LAZIO - ROMA
3-1
Roma, Stadio Olimpico,
6 gennaio 2005
ore 20.30

invia una e-mail per i resoconti
Tifo Curva Sud:
 Ero in distinti e non sono in grado di esprimere un opinione.
La maglia
                  indossata da Totti e lanciata in Curva Sud alla fine
                  della partita
Tabellino partita:
LAZIO-ROMA 3-1 (primo tempo 1-0)
MARCATORI: Di Canio (L) al 29' p.t., Cassano (R) al 24' s.t., Cesar (L) al 29' s.t., Rocchi (L) al 40' s.t.
LAZIO (4-4-2): 1 Peruzzi; 22 Oddo, 3 Talamonti, 16 Giannichedda, 14 E. Filippini; 7 A. Filippini, 6 Dabo (17 Manfredini dal 44' s.t.), 20 Liverani, 10 Cesar; 9 Di Canio (21 Inzaghi dal 48' s.t.), 18 Rocchi (11 Muzzi dal 41' s.t.). In panchina: 33 Sereni, 28 Lequi, 4 O. Lopez, 19 Pandev, 17 Manfredini, 11 Muzzi, 21 S. Inzaghi. All. Papadopulo.
ROMA (3-4-3): 22 Pelizzoli; 5 Mexes, 31 Dellas, 8 Ferrari (11 Corvia dal 1' s.t.); 2 Panucci, 20 Perrotta (23 Aquilani dal 13' s.t.), 4 De Rossi (32 Candela dal 34' s.t.); 25 Cufrè; 30 Mancini, 10 Totti, 18 Cassano. In panchina: 12 Zotti, 19 Scurto, 7 Sartor, 32 Candela, 99 Mido. All. Del Neri.
ARBITRO: Dondarini di F. Emilia.
NOTE - Serata fredda, ma serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: E. Filippini, A. Filippini, Cufré, Aquilani e Liverani per gioco scorretto, Perrotta, Rocchi e Cassano per c.n.r. . Angoli: 8 a 4 per la Lazio. Recupero: 1' nel p.t., 6' nel s.t. . Spettatori: 70mila circa.
Tifo Ospiti:
Stessa cosa. Non ero in posizione centrale.
Da dove stavo io non li ho sentiti molte volte.
Pagina 2
(foto)
Pagina 3
(cronaca)
Pagina 4
(foto)
Pagina 5
(striscioni)

Bandiere

THAT'S THE DIFFERENCE, PAOLO

EDITORIALE
Faccio una premessa: se a Di Canio capitasse quel che capitò a Lionello a Bologna 14 anni fa non sarei minimamente dispiaciuto. Ieri quando ha segnato, proprio lui, proprio là sotto dove lo avevo visto 16 anni fa sembravo Diego Abatantuono in "Eccezziunale veramente" quando il Milan prende il gol. Avessi avuto un bazooka probabilmente avrei fatto fuoco.
Detto questo, dico anche un'altra cosa: la smodata esultanza ci sta tutta.
Stanotte non ho chiuso occhio per il nervosismo, tanto più che alle 6 mi sono dovuto alzare per ragioni di lavoro ed ho riflettuto. Mi sono immaginato di avere avuto indosso la maglia della Roma (magari quella di Prati) di essere insultato nel modo più pesante possibile dai laziali e poi di aver segnato sotto la loro curva il gol decisivo. Cosa avrei fatto dopo? Non c'è dubbio. Prima della partita avrei dato, con smaccata premeditazione, un elmetto da guerra al fotografo deputato a stare sotto la Nord e mi sarei fatto una corsa forsennata fino sotto la loro vetrata. In fondo, Di Canio è un moderato imborghesito.
Detto questo, resta da definire i nostri.
Stimo diversi giocatori, ma alcune cose proprio non mi vanno giù. 
Dellas.
Prima della partita ci tira fuori la solita storia del derby che è una partita come tutte le altre, anche se i tifosi la sentono particolarmente e quindi va giuocata con impegno.
Ogni volta che qualcuno tira fuori questa storia, prendiamo la sveja, che tra l'altro anche statisticamente ieri ci stava tutta.
Nessuno fa guardare al guerriero greco, non dico "Braveheart", perché questo lo lasciamo ai burinotti d'oltremanica, ma quantomeno "Il Gladiatore".
Già me lo immagino.
Da noi torroni e panettoni, dall'altra parte "Braveheart" e "Ogni maledetta domenica".
Ciavemo duecento romani in squadra, ma come cazzo è possibile che non gli viene in mente a loro!
Se fossi il presidente della Roma imporrei a ogni giocatore un esame prima di venire qui, per responsabilizzarlo sulla maglia che indossa e su cosa significa. Non fai l'esame? Affanculo ragazzo, vai in un'altra squadra.
Comunque sia, il risultato è che Dellas - che tenerezza -  si lamenta con Di Canio per l'esultanza non da sportivo, insultando così anche il suo capitano Francesco Totti, che fece la stessa cosa qualche anno fa.
Il tipo di giocatore che io voglio è quello che non fa la signorina (e per la verità Dellas non lo è mai stato), ma quello che di fronte a una scenetta impiantata da quel ternanomilanistajuventinonapoletanoetralasciolesquadreinglesi pensa "Mo' segno io e vado a fare crowdsurfing sopra le teste dei laziali in nord" oppure "al prossimo intervento lo apro in due come una cozza".
Candela. 
Doveva essere messo in campo con l'unico obiettivo di spezzare una gamba alla banderuola, prima di andarsene a svernare in Qatar.
Solo così il francese si sarebbe guadagnato un posto nella storia della Roma, i cui tifosi, invece, tra qualche anno lo dimenticheranno.
Della nostra squadra i Romani se ne sono stati zitti zitti, delusi, piangenti, ma non incattiviti come - cazzo - erano loro.
Solo i nostri stranieri hanno tirato fuori un po' d'orgoglio e d'amor patrio, in una distorta visione del derby che glielo fa considerare "una partita come le altre", quando non lo sarà mai e non lo deve essere neanche per loro, altrimenti non ci venissero qui. Distorto, per quanto ho detto a proposito di Dellas. Cosa doveva fare Di Canio? Il professionista? E perché? Dice di essere tifoso della Lazio. Non so se è vero, ma il tifoso esulta. Smodatamente, se è molto tifoso. Non mi venite a parlare del fatto che "gesti di questo genere inducono alla violenza". Ha risposto, ahimé bene, lo stesso Di Canio ai parassiti della Domenica Sportiva, giustamente sbeffeggiati: se voglio menare qualcuno lo meno uguale. A Parma si sono picchiati senza che ci siano stati episodi di questo genere e anche nei derby passati non c'è mai stata troppa tenerezza. L'unica cosa che può provocare un atteggiamento alla Di Canio (ma anche alla Totti del "v'ho purgato ancora" che tanto abbiamo amato) è il lancio di oggetti, ma questo lo provoca anche l'arbitro corrotto.
Totti.
Evidentemente sente troppo questa partita, ma sembra chiaro che l'effetto che ne ricava è opposto.
Lo sguardo spaurito del "Che devo fà? Me butto pe' tera o nun me butto?" dell'episodio del petardo è un sintomo di tale situazione: se il petardo ti ha stordito, caschi immediatamente o poco dopo. Persino Gattuso lo ha capito. Se non ti ha stordito, mandi affanculo quegli stronzi che te lo hanno tirato e giochi fino alla morte per segnare e andare sotto di loro.
Del Neri.
"Questa volta non ha vinto lo sport". "Questo non è calcio".
Sport? What's sport? Lo sport è quello che seguono gli sportivi. Il calcio è quello che seguono i tifosi allo stadio (ed anche a casa) e gli sportivi solo da casa o in qualche piccola parte della Tribuna Monte Mario e della Tribuna stampa. Il derby di Roma è il calcio all'ennesima potenza.
Possibile che ad ogni allenatore della Roma tutto questo gli debba essere spiegato a mattonate?
Quello che molti commentatori non vogliono capire, è che se il calcio è così è perché l'Italia ha tre quotidiani sportivi e centinaia di trasmissioni calcistiche. Quando negli anni '50 il calcio NON era così, tutto questo non esisteva, questo sito forse non sarebbe esistito, e migliaia di persone che oggi scrivono sui giornali sarebbero disoccupate.
Negli annali resterà Lazio 3 Roma 1, e non che i fratelli Filippini sono stati troppo aggressivi.
Tralascio le considerazioni tecniche - ce ne sarebbero da fare - ma non mi appartengono.
So solo che me rode e lo spirito giusto che spero venga fatto proprio da chi ci dovrebbe rappresentare in campo è solo uno: ci vediamo al ritorno.

