"Le leggi inutili indeboliscono quelle necessarie"
(Louis C. Montesquieu)


Clicca qui per tornare alla
HOMEPAGE


Il sito viene aggiornato quasi ogni giorno.
Dopo le partite, le foto vengono inserite dopo circa due ore,
salvo imprevisti.
Per leggere gli aggiornamenti quotidiani scendere più in basso nella pagina.



  "Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo."
Goethe


 
Diffideranno
                          anche me?
Coppa Disciplina 2014/15 e precedenti
Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive
Comunicati ufficiali Lega Calcio
Servizio Pubblico, Giugno 2014: "Chi ha ucciso l'Ispettore Raciti?"
Vai al sito di
                    Musicaroma
Se volete avere notizie su locali, 
concerti e musica a Roma

" AL DI FUORI DI ROMA NON C'E' NULLA
DI BELLO NEL MONDO"
Johann Joachim Winckelmann, 1756
(archeologo e filologo, nonché massimo teorico mondiale dell'estetica neoclassica)

"Non per guadagnar ma per amor del gioco"

QUELLI CHE SIAMO
*
LA GIUSTA DISTANZA
*
NON DORMO
*
IO STO CON GLI ULTRAS

 
Diffideranno
                          anche me?
Archivio aggiornamenti / Updates archive
Che tempo farà dove gioca la Roma?
Infobiglietti / Infotickets
La mia musica
Vai al sito di Pogopop:
                    punkrock - indie - crossover- new wave - spacerock
Radio Città Aperta 88.90 FM
tutte le maledette domeniche dalle 19 alle 21
 

 
 
AGGIORNAMENTI PRECEDENTI
 
13576


Non sempre i ribelli possono
cambiare il mondo.
Ma mai il mondo
potrà cambiare
i ribelli"
(Alain de Benoist)
"Una volta nel gregge, 
è inutile che abbai:
scodinzola"

(Anton Cechov)


LA ROMA SI'
LA LAZIO NO


Romanisti 2.0:
non graditi su questo sito


Tessera del tifoso/Art. 9
Considerazioni finali dopo la legge n. 146/2014

Petizione on line sul nuovo logo della Roma
(8481 sostenitori al 30.07.2015)

http://www.change.org/it/petitions/as-roma-no-al-nuovo-logo-roma-va-rispettata-2
*
Petizione contro la divisione delle curva
https://www.change.org/p/no-alla-divisione-della-curva-nord-e-della-curva-sud-dello-stadio-olimpico-di-roma?recruiter=350777464&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_page&utm_term=mob-xs-share_petition-no_msg&rp_sharecordion_checklist=control

In giallo, quello che scrive il webmaster
In giallo oro, le vostre e-mail
In bianco gli articoli di giornale ed altro
E-MAIL ME:
lorenzo@asromaultras.org
Lamentele?
tifosi@asroma.it
*
La tua card non risulta censita?
supporto@assistenzalisticket.it

"La Roma dà, la Roma toglie"

Dear AS Roma fans worldwide, we write you because something terrible is happening to the Curva Sud of AS Roma.  Police is destroying Curva Sud: chants, banners, flags are the past by now. We want to let you know that at the moment, if you should come here one day for a derby or some other match, you won't find anything you expect because the Curva Sud has been conducted to silence. If you want to share the protest, please write in english to tifosi@asroma.it writing "We support Curva Sud, stop repression". Thank you".



Liebe deutsche AS ROMA Fans,
Wir schreiben euch, weil unsere geliebte Curva Sud lebt gerade etwas wirklich sehr schlecht durch.
Die Polizei hat sie zerstört.
Gesänge, Banner und Fahnen gehören derzeit peinlich der Vergangenheit an.
Wir möchten euch informieren, dass falls ihr zum Stadio Olimpico kommen werdet, werdet ihr nicht finden, was ihr erwartet   habt,weil die Curva Sud zum Schweigen gebracht wurde.
Falls ihr uns bei unserem Protest unterstützen möchtet, schreibt bitte auf Englisch an tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Danke.
           

