XIX Giornata
ROMA / LECCE 1-0 
Roma, Stadio Olimpico
domenica 18 febbraio 2001

ore 15:00

invia una e-mail per i resoconti
 






Tabellino partita:
ROMA (3-4-3): Antonioli, Zago, Samuel, Mangone, Tommasi, Assuncao (11' St Guigou), Emerson, Candela, Montella (39' St Balbo), Batistuta, Delvecchio (29' St Rinaldi).
In panchina: Lupatelli, Bovo, Di Francesco, D'agostino.
Allenatore: Capello.

LECCE (1-3-4-2): Chimenti, Malusci (34' St Vasari), Colonnello, Savino, Dainelli (39' St Vucinic), Balleri, Giorgetti, Ingesson, Tonetto, Lucarelli, Vugrinec.
In Panchina: Manitta, Fissore, Pivotto, Testa, Mateo.
Allenatore: Cavasin.

Arbitro: Messina di Bergamo.

RETE: 24'st Samuel.

NOTE: Angoli: 4-3 per il Lecce, Recupero: 2' e 3', Ammoniti: Lucarelli per proteste, Dainelli per comportamento antiregolamentare, Spettatori: 58.275 per un incasso di L. 2.251.750.000.
GIUSTIZIA PER ALESSANDRO












La Roma ha vinto e quindi tutto va bene.
Principalmente però ero curioso di vedere quale sarebbe stata la reazione delle forze dell'ordine
dopo la guerra civile di Roma/Liverpool, con un'intera curva che si era rivoltata contro la polizia per i noti fatti di Bologna (che è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso).
Poteva essere scelta la strada imboccata dopo lo striscione dei lazieli per Arkan, vale a dire una massiccia presenza di polizia e carabinieri sugli spalti, oppure lasciare tutto com'era fino alla partita prima di Roma/Liverpool, oppure decidere per la strada opposta, cioè  diminuire la presenza delle forze dell'ordine all'interno della curva e nell'antistadio.
Ebbene, è stata scelta la terza strada, ed è stata senz'altro una decisione saggia e frutto di un'intelligenza fino ad oggi non riscontrata.
Per la prima volta da tanti anni mi sono sentito un libero cittadino, sono andato rilassato allo stadio, fuori dalla Curva un controllo discreto, dopo i cancelli un controllo efficace ma non oppressivo e, soprattutto, cortese.
Non dico che ci hanno detto "prego si accomodi" ma indubbiamente era un comportamento corretto che non ha creato situazioni di tensione.
Oggi hanno eliminato in particolare due situazioni di tensione che si proponevano sempre:
1) la fila dopo che si è entrati per le perquisizioni
2) la schiera di cellulari e celerini in tenuta antisommossa all'uscita.
Il primo problema è stato risolto con un po' di buon senso: nella nostra curva non ci sono tifosi avversari, e quindi la gente di solito non si porta oggetti per offendere. Al limite ci può essere il pischello che si porta la torcia, ma lì finisce. Giusto quindi far sì che i controlli non puntino a levare le 100 lire, i giornali, le aste delle bandiere e a criticare modi di vestire o taglio di capelli.
Il secondo, personalmente, mi ha dato una sensazione di libertà che era tempo che non provavo.
Uscire con un piazzale completamente libero, non dovere uscire tra schiere di celerini e cellulari mi ha fatto sentire una persona normale, una persona che andata a vedersi la partita per divertirsi e per fare il tifo. E più saggio, com'è stato fatto, utilizzare l'elicottero che controlli il deflusso e indichi a reparti mobili la presenza di eventauli disordini.
Chi dirige le forze dell'ordine si convinca: controlli eccessivi in Sud non servono a nulla e aumentano tantissimo la tensione. Maggiori controlli possono essere opportuni solo in occasione del derby.
Spero che la linea scelta venga proseguita e che tra dieci domeniche si possa entrare allo stadio come è accaduto oggi.

Cavasin: "...mi aspettavo una Roma più nervosa dopo la gara persa con il Liverpool, invece la squadra di Capello ha cercato il risultato senza isterie, senza forzare i tempi denotando una maturità notevole. E lo stesso discorso vale per i suoi tifosi che l'hanno incoraggiata per tutta la gara. Veramente complimenti ai tifosi romanisti...."
Capello: "...il nostro pubblico ci è sempre stato vicino e nei momenti di difficoltà ha capito e ci ha aiutato"
GIUSTIZIA
PER ALESSANDRO
Un plauso ai tifosi leccesi che hanno manifestato solidarietà ad Alessandro.
(peccato per le torce tirate ai padri di famiglia però)
Infine, un messaggio che mi è arrivato e che inserisco volentieri:
"Siamo l'OPPOSTA FAZIONE DI CECCANO vorremmo mandare ad Alessandro il nostro augurio!
ALESSANDRO NON MOLLARE!"
Ricevo e pubblico dai Kapuvacanti (Ultras Lecce):
1) OLTRE AI CORI,LA NOSTRA SOLIDARIETA' X ALESSANDRO VOLEVA ESSERE
MANIFESTATA ANCHE CON UN SIGNIFICATIVO STRISCIONE NEI SUOI CONFRONTI CHE CI E' STATO SEQUESTRATO NELL'ANTISTADIO DA UN ******** DI ISPETTORE  CON QUESTA
MOTIVAZIONE: "VOI NON SIETE ROMANI E ALLORA NON VE NE DEVE FREGARE UN CAZZO
DI STO' ALESSANDRO, QUINDI NON FATE LI STRONZI SENNO' OGGI LE PRENDETE" !!!!!! TESTUALI PAROLE DI QUESTO ISPETTORE. LO STRISCIONE CI E' STATO RICONSEGNATO A FINE PARTITA E MOLTO PROBABILMENTE LO ESPORREMO DOMENICA PROSSIMA.

