Amichevole
MILAN - ROMA 2-2 (4-5 d.c.r.)
Milano, Stadio Meazza
giovedì 7 settembre 2000
Ore: 21.00


invia una e-mail per i resoconti
 
Tabellino partita:
MILAN (3-4-3): Dida; Chamot, Costacurta (Brncic 1' s.t.), Sala; Helveg, De Ascentis, Giunti, Serginho (Coco 1' s.t.); Saudati (Boban 1' s.t.), Bierhoff (Coloccini 24' s.t.), Shevchenko. (Rossi, Guly, Aliyu). All. Zaccheroni.

ROMA (3-4-1-2): Antonioli; Rinaldi (Zebina 1' s.t.), Aldair (Samuel 31' s.t.), Mangone; Cafu, Tommasi (Guigou 26' s.t.), Assunçao, Candela; Totti (Di Francesco 7' s.t.); Montella, Delvecchio (Balbo 28' s.t.). (Amelia, Gurenko). All. Capello.

ARBITRO: Rosetti di Torino. NOTE: spettatori 18.507, incasso 236.530.000 lire, espulso Chamot (21' s.t.) per fallo da ultimo uomo, ammoniti Tommasi, Chamot e Sala per gioco scorretto, angoli 7-5 per la Roma.
MARCATORI: Montella al 5' , Shevchenko all' 8' e, su rigore, al 36' p.t.; Montella su rigore al 22' s.t.
RIGORI: Boban parato, Balbo gol, De Ascentis gol, Di Francesco traversa, Shevchenko parato, Montella parato, Coco palo, Candela gol, Brncic gol, Cafu fuori, Coloccini parato, Zebina gol.

 

“AMICHEVOLE”… MILAN  ROMA

7 settembre 2000, Giovedì, ore 21


Amichevole… già amichevole… per Sensi e Galliani forse, per i dirigenti di Canale 5 forse, per Berlusconi… amichevole di lusso per tutti i tifosi da poltrona... MA NON PER NOI!!!

Milan - Roma non lo è oggi e non lo sarà mai un'amichevole!!! Mettetevelo in testa tutti, TV, Responsabili di ditte e dirigenti!!!

Per motivi personali giungo per fatti miei al S. Siro, sono uno dei primi ad entrare appena aprono il nostro settore. Davanti ai cancelli siamo pochi, dopo pochi minuti siamo completamente circondati dalla polizia. Sia prima che dopo non c’è alcun problema con i tifosi del Milan.

Dentro siamo inizialmente pochi ma rumorosi. Passa il tempo, si avvicina l’inizio della partita e piano piano il nostro settore diviene sempre più affollato fino a raggiungere le 300 unità. Durante il primo tempo il tifo è continuo e rumoroso, è bellissimo quando intoniamo “la società dei magnaccioni” tutti assieme. Bello il piccolo striscione “W LA RAI” esposto sopra lo striscione degli AS ROMA ULTRAS. Sotto il punto di vista corale un ottimo primo tempo, per diverso tempo ci siamo sentiti solo noi. Inevitabilmente dopo il vantaggio del Milan c’è stato un calo. Però è bello vedere la squadra avvelenarsi con l’arbitro per un rigore assegnatoci contro, è dimostrazione di mentalità, di voglia di vincere, in qualunque occasione! Ripetuti i cori contro Berlusconi, Galliani, i milanesi e la Lazie naturalmente. Il secondo tempo, invece, è peggiore del primo. Riniziamo bene ma piano piano il nostro tifo cala, per riavvivarsi però, solo, al pareggio di Montella. Si prosegue poi tra alti e bassi. La partita termina con il risultato finale di 2 reti a 2, intanto passa l’Estrada sotto il nostro settore, i cori non sono dei più gentili da dedicare ad una signora… :-)  Dato il risultato di parità, si va ai rigori. Questa volta ci sono favorevoli. Li viviamo salendo nella parte alta del nostro settore per poi piombare giù in massa in caso di parata di Antonioli (facciamogli sentire la nostra fiducia, anche se lo scorso campionato è stato tutt’altro che esente da colpe in più occasioni…) o rete dei nostri giocatori. Dopo la vittoria dalle tribune piovono stelle filanti, coriandoli e dei palloncini spiccano il volo… “voi siete napoletani” è il coro che accompagna questa visione.