Αγαπητοί οπαδοί  της Roma σε όλο τον κόσμο, σας απευθυνόμαστε γιατι κατι απαίσιο συμβαίνει στους φανατικούς οπαδούς της Roma. H αστυνομία τους καταστρέφει: τα ύμνοι, πανό, σημαίες βρίσκονται στο παρελθόν. Θέλουμε να σας ενημερώσουμε ότι προς το παρόν, αν θελήσετε να έρθετε εδώ για ένα ντέρμπι η γενικά για έναν αγώνα, δεν θα βρείτε τίποτα από όσα περιμένατε διότι οι οπαδοί της ομάδας μας έχουν καταδικαστεί στη σιωπή. Αν θέλετε να ενισχύσετε τη διαμαρτυρία, σας παρακαλούμε γράψτε στα αγγλικά στο tifosi@asroma.it  "Εμείς υποστηρίζουμε τους οπαδούς της Roma, τέρμα στην καταπίεση"

เรียนแฟนๆ โรม่าทั่วโลก
เราเขียนถึงคุณๆ ทุกคน เพื่อให้คุณๆ
ได้รับรู้ถึงการกระทำที่น่าอดสูที่เกิดขึ้นที่ Curva Sud
ที่สนามโอลิมปิกสเตเดี้ยม ณ กรุงโรม
ตำรวจได้ทำลายทุกสิ่งอย่างที่อยู่ใน Curva Sud ทั้ง ป้าย, ธง
และสัญลักษณ์ต่างๆ ตอนนี้ได้เหลือแต่เพียงความทรงจำ
ถ้าวันนึงคุณได้มีโอกาสเดินทางมาดูดาร์บี้แมทที่โรม
คุณจะไม่ได้พบกับบรรยากาศเก่าๆ ที่เราเคยมีอีกต่อไป เพราะ  Curva Sud
วันนี้ได้ถูกทำลายจะเหลือแต่เพียงความเงียบงันไปเสียแล้ว
มาช่วยเราประท้วงการกระทำที่สุดจะทนและยอมรับได้ของตำรวจใน ครั้งนี้
ด้วยการเขียนอีเมลล์ภาษาอังกฤษว่า "We support Curva Sud, stop repression" มาที่ tifosi@asroma.it.
ด้วยความนับถือ
نحن نخاطبكم بخصوص شيء سيئ للغاية يحدث في الكورفا سود في أس روما. الشرطة تدمر الكرفة سود: تمنع الهتافات ، تصادر اللافتات والأعلام . نريد أن نخبركم أن في الوقت الحالي إذا جئتم لحضور مباراة الدربي أو أي مباراه عادية ، لن تجدو ما تتوقعوه لأن الكورفا سود أجبرت على السكوت. إذا كنتم تريدون نشر الإحتجاج فعليكم بإرسال ايميل باللغة الإنجليزية إلى( tifosi@asroma.it ) مكتوب بداخله نحن نساند كورفا سود واوقفو القمع. شكراً جزيلاً

*


Queridos fans de la Roma
escribimos esto para que algo terrible está sucediendo a la Curva Sud de Roma. La policía está destruyendo: cantos, pancartas, banderas.... actualmente todos esto es el pasado.
Vosotros teneis un gran entusiasmo.
Queremos que sepas que en este momento, si quereis venir a un derby o cualquier otro juego, no encontrais nada de lo que vosotros esperais, porque la Curva Sud fue silenciada.
Si deseais compartir la protesta, por favor escribais en Inglés para tifosi@asroma.it "Apoyamos la Curva Sud, detenemos la represión."
Gracias



Queridos torcedores da ASRoma
Estamos escrevendo diretamente para vocês porque algo ruim esta acontecendo na setor da torcida Curva Sud da Roma.
A Policia esta desmanchando-la : Faixas, bandeiras, coros fazem parte do passado. Queremos vocês saibam que,
ao momento, se vocês quisessem vir em Roma para assistir a o Classico, ou outros jogos,, não vão encontrar nada de eclatante e legal
pois a Curva Sud foi obrigada á ficar silente.
Se quiser por favor compartilhem essa protesta, por favor escrevem em Inglês ao endereço tifosi@asroma.it
“Nos suportamos a Curva Sud, chega de repressão !!!”
Obrigado
re alle norske AS Roma-supportere.
Vi skriver til dere fordi noe forferdelig holder på å skje med AS Romas Curva Sud. Politiet holder på å ødelegge Curva Sud: sang, bannere og flagg er for øyeblikket historie.
Dersom dere har tenkt dere på Romakamp, derby eller annen kamp, vil dere for øyeblikket ikke oppleve det dere kanskje forventer, ettersom Curva Sud er tvunget til taushet.
Hvis du ønsker å dele denne protesten, skriv på engelsk til tifosi@asroma.it "We support Curva Sud, stop repression." Takk.

Chers fans français de la AS Roma,
Nous vous écrivons car quelque chose de terrible est en train de se produire dans la Curva Sud de la Rome. La police est en train de la détruire: chants, bannières, drapeaux ne sont désormais que le passé.
Nous vous informons que si un jour il vous arrive de venir à Rome pour un derby ou un autre match, vous n’allez trouver rien de ce que vous vous attendez, parce que la Curva Sud a été réduite au silence.
Si vous voulez partager la protestation, écrivez s’il vous plait en anglais à: tifosi@asroma.it “We support Curva Sud, stop repression”.
Merci.

