XIV Giornata
ROMA - INTERNAZIONALE 2-2
Roma, Stadio Olimpico
domenica, 2 dicembre 2018

ore 20.30

invia una e-mail per i resoconti
 
Tifo Roma:
Un'altra serata iniziata bene e andata peggiorando: i primi trenta minuti vedono una buona (non ottima) prestazione, poi una situazione di tensione a centro Curva (di cui ignoro il motivo) distrae molti. Il gol interista peggiora ancora la situazione. A inizio secondo tempo il pareggio solleva un po' gli animi ma poi si va a sempre più a calare. Nemmeno il serrate finale post pareggio riesce a dare una scossa. Per Spalletti molti fischi all'annuncio delle formazioni e altrettanti (conditi da un "Spalletti pezzo di merda" cantato solo da alcuni) al momento dell'espulsione.
Tabellino partita:
ROMA (4-2-3-1): Olsen; Santon (24' st Kluivert), Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Cristante, N'Zonzi; Florenzi, Zaniolo (32' st Perotti), Under (38' st Pastore); Schick.
A disp.: Mirante, Fuzato, Marcano, Lu. Pellegrini, Riccardi, Celar. All.: Di Francesco

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Borja Valero (35' st Vecino), Brozovic; Keita (17' st Politano), Joao Mario, Perisic (35' st Lautaro Martinez); Icardi.
A disp.: Padelli, Miranda, Ranocchia, Vrsaljko, Gagliardini, Candreva.
All.: Spalletti.

ARBITRO: Rocchi.
Marcatori: 37' Keita, 51' Under, 66' Icardi, 74' Kolarov (R)
NOTE: Espulso al 48' st l'allenatore dell'Inter Spalletti per proteste. Ammoniti: Asamoah (I), Kolarov (R).

Tifo Ospiti:
Superano abbondantemente le 2.000 unità, cosa che di questi tempi è già una notizia. Il colpo d'occhio non è male ma per il resto non molto da dire: 4 bandieroni nella parte bassa che sventolano con continuità e poco altro; si nota qualche battimani ma non arrivano mai a farsi sentire fino in Curva Sud.
AF


FOTOTIFO









































Altre siti che pubblicano foto di ogni partita in casa:
http://www.lamiaroma.org
http://www.laroma.net


VIDEOTIFO
 
 
 



Cori contro gli Interisti

FOTOCALCIO




















VIDEOCALCIO

Under Kolarov Il Servizio

Il rigore negato su Zaniolo



     

Luigi

Lo stadio presenta un bel colpo d'occhio,ma a causa dei folli prezzi distinto nord chiuso.Ad inizio partita vengono abbassati un paio di bandieroni,che solitamente creano una sorta di barriera tra chi coordina i cori,e,parere personale il tifo ne guadagna,(chiedo il parere dei miei "colleghi" che scrivono qui)facendo registrare,secondo me, il miglior primo tempo della stagione.Durante l'intervallo incessante il coro ale ale Roma alè dalla zona "nel nome di Roma".Secondo tempo ancora su buoni livelli,con qualche calo fisiologico.Serata positiva.

Viva la Roma.

Filippo

Purtroppo ho da fare un'amara constatazione, dalla tribuna si sente a malapena la curva. Ormai il fomento si genera solo se la squadra fa qualche azione buona. Speriamo sia un male passeggero

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA
i






















corrieredellosport.it
Roma-Inter 2-2: show all'Olimpico con Keita, Ünder, Icardi e Kolarov
La squadra di Spalletti due volte in vantaggio e due volte ripresa. Il tecnico toscano espulso nel finale


domenica 2 dicembre 2018 22:20

ROMA - La Roma voleva vincere per uscire dal momento critico, l'Inter per sorpassare il Napoli e continuare a crescere. All'Olimpico finisce invece 2-2, con un mix di rabbia e rimpianti ma anche di applausi e certezze (vecchie e nuove). Due volte in vantaggio con Keita e Icardi, la squadra di Spalletti non ha avuto la lucidità di gestire la gara. Merito soprattutto della formazione di Di Francesco, che ha risposto con Ünder e il rigore di Kolarov combattendo con coraggio tra mille difficoltà. Quelle interne, a partire dai numerosi infortuni (su tutti De Rossi, Dzeko, El Shaarawy, Lorenzo Pellegrini e all'ultimo anche Fazio), e quelle esterne, con Rocchi e il VAR sotto accusa soprattutto per un chiaro errore sullo 0-0 (rigore non assegnato ai giallorossi per un contatto tra Zaniolo e D'Ambrosio).

