XV giornata
LAZIO/ROMA 0-2
Roma, Stadio Olimpico
  domenica 4 dicembre 2016
ore 15.00

invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
Lazio (4-3-3): Marchetti 5,5; Basta 6 (80' Patric sv), Wallace 4, Radu 5,5, Lulic 5,5; Parolo 6, Biglia 5 (80' Lombardi sv), Milinkovic-Savic 6; Felipe Anderson 5, Immobile 5,5, Keita 5,5 (80' Kishna sv). A disp.: Strakosha, Vargic, Bastos, Lukaku, Hoedt, Cataldi, De Vrij, Murgia, Djordjevic. All.: Inzaghi
Roma (3-4-2-1): Szczesny 6; Rudiger 6,5, Fazio 6, Manolas 6,5; Bruno Peres 6, De Rossi 7, Strootman 7, Emerson 6; Nainggolan 7,5, Perotti 6; Dzeko 5,5. A disp: Alisson, Lobont, Vermaelen, Mario Rui, Iturbe, Juan Jesus, Seck, Gerson, Totti, El Shaarawy. All.: Spalletti
MARCATORI: Strootman al 65', Nainggolan al 77'.
Espulsi: Cataldi (L)

NOTE Spettatori 35.000. Ammoniti: Biglia, Rudiger, Strootman, Lulic, Parolo, Bruno Peres, Lombardi. Espulso al 21' s.t. Cataldi (L) dalla panchina per condotta antisportiva. Angoli: 6-3 per la Lazio. Recupero: 3'; 4'.



FOTOTIFO
Il derby non cambia nulla: anche oggi i ragazzi della Curva Sud romanista non entreranno allo stadio Olimpico. A differenza dei rivali laziali, i tifosi giallorossi hanno deciso di continuare nella protesta contro le barriere ma, come è successo anche lo scorso anno, i gruppi della curva si sono dati appuntamento per guardare la partita insieme e tifare come se fossero allo stadio. Questa volta i tifosi giallorossi hanno scelto come punto di raccolta l’“Academy Qualcio Roma”, centro sportivo in viale dei Romanisti dove è stato
un maxi-schermo con ingresso gratuito.

















La squadra della Roma si mette in posa
sotto la Curva Sud vuota



















VIDEOTIFO

Fumogenata Monte Mario # 1
Fumogenata Monte Mario n. 2
 






FOTOCALCIO

Il minuto di silenzio per la tragedia del Chapecoense









































VIDEOCALCIO

De Rossi nel post partita
Numero di Nainggolan
Strootman
Nainggolan
Il servizio







 

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA


RASSEGNA STAMPA






corrieredellosport

Lazio-Roma 0-2: Strootman e Nainggolan decisivi

La squadra di Spalletti si prende il derby da Champions, aggancia il Milan al secondo posto e resta in scia alla Juventus, a -4

di Valerio Minutiello

domenica 4 dicembre 2016 15:39

ROMA - La Roma si prende il derby da Champions, riaggancia il Milan al secondo posto e resta in scia della Juventus, a -4. Strootman e Nainggolan assestano i colpi del ko nel secondo tempo, sfruttando due regali di Wallace - preferito a de Vrij - e Marchetti. Per la Lazio continua il tabù del derby: dopo quello famoso del 26 maggio 2013 in finale di Coppa Italia, non ne ha più vinto uno. L'ultimo era costato la panchina a Pioli e l'inizio dell'avventura per Simone Inzaghi. Questo è il quarto consecutivo vinto dalla Roma (in tutto sono 5 vinti e 2 pareggiati nelle ultime 7), che giocava in trasferta, non solo sulla carta.