Prima di uscire dallo stadio siamo costretti ad aspettare circa 40 minuti per problemi di ordine pubblico. Come detto in precedenza, però, all’uscita degli ultras del Milan neanche l'ombra…

Andrea



















GAZZETTA.IT
Shevchenko e Montella show

I due attaccanti si rincorrono a suon di gol per 90 minuti Poi ai rigori sbagliano anche loro: Milan-Roma finisce 4-5 Spettacolare partenza di Totti che costringe San Siro all' applauso e manda Montella in gol dopo 5' . Il Milan cresce e pareggia con Sheva. Due rigori fissano il 2-2 al 90' , poi l' epilogo dal dischetto che premia la Roma. I due numeri 9 hanno caratterizzato la sfida di San Siro, che ha celebrato il compleanno di Canale 5 e la nuova pace tra Galliani e Sensi... Che la sera fosse molto televisiva, lo si è capito quando Boban stava per battere il suo rigore e gli hanno fatto segno d' attendere: pubblicità. Ma, a parte questo, la partita è stata molto divertente


Nella partita per i 20 anni di Canale 5 è Capello che sorride per ultimo Shevchenko e Montella show I due attaccanti si rincorrono a suon di gol per 90 minuti Poi ai rigori sbagliano anche loro: Milan-Roma finisce 4-5 Spettacolare partenza di Totti che costringe San Siro all' applauso e manda Montella in gol dopo 5' . Il Milan cresce e pareggia con Sheva. Due rigori fissano il 2-2 al 90' , poi l' epilogo dal dischetto che premia la Roma MILANO - E' il compleanno di Canale 5, vent' anni sicuramente importanti di televisione ricca di spettacolo e innovazioni; ma quello che viene celebrato a fine serata, quando Boban vorrebbe tirare il primo rigore della serie e il regista gli fa segno di aspettare, è il condizionamento della pubblicità sulle nostre vite. Più simbolico di così non si potrebbe, anche perché ciò che lo spot interrompe è uno show che vale la pena, e dunque non cambi canale, prigioniero. Non solo pace, in questo Milan-Roma, ma anche bene: perché da un' amichevole settembrina per fare la gamba in vista delle coppe esce una serata di calcio piacevole, e se alla fine te ne vai contento anche se le novità non le hai viste (mancano Redondo, Batistuta, Emerson e tanti altri: fra i 22 iniziali soltanto due l' anno scorso non c' erano, Dida e Saudati), vuol dire che chi c' era s' è fatto il mazzo per divertirti. Andando in giro a cercare qualche giocata di grande football, del resto, chi s' imbatte in Francesco Totti qualcosa a casa lo porta sempre. Artistico il suo inizio, fra colpi di tacco, giravolte e veroniche: così spettacolare da mettere in crisi la gente, indecisa tra le meraviglie che il leader giallorosso propone in campo e la vagonata di ragazze da competizione («motori» truccati, e truccati bene) che Canale 5 ha scaricato in tribuna. Il match è obiettivamente equilibrato, il che deve suonare come un grande complimento