亲爱 的中国球迷,
我们写这是什么可怕的是发生在罗马的看台南基。
警方正在摧毁它:圣歌,条幅,彩旗,目前过去。
我们知道你的热情。
我们希望你知道,在当时,如果你来这里的德比或任何其他游戏,你不会找到你所期望的东西,因为看台南基闭上了嘴。
如果你想分享的抗议,请用英文写为tifosi@asroma.it~~V“我们支持南基看台,只是压抑。”谢谢。

DRAGI FANI AI ROMEI DIN TOATA LUMEA, VA SCRIEM PENTRU CA CEVA TERIBIL SE INTAMPLA IN CURVA SUD,A ROMEI. POLITIA VREA SA O DISTRUGA. CANTACE, BENARE SI STEAUGURI APARTIN PENTRU MOMENTUL DE FATA TRECUTULUI. VREM SA VA INFORMAM CA-CI IN MOMENTUL DE FATA, DACA VETI VENII PENTRU A VEDEA UN DERBY SAU ORICE ALTA PARTIDA, NU VETI GASI NIMICA DIN CEIA CE VA ASTEPTATI.PENTRU CA CURVA SUD A FOST REDUSA LA LINISTE. DACA VRETI SA NE AJUTATI CU PROTESTELE, VA RUGAM FOARTE FRUMOS SA SCRIETI IN ENGLEZA LA tifosi@asroma.it ACEST MESAJ: NOI SUSTINEM CURVA SUD, GATA CU REPRESIUNEA
Kedves magyar focidrukkerek és Róma szurkolók!
Azért fordulunk hozzátok, mert valami rettenetes dolog történik a
Róma stadion Curva Sud szurkolóival. A rendőrség tönkreteszi a
szektor szurkolóit: éneklés, drapériák, zászlók, transzpatensek
már mind a multé.
Ismerjük a lelkesedéseteket. Szeretnénk tájékoztatni Benneteket, ha
egy meccsre vagy bármilyen más találkozóra jöttök, semmit sem
találtok abból, amire számítatok, mert  a Curva Sud szurkolót
elnémították.
Ha szeretnétek csatlakozni a tiltakozásunkhoz, kérünk Benneteket, hogy
írjátok (angolul) a tifosi@asroma.it címre «We support Curva Sud, stop repression!»

Դիմում ենք Ձեզ, քանի որ սարսափելի բան է տեղի ունենում “Curva Sud”-ի հետ: Ոստիկանությունը փորձում է այն ոչնչացնել: Երգերը, պաստառները ու դրոշներն այս պահին արդեն անցյալում են: Ուզում ենք Ձեզ հայտնել, որ եթե որոշեք այցելել դեռբիին, կամ ցանկացած այլ խաղին, չեք գտնի այն ինչ ակնկալում եք, որովհետև “Curva Sud” - ին ստիպում են լռել: Եթե ցանկանում եք մասնակցել բողոքի ակցիային, խնդրում ենք անգլերեն նամակ գրել “We support Curva Sud, stop repression” հետևյալ հասցեին. tifosi@asroma.it : Շնորհակալություն:
MARKETING O NON MARKETING...
LO STEMMA GRIGIO DELLA MAGLIA GRIGIA
PORTA SFIGA

"NO alla divisione della Curva Sud e della Curva Nord dello Stadio Olimpico di Roma"
(8964 firme alle 15.15 del 28 ottobre 2015)
CLICCA QUI PER LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG
In passato ce la siamo presa con Forza Italia e la LegaNord: oggi i responsabili della repressione in Curva Sud sono loro.




1° novembre 2015: in costruzione la pagina di Inter/Roma.
Shamrock Rover Ultras (Dublino):

E-mail:
"Ciao Lorenzo sono Massimiliano Ziegler, Vice-Presidente, del Roma Club São Paulo. volevo contribuire al Comunicato sulla SUD con la versione PT-BR.

Abbraccio forte e resistete
Max

*******************
Queridos torcedores da ASRoma
Estamos escrevendo diretamente para vocês porque algo ruim esta acontecendo na setor da torcida Curva Sud da Roma.
A Policia esta desmanchando-la : Faixas, bandeiras, coros fazem parte do passado. Queremos vocês saibam que,
ao momento, se vocês quisessem vir em Roma para assistir a o Classico, ou outros jogos,, não vão encontrar nada de eclatante e legal
pois a Curva Sud foi obrigada á ficar silente.
Se quiser por favor compartilhem essa protesta, por favor escrevem em Inglês ao endereço tifosi@asroma.it
“Nos suportamos a Curva Sud, chega de repressão !!!”
Obrigado"
.
*
Una memorabilia inedita: l'abbonamento alla tribuna d'onore di Campo Testaccio inviato in omaggio nell'ottobre 1932 da Sacerdoti all'allora Governatore di Roma, Francesco Boncompagni Ludovisi.



