Ottavi di finale 
LIVERPOOL -
ROMA 0-1

Liverpool, Anfield Road
22 febbraio 2001 

invia una e-mail per i resoconti
 


Tabellino partita:
LIVERPOOL (4-4-2): Westerveld, Babbel, Henchoz, Hyypia, Carragher, Barmby (36' S.T. Fowler), Hamann, Mcallister, Ziege, Heskey, Owen (22' S.T. Smicer).
  In Panchina: Arphexad, Wright, Navarro, Vignal, Diomede.

Allenatore: Houllier.

 
ROMA (3-4-1-2): Antonioli, Zebina, Samuel, Zago, Rinaldi (13' Guigou), Assuncao, Tommasi, Candela, Nakata, Montella (33' S.T. Balbo), Delvecchio (13' S.T. Batistuta).

In Panchina: Lupatelli, Bogo, Di Francesco, D'agostino.

Allenatore: Capello.

Arbitro: Garcia Aranda (Spa).
RETE: 24'st Guigou.

NOTE: Angoli: 5-4 per la Roma, Recupero: 1' e 4', Espulso: Tommasi al 40' s.t. per doppia ammonizione, Ammoniti: Montella, Assuncao, Guigou e Zebina per gioco falloso, Candela e Samuel per proteste, 14' s.t. Antonioli ha parato un rigore di Owen, Spettatori: 43.688.
 






































La partenza è alle 14.30 da Fiumicino, costo della trasferta Roma/Liverpool (diretto) andata-ritorno-biglietto stadio - trasporto aeroporto/stadio e viceversa: 600.000 grazie all'ottima organizzazione del Campo de' Fiori Roma Fans.
158 persone sull'aereo charter Alitalia, un volo più o meno tranquillo se non fosse stato per l'alcool prelevato a bordo da parte dei passeggeri più giovani che ben presto hanno avuto qualche problema.
Fatto sta che si arriva a Liverpool verso le 18.00, all'aeroporto veniamo accolti da bobbies sorridenti che ci danno il benvenuto e, con cortesia e disponibilità ci indicano i pullmann che ci dovranno portare ad Anfield. Siamo tre pullmann e veniamo quindi scortati fino allo stadio dov'è nato il tifo, ci fanno parcheggiare e con una scorta di 3 o 4 bobbies ci dirigiamo verso il nostro settore mentre in mezzo a noi passano anche tifosi del Liverpool. Da parte dei bobbies nessun atteggiamento aggressivo, disponibilità, cortesia e anche fermezza quando ci vuole. Sarebbe opportuno che coloro che in Italia si occupano di ordine pubblico facessero un bel corso da queste parti per capire cosa significa "accogliere" i tifosi.... Quelli che erano ad Anfield, e che si sono comportati con correttezza estrema, sono gli stessi di Milan/Roma, di Bologna/Roma, di Roma/Liverpool.... Come la mettiamo che con il servizio d'ordine inglese non accade nulla e con quello italiano invece ci sono sempre problemi? La risposta sta nella foto qui sotto, poiché questa è l'accoglienza e l'atteggiamento di diverse "pecore nere" tra i celerini che ci danno il benvenuto in tutta Italia.