2) LE TORCE LANCIATE CONTRO I COSIDETTI "PADRI DI FAMIGLIA" ERANO IN RISPOSTA
AL FITTO LANCIO (INGIUSTIFICATO) DI BOTTIGLIE, MONETE ECC. NEI NOSTRI
CONFRONTI DA PARTE DEI "PADRI DI FAMIGLIA".NOI NON CE LA PRENDIAMO MAI CON
DONNE VECCHI E BAMBINI (A DIFFERENZA DEI NAPOLETANI).

3) LE NOSTRE MANIFESTAZIONI DI SOLIDARIETA' NEI CONFRONTI DI ALESSANDRO SONO
STATE DEL TUTTO SPONTANEE IN QUANTO CI SENTIAMO ULTRAS DENTRO E SOPRATTUTTO XCHE' E' UN "NOSTRO" FRATELLO AL DI LA' DEI COLORI DI APPARTENENZA. LA STESSA COSA AVRESTE DOVUTO FARE VOI QUANDO SIETE VENUTI A LECCE IN QUANTO AVEVAMO CHIESTO SOLIDARIETA' NEI CONFRONTI DEI RAGAZZI ARRESTATI INGIUSTAMENTE E TENUTI X UN MESE IN CARCERE X I FATTI DI BARI LECCE (mi risulta che non fu fatto nulla in quanto la cosa si seppe sabato pomeriggio ed era troppo tardi, sul sito AS ROMA ULTRAS c'è comunque un messaggio di solidarietà n.d.L.).

COMUNQUE SPERIAMO CHE ALESSANDRO RITORNI TRA NOI E LOTTIAMO TUTTI INSIEME
CONTRO QUESTA REPRESSIONE DA REGIME."
 
 


*
E INVECE DALLA FOSSA DEI LEONI MILAN...


 


****
DAL SITO SPORTAL
Protesta non violenta da parte dei tifosi della Roma nei confronti delle forze dell`ordine. Gli ultra della curva sud sono rimasti in silenzio per i primi quindici di gioco. La motivazione è la stessa che giovedì aveva portato alcune frange del tifo giallorosso a scatenare una vera e propria guerriglia urbana prima, durante e dopo la gara di Coppa Uefa contro il Liverpool: il ferimento del romanista Alessandro Spoletini, domenica scorsa a Bologna, finito in coma, secondo gli ultras, per colpa delle forze dell'ordine.

ROMA 45JUVENTUS 39 LAZIO 37 ATALANTA 31 PARMA 29 UDINESE 28 MILAN 28
FIORENTINA 26 PERUGIA 26 BOLOGNA 25 INTER 25 LECCE 22 BRESCIA 20 VICENZA 20
VERONA 18 NAPOLI 17 REGGINA 15 BARI 12
                                                                   



RESOCONTO DE "ER CINESE"
Calcio di punizione! e io ho detto a Stefano:"Daje che glielo famo,mo segna Samuel" e lui mi guarda,si accende una sigaretta e si rigira;parte la punizione,colpo di testa e gol;vedo la sua sigaretta che vola e tra spinte e controspinte mi ritrovo quattro file più in basso;dopo due minuti di delirio allo stato puro riprendiamo i nostri posti,o almeno credo.La partita scivola via,senza che succeda qualcosa di trascendentale. Al fischio finale esco dallo stadio,ma vedo che nella Sud le faccie non sono raggianti;forse sarà stato per via di Del Piero  o Simeone,ma fatto sta che siamo sempre a + 6 e i peracottari sono nel
freezer a -8.Le premesse non erano rosee,sopratutto per quanto riguarda  il comportamento degli sbirri,che peraltro nemmeno si sono visti.Speriamo che a Vicenza tutto vada per il meglio e che soprattutto Alessandro ritorni fra noi:DAJE ALE NON MOLLARE,ti aspettiamo.Un saluto  a Marcolino e ricordateve: ROMA SOLO ROMA ROMA E BASTA...TUTTO IL RESTO E' NOIA!

