LA STORIA DELLA CURVA DELL'HELLAS VERONA
Una volta erano i guerrieri di Verona. Oggi la generazione delle Brigate  Gialloblu sul viale del tramonto, ma i giovani hanno ereditato la reputazione di questo gruppo, uno dei piu' temuti, rispettati e imitati del  panorama ultras italiano. Le BG, trascorsi venti anni intensissimi e frenetici, sono stati costretti a sciogliersi. Dopo e' un'altra storia.  Piu' tormentata, con alti e bassi. Le BG, uno dei primi gruppi ultras italiani, sono diventati un riferimento da seguire nel mondo curvaiolo: la loro mentalita' british, il sendo d'onore per la citta', la passione per  l'Hellas. Il gruppo ha vissuto venti anni ad altissimo livello, fino a quando la sua attitudine non era piu' al passo con la realta', impenitenti 
nel loro modo di essere fino al 1991. A quella sentenza che ha condannato le BG come associazione a delinquere e alla valanga di diffide del dopo Cesena-Verona, altro momento critico nella storia delle Brigate, quelle del  dopo scioglimento, quando la vecchia guardia, ripreso in mano la curva, pensava di riaprire un'altra pagina storica. Come ha scritto Silvio 
Cametti, l'autore dello splendido I guerrieri di Verona, le Brigate  Gialloblu sono state croce e delizia per la citta' scaligera, aggregando centinaia di giovani che hanno provato motivazioni, emozioni forti e  trasgressioni dietro quelle storiche insegne BG '71, che venivano prima anche dell'Hellas (Siamo i tifosi delle Brigate precisavano). La  particolarita' delle BG e' stata quella di diventare il gruppo piu'  avversato e guardato d'Italia (da qui la frase, contro le ipocrisie e i compromessi:Noi odiamo tutti), senza lasciarsi trasportare dai successi  della squadra, che negli anni '70 era quella scassinata di Zigoni e Busatta. Nell'anno dello scudetto del 1984 del magistrale Verona di  Bagnoli, la curva scaligera rafforzera' la sua reputazione che era gia' cresciuta sulla scena ultras euorpea. Ma cominciamo dalle radici. I tifosi  piu' vivaci nel 1969 si ritrovavano dietro lo striscione I 4 Fedelissimi,  embrione delle Brigate che nacquero ufficialmente nel novembre del 1971 come Calcio Club Verona Brigate Gialloblu (la dicitiura si attribuisce alla 
valenza politica che quel nome aveva all'epoca, si sospetta su idea di qualche tifoso allora collocato a sinistra, mentre tra i nomi scartati c'era quello di Commandos Fedelissimi Gialloblu, per non imitare il gia'  esistente Commandos Tigre a Milano). Una delle prerogative delle Brigate divenne quella di presenziare anche nelle trasferte con il loro striscione 
(il primo modello ha come simbolo un teschio stilizzato). L'organizzazione e' ancora rozza e il modo di tifare ricalca quello in voga nei primi anni Settanta: tamburi di latta o scocciati, grancasse, piatti, sciarpe di lana  e l'apparizione delle prime bandiere cucite a mano. Nel '74 vanno a Brescia in corteo con lo striscione davanti e le cronache del periodo mettono in  luce gia' l'indole turbolenta dei brigatisti, nelle accesissime gare con il  Bologna, il Vicenza, la Juve, il Milan. Nel 1976 lo strisicone Brigate appare in una side del temutissimo Shed, lo stadio del Chelsea (da la' si 
instaura un intesa con i supporters londinesi) e il tifo veronese comincia ad assorbire la fisionomia dello stile britannico: in curva sud appare per la prima volta in uno stadio italiano una Union Jack, compaiono le prime  sciarpe a listarelle gialloblu e striscioni con le sigle The Deadly Sinner Club e Hellas Army. Nel 1977 le Brigate decidono di abbandonare il vecchio  striscione, sostituendo il teschio con la scala a tre pioli come simbolo  sormonante la data di nascita 1971 e per la prima volta e' usata la tela cerata. Gia' nei primissimi anni '80 manifestano un atteggiamento  irriverente, un imprudenza nell'affrontare le tifoserie avversarie, striscioni sprezzanti, ma anche originalissimi. La curva di Verona si 
