ATALANTA / ROMA 1-1
inviatemi i resoconti
e-mail me
Atalanta (4-4-2): Taibi 6.5, Zauri 6, Sala 6, Carrera 6.5, Bellini 5.5, Zenoni 5.5, Berretta 7, Dabo 5.5 (44' St Rustico Sv), Doni 6.5, Rossini 5, Comandini 6 (38' st Rinaldi sv). (12 Pinato, 32 Natali, 5 Pinardi, 21 Colombo, 13 Inacio Pia'). All.: Vavassori 6.
Roma (3-5-2): Antonioli 6.5, Zebina 6, Aldair 5.5, Zago 6, Panucci 6, Tommasi 5.5 (25' st Tomic 5.5), Assuncao 6.5, Lima 6, Candela 6.5, Totti 6, Delvecchio 6 (22 Cejas, 4 Cufre', 29 Siviglia, 7 Fuser, 31 Pepe, 16 Balbo). All.: Capello 6.
Arbitro: Borriello di Mantova 6.
Angoli: 6-5 per l'Atalanta.
Recupero: 1' e 3'.
Ammoniti: Comandini, Tommasi, Dabo, Candela, Carrera e del vecchio
Spettatori: 25 mila.
I Gol:

8' st - fallo su Totti di Dabo che viene ammonito. La punizione dai 22 metri e' un capolavoro balistico: il pallone calciato da Assuncao accarezza il palo alla sinistra di Taibi e si spegne in rete.
30' st - duetto di testa, in area giallorossa, Rossini-Comandini, alle spalle di quest'ultimo interviene Aldair e Borriello fischia il rigore che Doni trasforma alla destra di Antonioli.








"Almeno duemila irrefrenabili coraggiosi, appollaiati sotto la rete che divide la tribuna centrale dello stadio «Azzurri d’Italia» dalla curva opposta a quella che fa da covo agli ultrà bergamaschi: di lì volano verso di loro raffiche di insulti, col povero Mazzone trasformato nella malinconica icona dell’odio odio anti-romano".
Il Covvieve della Seva
"Buona presenza dei romanisti che vengono a Bergamo sulle 1000 unità,aiutati anche dai romanisti provenienti dal nord.Presentano molte bandierine e accendono varie torcie durante la partita.A livello canoro si fanno sentire,ma con lunghe pause tra un coro e l'altro.Dopo il pareggio ammutoliscono"
(dal sito degli atalantini)





 




BERGAMO - L’atmosfera è calda nonostante la giornata autunnale. Allo stadio "Azzurri d’Italia" di Bergamo arriva la Roma campione d’Italia, ma per i tifosi atalantini arriva solo una squadra che rappresenta una città con la quale la rivalità è accesissima da sempre. Si sente dall’atmosfera che si respira, dai cori nerazzurri, dai fischi che accompagnano prima l’ingresso in campo e l’annuncio della formazione giallorossa e poi ogni pallone toccato da Francesco Totti. Per il capitano oltre ai fischi ci sono i cori: uno su tutti: "Totti, Totti rimbambì". L’unica nota "stonata" in questo clima sono gli "olè" che sottolineano il vantaggio all’Olimpico dell’altra formazione della capitale: la Lazio.
Sono in gabbia i tifosi della Roma qui a Bergamo. Una rete di protezione li isola dal resto dello stadio e soprattutto dai supporters dell’Atalanta che occupano la vicina Curva Sud. Sono circa duemila ad aver seguito la squadra di Capello.
I cori nerazzurri non sono solo per i romanisti in campo e sugli spalti ("Romanisti terun, terun, terun" oppure "Siete voi, siete voi, la vergogna dell’Italia siete voi" o ancora "Siete ridicoli"). Dalla Nord si alzano ancora una volta cori contro Carletto Mazzone definito "romano di m...". Ma in tutto lo stadio non ci sono striscioni offensivi. Forse anche per l’appello lanciato dallo speaker prima della partita o per le imponenti misure di sicurezza agli ingressi dello stadio.
Si sentono poco all’inizio i giallorossi. Ma si svegliano alla prima parata di Antonioli che salva la porta della Roma dopo dieci minuti di gioco e poi in almeno altre due occasioni nel primo tempo. Poi esplodono all’8’ della ripresa quando Assuncao pennella sul palo interno alla sinistra di Taibi, e poi in gol, una punizione dal limite. Ora si sentono, hanno preso coraggio, spuntano le bandiere tricolori accanto a quelle giallorosse. Ma l’urlo si strozza in gola al pareggio di Doni.
Il Messaggero

