XV giornata
ROMA - JUVENTUS 1-1
Roma, Stadio Olimpico,
lunedì 12 dicembre 2011

ore 20.45

invia una e-mail per i resoconti
 
Tifo Roma:
Ottimo impatto per la Sud con numerosi fumoni colorati che verranno accesi anche durante la gara. Numerosi anche gli striscioni ed ottimi i cori, con rari momenti di stanca. Tensione in Curva Nord per la vicinanza di gruppi ultras juventini e romanisti che si scambiano torce e bomboni. Piena la Tribuna Tevere, con la solita vergogna dei tabelloni pubblicitari chge tolgono la visuale a una ventina di file. Fallimentare il settore famiglie: i bambini vanno a scuola e non possono tornare alle 23.30 a casa.
Tabellino partita:
Roma-Juventus 1-1 (1-0)
ROMA (4-3-3): Stekelenburg, Taddei, De Rossi, Heinze, Josè Angel, Pjanic (29' Perrotta), Viviani (13' st Simplicio), Greco, Lamela, Totti, Osvaldo (41' st Borriello). (Lobont, Cicinho, Rosi, Caprari). All.: Luis Enrique.
JUVENTUS (4-3-3): Buffon, Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Vidal, Pirlo, Marchisio, Pepe (41' st Elia.), Matri (23' st Quagliarella), Estigarribia (27' st Giaccherini s.v.). (Storari, De Ceglie, Pazienza, Del Piero). All.: Conte.
Arbitro: Orsato di Schio
Reti: nel pt 5' De Rossi; nel st 16' Chiellini
Note. Angoli: 8-4 per la Juventus Recupero: 0 e 6' Ammoniti: Pjanic, De Rossi e Bonucci per gioco scorretto, Quagliarella per comportamento antiregolamentare Note: al 18' st Buffon ha parato un rigore calciato da Totti Spettatori: 49.547, per un incasso di 1.662.870,00 euro.

Tifo Ospiti:
Pieni i distinti, dove vengono fatti confluire, con buona pace della tessera del tifoso, tutti i 4000 tifosi juventini, sia autorizzati da Maroni che non. Gruppi organizzati e tesserati in basso. Scambi di torce con la parte bassa della Nord. Tifo un po' discontinuo, corale solo a tratti.

FOTOTIFO












Lo Stato ha perso: i fumoni esistono ancora







Tensione in Nord # 1

Tensione in Nord # 2

Tensione in Nord # 3

Parte alta Nord

Tensione in Nord # 4

Tensione in Nord # 5

Tensione in Nord # 6

Tensione in Nord # 7

Tensione in Nord # 8: juventini rilanciano artifizio lanciato dai romanisti

Tensione in Nord # 9

Tensione in Nord # 10



Tensione in Nord # 11



Gente in piedi nel parterre per via dei tabelloni pubblicitari


Esultanza AS Roma

Esultanza in Curva Sud















Verità per Cristian De Cupis, parte bassa Nord

Verità per Cristian De Cupis, lato Juve

Verità per Cristian De Cupis, Curva Sud



Oanoramica


Il fallimento del settore famiglie





















Il rigore sbagliato da Totti









Le tifoserie di Roma e Juventus hanno chiesto verità per
Cristian De Cupis.
“Ieri familiari e tanta gente del quartiere hanno dato l’ultimo saluto a Christian De Cupis, il giovane arrestato dalla Polizia ferroviaria per banali motivi e morto in un reparto per detenuti a Viterbo.
Tanti sono i lati oscuri della vicenda: i lividi sul corpo di Christian, l’inusuale trasferimento a Viterbo, il fatto che la famiglia sia stata informata di tutto dopo la morte e che non sia stata messa nelle condizioni di inviare un perito di parte all’autopsia".
Romanotizie














Altre siti che pubblicano foto di ogni partita in casa:
http://www.lamiaroma.it
http://www.romaclubwind.it
www.giallorossi.it
http://www.laroma.net


VIDEOTIFO
 
     


   http://www.youtube.com/watch?v=UYh03R1NAZI  

FOTOCALCIO

   














VIDEOCALCIO

Il servizio
Il gol di De Rossi
 


     

C'ERO PURE IO!
     