distingue dal resto del panorama come una delle piu' vivaci ed eclettiche.  Sempre in questo periodo le BG manifestano un profilo politico di destra, fino al punto da essere una caratteristica intrinseca dell'immagine del  gruppo (all'inizio nel nucleo fondatore ci sono anche militanti di sinistra e rude boys, una corrente ancora oggi presente nella Sud). Nel 1982-83 e'  beffardamente contestato il giocatore di colore Uribe (anticipando di  parecchi anni il caso Ferrer che segnera' un travagliato periodo per le BG). Il culto delle Brigate si diffonde nel mondo ultras italiano, sono  loro i protagonisti, con un modo di tifare unico, audaci nella ricerca degli scontri con gli altri gruppi ultras, come gli hooligans. Emerge anche  l'identita', goliardica (le parrucche, le paperelle nella trasferta a Como,  i copricapo cilindrici, animali gonfiabili, elementi coreografici surreali visti per la prima volta nella curva veronese) che ne fanno un gruppo di 
rottura, cambiando parte dei costumi ultras. Con la retrocessione del  Verona in B (1979), ma perdono lo smalto e il temperamento, conquistando le  prime pagine per i tafferugli con milanisti e vicentini. Nel 1983 il  ritorno nella massima serie e l'inizio di un'altra grande rivalita', quella con i napoletani, contrassegnata da gravi incidenti, striscioni razzisti 
dei veronesi, coreografie sarcastiche dei napoletani. Le BG davano vita a  dei sottogruppi, come appunto Hellas Army che risentiva dell'influenza inglese e quello dell'ASU (Associazione Stalle Umane), un gruppo di tifosi  sciatti, dediti a scorribande, atteggiamenti animaleschi, uso smodato di vino e birra, riprendendo la tradizione dei veronesi tuti matti.Altre sigle  goliardiche erano il gruppo Onto Golosine e Tartam Army. Prende il  sopravvento pero' lo stile casuals, infatuati dagli Headhunters Chelsea (realizzarono il biglietto da visita:Complimenti, hai appena conosciuto le  Brigate Gialloblu). Nel 1986 le BG arrivano a 15 anni, il gruppo e' sulla cresta dell'onda (Verona campione d'Italia e trasferte europee, epica  quella a Salonicco), ma prevale il volto ideologico e svanenisce la sua  originalita'. Neppure l'insolito gemellaggio con i leccesi cancella l'etichetta di gruppo piu' razzista d'Italia. Sul finire degli anni Ottanta  le BG scuotono ancora il panorama ultras, tornano ad essere i guastafeste, fino a quel fatale Milan-Verona del 1991. Dodici ultras sono arrestati e le  BG dichiarate fuorilegge. La curva scaligera resta vuota, con un solo  striscione: Non 12, ma 5000 colpevoli. In realta' la baraonda era succesa nella trasferta di Brescia, quando la citta' fu messa a soqquadro. Il 
presidente Chiampan accusa le BG, che rispondono alla pressione con  l'autoscioglimento, per non dover rendere conto alla polizia del comportamento di ogni tifoso veronese. Sono morte le BG, ma non lo spirito  brigatista. Il loro stile britannico, presente sin dalle origini, si ripresenta nel nuovo look della curva veronese, che ricalca le sides 
d'oltremanica, con stendardi a due aste e pezze (BG '71), lanciando una  nuova tendenza estetica e anticipando una modalita' spontaneistica nell'incitamento. Malgrado in molti chiedono il ritorno delle BG al timone,  questo non e' accaduto, ma sono tornati esponenti di spicco degli anni d'oro e si continua ad usare quella dicitura. Ci sono ancora le correnti  (Banda Loma ed ex BG).L'originalita' degli Hellas Fans non e' quella di una  volta, ma c'e' ancora la voglia di stupire.


VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novitÓ del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me