Appena entrato vado al bagno (vale la pena raccontarlo) e subito parte una musichetta distensiva nel WC profumato.... esco e finalmente entro nel tempio.
La sensazione è forte, e già merita il viaggio.
Siamo separati dai tifosi inglesi da.... nulla, vi sono alcuni steward che ci dividono dal prato verde e, durante la partita, da 4-5 bobbies che con aria serafica se ne stanno lì davanti a te a controllare che non eccedi. Nessuna provocazione, nessun atteggiamento aggressivo.
I tifosi vengono fatti sistemare dalla quarta fila in su, ed anche questo ha una ragione: durante le fasi concitate del gioco pian piano i tifosi si avvicinano al campo, ed infatti alla fine del primo tempo si era già alla seconda fila, ed alla fine della partita nel piccolissimo parterre.... Ma, al contrario che in Italia, i bobbies non si sono arrabbiati prendendoci a manganellate, perchè avevano previsto anche questo, e cioè il fatto che l'adrenalina porta il tifoso ad avvicinarsi ai propri beniamini. Ed anche durante la partita, se c'è qualcuno che esagera, non parte una carica indiscriminata come invece avviene in ogni stadio dello stivale: arriva il bobbie che fa: "You! I am watching you" (Tu! Ti sto guardando!). E alla prossima che fai sei fuori dallo stadio. Da noi invece... si colpisce a casaccio! Fanno entrare anche le aste delle bandiere, purché sottili, e uno striscione di carta con scritto "se passamo moro".
Mini coreografia nostra con delle bandierine di plastica portata dai romanisti residenti in Gran Bretagna e.... i cori del Liverpool (imponenti) partono dall'altoparlante dello stadio!
Durante la partita il nostro tifo è abbastanza buono, anche se con un po' di alti e bassi in quanto nel nostro settore c'erano anche parecchie famiglie. Comunque i nostri cori, soprattutto durante i non rari momenti di silenzio di Anfield, sono rimbombati nello stadio, facendoci uscire tra gli applausi dei tifosi del Liverpool che stavano accanto a noi. Terrifìcante, da parte della Kop e della Centenary Stand il canto "Lazio-Lazio" al quale si è risposto adeguatamente con "Everton-Everton" e con un significativo: "You're shit, and you know you are" ("siete merda, e sapete di esserlo") che ha fatto girare tutta la Centenary Stand, stupita del fatto che i tifosi della Roma conoscessero pure l'inglese....!
Comunque, la Roma vince ad Anfield e subisce uno dei furti più clamorosi della sua storia ad opera della Juventus d'Inghilterra. Con le note di "Arrivederci Roma", cui si replica con "La società dei magnaccioni", ci fanno restare nel nostro settore per 20 minuti e poi di nuovo all'aeroporto. Alle 6 sono a casa.