CI PROVA ICARDI, ZANIOLO C'E' - In partenza Di Francesco ha poco margine di scelta e in mediana conferma la coppia Nzonzi-Cristante. In avanti Schick, con la novità Florenzi a sinistra sulla trequarti, al fianco di Zaniolo e Ünder. Rispetto alla formazione anti Real, in difesa ci sono Santon e Juan Jesus. Tante novità invece per Spalletti, che rilancia De Vrij, Joao Mario e Keita in un 4-2-3-1 di fisico e velocità. Con Borja Valero in regia a dettare i tempi di gioco, l'Inter avanza compassata per poi accelerare negli ultimi 25 metri. Ci provano con un paio di spunti Keita e Perisic, ma il più pericoloso è sempre il solito Icardi che alla mezzora impegna Olsen con una decisiva uscita a terra. La Roma è attenta e cerca di mettere in difficoltà i nerazzurri con un pressing molto alto. Nel primo tempo Handanovic è parecchio impegnato: su Florenzi al 14', ma soprattutto su una bella conclusione di Zaniolo e su una punizione di Kolarov.

LA ROMA PROTESTA, L'INTER SEGNA - Gli episodi decisivi del primo tempo, però, sono concentrati tra il 26' e il 37'. Prima la squadra di Di Francesco colpisce il palo con Florenzi, servito da uno splendido assist di tacco di Schick. L'Olimpico si dispera, ma poi esplode di rabbia al 35' quando Zaniolo è sgambettato in area da D'Ambrosio: né Rocchi, né il VAR intervengono tra le proteste giallorosse. Passano 2' e l'Inter passa. Su un'azione nata anche qui da una contestazione romanista per una spinta di Perisic su Zaniolo a centrocampo, D'Ambrosio dalla destra mette al centro un pallone che Jesus manca e Keita spinge in rete.

ROMA, DOPPIA RIMONTA - Al rientro in campo dopo l'intervallo, Rocchi è accolto da una pioggia di fischi. La Roma riparte con forza e al 6' Ünder fa partire da 25 metri un sinistro di potenza e velocità impressionanti che Handanovic vede solo quando ormai è dentro la porta: 1-1. Spalletti è preoccupato e cambia inserendo Politano al posto di Keita. L'Inter trova nuove energie e al 21' il perfetto stacco di testa di Icardi su calcio d'angolo riporta avanti i nerazzurri. Di Francesco si gioca la carta Kluivert per Santon, con lo spostamento di Florenzi in difesa. La Roma non si arrende e al 27' chiede un altro rigore per un tocco di braccio di Brozovic in area. Rocchi di nuovo non vede, ma questa volta con l'aiuto del VAR assegna il penalty che Kolarov realizza. In un finale infuocato entrano anche Perotti, Vecino, Lautaro Martinez e Pastore, ma il protagonista degli ultimi minuti è Spalletti, che viene espulso per proteste tra i fischi dei tifosi romanisti. Lo show è completo.

sFuria Totti: «Il Var? E' vergognoso quello che è successo»
Il dirigente giallorosso: «Fabbri che partita stava guardando dentro la Var room? Come si fa a non rivedere il fallo su Zaniolo? Che le facciamo a fare le riunioni a Coverciano? Così avanti non si può andare avanti, così si falsano i campionati!»

ROMA - «E' stata una partita a viso aperto fra due squadre che si sono affrontate senza paura. Un match molto eccitante da vedere», ha dichiarato il dirigente ed ex capitano romanista Francesco Totti.

«Il rigore non dato a Zaniolo? C'è poco da dire, lo hanno visto tutti. Ci chiediamo tutti come quelli del Var non riescano a vederlo! E' una vergogna. Che ci stanno a fare quelli del Var? Perché non vengono chiamati a rispondere delle loro decisioni? Lo abbiamo messo apposta il Var. Questa era troppo evidente, ce ne siamo accorti noi a decine e decine di metri di distanza e su schermi molto più piccoli. Sono in 4 o 5 là dentro, ma che stanno vedendo? Fabbri evidentemente stava vedendo un'altra partita... E' impossibile andare avanti così. Facciamo tante riunioni, ci vediamo a Coverciano a Milano, ci spiegano, ci raccontano e poi succedono queste cose! Così si falsano i campionati», ha proseguito un furioso Totti.

«Dobbiamo dire bravi ai ragazzi che hanno passato il girone di Champions e stanno lottando anche in campionato. Con la forza della squadra e del mister riusciremo a centrare i nostri obiettivi. Zaniolo? Ha tutto, è esplosivo, è tecnico. Sembra già un veterano», ha proseguito Totti. «Stasera abbiamo dimostrato di poter poter combattere con le altre per il vertice. Vado via adesso altrimenti arriva Spalletti», ha concluso sorridendo l'ex capitano romanista.

Il dirigente romanista ha poi parlato ai microfoni di Rai Sport: «Non vogliamo tornare indietro a ciò che accadde lo scorso anno con quel rigore non fischiato a Perotti però oggi è stato vergognoso e non lo dico per cercare alibi. Non è stata tanto la colpa di Rocchi che magari era coperto ma è stato Fabbi al Var a non vedere. Perché non chiedono a Fabbri cosa ha visto? Secondo me non è possibile che non lo abbia visto, l'unica motivazione era la mancata connessione al momento del fatto. Se io sto sul divano di casa o davanti a uno schermo e vedo un replay così chiaro come faccio a non dire a Rocchi che è rigore? A questo punto visto che non rispettano quello che ci diciamo durante le riunioni, allora forse è il caso di fare un altro incontro per cambiare le regole del Var».

Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me