FOTOTIFO
Stranamente il
                  biglietto è stampato dalla Roma e non dalla Lazie.
Nervosismo in
                  Tribuna Tevere
Bandiere
Bandiere
Torce
Fumo post
                  coreografia
Torce dopo il
                  gol di Di Canio
Striscione
                  pro Liboni
Brigata De
                  Falchi e Monteverde
Le maglie di
                  Di Canio
Coreografia
                  Lupi e striscioni
Coreografia
                  Boys
Striscione
                  contro Achille Serra, prefetto di Roma
Azione di
                  gioco
Fiamme nel
                  fossato
153 si
                  riferisce ai feriti tra le forze dell'ordine dopo il
                  derby sospeso
Cassano dopo
                  il gol
Gioia dopo il
                  pareggio
La Sud
                  sventola le bandiere
Totti
                  ringrazia la Sud
Iniziano i
                  tafferugli a fine partita
VAI A PAGINA 2


VIDEOTIFO
Grazie a tutti per i video!
 
Tifo in Curva Sud
(2297 kb)
Torce in Curva Sud
(2671 kb)
Coreografia Roma
(4071 kb)
Azione di gioco
(3072 kb)
Gol della Roma ripreso dalla curva
con esultanza
(13155 kb)
Torce post gol
(5361 kb)
Azione di gioco
(2030 kb)
Bandiere alla fine
(889 kb)
Il vento gelido del nord
(1654 kb)
Paolo Di Canio napoletano
(190 kb)
Coreografia
(281 kb)
Finché vedrai
(1830 kb)
Paolo Di Canio napoletano, versione 2
(2061 kb)
Forza la Roma alè
(2258 kb)
Sotto la coreografia dei Boys
(282 kb)
Nuovo coro
(243 kb)
Minuto di raccoglimento
(281 kb)
Tensione in Tevere
(281 kb)

Coreografia Boys
(1289 kb)
Video girato dagli Hammarby Ultras

FOTOCALCIO




VIDEOCALCIO

Il gol di Cassano
Il servizio sulla partita
L'esultanza di Cassano sotto la Sud
Resoconto TG3 sugli incidenti
(27123 kb mpg)
Resoconto TG3 sugli incidenti
(stesso video ma in wmv, 592 kb)
Altro servizio sulla partita
(1742 kb)

Altro servizio

M69
Sono dispiaciuto per aver perso 3 a 1 e questa sconfitta conferma ancora ke la roma ha alcune lacune tra difesa e la parte centrale del centrocampo e ke serve una punta oltre a montella. sono le 23.30 circa e seguendo i laziali nelle varie tribune locali rimango delle mie opinioni, sono dei complessati.
non sanno vincere!
su di canio ke dire... si sapeva ke avrebbe segnato lui.
ora hanno solo questo!
non faccio polemica per quanto riguarda la corsa sotto la sud... va bene così, fa il paio con le ns magliette.
ricordiamoci ke totti è il loro incubo, delvecchio e montella ...li fanno morire
quando avuto gloria in passato hanno solo offeso e basta!
non sanno vincere!
in televisione si è sentita di più la nord anche prima dei gol, ma è il solito loro modo :grandi cori sporadici, poi è ovvio stanno vincendo.
cufrè uno di noi!, più costante ma bassa la sud.
..per il resto ke dire...loro hanno centrato uno dei due obiettivi ke si erano prefissati: vincere un derby e il secondo è la B!
grande gesto d'amore della curva sud a fine partita .
forza roma ora e sempre.
massimo latini (M69)

GABRIELE
Ciao Lorenzo,
ti premetto subito che ieri non sono venuto allo stadio e ho ascoltato il derby alla radio (o stadio o radio...a morte sky, mediaste e la7).
Purtroppo il derby è andato nei peggiori dei modi ma devo dirti che dopo i festeggiamenti dei lazieli mi sento quasi sollevato, insomma ho visto scene allucinanti (peccato che non ho scattato neanche una foto): una persona, se così vogliamo chiamarla, andava in giro a dorso nudo, con il portabagagli della sua macchina aperto per far sentire un inno(dei circa 300000)del lazio, poi per concludere si è messo un gonnellino e andava in giro con un telo rosso inscenando una corrida con tutte le macchine che passavano...poi parlano di mentalità, affermano che siamo napoletani ma poi non guardano il loro Naples Style!!
Dopo vedendo paolo di canio napoletano, le sue esultanze ed anche le sue corse per evitare Cassano, mi sono  tranquillizzato e sono giunto alla conclusione che NON SANNO nemmeno VINCERE!! In merito all´esultanza di "napoletano", non ho nulla da dire fa parte del gioco delle parti, sinceramente  immaginavo che lo facesse dopo il gol; io ho goduto tantissimo dopo la maglia "vi ho purgato ancora" di Totti, i laziali staranno godendo per il gesto della bandiera (nel senso delle squadre che ha cambiato), per un po´ rialzeranno la testa ma poi torneranno sotto terra come è scritto nella loro storia (in questi cinque anni non li ho visti e sentiti). 
 Sul duello tra curva Sud e curva B, non posso dirti tanto alla radio qualche volta si sentiva la B con cori possenti ma discontinui, la Sud si è fatta valere, l´ho sentita spesso. Un ragazzo che è tornato dallo stadio (era in curva dei laziali), mi ha detto che in nord hanno cantato, ma la Sud è un´altra cosa!!! "Sul 3 a 1 ha dimostrato cosa significa mentalità"(queste le sue parole), ha anche detto che siamo stati molto più colorati, insomma per lui la Sud ha vinto la sua partita! 
Di più non so dirti, ti saluto con un FORZA ROMA,a presto
Gabriele

. ...che vinca o che perda la lazio è na merda!!! 



STEFANO
Ciao Lorenzo.
Ti scrivo non tanto per parlare dei motivi a me oscuri del lancio di lacrimogeni ieri subito dopo la fine della partita davanti alla palla, ma per informarti che con ogni probabilità sono lacrimogeni contenenti Cs. Purtroppo non ho delle prove inconfutabili, ma gli effetti sono stati identici a quelli dello scorso anno nel derby sospeso del 21 marzo. Le conseguenze di tali lacrimogeni sono spiegati sul tuo sito; tra gli effetti immediati essi sono cancerogeni, tant'è che diversi poliziotti che hanno fatto il servizio d'ordine al G8 hanno accusato delle forme tumorali. Ancora oggi, come l'anno scorso, ho una leggera tosse (l'anno scorso molto più forte vista l'esposizione molto più prolungfata mio malgrado) e un mal di testa che credo possano essere imputabili all'utilizzo di tali gas, gas illegali tra l'altro. Credi che si possa fare qualcosa per smuovere quantomeno l'opinione pubblica, atrofizzata dai mezzi d'informazione?
Stefano.

Giovanni
Cioa Lorenzo.....
A mente freda forse è tutto più facile.
Prestazione IMBARAZANTE!!
Sia della A.S. Roma S.p.a. e, ma sopratutto, della Sud. Se in campo la Roma non ha brillato certo per determinazine la Sud, al pari, non è riuscita mai 
ad essere compatta, salvo nei cori contro Di Canio e nei due "Roma Roma Roma"
Nonostante ciò i Lazieli sono riusiti a fare peggio di noi.
Voti:
Sud 5
Nord 4.5
Grandi alcuni striscioni: quello dei Boys "A 40 anni ve torna pure Nesta" quello degli ASRU "Di Canio Originals Naples" e per non far torto a nessuno 
"Ma quale bandiera sei 'na puttana". Anche se quest'ultimo l'avrei preferito "Di canio puttana"
Sulla partita non esprimo giudizi.....eravamo tutti li e quindi ognuno di noi sa cos' è successo.
Infantile come al solito la Nord con striscioni inguardabili e fuori luogo; 
uno su tutti quello della Banda Noantri "Roma 1900: 400 000 abitanti.....1927 bordelli, ministeri, zoccole, immigrati......1980 extracomunitari ecc ecc". Cari amici della "Banda" nel 1927 chi c'era in italia?....vabbe ma non si puo volere troppo Scrivendo sulla "banda" non posso non menzionare "B.N. NO SPRAY NO PARTY"
Scontri in Tevere:
Questa volta meno accesi che nella precedente occasione......forse perchè 'stavolta non inaspettati.
Scontri del dopo partita:
BASTA GAS C.S. ALLO STADIO!!
Su lungotevere davanti al Foro Italico, dalle piscine all' ostello per intenderci, sul motorino era l' INFERNO!!
A parte questo direi lavoro ineccepibbile dei vari reparti antisommossa presenti allo stadio lato sud, che durante gli scontri del dopo gare hanno avuto la brillante idea di caricare le transenne con i furgoni, per poi 
chiudere una via d'uscita dallo stadio. Notando che molta gente "casuale" stava scappando dal piazzale davanti la Sud verso  lungotevere passando nello spazio tra piscine e ISEF,  come gia  detto,  a sirene spiegate hanno travolto alcune transenne e si sono messi 
tra la gente e il "corridoio" constringendo molti ad arrivare fino all' ostello e poi tornare in dietro da lungotevere.
MORTACCIVOSTRA!!
Direi che come prima partita dell 'anno non ci siamo fatti mancare niente.......neanche la fanzine.