Il commento di Carlo Zampa
sul rigore negato

AUTOMATIC TRANSLATION WITH ALTAVISTA
The departure is to the 14.30 from Fiumicino, cost of the Roma/Liverpool transfer (directed) go-return-ticket stage - transport aeroporto/stadio and viceversa: 600.000 thanks to the optimal organization of the Field de' Flowers Rome Fans.
158 persons on the airplane charter Alitalia, a more or less calm flight if she had not been for the alcool captured to edge from part of the young passengers who very soon have had some problem.
Fact is that it is arrived to Liverpool towards the 18.00, to the airport comes received from bobbies sorridenti that the welcome gives to us and, with courtesy and availabilities indicate us the pullmann that they will have to carry to us to Anfield. We are three pullmann and we come therefore escorted until the stage dov' is been born the tifo, they make us to park and with a supply of 3 or 4 bobbies we head towards our field while in means to we they pass also tifosi of the Liverpool. From part of bobbies the no aggressive attitude, availability, courtesy and also firmness when it wants to us. It would be opportune that those people who in Italy take care themselves of public order made a beautiful course from these leave in order to understand what mean " to receive " the tifosi... Those that they were to Anfield, and that have been behaved with extreme correctness, they are the same ones of Milan/Roma, Bologna/Roma, Roma/Liverpool... How we put it that with the service of English order it does not happen null and with that Italian instead there are always problems? The answer is here in the photo under, since this is the acceptance and the attitude of various " black sheep " between the celerini that it gives the welcome to us in all Italy.
As soon as entered I go to the restroom (it is worth the pain to tell it) and endured it leave a nice relaxing music in the perfumed WC... I exit finally and I'm in the temple.
The feeling is strong, and it already deserves the travel.
We are separated from the English fans from... null, there are some stewards who divide to us from the green pitch and, during the game, from 4-5 bobbies that with happy air stand there in front of you to control that you do not exceed. No provocation, no aggressive attitude.
The tifosi come made to arrange from the quarter spin in on, and also this has one reason: during the concitate phases of the game pian slowly the tifosi are approached the field, and in fact to the end of the first time it was already to the second row, and the end of the game in the small parterre... But, to the contrary that in Italy, the bobbies don't get angry hitting us, because they had previewed also this, and that is the fact that the adrenalin door the tifoso to get closer to the own favourites. And also during game, if there is someone that exaggerates, it do not leave loads indiscriminate as instead it happens in every stage of the boot: the bobbie arrives that ago: " You! Am watching you "
And to the next one that you make you're outside from the stage. In Italy instead... it is hit random! They make to enter also the auctions of the flags, provided that thin, and one written banner of paper with "if we pass the turn I die ".
Miniums choreography ours with of the small flags of plastic capacity from the romanisti residents in Great Britain and... the choruses of the Liverpool (imposing) leave from the loudspeaker of the stage!
During the game ours tifo it is enough good, even if with a little ups and downs in how much in our field there were also several families. However our choruses, above all during the not rare moments of Hush of Anfield, are strong in the stage, and let us exit between the applauses of the tifosi of the Liverpool that were beside we. Terrifiyng, from part of the Kop and the Centenary Stand the song " Lazio-Lazio " to which it has been answered adequately with " Everton-Everton " and with a meaningful one: " You' re shit, and you know you to are "  that the Centenary has made to turn all Stand, astonished of the fact that the tifosi of the Rome also knew English....!
However, the Rome wins to Anfield and endures one of the more clamorous thefts of its history to work of the Juventus of England. With notes of " Arrivederci Roma ", which retort with " the society of the magnaccioni ", makes us to remain then in our field for 20 minuteren and again to the airport. To the 6 a.m. I'm at home.

L'arrivo a Liverpool

Il trasferimento allo stadio

Il corteo

L'entrata

Idem

Il cancello "You'll never walk alone"

Il memorial delle vittime di Hillsborough

Striscioni

Striscioni

Il campo

Gli inglesi accanto a noi

Il nostro settore 

Idem

Striscioni

La Centenary Stand

La Kop vuota

Il nostro settore

Riscaldamento pre-partita

Il nostro settore

Coreografia della Kop
(organizzata dalla Società)

La scritta dedicata a Paisley in tribuna, fatta con i cartoncini

Fasi di gioco

Fine partita, torcia nella Kop

Deflusso

Ritorno all'aeroporto
   
23 / 02 / 2001 19:36:55 - Calcio
Liverpool, lo speaker si scusa con i romanisti
Aveva diffuso la canzone "Arrivederci Roma" dopo il fischio finale
Dopo gli sberleffi, le scuse: lo speaker dello stadio di Liverpool, che dopo il fischio finale del match tra i Reds e i giallorossi, aveva mandato in onda "Arrivederci Roma", è tornato sui suoi passi ed ha chiesto scusa ai tifosi italiani.
La scelta del motivo musicale era stata anche criticata da Gerard Houllier, tecnico francese dei Reds.