Roma-JuveCalabria in curva nord mi ha riportato ai fasti di un tempo con tanta adrenalina. Dopo aver visto quasi tutte le partite in sud questa volta decido di andare nella parte bassa della nord, dove cmq ho un sacco di amici, per seguire la partita.
Risultato a parte e facendo un breve commento sulla partita la Roma, con mezza rosa infortunata, ha dato una prova di carattere contro, probabilmente, una delle due pretendenti (con il Milan) per la vincita finale dello scudetto.
Luigi Enrico ha snaturato in gran parte il suo gioco per tornare a casa con un risultato cmq positivo, in ogni caso io credo enormemente in questo progetto (che però dovrà sapersi adattare alle dinamiche del calcio italiano) e penso anche che come per tutte le cose buone serva tempo e serva, di conseguenza, aspettare ancora (almeno mezzo campionato se non tutto per i primi risultati).
Juventini direi in forma ma con i numeri portati da tutto il sud italia e la prima posizione in classifica non era difficile.

Continuo scambio di Bomboni, Torce, Arance, Borghetti, Birre e accendini per tutta la partita (ma la tanto paventata sicurezza negli stadi? in un paese dove i primi a non rispettare le leggi sono quelli che le fanno mi risulta alquanto difficile mantenere l'ordine pubblico soprattutto in uno stadio!!!), esilerante il momento in cui dovevo accendermi una sigaretta e nessuno aveva un'accendino poiché tutti sequestrati all'ingresso e arrivatomene uno direttamente dai distinti sud parte bianconera l'ho prontamente usato per tale scopo!!! :)
Concludo Lorenzo con una frase che trovo adatta sia per il calcio giocato della mia squadra sia per la situazione ultras/tifo...
...SE INSISTI E RESISTI, RAGGIUNGI E CONQUISTI!!!

< style="font-family: arial;">Buonasera Lorenzo, Decido solo ora di scriverti delle riflessioni sulla curva in questi tempi moderni. A una scenografia da 6, con i fumogeni sempre emozionanti, corrisponde una prova corale da 4. Forse la peggiore della stagione. Troppi occasionali vestiti a festa. Oltre a questo la situazione è desolante: dalla 15 fila in su finisce il tifo. Gente muta o che canta uno, due cori e per un volta sola. Non va bene così. Colui che sostiene di continuo è solo, si innervosisce, è costretto a urlare, rimanendo senza voce già a metà secondo tempo. Inoltre la partita si vede  in televisione, bisogna sostenere la squadra e le bandiere devono sventolare. E’ inammissibile gente che si sposta o che si lamenta perchè non vede, non venite allo stadio. O meglio non venite in CurvaSud.

Francesco

fila19

I VOSTRI RESOCONTI....
....E QUELLI DELLA STAMPA 


Il MESSAGGERO (Ugo Trani)
ROMA - L'Olimpico, finalmente con più di 50 mila spettatori, è la degna cornice di una partita bellissima. Giusto anche il risultato, 1 a 1, punteggio risicato solo perché i due portieri Stekelenburg e Buffon sono stati tra gli attori principali della serata. La Juve difende la sua imbattibilità all'Olimpico e riprende l'Udinese in testa alla classifica. La Roma chiude la serie negativa e Luis Enrique si può accontentare del punto dopo due sconfitte di fila. Totti torna titolare dopo 72 giorni ma sbaglia nella ripresa il rigore del possibile successo: il primo (della stagione, per i giallorossi) non si scorda mai. Ed è anche il diciottesimo della sua carriera dagli undici metri.

Grande contro provinciale. C'è una differenza tra le squadre e non è solo in quei dodici punti che le separano. La Juventus si comporta da grande, la Roma, cosa insolita da quando c'è l'asturiano in panchina, da provinciale. Anche se Conte usa solo una punta centrale nel 4-3-3, il suo coro è straripante e coinvolgente. Sulle fasce volano terzini e ali, Pirlo ha la bacchetta magica. I giallorossi si difendono, anche perchè si ritrovano subito in vantaggio. Quando nella ripresa calano i rivali, si vede la mano di Luis Enrique: sembra la frazione giusta per approfittare e giocare il calcio che piace a lui. Veloce e tecnico, tutto di prima, con verticalizzazioni e accelerazioni. Non basta per vincere, ma la serata è comunque da applausi. Per il tentativo di adattarsi all'avversario e andarlo a colpire quando abbassa il ritmo. Anche se lo striscione dei cinquemila tifosi bianconeri è feroce: “Modello Barça, loro Messi Villa; voi messi male”. Si possono permettere l'ironia, non perdendo qui dall'8 febbraio 2004.