RESOCONTO DI VALERIO
Non voglio parlare del passato,ma del presente.La sud e' piena lo stadio quasi,i leccesi circa 3000,bello il loro tifo soprattuto nei primi 15 quando la sud inneggia un solo coro,"ALESSANDRO NON MOLLARE",i leccesi vengono applauditi da tutto lo stadio quando intonano,"FORZA ALESSANDRO" e un "LIBERTA' PER GLI ULTRA'",la sud incomincia a tutto ritmo con un "Canteremo fino alla morte",cantato da tutti,gli striscioni ci sono,non manca pero'"GIUSTIZA PER ALESSANDRO",il tifo e buono e duraturo,e Samuel fa esplodere lo stadio.Il tifo romanista prende il sopravvento e la Roma conquista 3 punti vitali.


L'ANGOLO DI FABVIZIO VONCONE
DEL COVVIEVE DELLA SEVA
L'inserto sportivo del Covvieve della Seva è curato da Fabvizio Voncone, un giornalista, anzi un giovnalista, che ha visto tutte le sue teorie sulla Curva Sud puntualmente smentite.
Ormai non sa più cosa fare. E' appostato sul suo bel seggiolino della Tribuna Monte Mario a guardare con il binocolo (oltre non è mai andato) la Curva Sud, a cercare croci celtiche, svastiche, skinheads inglesi, baby prostitute, stendardi con scritto 1-8 eccetera eccetera.
Ormai è esasperato. Tra un po' lo troveremo camuffato in Curva Sud con bomberino e celtica in mano che prima sventola in Sud per poi correre verso la tribuna Monte Mavio e scrive il suo bel pezzo sugli estremisti in curva.
Un giornalista politicizzato che si lamenta della politicizzazione in curva.
Si badi, non ne faccio una questione di bandiera politica perchè francamente non mi interessa.
Ma leggiamo il suo articolo, anzi, il suo avticolo:
"Dopo le uvla, gli incendi, i bvanchi di teppisti vomani che assalivano e pestavano altvi vomanisti inevmi, dopo le caviche della polizia, dopo l'odio e il tevvove vissuto un'ova pvima che, giovedì seva, cominciasse la pavtita contvo il Livevpool, ievi all'Olimpico c'è stata una calma assoluta e sospetta. Colovo che assistevano alla pavtita in Cuvva Sud hanno ossevvato - obbligati dai capi della tifosevia - un quavto d'ova di silenzio, di mutismo. Non un solo gvido di incitamento, pev lunghi quindici minuti, è così giunto alla squadva vomanista. ...... "
Il Voncone conclude con una sua sensazione, sempre strappalacrime: "mi è pavso di vedeve ancov meno bambini, meno donne del solito".
Forse in Tribuna Monte Mario! In Sud siamo tutti abbonati e chi ha l'abbonamento ci va!
Ora, il buon Fabvizio Voncone (dalle colonne del suo giornale, anzi, giovnale, era stato predetto "gli scontvi continuevanno"), non manca di ritenere "sospetta" la calma che regnava all'Olimpico in occasione di Roma/Lecce, sostenendo che la tifoseria sarebbe stata "obbligata" dai "capi della tifosevia" ad osservare il silenzio.
Per quanto riguarda questa seconda accusa, valga questa e-mail che mi è arrivata oggi:
"Ciao, sono un'abbonato in distinti sud (attaccato al vetro che divide i distinti dalla sud). Sono sempre stato tra i Fedayn (abito al quadraro), ma quest'anno ho fatto l'abbonamento in distinti perchè viene pure la mia ragazza per la prima volta e non mi andava di portarla in curva.
Ho visto che sia giovedi contro il Liverpool che domenica con il Lecce la curva ha fatto 15 minuti di silenzio in segno di protesta e solidarietà con Alessandro.
Ebbene, io sono super d'accordo (anche se la mia approvazione conta poco) e ho notato che anche nei distinti questa scelta viene giudicata giusta e doverosa.
Domenica qualche cretino ha provato ad intonare un coro proprio nel bel mezzo del silenzio e quasi quasi gli menano.
Continuiamo così finchè Alessandro non esce dal coma (e sono sicuro che uscirà)."
Si ricordi Fabvizio Voncone che la tifoseria della Roma non frequenta i salotti bene che frequenta lui, che in trasferta ci va col treno o col pullmann a 60 all'ora pagandosi le spese e subendo ogni tipo di vessazione, e non ci va con viaggi pagati dall'editore oltre al normale stipendio per scrivere quello che scrive.
E si ricordi che se una tifoseria non è d'accordo con l'osservare il silenzio, puramente e semplicemente non lo osserva, altro che "obbligata"!
Per quanto riguarda la calma "sospetta", chissà se Fabvizio Voncone l'avrebbe ritenuta tale se in coma ci fosse suo figlio.

 






VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me