DAL WEB
Onore ai 1000 gladiatori di liverpool, mi avete fatto sentire orgoglioso di essere romano e romanista. carica curva sud
Rendo onore ai mille legionari valorosi che con orgoglio e fede hanno alzato i i magici vessilli e hanno fatto rimbombare Anfield Road in un boato giallorosso
Complimenti per ieri sera, finalmente una trasferta degna di questo nome di una squadra Italiana! Anche se non capisco molte vostre storie personalmente vi ritengo ancora il miglior gruppo Ultras d'Italia. 
(Mantuan-mantovano)
Onore ai 1000 Legionari di Liverpool...
GRANDISSIMI TIFOSI IERI SERA!!
GRANDE ROMA!!!
Onore ai nostri tifosi sugli spalti dell'Anfield Road.Si sentivano solo loro.Alla faccia del tifo Inglese.
Stasera la roma ha dimostrato per l'ennesima volta(nonostante ancora ci sia qualcuno che non vuole ammetterlo)di essere una grande squadra e di avere un grande tifo.Tutti noi meritiamo di vincere qualcosa di importante, gli sforzi dei giocatori e quelli dei tifosi(grandi i 1000 a liverpoll!!!
ONORE AI 1.000 DI LIVERPOOL CHE SONO STATI MAGNIFICI E DOMENICA PRENDIAMO DA LORO E CANTAMO PER 90 MINUTI 
Ragazzi, tanto di cappello al cuore della Roma di stasera, ma soprattutto ai quei Mille Eroi che ci hanno rappresentato in maniera ineguagliabile:
la Roma dominava come atteggiamento in campo e loro dominavano per buona parte della partita sugli spalti.
Che brividi sentire i nostri cori rimbombare in quel mitico stadio: grazie ragazzi, degno esempio di tifosi innamorati della maglia!!
Onore ai 1000 ultras di stasera!!!! Si sentivano veramente troppo....!
"TESTACCIO" batte ANFIELD!
ORGOGLIOSO di TUTTA la SQUADRA di STASERA!
GRAZIE di CUORE ai "MILLE" dell'ANFIELD!
I have read your report about your visit and it was very interesting.I learned Italian many years ago but unfortunately have forgotten almost everything.
I was with my daughter in the Centenery Stand for the game and I have to say Roma were the better team on the night and somewhat unlucky.Quel dommaggio the referee pointed to the penalty spot..it was not a penaly in reality because the ball accidentally hit the elbow of Babbel.
Your fans were great on the night and I trust you had no problems and enjoyed your visit as much as we enjoyed being your hosts for the evening.
Finally..the playing of 'Arrivederci Roma' was not meant to be offensive to you but was meant as a 'farewell' to the Roma fans and their fine team..but perhaps it was mis-understood.
RESOCONTO DI RICCARDO
Beh, è veramente difficile fare un resoconto di questa trasferta, l’Anfield road è un’ emozione grandissima, e si sa….è difficile descrivere le emozioni…
Comunque, partiamo da Roma a 12,30 con un volo della go-fly e alle 2 (ora inglese) siamo a Londra. Tra un treno e un autobus arriviamo in centro dove incontriamo altri ragazzi venuti da roma per seguire la magica che ci indicano un ostello non lontano per passare la notte. Posiamo i bagagli e…via, in giro per londra, tra un pub e un Mc Donald’s si fanno le 23, andiamo a dormire, domani abbiamo il pullman per Liverpool alle 8 di mattina.
Dopo un viaggio interminabile (5 ore per fare 350 km…mah…) arriviamo a Liverpool, inutile dire che incontriamo molti romani alla stazione, acquisiamo le informazioni necessarie per muoverci nel centro della città e dopo 10 minuti siamo già in giro.
