cristante con una splendida conclusione dal volo dal limite a lato di un soffio. La Juve non sta a guardare e appena riparte fa paura. Ronaldo al 22’ riceve palla da Rabiot, libero dalla marcatura di Kumbulla ha il tempo per stoppare e concludere con potenza una palla che centra in pieno la traversa interna. Nell’occasione è decisiva la deviazione dello stesso difensore albanese. Mancini pochi minuti dopo ha una chance sugli sviluppi di un angolo ma il suo tap in sotto misura termina a lato.

Si rivede Dzeko ma un autogol di Ibanez chiude la partita
Nella ripresa la Roma continua a sciorinare calcio ma il problema resta lo stesso: manca personalità e concretezza sotto porta. La Juve si copre con ordine e non disdegna sortite offensive come al 56’ quando Morata dal limite sfiora il 2-0 con una conclusione dal limite fuori misura di poco. La Roma spinge e ceca il pari con maggior convinzione ma non riesce mai a sfondare con cattiveria. Fonseca rompe gli indugi e dopo un’ora di gioco inserisce Carles Perez, Diawara e soprattutto Dzeko. Pirlo risponde con Kulusevski e Cuadrado al posto di McKennie e Morata. Proprio i due nuovi entrati aprono la strada al raddoppio bianconero al 69’. Cuadrado dalla destra innesca con una grande verticalizzazione Kulusevski, bravo a mettere al centro per Ronaldo, anticipato da Ibanez che infila la sua porta. L’autogol del centrale giallorosso chiude di fatto la partita. La Roma non ci crede più e la Juve gestisce in totale serenità il finale. Al triplice fischio la Juve può esultare per il sorpasso in classifica di giallorossi. Pirlo ora è terzo a cinque punti dall’Inter capolista (con la gara contro il Napoli ancora da recuperare). Per la Roma è l’ennesimo ko stagionale contro una big. Una sconfitta pesante che lascia tanta amarezza e rischia di compromettere il posto in Champions con Napoli e Lazio in agguato e pronte all’aggancio in classifica.


Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me