Tutto lo stadio, con parecchi spazi vuoti, era della Lazio: la Nord era piena, mentre la Sud è rimasta vuota anche stavolta. I tifosi romanisti hanno deciso di continuare la loro protesta contro le barriere: alla fine erano solo 9mila presenti sugli spalti, sui circa 30 mila dell'Olimpico. La Lazio parte all'attacco ed è padrona del campo, ma solo nei primi 20 minuti. La Roma, ridisegnata da Spalletti con la difesa a tre, fa molta fatica all'inizio ma riesce a resistere ed esce fuori alla distanza prendendosi il derby con quelle qualità che spesso le sono mancate: grinta, forza fisica, voglia di combattere su ogni pallone, e cinismo. In poche parole, quella capacità di vincere ogni tanto le partite senza giocare benissimo, spesso invocata dall'allenatore della Roma, è venuta fuori proprio nella sfida più sentita nella Capitale.  

LAZIO, PARTENZA A RAZZO - Prima del fischio d'inizio anche all'Olimpico le due squadre si abbracciano a centrocampo per osservare un minuto di silenzio in onore della Chapecoense. Inzaghi conferma il 4-3-3, ma lascia fuori a sorpresa De Vrij che ancora non è al meglio, affidandosi a Wallace con Radu: chissà se tornando indietro rifarebbe la stessa scelta visto l'errore del brasiliano che ha spianato la strada alla Roma. Spalletti invece decide di cambiare modulo, soprattutto per sopperire all'assenza di Salah: 3-4-2-1, con Dzeko unica punta e Nainggolan-Perotti nella veste di trequartisti.

Una scelta che all'inizio non funziona. La Roma non trova le misure in campo, e subisce l'iniziativa della Lazio che parte con grande intensità. I primi 20 minuti sono tutti della squadra di Inzaghi, che però non riesce quasi mai a impensierire Szczesny. La Roma si difende con qualche affanno, poi prende le misure e comincia ad affacciarsi dalle parti di Marchetti, senza riuscire mai a impegnarlo.

PERES DA RIGORE? BANTI INDECISO - L'unica vera "emozione" arriva al 29', quando Peres cade al limite dell'area toccato da Biglia: Banti molto indeciso, indica prima il dischetto del rigore, poi la punizione dal limite dopo essersi confrontato via auricolare con Calvarese. Il contatto era molto lieve, ma sulla linea e quindi all'interno dell'area. Alla fine probabilmente è stata scelta una via di mezzo, per non scontentare nessuno. Il primo tempo scivola via così, nell'ultimo quarto d'ora le squadre abbassano notevolmente il ritmo.

LAZIO, CHE REGALI - Anche nella ripresa il derby stenta a decollare. Le squadre stanno più attente a non scoprirsi. La Roma riesce a mettere due palloni sulla testa di Dzeko, ma il bosniaco non è in grande giornata: la prima conclusione è debole, la seconda addosso a Marchetti a due passi dalla porta. Al 64' la Roma passa in vantaggio grazie a un regalo di Wallace: il difensore si fa rubare in maniera clamorosa un pallone da Strootman al limite, e l'olandese supera Marchetti in uscita con un bel tocco sotto.
Il vantaggio della Roma rompe l'equilibrio e accresce il nervosismo: al termine dell'esultanza si accende una rissa dopo un diverbio tra Cataldi in panchina e Strootman, che gli lancia un po' d'acqua. Banti espelle il laziale e ammonisce il romanista. La Lazio prova a reagire, ma è troppo nervosa e perde lucidità. Al 77' in contropiede Nainggolan raddoppia con un tiro da fuori non irresistibile, su cui Marchetti si fa trovare impreparato.
Il gol chiude praticamente il match: la squadra di Inzaghi si getta in avanti con orgoglio, ma sente che la partita ormai sta scivolando di mano. Szczesny non deve compiere nemmeno una parata. Alla fine la Roma festeggia e continua a sognare lo scudetto. La Lazio invece si ferma sul più bello e viene agganciata dal Napoli al quarto posto. Adesso Inzaghi deve essere bravo a far ripartire subito la sua squadra.

Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me