Ci facciamo il giro dei pub, cercando di evitare posti troppo loschi, abbiamo contatti anche con la gente del luogo, ma nessun problema… (per adesso)
Sono le 17, si avvicina l’ora della partita, decidiamo di prendere un taxi per arrivare allo stadio, ci incotriamo con due imbecilli, per non dire coattoni di Roma (e quanno ce vò ce vò) che iniziano a litigare e a strillare, non passano neanche 5 minuti e ci ritroviamo circondati dagli inglesi, eravamo in 5 loro erano tanti (almeno una quindicina), ma appena mi rendo conto della situazione, rimaniamo in 3 (complimenti ai coattoni….chi l’ha visti?), per fortuna ce la caviamo senza farci spaccare la faccia (probabilmente gli inglesi avranno capito che non c’era speranza per noi…).
Verso le 18 ci ritroviamo tutti e 5, i due eroi si rendono conto di aver fatto una cazzata immane e chiedono scusa, vabbè… lasciamo stare, dobbiamo prendere il taxi….andiamo in fermata ma i taxi non arrivano. Siamo stati più di un’ora ad aspettare i tassisti, con gli inglesi che passavano e ci gridavano <<Shit, Shit>> (merde).
Alla fine arriviamo allo stadio alle 19,45 (la partita iniziava alle 8!!!), dopo una litigata col tassista che voleva fermarci sotto la KOP!
Entro all’Anfield……IL DELIRIO! 35000 persone che cantano “you’ll never walk alone”, mentre la Roma si sta scaldando davanti a noi. I nostri sono già tutti sistemati nel settore, così mi faccio un giro per trovare un posto. Scendo giù al parterre di corsa, incurante dei Bobbies, per cercare qualche faccia conosciuta, ma mi ritrovo praticamente davanti a Montella: <<DAJE VINCE’! DAJE!!!!!!>> gli urlo, con tutta l’adrenalina che avevo in corpo, poi mi sento chiamare: <<A Riccà!>>, mi giro: <<Bella Lorè!!!, so entrato proprio adesso, gli inglesi c’hanno caricato, pe fortuna niente de grave…>>. Saluto qualche amico (bella Geppo! Bella Iggi!) e prendo posto insieme ai 1000 Leoni dell’Anfield. Sono le 8 e dalla Kop parte una coreografia (molto in stile italiano), noi rispondiamo con <<Quando l’inno s’alzerà…>> all’entrata in campo delle squadre.
Nei momenti di silenzio dell’Anfield (tra l’altro…parecchi) ci facciamo sentire eccome! La Roma gioca bene, stavolta i giocatori hanno mostrato attaccamento alla maglia, niente da dire….la partita l’avete vista quindi è inutile ripetere quello che è accaduto.
Al fischio finale, gli inglesi della tribuna tevere (per intenderci) ci sfottono con un <<LAZIO-LAZIO-LAZIO….>> mentre lo stadio si svuotava, noi non stiamo a guardare e dal nostro settore parte <<La società dei magnaccioni>>, E’ UN BOATO CHE RIECHEGGIA IN TUTTO L’ANFIELD, tanto che molti inglesi rimangono a guardare increduli, alcuni ci sfottono, ma molti applaudono….come dire, BATTIAMO LE MANI AI VERI ROMANI….
Addirittura c’è lo scambio di sciarpette, <<IO NON LA VOGLIO LA SCIARPA DEL LIVERPOOL!!! SCHIFOSI!!>> E SOPRATTUTTO NON GLI DO’ LA MIA!
ESCO DALLO STADIO FIERO E ORGOGLIOSO DI SENTIRMI ROMANO E ROMANISTA, non abbiamo passato il turno, ma almeno abbiamo vinto all’Anfield Road, ci è voluta un infamata per non farci passare il turno, vabbè, ormai ci siamo abituati….
UN SALUTO AI “1000 DI LIVERPOOL”, SIAMO STATI GRANDISSIMI!!!
ONORE A NOI
BASTA DIVISIONI INTERNE ALLA CURVA, RIPRENDIAMOCI LA STORIA!
ROMA ALE’ ROMA ALE’ ROMA ALE’…………
P.S. Un grande saluto a chi era con me a Liverpool, in particolare a Saverio e Beppe, grazie regà, 3 giorni indimenticabili.