RESOCONTO DI ER VACANZA
E' il secondo anno che vado a Bergamo..l'anno passato andò bene e sxo la storia si ripeta così prenoto il pullman con un mio amico ed andiamo con il XXI aprile alla conquista dell'ostile terra orobica. Inutile dire che il viaggio in pullman è massacrante e  questo mi fa pensare sempre a tutti quei tifosi da salotto che non hanno nè le palle nè la voglia di macinare kilometri e di affrontare ogni tipo di difficoltà x seguire la maggica..che schifo!venite solo a Perugia e manco cantate..vergogna!Cmq verso le 14,30 giungiamo al casello..siamo circa una decina di pullman e vedo anche qualche macchina (i soliti grandi tifosi della Roma)..le guardie ci scortano a botte di 4-5 pullman a volta e più che a una partita di calcio sembra di andare in guerra..gli atalantini ci guardano sfilare x le loro strade e ci insultano e noi,ovviamente,ricambiamo con altrettanto odio..qualche pullman viene bersagliato dai sassi..le solite merde che fanno gli agguati..va in frantumi un vetro..non so se qualcuno si sia fatto male..giungiamo allo stadio alle tre meno cinque e di questo ritardo devo ringraziare quell'incompetente del nostro autista che aveva sbagliato strada e per poco non ci portava in Svizzera! (ma come se fà?)alla fine rimedio un posto nell'affollatissimo settore ospiti..è una vergogna pagare 44sacchi x uno stadio del genere..manco er tre Fontane c'ha uno stadio così squallido..cmq Bergamo è sempre Bergamo..per cui sciarpa al collo e fuori le palle perchè dobbiamo rappresentare Roma che da queste parti non è molto amata (solo da queste parti?) Nel primo tempo il tifo è accettabile, anzi mi sembra quasi che i bergamaschi non si sentano proprio...nel secondo tempo la Roma segna e il nostro settore esplode,poi la Roma smette di giocare (fino a quando dovremo vedere una squadra con una punta sola?)e l'Atalanta pareggia..le merde alla nostra destra (credo sia la curva sud dello Stadio) vengono ad insultarci...alla fine il risultato è giusto...usciamo dallo stadio dopo circa un'ora e sorpresa:ci fanno fare un corteo di quasi un km x tutta Bergamo,fredda e deserta.Veniamo scortati come una banda di delinquenti ma si sa qui ci odiano e noi di certo non siamo teneri...la cosa che sorprende e che mi piace di Bergamo sta nel fatto che tutti e dico tutti ti odiano...tutti ti fanno gesti e ti insultano..dalla vecchia de 80anni ai pischelletti sul motorino..bestie da soma!Comunque (esattamente come lo scorso anno) non succede assolutamente nulla..per lo meno parlo a titolo personale..rimontiamo sui pullman alle 18,30 circa e rimbocchiamo l'autoastrada..i tifosi da salotto staranno già a vedere novantesimo minuto, caldi e tranquilli...bravi bravi..NO AL CALCIO MODERNO!
Il viaggio di ritorno è quasi peggio di quello di andata, complice ancora quel simpaticone del nostro autista che improvvisandosi Padre Pio, si ferma sull'appennino (a momenti ci prende un TIR) a soccorrere un altro pullman di tifosi giallorossi guasto..risultato:un'ora fermi nel bel mezzo dell'appennino e arrivo a Roma alle 3,10 del mattino! L'altro pullman è rimasto là..mi dispiace x quei ragazzi che saranno tornati più tardi di tutti gli altri tifosi..
Alle 4.00 sono a casa...mi infilo nel letto, distrutto ma ho in mente due cose: il film dell'ennesima trasferta dietro a questa droga bellissima e legale,che si chiama AS ROMA e l'altra..è già domenica prossima..Piacenza arriviamo!

TORNERETE IN B
COME IL NAPOLI
TANTO IN SERIE A
CHE CE STATE A FA'?!
ODIO BERGAMO ODIO BERGAMO
ODIO BERGAMO ODIO BERGAMO

ER VACANZA
VIALE MARCONI



RESOCONTO DI FABRIZIO
Si parte in macchina ore 6 circa.Siamo in 5, tra cui 3 quintaloni e quindi inevitabilmente il viaggio e' abbastanza scomodo, ma cio' non ci nega il piacere creato dal sapore "magico" della trasferta.A Bergamo entriamo insieme ai Pullman scortati dalle "forze dell'ordine" per evitare spiacevoli sorprese ma cio' non ci evita un agguato di "tifosi" bergamaschi che improvvisano una sassaiola contro i nostri mezzi, senza pero' ottenere alcun risultato da loro auspicato(credo che ci sia stato solo un vetro rotto di un pullman dove viaggiavano gli ASRU).
Arriviamo allo stadio Atleti azzurri d'Italia 20 minuti prima del fischio d'inizio e il nostro settore e' strapieno, visto che siamo qualche centinaio in piu' dei 1500 posti che il settore dispone.
Partita non tiratissima ma una Roma che a parte un paio di interventi di Antonioli rischia pochissimo;al secondo tempo una punizione di Assuncao fa esplodere l'urlo che tutti aspettavamo e  che avevamo sognato di tirare fuori dalle nostre gole.Ma la Roma non decolla, sbaglia il raddoppio e la legge del calcio la si conosce bene: fallo di Alda in area, rigore, Doni,
gol, 1-1  e partita finita. Si torna alle macchine in un lungo corteo scortato e si innalzano gli ultimi inni e slogan pro-magica e contro Bergamo prima di riposizionarsi scomodamente nella nostra vettura e di partire verso Roma con un solo ma giusto punto in tasca.
 

L'accoglienza dei bergamaschi

Il nostro settore: vengono tolti gli striscioni dei
gruppi per permettere a tutti di vedere

Il ritorno a Roma
 


VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me