De Rossi firma. Il vantaggio della Roma arriva prestissimo e lo realizza proprio Capitan Futuro, l'unico romanista in campo in scadenza di contratto. Sigla intanto il gol pesantissimo, anche grazie al liscio di Vidal davanti alla porta, in attesa di poter mettere la sua firma sull'accordo che la nuova società gli sottoporrà nei prossimi giorni. Segna da difensore centrale, in ricordo del suo idolo Ago Di Bartolomei.

Lo schema su corner. La rete dell'1 a 0 non nasce per caso: nell'ultimo allenamento a Trigoria, domenica mattina, Luis Enrique fa esercitare i giocatori accanto alla bandierina. «Giocala vicino e fattela ridare» l'input dell'asturiano. Totti per Pjanic che gli restituisce subito il pallone. Pepe si perde il capitano che entra in area e pennella il cross. De Rossi, in agguato, chiude sul palo lontano con uno smash di destro degno del Centrale del Foro Italico.

Lucho in tre mosse. Sono tre le novità tattiche di Luis Enrique che, per non smentirsi, presenta la sedicesima formazione diversa in 16 gare ufficiali. Tre mosse per essere meno vulnerabili. 1) Obbligo di rinvio con i piedi per Stekelenburg: per evitare errori in disimpegno vicino all'aerea romanista e per saltare il centrocampo della Juve; 2) Pjanic fisso su Pirlo per bloccare la fonte del gioco bianconero; 3) 4-2-3-1 in fase di non possesso palla, con Lamela e Osvaldo larghissimi per chiudere le discese dei due terzini, Lichtsteiner a destra e Chiellini a sinistra.

Meglio la ripresa. Luis Enrique fa uscire il debuttante Viviani dopo un'ora, dentro Simplicio: il ragazzino è stanco, il ritmo per lui è esagerato. La Roma incassa subito il gol del pari, grazie alla svirgolata di Estigarribia che atterra sulla testa di Chiellini e che soprattutto prende in contropiede Stekelenburg, ma è sicuramente più spigliata. Lamela, atterrato da Vidal conquista il rigore, il primo stagionale, Totti se lo fa parare, calciando forte ma centrale. Il capitano non interrompe il digiuno, ma i giallorossi conquistano campo: Osvaldo combatte e difende, Taddei avanza come un forsennato, Lamela finalmente si accende. Funziona il lavoro di Greco, lucido e preciso. Pjanic, ammonito e quindi assente a Napoli (era diffidato, lo fermerà il Giudice sportivo) chiede il cambio, tocca a Perrotta che però non entra in partita. In precedenza gli interventi di Conte che come al solito cambia gli attaccanti: fuori Matri per Quagliarella ed Estigarribia per Giaccherini. Orsato perdona Vidal che dovrebbe ricevere il secondo giallo e quindi essere espulso.

Il boato della Sud per Borriello. I tifosi giallorossi esultano per l'ingresso di Borriello, in campo per la prima volta dal 26 ottobre, anche se solo per 9 minuti, compresi i 6 di recupero. Osvaldo furioso al momento di lasciare il posto al compagno che si accontenta di poco. C'è, in contemporanea, anche Elia per Pepe, ultima mossa di Conte. Stekelenburg, dopo le spelndide parate del primo tempo (soprattutto due su Estigarribia), ne fa solo una nella ripresa, su Quagliarella, ma è quella decisiva per non perdere per la terza volta di fila. Totti subito dopo non approfitta dell'apertura chic di Lamela. Per interrompere il digiuno che dura dal 22 maggio dovrà aspettare ancora.

Pagina iniziale
Index
La stagione in corso
The championship
Aggiornamenti
Updates
Fotografie
Pictures
Premessa
Premise
Scudetti e trofei
Palmar?s
La Lazie
The second team of the region
Visti a Roma
Away fans in Rome
Le bandiere della Roma
Unforgettable players
Campo Testaccio
The glorious ground of AS Roma
Memorabilia
Memorabilia
Roma e i romani
Roma and romans
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
Derby!
Derby!
La Roma in Tv e alla radio
AS Roma in TV and radio
Video
Video
Vita vissuta
Lived life
Miscellanea
Miscellanea
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Bigliografia
Bibliography
La storia della Curva Sud
Curva Sud history
Le partite storiche
Matches to remember
Gruppi ultras
A.S. Roma Ultras groups
Sotto la Sud!
A.S. Roma players under the Curva Sud
Cori Curva Sud
Curva Sud chants
Amici e nemici
Friends ? enemies
La cronaca ne parla
The wrong and right side of A.S. Roma fans
Fedeli alla trib?
Faithfuls to the tribe
Diffide, che fare?
Suggests for the banned
Links
Links
Scrivetemi
E mail me