LOLLO
Cio Lorenzo,volevo dare la mia opinione sulla prestazione della squadra e 
della curva..e le mie considerazioni su quello che mi è accaduto a fine 
gara.
Premetto col dire che i gol praticamente non li ho visti.. (stavo come sempre nella parte bassa dove sono posizionati gli asru)..la squadra mi è sembrata comunque combattiva e ha dimostrato grinta..un  segnale positivo..(che cuore leandro cufrè dopo che di canio è venuto sotto la sud!)..ma purtroppo tecnicamente al di là dei vari totti cassano mancini e de rossi..facciamo ridere..basta pensare che cufrè e dellas quando c'erano i vari emerson (uh uh) e samuel erano panchinari inamovibili..questo è un segnale dei tempi che cambiano!E' vero che mancavano dacourt chivu e montella..ma abbiamo giocato contro: peruzzi, oddo, talamonti, giannichedda, filippini, dabo, liverani, cesar,di canio, rocchi.. una squadra che sulla carta deve lottare per la salvezza! Di 
Canio mo perchè c'ha segnato a noi..ma è na pippa mostruosa.."il lord inglese" ha giocato in inghilterra con sheffield west ham e charlton..tre 
squadre di medio-bassa classifica.
Passiamo al capitolo Curva Sud..non si canta..te eri in distinti Lorè ma credo che te ne sei reso conto anche tu che è stata una curva pietosa!
E' il giorno del derby..l'abbiamo aspettato tutti con ansia per tutte queste vacanze natalizie.. e abbiamo fallito miresamente..il mio voto purtroppo è un 4,5.
Non è possibile che si canta solo dopo il gol di cassano..e poi ripiomba il silenzio!
NOI SIAMO LA CURVA SUD!!!
Capitolo uscita dallo stadio..uscita?.. mi sa che alle guardie non gli era stato riferito che dopo le partite di norma le persone escono e vanno a 
casa!
Sono rimasto un quarto d'ora circa all'interno della curva a chiacchierare.. appena sono uscito ho visto gente che cercava di uscire ai cancelli sulla sinistra(appena scendi le scale)..e poi correva verso il piazzale della sud.. le guardie stavano caricando!
Allora mi incammino verso i cancelli di fronte alle scale..quelli dove si entra.. e mi accorgo che c'era il caos..lacrimogeni a tutto spiano.. e cariche 
da una parte all'altra.. correvo a destra e a sinistra e non sapevo dove andare.. allora sono rientrato nel piazzale della sud..ma c'ho trovato i cari 
amichetti in divisa che erano entrati.. strillavano e ci incitavano allo scontro.. sparando lacrimogeni ad altezza uomo.. allora riesco fuori.. e ho 
visto un ragazzino di circa 16 anni con un foular nero al collo che era stato preso da due guardie e diceva.. "ma il foular ce l'avevo solo perchè 
non riuscivo a respirare!" e le guardie.."si si certo.. (con tono ironico)".. io cerco di sgattaiolare via senza essere manganellato per forza.. dato che volevo solo uscire e andare a casa..e alla fine riesco ad arrivare all'obelisco..dove ci attendevano i finanzieri.. un altra squadra 
d'attacco.. che incominciano a correre all'impazzata contro ragazzi che 
l'insultavano da lontano. Mattia, un mio amico,mi ha raccontato poi per telefono che gli hanno distrutto il motrorino a manganellate..perchè gli 
intralciava il percorso..ma lui poveretto al contrario mio (che mi è andata di lusso!).. ha ricevuto parecchie manganellate sulle spalle e sulla schiena.. e cercava solo di scappare via verso il motorino..
Non ce la faccio piu a vedere questi pazzi in divisa che menano e insultano la gente senza motivo.. caro finanziere,ma la scocca e le frecce del morino a st'amico mio.. je le ricompri te vero?
Vogliono levarci la voglia di tifare..di andare in curva per sostenere i nostri colori..

BASTA CON QUESTI ABUSI DI POTERE.. BASTA CON QUESTA REPRESSIONE!

ROMA MIA..
IO NON TI ABBANDONERO' MAI..TU PORTI IL NOME..IL SIMBOLO..E I COLORI 
DELL'URBE IMMORTALE..E PER QUESTO TI AMO E TI AMERO' SEMPRE!

LOLLO CURVA SUD ROMA



BERTEMMIA
Ciao Lorenzo. 
Purtroppo dopo 4 anni e mezzo questi se so svegliati e i nostri so annati in letargo...speriamo per poco. 
Sono le 4.00 e ancora me rode parecchio il culo......ma la cosa che più me fa rode il culo è la nostra curva. 
Ho solo 23 anni, quindi non posso parlare da veterano, ma non posso certo dimenticare quella che è stata la nostra curva negli anni passati e quello che piano piano sta diventando. 
A mio modesto parere, il tifo da parte nostra durante la partita è stato quasi penoso se paragonato alla partita che si stava giocando. 
C'è troppa gente che non canta proprio, chi canta solo dopo un gol, chi viene allo stadio per poter dire....io c'ero. Si fisicamente ma non con l'ANIMA.!!! 
Il ragazzo che stava sul vetro più volte ci ha spronati..ma nulla...segno che in curva poca gente sta li perchè segue una fede...!!! Troppi stanno li per moda, per poter far parte di qualche gruppo...!!
Io posso capire che alla fine della partita non ti va di cantare "barbera e champagne", ma c'è stato un atteggiamento di passività per tutta la partita. 
Ieri girava in curva la fanzine di Vecchie Maniere dove si parlava della trasferta di Genova dello scorso anno. Le prime righe dicevano...." chi c'era sa.. chi non c'era non saprà mai quello che si è perso". 
A fine derby, ero orgoglioso di aver fatto parte di quei pochi che sono saliti a Genova come sono sempre orgoglioso della mia curva e della mia Roma......!! 
Ma dentro so che l'ideale di Ultras, di Fede, di Attaccamento alla Maglia è un  ricordo di pochi e sarebbe il momento di Ritrasmettere questi ideali al resto della curva. 
INNAMORATO DI UNA MAGLIA ROSSO BORDATO GIALLA!!! 
ps: se credi che sia un mess che possa suscitare polemica lascia perde....credo che tu abbia capito il mio messaggio!! 
Grazie sempre per la disponibilità . 
Una domanda: come mai ALDAIR non l'hai messo tra i big? (come non è tra i big? Non è tra le bandiere, ma tra i giocatori che ricorderemo, n.d.L.) Paga la stagione a Genova? 
Grazie
Bertemmia

