Semifinale - ritorno (andata 2-5)
ROMA - LIVERPOOL 4-2
Roma, Stadio Olimpico
mercoledì, 2 maggio 2018

ore 20.45

invia una e-mail per i resoconti
 
Tifo Roma:
Commovente la partecipazione del tifo giallorossa.
Certo, si risente dell'andamento della partita, e quindi a tratti il tono cala, mail sostegno è continuo e riconoscente verso una squadra che ci ha portato, dopo 34 anni, a disputare di nuovo una semifinale di Champion's League.
Nessuna coreografia, ma tante bandiere e bandierine.
E' sufficiente così.

Tabellino partita:
ROMA Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi (dal 24' s.t. Gonalons), Pellegrini (dall'8' s.t. Under); Schick, Dzeko, El Shaarawy (dal 30' s.t. Antonucci). (Skorupski, Juan Jesus, Bruno Peres, Gerson).
Allenatore: Di Francesco

LIVERPOOL Karius; Alexander-Arnold (dal 47' s.t. Clyne), Lovren, van Dijk, Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner; Salah, Firmino (dal 42' s.t. Solanke), Mané (dal 38' s.t. Klavan). (Mignolet, Moreno, Woodburn, Ings).
Allenatore: Klopp

ARBITRO Skomina (Slo)
RETI: 9' Mané, 15' Milner (A), 25' Wijnaldum, 52' Dzeko, 86 e 94 (R) Nainggolan
NOTE Spettatori 61.889, incasso 5.545.187 euro. Ammoniti Lovren, Robertson, Solanke e Florenzi per gioco scorretto, Manolas per c.n.r.. Recupero: 1’ p.t.; 3’ s.t.

Tifo Ospiti:
In circa 5mila, tifano dal primo all'ultimo. La conferma di quanto visto a Anfield. Del resto, se il tifo è nato lì ci sarà un motivo.





La fila per la prelazione abbonati


FOTOTIFO

PAGINA 2












































Altre siti che pubblicano foto di ogni partita in casa:
http://www.lamiaroma.org
http://www.laroma.net


VIDEOTIFO
 
Tifosi Liverpool a fine partita
Fine partita



Ingresso giocatori e Voglio solo star con te
Annuncio formazione
Odio Liverpool
Voglio solo staro con te prepartita
Inno Fedayn + Sei Fantastica
Inno

Voglio solo star con te


FOTOCALCIO




















VIDEOCALCIO

Autogol
Dzeko
Nainggolan 1
Nainggolan 2
Il servizio





 

 

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA






















corrieredellosport.it
Roma-Liverpool 4-2: il cuore non basta, Reds in finale
La squadra di Di Francesco va sotto 1-2, poi sfiora l'incredibile rimonta grazie alle reti di Dzeko e Nainggolan (doppietta). Proteste giallorosse per due episodi dubbi in area di rigore


di Valerio Minutiello

MERCOLEDÌ 2 MAGGIO 2018 22:38

ROMA - I miracoli non si ripetono in così breve tempo e infatti stavolta la rimonta non è riuscita. La Roma non ha concesso il bis, però ha giocato una gara di cuore battendo il Liverpool 4-2, in un Olimpico stupendo, con qualche errore di troppo che alla fine ha influito sul risultato finale. Servivano tre gol, e ne sono arrivati addirittura 4. Roba non da poco, però si sapeva che con il Liverpool la cosa difficile sarebbe stata non prenderli: solo che la Roma i due gol ai Reds li ha regalati. Nella ripresa poi c’era un rigore evidente con espulsione per un fallo di mano di Alexander-Arnold sul 2-2 che avrebbe potuto riaccendere le speranze. I giallorossi escono comunque a testa alta e con il rammarico di essersela giocata male all’andata. Ma la squadra di Eusebio Di Francesco ha fatto un cammino strepitoso in Europa andando molto oltre le aspettative. Salah stavolta non segna ma esulta eccome con i suoi compagni, perché il ritorno all’Olimpico per lui è da sogno: significa finale di Champions a Kiev con il Real Madrid.

DIFESA A QUATTRO - Di Francesco, come previsto, torna ad affidarsi alla difesa a 4 con Kolarov, Manolas, Fazio e Florenzi. In attacco c’è Schick nel tridente con Dzeko ed El Shaarawy. 4-3-3 anche per Klopp, con il tridente supersonico formato da Salah, Firmino e Mané. La Roma, spinta da un grande pubblico, parte bene e riesce subito a spaventare il Liverpool. Al 9’ però, il primo regalo è di Nainggolan, che sbaglia clamorosamente un passaggio facile in orizzontale a centrocampo e innesca il contropiede letale del Liverpool: Mané tutto solo non può sbagliare. Così con il minimo sforzo i Reds si trovano avanti. Proprio la situazione che bisognava evitare. La squadra di Klopp può gestire tranquillamente un vantaggio molto ampio, ma la Roma reagisce e al 15’ trova il pareggio con Milner che restituisce il favore ai giallorossi e fa autogol di testa. E’ sempre durissima, servono altri tre gol, ma la Roma ci crede ancora, e ci prova.

SECONDO REGALO - Il Liverpool si chiude e al 26’ torna avanti con un altro regalo dei giallorossi, dopo che Alisson aveva compiuto un miracolo su Mané. Sul calcio d’angolo Dzeko di testa la appoggia indietro a Wijnaldum, che si trova un assist inaspettato da spedire in rete. Il secondo gol del Liverpool è un colpo troppo grande da assorbire, anche se la Roma non va subito al tappeto. Al 35’ Milner sta per fare la doppietta nella sua porta: il tiro di Nainggolan, deviato da lui, si stampa sul palo. Il copione della partita purtroppo è quello che tutti si aspettavano. La Roma attacca e crea occasioni, dando la sensazione di poter segnare. Il problema è non prendere gol da una squadra che quando parte in contropiede è veramente devastante. E in uno di questi, Fazio è bravissimo a resistere e chiudere Salah nell’uno contro uno.

SUBITO DZEKO - La Roma torna in campo con la mentalità giusta, non vuole mollare. Dzeko dopo pochi minuti v via verso la porta e viene steso da Karius in area, ma il guardalinee aveva segnalato un fuorigioco che non c’era. Al 52’ il bosniaco ribatte a rete una respinta di Karius su tiro di El Shaarawy e firma il suo ottavo gol in questa Champions, portando la Roma sul 2-2 e infiammando l’Olimpico ancora una volta. Di Francesco si gioca subito il tutto per tutto inserendo Under al posto di Pellegrini e passando al 4-2-3-1. Al 63’ l’episodio che poteva riaccendere le speranze della Roma: su tiro di El Shaarawy, Alexander-Arnold la devia chiaramente con la mano davanti alla porta. Sarebbe stato rigore ed espulsione, ma l’arbitro lascia proseguire.

Al 75’ Di Francesco getta nella mischia il giovane Antonucci al posto di El Shaarawy, che esce con i crampi. All’86 Nainggolan segna il 3-2 con un gran tiro dal limite che colpisce il palo primo di finire in rete, ma non esulta, forse perché ha capito che è troppo tardi. Proprio all’ultimo minuto di recupero ancora Nainggolan su rigore per fallo di mano porta la Roma sul 4-2: sembra quasi una beffa. Finisce così, con il Liverpool che va in finale e la Roma che esce tra gli applausi dei suoi tifosi e l’Olimpico che canta lo stesso "Grazie Roma" a squarciagola colorando lo stadio di giallorosso con sciarpe e bandiere. E’ stata comunque una serata da brividi.















Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me