AUTOMATIC TRANSLATION WITH ALTAVISTA
Well, it is truly difficult to make a report of this transfer, Anfield road is one of the greatest emotion, and so it's difficult to describe the emotions. However, we leave from Rome to 12.30 with a flight of the go-fly and to the 2 (English hour) we are to London. Between a train and a bus we arrive in center where we meet other boys come from Rome in order to follow the magical one that indicates us a ostello not far away in order to pass the night. We put down the baggages and go!, touring London, between a pub and Mc Donald's the 23 are made, go to sleep, tomorrow have the coach for Liverpool to the 8 of morning. After an interminable travel (5 hours in order to make 350 km, mah) we arrive to Liverpool, useless to say that we meet much Roman to the station, we acquire the necessary information to move in the center of the city and after 10 minuteren we are already in turn. We go around of the pub, trying to avoid places too much dangerous, have contacts also with people of the place, but no problems (in order now). Now it is 5 p.m., it is near the time of the game, we decide to take a taxi in order to arrive to the stage, we meet with two idiots, in order not to say coattoni of Rome that they begin to litigate and to scream, neanche 5 minuteren and we find again ourselves encircled from English, we were in 5 they were many (at least a fortnight), but as soon as I become account of the situation, we remain in 3 , fortunately we save without making us smashing the face (probably English will have understood that tehre was no hope for us). Towards the 18 we find again all and 5, the two heroes they become immane account to have made a stupid thing and ask excuse, ok,  we leave to be, we must take the taxi. We have been more than one hour  to wait for the taxi drivers, with English who passed and screaied us < <, Shit > >. To the end we arrive to the a stage the 19.45 (the game began to the 8!!!), after litigating with the taxi driver whom it wanted STOP US under the KOP!
I enter in Anfield... DELIRIUM! 35000 persons who sing "you'll never walk alone", while AS Roma is training in front of us. Ours are already all arranged in the field, therefore go around in order to find a place. I come down down to the parterre of race, no caring of the Bobbies, in order to find some known face, but me meeting practically in front of Montella: < < DAJE VINCE! DAJE!!!!!!>> the shout, with all adrenalina that I had in body, then I feel myself to call: < < Cheers Riccà! > >, I turn to me: < < Cheers Lorè!!!, I'm entering just now, English beated us, luckily nothing serious > >. I salute some friend and I take place with to the 1000 Lions  of Anfield. Now it is 8 p.m. and from the Kop it leave a choreography (a lot in Italian style), we answer with < < When the hymn will rise up > > when team go into the pitch. In the moments of Hush of Anfield (many) we make ourselves to listen fron Liverpool fans! The Rome plays well, this time the players has shown attachment to the mesh, nothing to say.
English of the centenary stand cheers us with < < LAZIO-LAZIO-LAZIO. > > while the stage was emptied, we are not to watch and from our field leaves < < the society of the magnaccioni > >, it is A ROAR which echoes all around Anfield, many English remain to watch unbeliefly, many clap us.