RAFFAELED@G
Come al solito, quando c'è il derby arrivo allo stadio alle 4 dove c'è molta calma, è tutto più tranquillo rispetto agli anni passati e il numero di forze dell'ordine non è troppo imponente come mi aspettavo. Dentro, i cori sono contro di canio, gli striscioni sono contro di canio, gli stendardi contro di canio... e si vede che questo ha caricato ulteriormente il "nomade laziale".
Viene lanciato un nuovo coro:" as roma alè. as roma alè sosteniamo solo te. insultiamo sempre più le merde biancoblu. BASTARDI!"
di facile memorizzazione e che la curva ha apprezzato. Per quanto riguarda il tifo le due curve hanno un pò deluso...
A livello di cori la sud ha deluso, ma credo sia stata superiore della nord considerando il risultato insperato e il gol del loro "mito"(pensa te come stanno), superiore perchè non è facile sopportare una squadra senza palle che non riesce a lottare e esprimere la sua netta superiorità. A livello coreografico li abbiamo ammazzati proprio, 3 coreografie e sventolii fino alla fine, la loro coreografia del primo tempo è malriuscita nettamente con lanci di torce a caso di colori a caso e  nastri argentati, per non dire del bruco... che è davvero una cazzata su cui loro si attaccano perchè non sanno proprio su che attaccarsi vista la loro inferiorità, come quella del gemellaggio coi napoletani, che sono nati nel 1900... la solite cazzate insomma. Anzi da domani mi impegnerò e spero vi impegnerete tutti a fotografare i bruchi biancocelesti nelle loro auto. Per quanto riguarda noi sento spesso critiche ai gruppi sul fatto non si canti, credo che è assolutamente il contrario, la maggior parte della curva è formata da persone non appartenti a gruppi e la differenza la dovrebbero fare loro. In trasferta la sud ha sempre fatto ottima figura, mentre in casa spesso manca la cattiveria, la grinta, la rabbia, che ripeto hanno SOLO I GRUPPI della CURVA SUD, tra l'altro decimati da diffide e denunce varie. La cosa che mi fa sorridere di più, che mi riempie il cuore, e mi fa essere contento di essere romanista è quella di vedere i laziali da vincitori soli e muti, nel tram un ragazzo solo con la sciarpa urlare la sua felicità al cellulare e non l'abbraccio reale che viviamo noi, e cosa più bella dopo aver capito di essere accerciato e guardato male come una minoranza dire che comunque la roma è una grande squadra... e che dobbiamo vincere con l'atalanta perchè "gli e e sta sur cazzo."
La cosa bella dei laziali è che ognuno ha una sciarpa diversa, con colori diversi, giallo, bianco,azzurro,celeste,blu, nero tutte in diverse gradazioni, cosa che rispecchia ancora di più il loro complesso. Uscito dalla metro e arrivato a cinecittà, vedo una macchina strombazzante con 4 lazieli, mentre Roma (nostra madre) sembra dire... STI CAZZI!!!

HC
Ciao Lorenzo,
mi trovo, purtroppo, a scriverti ancora una volta. Dico purtroppo semplicemente perchè quelle poche volte che l'ho fatto è stato per denunciare i soliti squallidi comportamenti degli uomini che dovrebbero tutelarci. Anche questa volta quello che ti incollo è preso da xxxxx ma è comunque ben comprensibile. Prima di scriverti il resoconto, ti chiedo se sia possibile creare una specie di campagna per auto-tutelarci all'interno dello stadio, perchè credo fermamente che le scene che ho visto oggi e che ho solo riassunto per evitare discorsi interminabili possano essere evitate. Queste maledette uscite di sicurezza le vogliamo creare/aprire? Oggi in curva c'erano molte più persone del limite, e per carità, a me piace essere accalcato a cantare in mezzo a altri come me, ma mi chiedo se dovesse succedere un'emergenza particolare, la società e le forze dell'ordine hanno la capacità di farle fronte? Avrai sicuramente letto "Febbre a '90" di Nick Hornby, e in quel libro c'è un punto in cui parla di una gradinata senza controllo, con migliaia di persone che si spingono e si calpestano, schiacciandosi l'un l'altro o anche contro le transenne. Poco dopo accadde la "tragedia di Hillsborough", a te il nostro stadio olimpico, in particolar modo la nostra curva, sembra diversa da quella gradinata che è descritta in "Febbre a '90?" Se succede qualcosa di serio, da dove cazzo escono tutte quelle persone? Da quella porticina a due ante che dà direttamente sulla pista d'atletica e che non viene MAI aperta? Io in genere sto sotto, alla vetrata, e vedo che arrivare all'ingresso in curva, posto in alto, mi è praticamente impossibile una volta sceso. Non possiamo dire che esigiamo, meritiamo, un'organizzazione più adeguata? Ora smetto di assillarti, dato che sarai incazzato almeno quanto me per la partita di stasera, ti incollo il resoconto e ti saluto, chiedendoti di firmarmi come "HC", dato che non vorrei che più di un internvento fosse riconducibile alla stessa firma. 
"Mi sono attardato un po' dentro lo stadio per salutare qualche amico, per poi essere costretto a rimanere lì per un bel po' di minuti a causa dei lacrimogeni che le forze dell'ordine avevano sparato sotto le scale del nostro settore (cazzo che mira). I soliti lacrimogeni che ti aprono in due. Mi chiedo dove sia la sicurezza, perchè lasciano un centinaio di persone a respirare lacrimogeni all'interno della curva, invece di aprire qualche cazzo di uscita di emergenza. Forse perchè l'unica uscita di emergenza è quella che dà direttamente sul campo, una specie di luogo sacro inviolabile? Già all'ingresso sulle gradinate ho faticato non poco per arrivare dalle scale alla vetrata in basso, con tanti che cercavano di scendere, altrettanti che tentavano di salire, ed un incrocio fra i due flussi ha provocato un accenno di rissa. In quel momento tanta era la calca che non toccavo con i piedi per terra (e sono più di 1 e 80, mica Sensi), e nel frattempo mi chiedevo, ma se dovesse capitare un inconveniente simile all'Heysel, a Hillsborough, che succede qua? Le stesse identiche cose di 20 anni fa. La situazione ovviamente non era così tragica, ma il pensiero a quello che è accaduto in Belgio e in varie parti dell'Inghilterra ovviamente ti prende, come curiosità più che preoccupazione. Comunque alla fine i lacrimogeni sono stati portati via dal vento, e noi siamo potuti uscire. Alla fermata dell'autobus (che non si vedeva) mi sono dovuto allontanare perchè arrivavano poliziotti benvestiti e camionette in stile americano, a du' piotte nonostante il traffico e stracariche di uomini che ci insultavano senza motivo, uno dei quali era affacciato sul tetto e urlando mirava con lo spara-lacrimogeni (so che ai più risulterà incredibile, ma ve lo giuro su quello che volete!). Sono andato sul ponte "duca d'Aosta", lato destro, mentre a sinistra una tretina di guardie ha improvvisamente caricato gente che non stava facendo un cazzo. Scena più che emblematica: un gruppo di poliziotti che manganello alla mano rincorrevano sbraitando un ragazzo che scappava trascinando per la mano una ragazza sicuramente minorenne che non riusciva a smettere di guardarsi alle spalle. Morale della favola ho attraversato varie volte il tevere, dato che l'autobus non arrivava e ogni tanto partivano caricando gruppetti di forze dell'ordine radunate in gran numero all'obelisco. Le provocazioni contro le forze dell'ordine ci sono state, i lanci di oggetti pure, sarei un bugiardo a negarlo, ma non ho visto una sola carica da parte "civile" che giustificasse il comportamento delle guardie. E mi domando: perchè in una situazione più che critica, invece di ritirare gli uomini in campo che tanto non avevano nulla da difendere se non l'obelisco (i laziali erano decisamente altrove) sono stati mandati un centinaio di uomini urlanti su camionette a sirene spiegate ?"

