Coppa Italia Finale di andata
TORINO
-
ROMA 3-0

Torino, Stadio Delle Alpi
sabato 12 giugno 1993
ore: 20.30
 

invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
TORINO: Marchegiani, Bruno, Mussi, Fortunato, Annoni (1'st Cois),
Fusi, Sordo (32'st Sergio), Venturin, Aguilera, Scifo, Silenzi.

Allenatore: Mondonico.

ROMA: Fimiani, Garzya, Petruzzi (1'st Muzzi), Bonacina,
Benedetti, Aldair (19'st Comi), Mihajlovic, Hassler, Piacentini,
Giannini, Rizzitelli.

Allenatore: Boskov.

Arbitro: Amendolia di Messina.
 
RETI:.17'pt Benedetti (A), 8'st Cois, 33'st Fortunato.
NOTE: Spettatori: 43.732.
 
















































...a volte ritornano!

VIDEOCALCIO

Servizio e scontri
Il servizio


 





Coppa Italia: finale d' andata

Il Torino ha due piedi in Europa

un autogol di Benedetti, Cois e Fortunato castigano una Roma tascabile.

Nella finale d' andata i granata ipotecano il trofeo che vale come passaporto continentale. Incidenti in tribuna

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI TORINO . Tre gol per salutare festosamente il proprio pubblico e per ipotecare virtualmente la Coppa Italia, ultima occasione di riscatto e ultima opportunita' per sbarcare in Europa. Tre gol che il Torino ha rifilato inesorabilmente alla Roma nella prima finale per l' assegnazione del trofeo che chiude la lunga stagione del pallone. Tre gol che puniscono spietatamente chi aveva gia' conquistato per sette volte la coppa Italia e sognava di eguagliare il primato della Juve (8 successi). Fresco e vivace, ma aiutato anche da un pizzico di fortuna (l' autogol iniziale di Benedetti e le incertezze del giovane portiere Fimiani), il Torino ha avuto il merito di ritrovare una discreta forma e una caparbia determinazione proprio al momento giusto, in parte favorito pure dagli errori tattici di Boskov. In procinto di cedere la panchina giallorossa a Mazzone, sognava di accomiatarsi lasciando la Coppa Italia ai nuovi padroni della societa' . Per tentare di farlo, Boskov ha pensato bene di votarsi alla prudenza, snaturando le gia' precarie possibilita' offensive della Roma. Ha schierato una sola punta, cercando di rimediare nella ripresa, quando probabilmente era gia' troppo tardi. E stato castigato severamente, forse piu' di quanto meritasse, da un risultato che renderebbe necessario soltanto un miracolo per essere capovolto al ritorno. Davanti a poco piu' di 40 mila spettatori, cinquemila dei quali giunti dalla capitale, la sfida era stata preceduta dalle consuete scaramucce verbali fra i tifosi delle due squadre (a fine primo tempo, la situazione degenerava e la polizia era costretta a intervenire massicciamente), con l' aggiunta di uno striscione beceramente osceno esposto sulla curva degli ultra' granata. Unica sorpresa negli schieramenti l' assenza di Casagrande, vittima di un malanno muscolare nell' allenamento svolto dal Torino in mattinata. Pur rimescolando un po' i numeri delle maglie, invece, Boskov non aveva ceduto alla tentazione delle due punte e si affidava a Rizzitelli unico attaccante. L' intenzione della Roma di giocare una partita di contenimento, tattica gia' felicemente adottata contro il Milan, appariva subito evidente, mentre nel Torino, piu' spregiudicato, stazionavano in avanti due punte, sorrette con assiduita' dagli inserimenti di Scifo, Sordo, Venturin, Fortunato, Annoni e Mussi. Al 7' , la propensione offensiva dei granata sfiorava il gol, allorche' Fimiani (ventenne portiere della "Primavera" promosso titolare per le squalifiche di Cervone e Zinetti) respingeva alla meglio un missile scagliato da Venturin e prima Aguilera poi Silenzi fallivano la ribattuta a rete. Il vantaggio del Torino era soltanto rimandato di nove minuti. Lo propiziava uno scambio Sordo Aguilera, che liberava Silenzi per il tiro rasoterra. Il tuffo di Fimiani era vanificato da una leggera ma decisiva deviazione di Benedetti. Insistevano i granata e Fimiani doveva opporre i pugni a una bordata di Scifo, prima che al 22' Marchegiani fosse chiamato al suo primo intervento per bloccare un tiro di Haessler. Tentava di avventarsi la Roma, ma i suoi attacchi sprigionavano unicamente furore e il Torino li controllava agevolmente. I soli brividi a Marchegiani li procuravano Mihajlovic ed Haessler con due tiri da lontano che il portiere gia' della Lazio non riusciva a bloccare. Il gioco si incattiviva. Nella ripresa, dalle due panchine sbucavano Cois e Muzzi. Il vantaggio maggiore avrebbe dovuto trarlo la Roma, che poteva affiancare un' altra punta a Rizzitelli e che dopo appena 2' sfiorava il pareggio con Giannini, al cui tiro ravvicinato si opponeva Marchegiani. Ma era invece il nuovo entrato del Torino a incidere di piu' sulla partita con il gol del raddoppio, propiziato da un calcio piazzato di Aguilera che la testa di Fortunato correggeva sapientemente per la comoda conclusione di Cois. A peggiorare la situazione della Roma (che rischiava di incassare il terzo gol in un paio di occasioni intorno al quarto d' ora) arrivava l' infortunio di Aldair, che aveva rimpiazzato Petruzzi nel ruolo di libero e che lasciava il campo in barella, sostituito da Comi. I giallorossi insistevano comunque a inseguire il gol della speranza con un arrembaggio disperato ma sempre poco lucido e al 32' veniva inesorabilmente punito da Fortunato, lesto ad approfittare di un' uscita a vuoto di Fimiani e segnare il terzo gol granata, quello che rende quasi una formalita' la seconda finale di sabato prossimo all' Olimpico. Mario Gherarducci