RESOCONTO DI
Claudio - Fabio - Paolo - Stefano - Pino
Bella Lorè..
siamo tornati stanotte (ieri ndr) da Liverpool, ho letto il tuo resoconto, e devo dire che la situazione è proprio come l'hai descritta...cioè Bobbies gentili, ma fermi, nessuna possibilità di incidenti, ma senza l'inciviltà della ns. polizia (già dall'aereoporto potevi notare la differenza).....
Bel gruppone di tifosi della magica che hanno fatto, a tratti, da padroni all' Anfield Road, con i tifosi inglesi che stupiti rimanevano incantati ad ascoltarci.
Bella anche la Bandierona Irlandese esposta da un gruppetto di ragazzi sotto il nostro settore...alla faccia loro.
...della partita hai già parlato tu...io ti racconto del resto...noi abbiamo dormito a Liverpool e.....  La ns. trasferta è stata leggermente differente dalla tua, anche perchè noi siamo andati da soli eravamo 5, più qualche aggregato conosciuto in viaggio. La cosa bella di questa trasferta, e che tutti si sono persi, è stato il dopo partita.....
Al termine della partita siamo usciti e ci siamo diretti in direzione centro, a piedi, da soli nelle
viuzze dietro allo stadio, stando sempre in campana, perchè, si si bravi buoni, ma non ci fidavamo tanto de 'sti inglesi.
Invece devo dire che abbiamo conosciuto tutta gente gajarda, ed addirittura si scusavano per il "penalty" (rigore) che non era giusto.
Comunque sempre tutta a piedi, nella notte ci avviamo verso il centro, e regolarmente ci perdiamo per le vie di Liverpool finendo non si sà dove.....
Alla fine prendiamo un Taxi , che non si sà come c'era capitato in quella zona deserta...e ci facciamo portare vicino al centro.
Alla ricerca di qualcosa "da magnà" (era tutto chiuso) entriamo in un Pub...appena dentro mi "appiccico" istantaneamente con un ciccione inglese che non appena ci ha visto ci ha chiamati "merda".....mi ci attacco subito, ma gli amici suoi si scusano subito e ci dividono....comunque..da "magnà" niente tranne patatine, ma "da beve" nun c'èra problema....e allora daje......
Dopo mezz'ora se stufamo de sta li dentro perchè la fame è tanta, e ci avviamo per le stradine di
Liverpool che a quell'ora erano deserte.....fino a che non vediamo della gente e delle luci in
lontananza.....ahò annamo là che me pare che c'è movimento!!!
Beh arriviamo nella via famosa dove ci sono i locali di Liverpool...."the Cavern" etc etc.  che te lo dico a fare.....2.000 persone che bevevano e se divertivanocome matti....."ma tutti con le sciarpe e magliette del Liverpool"....le donne loro..tutte mezze nude...(faceva un freddo da paura)....noi 5 con le sciarpette della Magica entramo dentro a un locale, e chiaramente ce lo dovevamo avè scritto in faccia che eravamo della Roma, perchè al nostro passaggio "si aprivano le folle" e tutti ci guardavano.....eccola là mò ce gonfiano.....e invece noi avanziamo dritti e per niente intimoriti, ed allora i Reds riprendono a bere, ed addirittura a salutarci, come se fossimo stati dei
loro. Cominciamo a fare amicizia, a bere, a parlare e ballare con le loro donne, a divertirci insomma.....e tutti che ci facevano i complimenti,le scuse per quel maledetto rigore "rubato", ed ancora complimenti per la forza della "Magica" che li aveva impressionati.
Insomma abbiamo passato una nottata fantastica, ci siamo divertiti come matti, anche quando verso le 2.30 di notte hanno spento la musica (funziona così a Liverpool)ma loro sono rimasti a finire di bere e cantare (uomini e donne) Liverpool Liverpool Liverpool......" e noi che famo...... IN 5 CONTRO 1.000..... daje regà "ROMA ALE' ROMA ALE' ROMA ALE'" mamma mia che spettacolo....sono rimasti impietriti.......ma solo per 2 minuti perchè dopo hanno ricominciato a cantare più forte di prima...e a noi non ci si sentiva più......MA LA FIGURA NOSTRA
L'ABBIAMO FATTA COMUNQUE. Magica Roma.
L'indomani 4 orette in treno fino a Londra, da lì un giretto al centro, aereo per Roma ed a mezzanotte atterriamo a Roma.....bella trasfertina, ce voleva proprio.


VAI A:             GO TO:
Pagina iniziale
Index
Premessa
Premise
La Storia dell'A.S. Roma
A.S. Roma History
La stagione in corso
The championship
I gruppi ultras
dell'A.S. Roma
A.S. Roma Ultras groups
Le fotografie
Pictures
La cronaca ne parla
Chronicle talks about them
Amici e nemici
Friends & Enemies
Le parole (e la musica)
dei canti
Words & music of the songs
Le partite memorabili
Matches to remember
Racconti ed interviste storiche
Historical tales & interviews
La storia
della Curva Sud
Curva Sud history
Il Derby
Gli scudetti 
del 1942 e del 1983
The Championship's victories in 1942 and 1983
Il manifesto degli ultras
The Ultras' manifesto
Le bandiere della Roma
Most representative 
A.S. Roma players
CHAT
Ultime novità del sito
Updates
Libro degli ospiti
Guestbook
Collegamenti utili
Links
Scrivetemi
E mail me