28 ottobre 2015: la pagina di Roma/Udinese stanotte.
Nella foto qui sotto, al centro, Geppo, che si appoggia a un ragazzo che fu protagonista di un grave fatto di cronaca dal quale venne assolto. Questo il ricordo del vecchio lupo giallorosso che me l'ha mandata, una vera e propria testimonianza storica di come andavano le cose quasi 40 anni fa...:
"Nel 1982 un amico che andava in trasferta (sempre a Milano) fu sequestrato insieme ad altri dentro lo scompartimento da xxxxxxx e amici, in quanto 'reo' di essere tifoso occasionale (in realtà era curvarolo ma di buona famiglia della Balduina)...il treno fu poi come da tradizione smontato..la distruzione dei treni mi chiedo ancora oggi come non riuscisse ad essere contrastata (anche io qualche 'ricordo' l'ho portato a casa) per anni la domenica le ferrovie e la polizia si svegliavano come sorpresi da quello che accadeva sui treni dei tifosi della Roma, in pratica non gestivano la cosa, lasciando tutto alla sorte...la cosa incredibile di queste decine di tifosi era che partivano e arrivavano in orari assurdi, a volte sono entrati di notte nella curva per dormire, svegliati al mattino dalla polizia...non avrebbero smesso mai, perchè il piacere provocato da tutta la situazione era un'altra droga ancora...mi ricordo certi viaggi a Torino, tipo al gol di Turone, dove ho dormito per terra nel corridoio sullo sporco, coi piedi di mio fratello in testa, perchè dormire sul porta pacchi, sia del corridoio che dello scompartimento era troppo complicato...era tutta una sporcizia e girava gente assurda con le sciarpe annodate, per tutta la notte, poi all'alba tutti a tirare roba alle case della riviera prima di Genova, alle poche finestre con le luci accese...una lunga giornata doveva ancora venire..."



Una poesia di Roberto F.:

Orgojio romano
 
‘n sogno c’hanno rubato.
Co’ l’aroganza der potere,
c’hannno diviso, c’hanno umiliato.
Se chiudo l’occhi
vedo li compagni mia
che batteno le mani,
strilleno, ce l’ho vicini…
‘na lacrima
scenne piano piano,
er pensiero vola
ar tempo ormai lontano.
Batte forte er core
pe’ ‘n eterno amore…
Me strignevo, m’abbracciavo,
“Forza grande Roma!”
A casa mia cantavo…
Pe’ vive ‘st’emozione,
mo, macino chilometri,
ma nun me stanco,
Roma mia,
sempre ar tuo fianco!
Forza e onore!
Er sacrificio
nun sarà vano,
nisuno me leverà l’orgojio
d‘ esse’ romano!

Una breve rassegna stampa di quanto accaduto nei giorni scorsi (alias: il terrore di un derby senza curve):













25 ottobre 2015: in costruzione la pagina di Fiorentina/Roma.

21 ottobre 2015: in costruzione la pagina di Bayer Leverkusen/Roma.