DENNIS
Ciao Lorenzo,
ti scrivo 2 ore e mezza dopo la fine del derby.Ho tante cose da dire cerchero' di essere il piu' coinciso possibile.
Per quanto riguarda la sconfitta questi sono per me i principali motivi: 1) la legge dei grandi numeri
2) rilassatezza mentale dovuta ad un appagamento di vittorie da derby, come succede ai pugili.
Un pugile piu' forte 9 volte su 10 batte quello piu' debole, poi arriva quel giorno in cui vuoi per scarsa concentrazione vuoi per poca lucidita' finisce ko 3) una squadra con evidenti problemi difensivi(compreso quel paperone bergamasco di portiere), non a caso abbiamo rimediato batoste anche da messina,reggina e bologna. 4) essere caduti nel tranello delle provocazioni ideate e progettate da quel Verme che non oso nemmeno nominare.
Io sono un malato della scaramanzia e c'erano troppe coincidenze astrali negative su questa partita in questo periodo(maledetto gennaio, 3 derby persi, uno anche sempre di 6 gennaio nel 98).
Cerchiamo di far sbollire la rabbia, per riniziare un nuovo trend di vittorie nella stracittadina gia' a partire dal ritorno.
Per quanto riguarda il capitolo tifo.
Nulla di rilevante da segnalare nel prepartita fuori lo stadio almeno che io abbia visto.
Le coreografie non sono state realizzate ad inizio partita, nel secondo tempo c'è stata quella dei boys che devo ancora rivedere perchè dalla curva non l'ho vista bene. Il tifo della Curva Sud a me non è dispiaciuto soprattutto calcolando l'esito negativo del match. Continui sventolii di bandiere(anche sul 3-1) bei cori. Da segnalare in tribuna tevere attimi di tensione quando una manica di burini hanno avvicinato un mega stendardo rappresentante un bruco con i nostri colori verso la Sud. Ma hanno dovuto fare un repentino quanto ridicolo dietrofront alla vista di un gruppo di "vecchi" ultras romanisti che ora risiedono in tribuna avvicinarsi minacciosi.La Nord ha tifato meglio del solito ovviamente incoraggiata dal risultato ma ,a parte gli ultimi 10 minuti quando oramai l'esito era scontato, prima non mi ha impressionato anzi molti sono stati i momenti di silenzio.
Finita la partita fuori la Sud avvengono alcuni tafferugli.
tornando a casa assisto ai caroselli dei burini che dopo 5 anni di umiliazioni danno sfogo alla loro gioia sempre nei limiti, ad eccezione di una macchina che mi affianca urlando offese, al mio invito di chiarire la questione hanno preferito minimizzare e tirare dritto, buon per loro.
Per fortuna fra 3 giorni si rigioca, vengono gli odiati bergamaschi.......
La nostra fede sconfitta non vede.
p.s. sara' dura prendere sonno stanotte.

ANDREA
Scrivo in merito agli incidenti del dopo derby;ormai ero abituato a trovare nella pagina sportiva del "Messaggero"
cazzate di vario tipo,anche le più ridicole,ma con mia sorpresa oggi trovo scritto, a firma di un evidentemente asservito Mauro De Evangelisti , un articolo in cui si elogia il comportamento a suo dire "irreprensibile" delle forze del dis-ordine,cui va dato il merito di aver scongiurato incidenti ancor più gravi i quelli avvenuti ieri notte.Posso testimoniare che uscendo dalla Sud,c'erano già incidenti nella zona della palla,con il vialone che conduce all'obelisco ormai ridotto a un campo di battaglia.La G.f.F. stava cominciando un lancio di lacrimogeni diretto verso la curva,e incomprensibilmente anche verso l'obelisco,dove in quel momento gli ultras più pericolosi erano famiglie con bambini al seguito.Alcuni ragazzi,alcuni dei quali purtroppo a volto scoperto,quindi hanno risposto per le rime,con un lancio di torce e aste di bandiere,lanci comunque limitati a sei massimo sette casi.A questo punto una nutrita schiera di celerini ha caricato verso la sud,generando una ritirata generale,cui hanno partecipato anche molti ragazzi,come me,che in quel momento non stavano partecipando agli scontri.La celere si è quindi fermata sotto uno degli ingressi della Sud (quello più vicino ai S.Lorenzo-Primavalle) facendo intendere a molti che prudentemente erano rimasti sulle scalette di allontanarsi senza timore.A questo punto da parte nostra sono terminati i lanci di oggetti,mentre lacrimogeni continuavano a cadere.Usciti dai cancelli della Sud,nella zona del bar del tennis,sono usciti fuori da non so dove circa 30 finanzieri che,con manganello all'incontrario in mano,hanno caricato quelli stessi che erano stati lasciati andare dalla P.S. ,in un momento ripeto di relativa calma,riaccendendo nuovi incidenti assolutamente evitabili da tutori dell'ordine con un minimo di professionalità.Io stesso sono stato sfiorato da questa assurda e criminale carica,che è poi continuata quasi fino alla strada,in un tremendo slalom tra macchine e motorini parcheggiati;coinvolgendo nuovamente anche la P.S.;la scena più triste è stata vedere,sotto all'obelisco lacrimogeni che continuava a cadere intossicando con il loro gas a base di CIANURO e vietato dalla Commissione di Ginevra gente assolutamente estranea ai fatti.
Da questo mio resoconto,confermabile da chiunque ieri sera era in quel parapiglia,emergono alcune considerazioni:
Lanciare lacrimogeni tra la folla sotto l'obelisco è un comportamento "irreprensibile",come scrive Evangelisti? 
Caricare in modo del tutto gratuito è un comportamento "irreprensibile"? 
E' un comportamento "irreprensibile" il pestaggio di alcuni ragazzi attuato sotto la Sud dalla G.d.F.? 
Se non riuscivo a schivare la carica dei finanzieri anche io,ieri sera praticamente estraneo agli scontri, sarei stato pestato e diffidato? e per quanti anni,2,3? E' questo un comportamento "irreprensibile"? 
Preciso che il gas che rendeva l'aria irrespirabile in una zona estranea agli incidenti come quella sotto la stele del Duce non era trasportato dal  vento,ma dato da lacrimogeni che cadevano e esplodevano lì.Dimmi caro Evangelisti, è questo un comportamento "irreprensibile"?
Vergognatevi,voi giornalisti che dall'alba al tramonto vi comportate esattamente da quello che siete: dei servi.

 SEMPRE E COMUNQUE....AVANTI SUD.             DIFFIDATI CON NOI

Andrea-Curva Sud 



FRANCESCO
Non si è perduto niente quando ci resta l'onore (voltaire)
Il lupo non si preoccupa mai di quante siano le pecore (virgilio)

tralasciando lo schifo degli 11 scesi in campo ieri,tralasciando la frociaggine di del neri(un allenatore della Roma non dirà MAI che gli avversari,anzi peggio,che i LAZIALI sono stati troppo aggressivi!Carletto Mazzone......)tralasciando i nostri silenzi durante i 90 minuti....tralasciando i perchè delle nostre solite 3 coreografie....tralasciando il perchè 11puttane biancocelesti avessero negli occhi un odio inesistente tra di noi...lasciando nella loro merda di seta tutti i benpensanti,dal più autorevole giornalista sportivo al più vile dei commentatori,volevo far chiarezza sugli incidenti di ieri.
la loro carica non è stata del tutto fuori luogo,perchè torce,bomboni,bottiglie e vetri sono arrivati eccome a plotoni e plotoni di forze dell'ordine(come al solito al gran completo,con p.s. GdF e carabinieri).
d'altra parte posso confermare che c'è più che qualcosa di strano nei lacrimogeni da loro usati. 
a cominciare dal nome.vomitogeni andrebbe meglio.
vomitogeni ad altezza uomo sarebbe meglio ancora.
in ogni caso erano tutti 'scontri'(cioè reciproco lancio di oggetti,dato che non so se lo sai-io non lo sapevo-anche le forze dell'ordine sono autorizzate a lanciare bottiglie di vetro!) portati avanti da ragazzi,niente gruppi(almeno nella zona dell'obelisco) 
saluti 
di  canio  un giorno morirà.



Sono XXXXX XXXX un ragazzo di 17 anni abbonato da 2 anni in curva e da
6 allo stadio. Ieri sera 6-01-'05 dopo il solito lancio di lacrimogeni stavo tornando a casa. Mi ero dato appuntamento davanti al benzinaio del viale dei
gladiatori con un altro ragazzo. Io venivo dall'olimpico e stavo facendo il lungotevere in motorino a passo d'uomo vicino a 2 miei amici che venivano a piedi XXXX e YYYYY, eravamo ormai nei pressi della fermata dell'autobus
sulla parte destra della strada (venendo dallo stadio)quella con la tettoia quando girano l'angolo polizia e guardia di finanza. Io tranquillamente li
sorpasso in motorino ed arrivo al benzinaio, ma vedendo che non arriva nessuno mi preoccupo. Questa preoccupazione è alimentata da una signora che si ferma in macchina e ci dice che aveva appena visto un ragazzo disteso a terra brutalmente picchiato delle "forze dell'ordine". Poi vengo a sapere che quel ragazzo era proprio XXXX che attraversando la strada per levarsi
veniva chiuso senza alcun motivo da una decina di guardie. Stesso trattamento per YYYY che però riesce a buttarsi giu nel burrone che porta alla pista ciclabile e salvarsi. Altra sorte tocca a XXXX portato al commisariato di XXX a via XXXXX dove viene insultato e deriso. Viene accusato prima di aggressione con spranghe (aveva solo una bandierina con l'asta di plastica degli asr ultras) di calci (un ragazzo da solo prende a calci una ventina di polizziotti!) di lancio di sassi (in una zona dove questi non ci sono essendo tutto asfaltato) di aggressione e di resistenza a
pubblico ufficiale (cosa molto difficile per un ragazzo senza esperienze di questo tipo soprattutto dopo essere stato preso a calci e manganellate). Mi ha riferito che hanno detto al padre che loro erano un gruppo di ragazzi che
puntava la polizia di proposito cercando lo scontro. Stando io la fino a due secondi prima che questo accadesse mi ricordo molto chiaramente che erano solo due ragazzi che camminavano da un lato della strada senza alcun arma cercando di tornare a casa (Patrizio stava molto male a causa dei lacrimogeni) e se la polizia ha visto più gente è solo perchè stavano davanti ad una fermata dell'autobus piena unicamente di famiglie. 