a Totti; non a caso i meno distratti lo gratificano con salve di applausi a scena aperta come da tempo non se ne sentivano a San Siro. E proprio dal piede sapiente del numero dieci parte, al 5' , un corner che Delvecchio, avvitandosi in volo, indirizza all' incrocio opposto. C' è qualcosa di esplosivo nel tuffo col quale Dida, così lungo che sembra non avere mai fine, riesce a schiaffeggiare il pallone. Ma la sentenza è soltanto rimandata di un attimo: a Montella, che già un minuto prima era stato rimontato da Costacurta un istante prima di concludere in porta la sua fuga (lancio di Totti, toh...), basta una carezza per far decollare il gesto dell' aeroplanino. L' avvio della Roma, col capitano abilissimo a danzare fra le linee richiamando su di sè la totalità dei palloni, pare il preludio alla solita serata d' ansia per Zaccheroni, cui le coppette estive portano sberle (cinque dita in faccia dal Real Madrid) e minacce d' esonero (si dice «la giusta tensione»). E invece il Milan, che quanto ad assenze sta persino peggio della Roma, ritrova in fretta una linea di galleggiamento avvicinando difesa e centrocampo e scatenando in avanti Serginho. Dall' altra parte c' è Helveg, che nasce terzino e lì spesso ritorna componendo il necessario quartetto quando la Roma attacca; dunque il brasiliano, che in avvio era stato fatto a fette da Cafu, può dedicarsi alla spinta lasciando che sia Sala, scalando, a difendere la fascia sinistra. Così disegnato, il Milan trova subito il pareggio: bello il tocco filtrante di Saudati per Bierhoff (in fuorigioco?), che il tedesco tramuta in assist per l' implacabile Shevchenko. Sono passati 8 minuti, e la facilità con la quale le punte arrivano al tiro fa malignare sulla necessaria spettacolarità di un' amichevole organizzata per festeggiare una tv. Dopo l' avvio-champagne, però, che culmina nella splendida traversa di Montella (20' ), la gara torna più simile a un confronto di campionato, un po' meno frizzante ma sempre accattivante, perché di classe in campo ce n' è parecchia. E con qualche spunto tattico interessante, come il buon rendimento del vivace Tommasi in posizione centrale, ruolo vacante nella Roma priva di Emerson e Zanetti, o il duello fra De Ascentis e Giunti (e Brncic nella ripresa) per il posto accanto ad Albertini nel Milan di Champions League. Giusto per rievocare il pepe che ha fatto la storia recente di Milan-Roma, gli altri due gol arrivano su rigore: ci sono entrambi, quello per la Roma condito dall' espulsione di Chamot, e si arriva così al 90' in perfetta parità. Ormai di rigori ne abbiamo fin sopra i capelli, ma il trofeo va comunque assegnato e Zac, dopo «Centenario» e «Berlusconi», vede andarsene pure questo. Difficile che la cosa gli tolga il sonno; per quello c' è la Champions League. Paolo Condò