Fusi e' l' uomo ovunque di Mondonico Mihajlovic il solito oggetto misterioso

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI TORINO . Le pagelle risentono parecchio delle scelte tattiche delle panchine: quelle di Mondonico sono sembrate decisamente piu' appropriate di quelle di Boskov. MARCHEGIANI 5,5 . Un intervento importante all' inizio della ripresa su una battuta ravvicinata di Giannini, ma come dimenticare i brividi per due parate a rate nel primo tempo su botte da 30 metri di Mihajlovic ed Haessler? BRUNO 5,5 . Ha poco da fare e quel poco lo fa con troppo affanno. MUSSI 6 . Tatticamente prezioso, potrebbe azzardare qualcosa in piu' . D. FORTUNATO 7 . Perno importante della manovra granata, fa correre la palla, copre con continuita' , e' sponda del raddoppio e risolutore da posizione proibita del terzo gol. ANNONI 6 . Un tempo senza avversario e senza il solito slancio. Finisce trequartista di destra in un confronto indolore con Aldair. FUSI 7 . Il solito grande giudizio, la solita lucidita' . Prodigioso un suo intervento acrobatico in recupero su Muzzi al 9' della ripresa. SORDO 6 . Sulla fascia destra costringe Piacentini a restare in posizione di copertura. VENTURIN 6,5 . Corre tanto, tanto, tanto, gregario di lusso. AGUILERA 6 . Al di la' della sufficienza, per la paura che mette agli avversari quando ha la palla al piede piu' che per quello che fa. SCIFO 6,5 . Molto presente, insidioso in tutte le sue iniziative, poco fortunato nella battuta a rete. SILENZI 6 . Si batte gagliardamente, anche se non sempre con idee chiare in testa. COIS 6 . Monta una guardia attenta nella ripresa sullo sprinter Muzzi, determinante nel farsi trovare libero in area per il 2 0. FIMIANI 5 . Non e' colpa sua se gli si chiede di passare dal ginnasio alla laurea. La presa, comunque, e' spesso "pinnata" e le uscite farfallone. GARZYA 6 . Gli tocca il boccone difficile Aguilera e riesce a digerirlo discretamente. PETRUZZI 6 . Gli manca ancora tranquillita' e personalita' per fare il libero a certi livelli. BONACINA 5,5 . Va bene gettare il cuore oltre l' ostacolo, ma l' impressione e' che si limiti a questo. S. BENEDETTI 5 . Determinante in negativo per l' autogol che ha costretto la Roma a inseguire dopo un quarto d' ora. E non si e' trattato solo di sfortuna: a Silenzi aveva lasciato troppo spazio nell' occasione. ALDAIR 6 . Sacrificato un tempo in una posizione inutile, 20' da libero, prima dell' infortunio, con qualche responsabilita' nel raddoppio granata. MIHAJLOVIC 5,5 . Un' altra puntata di "Chi l' ha visto?", anche senza doversi sacrificare in copertura. HAESSLER 6 . Tanto impegno. Qualcosa di buono nella seconda meta' del primo tempo, poi si e' sbiadito anche lui. PIACENTINI 5,5 . Reduce da infortunio, e' stato la brutta copia del guerriero di altre battaglie. GIANNINI 6 . Alla fine il migliore dei suoi. Le pretese tattiche della partita non l' hanno aiutato. Ha avuto sul piede la palla dell' 1 1 e chissa' cosa sarebbe successo. RIZZITELLI 5,5 . Troppo solo all' inizio per sopportare il peso dell' attacco, troppo scontato poi per promuovere una riscossa. MUZZI 5,5 . I soliti affondi a testa bassa, ci sarebbe voluto altro per ribaltare la situazione. COMI 6 . Terzo libero. E come gli altri due ha preso un gol. Ma non ha commesso errori vistosi. Arbitro AMENDOLIA 5,5 . E' sul piano delle decisioni disciplinari che non convince. Ha ritardato troppo l' uso dei cartellini gialli, forse condizionato dal fatto che per quattordici dei giocatori scesi in campo sarebbero equivalsi a una squalifica per il ritorno. Massimo Fabbricini

La sconfitta scatena gli ultra' giallorossi Mondonico: "Un risultato eccezionale"

TORINO . (m. f.) "Ma che ce frega, ma che ce importa" canta alla fine la masnada romanista, accendendo falo' e divellendo poltroncine della tribuna per farne proiettili da lanciare alle forze dell' ordine e ai vigili del fuoco. "Un Toro eccezionale . dice Mondonico .. La Roma non e' stata cosi' brutta come il risultato la fa sembrare". Boskov: "La Roma e' stata anche sfortunata. I primi due gol sono stati due episodi negativi. Ora non so cosa faremo al ritorno".

(Corriere Della Sera)


VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novitÓ del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me