GLADIATORE87
è DERBY,DOPO LE FESTE,LE SBRONZE,E TUTTO IL RESTO...SI RICOMINCIA,E SE RICOMINCIA COL BOTTO IL DERBY.LA DATA NON è BENEAUGURANTE IL 6 GENNAIO,l'anno scorso quanti ricordi..MA OGGI C'è LA LAZIO,MA OGGI C'è DI CANIO,OGI PIU CHE MAI VOGLIAMO IN CAMPO 11 LEONI.partiamo alle 2 da anzio alle 4 stamo a roma incontramo marco,e arriviamo allo stadio,dove all'obelisco ci sono davide e il padre.oggi oltre a me e gabriele ci sono luigi federico e alessio,amico nostro ke viè allo stadio na volta l'anno,gli hanno regalato un biglietto de nord,deve entrà in sud.aspettiamo ke aprono i cancellli appiziamo i fumogeni avanzati di capodanno.mentre attendiamo cantiamo per riscaldarci,i cori sn quelli ormai DI CANIO NAPOLETANO,CELLERINO è...perchè oggi i nemici sn loro...infatti i cellerini sono tanti già davanti la curva e ti guardano in modo da prendete per culo,fino alle 5 e 20 quando alziamo le bandiere e cominciamo a cantare finche vedrai,un ragazzo accende una torcia,reato gravissimo,e parte una carica assurda sulla folla,fugone generale ci rifugiamo al bar del tennis,usciamo e hanno aperto i cancelli,entriamo nessun problema x alessio col biglietto di nord,neanke per i fumogeni.la curva in 5 minuti si riempie, praticamente alle 6 è stracolma il resto dello stadio è vuoto,anche la nord,io e marco diamo una mano ai ragazzi di asru a mette lo striscione e il megafono,poi scendiamo nell'antistadio a prende la fanza,rientriamo,ci mettiamo davanti al megafono a destra del cancellone.l'atmosfera si scalda partono i cori contro di canio,poi il lanciacori fa parti il coro nuovo AS ROMA ALè AS ROMA ALè SOSTENIAMO SOLO TE,E INSULTIAMO SEMPRE PIU LE MERDE BIANCOBLù BASTARDI (sulle note di mi scappa la pipì) intanto si aprono i primi striscioni,non c'è storia curva sud aprirà circa 100 striscioni la nord 13 non di piu,ovviamente il 95%dei nostri per di canio,bello quello dei primavalle DI CANIO NAPOLETANO SCIACQUATE LA BOCCA QUANDO PARLI DEL CAPITANO,e bella pure l'immagine di totti che schiaccia un laziale messa sul cancello.passa il tempo arrivano le 8 20 facciamo 5 minuti di silenzio,poi cm finisce il minuto in campo,parte la coreografia,SEMPLICE PASSIBILE DI CRITICHE DALL'ESTERNO (come dice la fanzine degli asru) MA A MIO PARERE ECCEZZIONALE,tutte bandiere e poi fumogenata giallo rosso,facciamo il nostro inno anche senza base e viene benissimo la sud canta da dio per quasi tutto il primo tempo,fino al gol della merda.li scema un po il tifo ma si riparte poi a sostenere.la sosta fa bene alla sud.inizia il secondo tempo con la coreografia dei boys e la fumogenata mia e della mia comitiva,il secondo tempo parte un po maluccio,per migliorare al passa il tempo cambia la gente,arrivà il gol di cassano io non lo vedo ma mi abbracciano tutti,ci abbracciamo,è bellissimo,la sud è stracarica...riparte da dio,poi segna cesa r(è DESTINO LO DOVEMO PERDE) ma la sud non ci stà e continua a cantare,arrivà il 3 a 1,ED ECCOLA LA SUD QUELLA CHE NON TRADISCE MAI,alzimo tutte le bandiere cantiamo la società dei magnaccioni l'inno romaroma e poi fino alla fina con che sarà sarà.alla fine un coro solo per il capitano che è venuto sotto la sud e ha tirato la maglia, facendo con le mani in modo da dire scusate.NO PROBLEM (sinceramente me rode il culo,pero sto gesto del capitano mi è piaciuto) la roma sta a torna ai momenti del cazzo,ma totti sta a tornà quello di una volta,quello ke te chiedeva scusa e se assumeva le sue responsabilità.ORA PIù KE MAI
C'è SOLO UN CAPITANO
DI CANIO NAPOLETANO
DI CANIO STATTE BONO SENNò DEVI FA N'ARTRO TRASLOCO
ps: un appello ai giocatori VI PREGO AL PROSSIMO DERBY fategli male,a quel bastardo,male fisicamente lo vojo vede chiede pietà.

I VOSTRI RESOCONTI....
CESARE
Dopo svariati anni perdiamo il derby, è vero mi rodeva il culo parecchio ieri sera, vorrei vedere il contrario, però sono tornato a casa cmq fiero di esserci stato, fiero di perdere un derby con la curva piena fino al fischio finale, fiero di gente che nonostante la sconfitta ancora cantava seduta( in piedi) sul suo seggiolino blu, fiero di quei 15 forse 20 tifosi che hanno reso la curva laziale ancora piu penosa di quanto già non lo fosse facendo indietreggiare il bruco gigante, costruito per cercare di vendicare la grande fuga dello scorso anno. Che parliamoci chiaro, come idea era pure ottima, insomma se quel grosso bruco gigante, sostenuto dagli olè della curva nord fosse arrivato fin sotto la sud, beh tanto di cappello per invenzione e coraggio. Invece.....invece la ottima invenzione si è tramutata nella peggior pagliacciata degli ultimi 50 anni, questi poveracci che sono riusciti ad arrivare fino al lazio club orte a metà tevere per poi ripetere la fuga dello scorso anno, con la sud che li accompagnava con un poderoso "scappa coniglio biancazzurro...".
Ottima era secondo me l'idea di di canio di venire ad esultare sotto di noi; sarebbe stata una spettacolare prova di coraggio, osare e spingersi fino a dove nessuno era mai arrivato. ed invece pure qua....invece sto coatto mezzo ternano e mezzo napoletano è arrivato fino alla linea di metà campo, come un vieri qualunque.
Mi vuoi dimostrare che sei coraggioso e c'hai le palle? allora salta i cartelloni, e vienici sotto la vetrata a sventolarci sotto al nostro naso la tua lurida maglia, vieni sotto ad urlarci tutto il tuo odio verso di noi, faccia a faccia, tifoso contro tifoso (sempre che tu lo sia davvero).Ti odierei ancora di piu, ma avresti cmq avuto un rispetto da parte mia incredibile, mi avresti fatto vedere una cosa che mai avrei dimenticato, ed invece hai copiato la tua tifoseria di conigli, vorrei ma non posso, vero Paolè?? (sottoscrivo al 100%, n.d.L.)
Detto questo, della partita salvo solo 3 persone, e su una mi sa Lorenzo che non ci troviamo d'accordo.
Vabbeh un plauso al solito Cufrè, un leone, un gladiatore, sul 3-1 a un minuto dalla fine ancora correva, lottava e non ci stava, un grande!
Ottimo pure Aquilani il migliore sicuramente dei Romani che avevamo in squadra.
Superbo ed immenso pure Dellas dico io. l'unico e dico l'unico che è andato dal napoletano ad urlargli in faccia tutto il suo schifo, facendosi nostro portavoce.
E' vero nessun fallo spaccacaviglie, come tutti noi sognavamo una volta averlo visto partire, ma vedere un non Romano, adirittura Greco incazzarsi cosi, beh l'ho apprezzato. (forse non mi sono spiegato bene... stimo Dellas, ma mi piacerebbe che da greco si trasformasse in romano e dicesse che questo fottuto derby NON è una partita come le altre. Mi piacerebbe divenisse TIFOSO e non solo giocatore di questa squadra, proprio perché lo stimo! n.d.L.) 
 A fine partita ho letto e sentito di scontri epocali e biblici tra tifosi e FdO. Beh a parte qualche carica (peraltro inutile), e qualche lancio di lacrimogeni(inutili pure quelli), nulla di che. 
Ci volete fermare? volete chiuderci in casa sul divano davanti a Sky? Ok, noi intanto giovedì andiamo pure a Siena per la Coppa italia.....
AS ROMA ALE 
AS ROMA ALE
SOSTENIAMO SOLO TE
E INSULTIAMO SEMPRE PIU
LE MERDE BIANCOBLU
BA-STAR-DI!!