Ci sono i consigli per gli acquisti e la tv ferma il rigore di Boban Subito Montella, subito l' aeroplanino. E sul piccolo bimotore giallorosso salgono Sensi, Capello e decollano le ansie di Zaccheroni. Cinque minuti. Cinque numero magico e un po' tragico. Cinque come Canale 5 che festeggia i suoi primi vent' anni e cinque con Real 5 che proprio qui ha chiuso il centenario milanista. Celebrazioni, l' occhio delle telecamere, tribuna eccellente ma non troppo. E il Cavaliere? Lo cercano altri occhi, prima e dopo il primo volo di Montella. Lo cercano e lo giustificano quelli che condividono le sue idee e i suoi sondaggi: è rimasto a Roma polemico e con un peso sullo stomaco, i cinque golazi spagnoli. Non c' è il cavalier Berlusconi, non c' è Batistuta ma c' è la Roma, c' è Totti er Pupone, un incanto. Tocca, arieggia, cambia marcia, taccheggia. Che gioia questo ragazzo. Totti riempie i larghi vuoti di San Siro e alimenta le battute su Zaccheroni. Stasera Zac tenta il grande slam alla rovescia. Ha perso il centenario, ha perso il Luigi Berlusconi, ha perso il trofeo Bortolotti di Bergamo e anche qui è sulla buona strada. Zac, oggi perderebbe anche il Piadina Channel di Forlimpopoli e il Meldola Radio Sound International. Tre minuti di analisi, battute, sorrisi di Sensi e smorfie di Galliani. Tre minuti per pensare (e dire) tutto il male possibile di Alberto Zaccheroni e della sua ballerina (sulla carta) formazione. Caro Zac, sentirai il cavaliere. Caro Zac, Canale 5 è solo un ventennale ma più di un centenario. Vedrai, domani, vedrai Zac. Tre minuti di asfissiante attesa, poi arriva sul binario più veloce er Pupone de Kiev. Bello, bellissimo gol in collaborazione con Bierhoff. E' amichevole, è la partita della pace e del disgelo, di Sensi e Galliani mano nella mano, della fine di tutte le baruffe. Ma è anche la partita di Capello coltello sotto il tavolo. Fabio con la sua alta e volitiva mascella, che qui ha vinto e qui vuole vincere anche con la Roma. Er Pupone de Roma viaggia che è una meraviglia. Ma arriva ancora l' altro Pupone, di Ucraina, con un rigore che fa discutere. Galliani è troppo in alto, Sensi troppo in basso. Discuteranno, mano nella mano. Saluta Totti. Bravo Francesco, è stato un piacere. Un rigore e un' espulsione. Il solito Chamot da dietro, il solito aeroplanino. Vogliamo discutere? Sì, forse, volendo il Milan potrebbe aggrapparsi sugli specchi. Volendo. Sensi e Galliani forse parleranno anche di questo. Due a due e sono quattro gol. Celebrativi, molto televisivi. Come al trofeo Berlusconi. E i rigori. Ancora i rigori. Ma il Ventennale del Biscione è una cosa nuova, inedita, non ha precedenti e non dovrebbe portare male. Pronto il palchetto con i fiori, pronti i penalty. Vediamo chi ha voglia di sbagliare? Shevchenko il suo, come contro la Juve, lo ha fatto. Poi ha sbagliato. Come Maldini, come Boban. Paolino però è in tribuna. E Boban, beh Boban è in campo e batte, dovrebbe battere per primo. Zvone va sul dischetto ma un uomo, un televisivo con cuffia, lo ferma lo blocca. Alt, fermo c' è la pubblicità. E Boban si ferma, mani sui fianchi, e guarda l' uomo in cuffia. La pubblicità non finisce mai e Boban perde la pazienza e forse sbaglia anche per questo. Amichevole sì, ma non esageriamo. Rigori fermati in diretta dalla pubblicità. E' questa l' Italia del calcio che ci aspetta? Poi sbagliano altri in ordine sparso, Shevchenko e Montella compresi. E si comincia a malignare: porta sfiga anche questo? Zac comunque, nel dubbio, lo perde. Germano Bovolenta MILAN cosa va Il tridente sa innescare Sheva anche quando il terzo uomo è baby-Saudati. Con Helveg, la difesa è più protetta e Serginho, a sinistra, può spingere liberamente. cosa non va Bierhoff ha ormai un' ottima disposizione a servire Sheva, ma sotto porta non è ancora incisivo. Pericoloso caricare sull' ucraino tutta la responsabilità del gol. il protagonista Sotto porta Shevchenko è la solita tassa. Interessante, invece, la novità-Saudati: entra in entrambe le reti. Il ragazzo è da rivedere come finalizzatore. ROMA cosa va Attacco atomico, anche senza Bati. Nessun club al mondo può permettersi come rincalzo un Montella, forse il miglior attaccante italiano. Lusso eccessivo? cosa non va La difesa va registrata. Capello ripropone uomini della scorsa stagione, ma la regolarità con cui il Milan si presenta in area segnala un ritardo di condizione. il protagonista Dura meno di un' ora il recital di Totti, costretto a uscire dopo uno scontro con Dida; ma ciò che mostra nel suo scorcio è il calcio più bello di quest' estate.

  VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me