GIANPAOLO
Ciao Lorenzo, ti scrive il solito e patetico ultras che, non deciso ancora a rassegnarsi, continua a criticare una Curva Sud in cui stenta a riconoscersi data la lunga militanza. Non voglio ripetermi ma la prestazione della Sud è roba che fa ridere. Nemmeno più al derby si canta, forse è meglio che sta cazzo di curva chiuda almeno alle vecchie generazioni rimarrà un bel ricordo altrimenti tra un pò non rimarrà che considerare sta curva un settore come tanti altri.
A te vecchio ultras ti chiedo una maggiore obiettività nei giudizi e non cercare di nascondere l'indefendibile. Anche se eri ai distinti ti sarà capitato di vedere la curva e sentirla. Ti è sembrata una curva all'altezza? Il problema semmai è un altro: se è vero come è vero che gli Asru non sanno dirigere il tifo, chi  potrebbe sostituirli? Nessun gruppo attualmente penso sia in grado di riportare la Sud ai vecchi fasti.
Penso che fra un pò non scriverò più questi amari commenti perchè sono stufo di ripetermi e di incazzarmi ogni volta per una Sud da schifo. La rassegnazione sta prendendo sempre più piede in uno spirito ultras che stenta a mollare. E' questo ti giuro proprio mi fa star male. A Genova l'anno scorso ero presente ed ho vissuto emozioni forti per 90 minuti insignificanti. Sarebbe bello viverlo ogni domenica ma evidentemente solo in trasferta riusciamo a fare belle prestazioni, in casa tra tanti coattelli diciottenni che non valgono un cazzo a livello ultras non si riesce a far meglio. Quando io avevo 18 anni non smettevo di cantare nemmeno per un minuto, sti pischelli sanno solo scrivere sulla tastiera.
Postilla per Di Canio: ti odio e ti odierò sempre per quel dito alzato al derby dell'89 (io già c'ero) e per l'esultanza sotto la Sud di ieri. Ti auguro di ricevere al più presto un fallo che ti stronchi la carriera e ti mandi definitivamente in curva nord in mezzo a tutte quelle merde come te! Bastardo!
Ultras, 74

MARCO
Ciao Lorenzo,
per sottolineare la mia opinione circa quanto espresso nel tuo "editoriale" sul derby, utilizzo l'eccesso metaforico : "ho stampato lo scritto e ho messo una firma sotto ogni riga!".
Di conseguenza, il mio succinto commento : vorrei 11 di canio nella mia Roma!
Lui ha fatto benissimo a comportarsi così, anzi..io avrei fatto molto ma molto di peggio (il fatto che non abbia neanche superato i cartelloni sotto
la sud, a mio giudizio, è un limite significativo..). Inoltre, come anche tu hai sottolineato, di lui apprezzo la schiettezza anche di fronte agli
sciacalli pennivendoli che sguazzano beatamente nella finta polemica pelosa..è ora che qualcuno dica loro quello che tutti effettivamente pensano! Ci fanno schifo i varriali, i piccinini, i costanzi, i biscardi!! A latere, riprendo il tuo spunto per evidenziare che non mi è piaciuto affatto l'atteggiamento di Totti al petardo...fuori le palle cristo!!! basta atteggiamenti da fighette!
al derby (ma oserei dire sempre) voglio gente che si azzanna in campo, che lotta, che tira fuori gli attributi, che mena, che esulta smodatamente anche irridendo gi avversari! Non sono sportivo, sono TIFOSO!
Marco RCM
chiosa : Dellas... (Dellas??!!...e De Rossi?, e Totti?, e Aquilani? e Corvia? dove stavano??!!)...doveva dargli un cazzotto in testa, ma intanto è stato
l'unico che ha mosso un dito.....

ROBERTO
CIAO LORENZO TI VOLEVO RACCONTARE QUELLO CHE MI E' SUCCESSO GIOVEDI 6 GENNAIO.
ERA LA PRIMA VOLTA CHE ANDAVO ALLO STADIO E PER DI PIU' AL DERBY MA POSSO DIRTI CHE E' STATA L'ULTIMA VOLTA CHE ANDRO' ALLO STADIO PER QUELLO CHE MI E' SUCCESSO ALL'USCITA DELLO STADIO. 
USCITO DALLA CURVA SUD STAVO ANDANDO A PRENDERE LA MACCHINA MA PURTROPPO MI SONO TROVATO UNA GUARDIA MA NON MI AVREI MAI IMMAGINATO CHE MI AVREBBE DATO UNA MANGALENNATA SENZA MOTIVO COSI ALL'IMPROVVISO SENZA FARE NULLA E SOTTOLINEO CHE ERO A VISO SCOPERTO IN GIACCA E CRAVATTA COME UNA PERSONA NORMALE.

GRAZIE DI CUORE............ 

   
AGR
ROMA - Le forze dell'ordine sotto la Curva Sud allo stadio Olimpico di Roma sono stati colpiti da un fitto lancio di oggetti, tra cui bombe carta, fumogeni colorati e bottiglie di vetro scagliati da alcuni tifosi. La polizia e' intervenuta rincorrendo il gruppo di tifosi. Un elicottero delle forze dell'ordine sta sorvolando la zona. (Agr)

AGR
ROMA - Due tifosi romanisti sono stati fermati in seguito ai tafferugli scoppiati dopo la partita persa con la Lazio. I due sono stati presi mentre lanciavano oggetti contro le forze dell'ordine. Uno e' stato arrestato, l'altro, minorenne, denunciato. (Agr) 

AGR
ROMA - Dodici persone, tra le quali otto tifosi e quattro uomini delle forze dell' ordine, sono rimasti lievemente feriti dal lancio di oggetti e spintoni verificatisi prima e dopo la partita. (Agr) 


(ANSA) - ROMA, 6 GEN - Incidenti dopo il derby dell'Olimpico: oggetti sono stati lanciati contro le forze dell'ordine e davanti all'ingresso del settore Vip. All'uscita della Curva Sud un gruppo di tifosi ha lanciato bombe carta, fumogeni e bottiglie di vetro contro le camionette di Polizia e Guardia di Finanza. Davanti all'ingresso vip, c'e' stata una leggera carica della polizia dopo il lancio di bottiglie. Il derby era stato fermato per 3', in avvio di ripresa, per un petardo esploso in campo vicino a Totti. 

GAZZETTA.IT
ROMA, 6 gennaio 2005 - "Veni, vidi, vici". Da questa sera chiamatelo "Cesare", quel Giuseppe Papadopulo da Casale Marittimo (provincia di Pisa) che, alla prima panchina importante, non soltanto porta la Lazio alla vittoria, ma lo fa nella gara più attesa: il derby con la Roma che i biancocelesti si aggiudicano con un perentorio 3-1. Dopo dieci confronti e quasi cinque anni, Papadopulo riporta al successo la Lazio nella stracittadina, miglior esordio non poteva chiedere. La sosta ha penalizzato la Roma che non ha mai dato l'impressione di poter far sua la partita. 

Il campo conferma le indiscrezioni della vigilia e le scelte dei due tecnici. La Roma è quella delle ultime giornate, con Mancini al posto dello squalificato Montella a formare il trio d'attacco con Totti e Cassano; recuperato dai guai fisici, Perrotta affianca De Rossi a centrocampo. La prima Lazio di Papadopulo, invece, vede la novità di Giannichedda centrale difensivo accanto a Talamonti, Emanuele Filippini sta a sinistra sulla linea arretrata, Dabo a centrocampo a dar man forte a Liverani, Rocchi e Di Canio in avanti. Un 3-4-3 elastico, quello giallorosso, opposto a un 4-4-2 classico, almeno sulla carta.

Quasi fosse una premonizione, già al primo minuto la Lazio va vicina al gol, Pelizzoli e Dellas si ostacolano a vicenda, ma Rocchi non riesce ad approfittarne. Sono i padroni di casa a prendere in mano il pallino della gara. De Rossi irriconoscibile, Perrotta non al meglio, consegnano ai biancocelesti il centrocampo e il comando delle operazioni. Giannichedda ringhia su Totti, marcandolo a uomo quando il capitano giallorosso staziona dalle sue parti, Dabo recupera palloni su palloni che affida alla sapienza di lancio di Liverani. Di Canio e Rocchi si muovono molto togliendo punti di riferimento alla difesa romanista che soffre anche gli inserimenti di Cesar.

Sul versante opposto Cassano sembra in gita premio, mentre Totti, come al solito, si innervosisce per le attenzioni dell'avversario. Su questa trama si sviluppa un derby denso di agonismo con ben quattro ammoniti nella prima frazione. Bloccate le fasce con le coppie E. Filippini-Cesar da una parte, quella sinistra, e Oddo-A.Filippini a destra, la Lazio sottopone la Roma a una pressione costante che si concretizza al 29' con l'ennesimo lancio millimetrico di Liverani che, questa volta pesca un Di Canio scattante, bruciati i difensori giallorossi l'ex del Charlton prolunga di destro al volo la traiettoria della palla, quel tanto che basta per battere Pelizzoli. La Roma sembra rintronata e si va al riposo coi padroni di casa meritatamente in vantaggio.

Del Neri prova a ridisegnare la squadra nella ripresa: fuori Ferrari dentro Corvia, Panucci arretra sulla linea difensiva, anche Totti fa un paio di passi indietro a formare un 3-4-1-2. Come alla Lazio anche alla Roma capita subito un'occasione, ma è la serata sbagliata: il tiro di Cufrè rimpalla sulle natiche di un difensore biancoceleste. In realtà non cambia molto, è sempre la squadra di Papadopulo a tenere le redini del gioco, mentre quella di Del Neri annaspa, vive di prodezze individuali, come quella che al 24' permette a Cassano di pareggiare. Cross di Panucci, distrazione della difesa laziale e il diabolico furetto si avvita e di testa batte Peruzzi di testa da due passi. Ma la Lazio vista questa sera non è nemmeno la lontana parente di quella di Caso: fra il 29' e il 40' prima Cesar e poi Rocchi, risistemano le cose per quello che è il risultato più giusto vista la gara.



LA PARTITA (TGCOM)
Dopo quasi cinque anni e nel momento più basso della storia dell'ultimo decennio, la Lazio vince la partita più importante della stagione. E lo fa quasi a mani basse: poca Roma davanti ai ragazzi di Papadopulo, solo un assaggio di giallorosso per la prima parte del secondo tempo, ma per il resto è stato il nulla. La squadra di Del Neri è parsa poco brillante dal punto di vista fisico, non è mai riuscita a dare continuità e pericolosità alla sua manovra ed ha ballato in maniera quasi imparazzante (nel finale soprattutto) in difesa. Dall'altra parte, come detto, una Lazio trasformata dalla cura Papadopulo, o forse semplicemente dal derby. Un derby che rischiava di essere rovinato dal gesto dell'ennesimo imbecille che ha pensato bene di manifestare il proprio dissenso nei confronti di Dondarini lanciando in campo un petardo di avanzo dai botti di capodanno. Un derby attesissimo da Di Canio, che già dieci giorni fa aveva cominciato a stuzzicare i romanisti: proprio Di Canio non ha tradito i suoi tifosi, realizzando il gol del vantaggio sotto la curva sud. Roba da film. Ora è facile che a Roma si aprano gli ennesimi processi a Del Neri, a dire il vero mai troppo amato dalla piazza. 
E' stata la Lazio che non ti aspetti. Papadopulo in poco più di una settimana di lavoro vero riesce a dare un senso ai biancocelesti, che un senso fino a quel momento non ce l'avevano. Come prevedibile, Couto non riesce a recuperare e il tecnico è costretto a schierare due punte (Rocchi e Di Canio) infoltendo il centrocampo inserendo Giannichedda ed Emanuele Filippini. Mossa azzeccata ed anche azzardata, soprattutto quando si capisce che Gannichedda in realtà ha giocato difensore centrale. Lo schieramento biancoceleste annulla l'azione della Roma, che risponde con il suo classico 3-4-3 (Mancini-Cassano-Totti davanti) ma nei primi 45' non ne becca una. Ed una è l'azione romanista degna di nota nei primi 45' conditi soltanto da tanta Lazio e qualche momento di scarso spettacolo. Il vantaggio biancoceleste che ne scaturisce è meritatissimo, la squadra di Papadopulo affronta il derby come un derby, mentre la Roma è l'ombra di se stessa, con Mexes perso fra Di Canio e Rocchi ed il centrocampo per nulla in gradi di contrastare la cattiveria agonistica di Filippini, Davo e Liverani. La stessa cattiveria agonistica che aveva sfoderato Di Canio nei giorni precedenti il derby e che poi ha confermato in campo. Proprio lui, laziale nel midollo e simbolo dei biancocelesti, alle parole battagliere fa seguire i fatti che mandano in deliro i tifosi biancocelesti: corre infatti il 29' quando mette in rete il vantaggio laziale con un gol degno della partita più importante dell'anno. Lancio millimetrico di Liverani che Di Canio mette in rete al volo di esterno destro: capolavoro e godimento totale, come si conviene in queste occasioni, proprio sotto la curva sud. Da lì alla fine della prima frazione la squadra di Papadopulo tiene in mano le redini del gioco mettendo i brividi a Pelizzoli al 46' con una punizione di Liverani sfiorata da Dabo. La Roma? Poco o nulla, soltanto un rasoterra di Totti al 43' che si spegne sul fondo. 
Nella ripresa Del Neri prova a dare maggior spinta all'attacco inserendo il giovane Corvia al posto di Ferrari. La Roma parte con maggior piglio e nei primi 15' di ripresa fa la partita. In 7' Cufrè va vicino alla rete in due occasioni: dapprima al 47' quando Oddo gli respinge la conclusione e poi al 54' quando non riesce una difficile torsione in area. La Lazio si fa viva per la prima volta al 59', quando A. Filippini viene messo giù due volte in area di rigore: per Dondarini non c'è infrazione. Il pubblico di fede laziale si esibisce allora in una dimostrazione di idiozia che purtroppo fa spesso capolino sugli spalti dei nostri stadi: un petardo di grandi dimensioni viene lanciato sul campo ed esplode vicino a Dondarini e Totti, che si stava accingendo a raccoglierlo pensando fosse un fumogeno. Tragedia sfiorata e attimi di tensione, mentre i laziali invitano i tifosi biancocelsti alla calma. Dopo 4' di interruzione a causa dello stordimento dei due, la partita riprende e lo fa con un altro botto, ben più gradito dai giallorossi. Al 69' Cassano realizza il gol del pareggio di testa con una splendida torsione che manda in delirio la curva giallorossa. Il barese conferma così il feeling con il gol nel derby: per lui è la terza segnature nella stracittadina della Capitale. La Lazio, che fino a quel momento aveva subito l'iniziativa della Roma, ha il grande pregio di non darsi per vinta e reagire immediatamente: al 74' la squadra di Papadopulo passa nuovamente in vantaggio con Cesar, che entra in area sulla sinistra totalmente libero e mette in rete un pallone appena spizzicato dalla difesa romanista. La partita cambia nuovamente volto e si veste di biancoceleste: in 5' Rocchi ha due palle nitide per portare a tre le reti della squadra di Papadopulo che può approfittare del momento di sbilanciamento romanista. L'attaccante biancoceleste non si fa sfuggire l'occasione ed all'84', lanciato splendidamente da Liverani in contropiede, mette in rete il gol del 3-1 che di fatto chiude l'incontro. Neanche i 7' di recupero servono ad una Roma ormai senza idee e forze: il finale è tripudio laziale; dopo quasi 5 anni i biancocelesti, nel loro momento storico peggiore dell'ultimo decennio, vincono il derby della Capitale. Totti e Cassano, quest'ultimo con gli occhi lucidi, non possono che restare a guardare.

VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me