20 ottobre 2015: eppure mi ricordo, quasi 16 anni fa quando ho iniziato questo sito, che si parlava solo di calcio e tifo...:
"Salve a tutti i tifosi della ASROMA,
ho 48 anni vado in curva da quando ne ho 8. Anche quest'anno (come da molti anni) ho fatto 2 abbonamenti per il campionato e 2 per la champions league (uno per me ed uno per mio figlio) costo 718,00 euro.
Anche io all'inizio mi ostinavo a dire e pensare, mai mi toglieranno la Roma, anche se per entrare mi devo togliere le mutande, ma poi dopo Roma - Sassuolo non ce l'ho fatta più.
Non si può stare lì, non è il mio modo di stare allo stadio quello, tutta quella polizia per le scale, nei bagni, nemmeno se vai a colloquio a Regina Coeli ti perquisiscono in quel modo. Mi sono detto "ma posso io a 48 anni essere trattato come un terrorista per vedere la partita?" Mi sono risposto "No!!" Mio figlio (15 anni) ha capito, chi ancora entra SECONDO ME non ha capito nulla. Proprio perché ho pagato ho diritto a protestare altrimenti che senso avrebbe? Ci hanno fregato questa è la verità, dovrebbero restituire i soldi a chi non vuole più essere complice di questa vergogna, tanto a quanto vedo la campagna abbonamenti è sempre aperta (business) troveranno certamente chi ci rimpiazza, ma solo come numero non certo come personalità!!!
Un saluto a tutti
Giorgio".
Decisioni:
"Arrivo agli ingressi della Nord a partita già iniziata, tanto ormai l'attesa per l'annuncio delle formazioni, i cori, Roma Roma, l'ingresso in campo, non ha più lo stesso sapore. Nessuna bandiera si spiegherà da un momento all'altro per sventolare tutta la partita. Gli uomini in blu anche questa volta ci tengono a perquisirmi meticolosamente, nonostante sia ormai palese che l'infrazione più efferata che si può compiere allo stadio Olimpico è quella di scambiare il bagno delle signore per quello degli uomini. Dopo il tornello lo steward mi blocca il transito con una catenella. Ho ancora in mano l'abbonamento e glielo mostro, vuole controllare che sia associato ad un documento d'identità valido e mi dice di mettermi in fila agli altri ritardatari perché c'è rimasto solo lui a controllare.
Salgo le scale e constato che nessun gruppo è presente, stavolta non c'è nessuno nemmeno alle balaustre affianco la scala del 48. Per la prima volta riesco a percorrere la scala agilmente, anzi no perché i bibbitari mi ostacolano rimanendo fermi in piedi (a proposito, perché loro possono?). Mi siedo, a caso, spero non arrivi una multa a casa. Do uno sguardo agli empolesi per vedere quanti sono, lo striscione DESPERADOS è attaccato alla balaustra (a proposito, perché loro possono?) e poi rivolgo gli occhi nuovamente di fronte a me dove la Sud, con qualche centinaia di persone in più rispetto l'ultima in casa, è nuovamente uno spettacolo angosciante. Stavolta l'atmosfera liturgica non è interrotta nemmeno dai goliardici ALLELUIA ALLELUIA ALLELUIA; i "Forza Roma alé" durano una manciata di secondi. A fine primo tempo scendo all'esterno dove il solito stuolo di pischelli - che ormai ho imparato a riconoscere - si confronta attraverso la grata che divide i settori 48-49 dai 46-47 e credo che questa sia la vera cartolina della situazione che vige ora allo stadio. Nel secondo tempo penso alla mia decisione di continuare ad entrare durante il corso di questa stagione. "Voglio imprimere bene nella mia testa lo schifo di questa situazione" - mi dicevo - "così quando ad aprile mi mandano il messaggino per il rinnovo non ci sarà nostalgia che tenga". Ma sinceramente vedere altre 15 partite in questa maniera mi ripugna, così mentre qualcuno inizia a sfollare già all'80simo per evitare traffico (i lavori sulla tratta del 2 durano da quest'estate e la sostitutiva impiega oltre un'ora!!) prendo anch'io la decisione, forse un po' tardiva, di non entrare a Roma-Udinese. Grazie Gabrielli.
Edoardo"
.
Riservassero la Curva Sud alla Polizia e facciamo prima:
"Dopo due tentativi per far spostare l'appuntamento andati a male, questo pomeriggio sono andato a Via Ruffini.
Niente, ho perso mezza giornata di lavoro ed un esame all'università per sentirmi dire che non posso stare al boccaporto e la prossima volta sanzione amministrativa e poi Daspo.
Questa mattina quando ho chiamato mi hanno detto è meglio che vieni visto che è abbastanza urgente.
Poi una domanda: al regolamento dello stadio è scritto che è vietato sostare nelle corsie gialle, ma il boccaporto non è grigio?"
.
Ecco cosa dice il regolamento:
"2. All’interno dell’impianto sportivo e dell’area riservata esterna È VIETATO:
a. (omissis)
b. sostare in prossimità di passaggi, uscite, ingressi, lungo le vie di accesso, di esodo ed ogni altra via di fuga senza giustificato motivo;
c. arrampicarsi su balaustre, parapetti, divisori ed altre strutture non specificatamente destinate allo stazionamento del pubblico"
.
In effetti non si parla di boccaporti e si dice che non ci si deve arrampicare sui parapetti.: un altro motivo di ricorso!
Proposte:
"Ciao Lorenzo,
sono un abbonato di 27 anni in curva Sud ed appartengo ad un gruppo ultras che non nomino in quanto non necessita di pubblicità. Intanto vorrei ringraziare tutti quelli che stanno aderendo a questa forma di protesta, forte, dura, clamorosa frutto di una misura oramai colma. Prima ci hanno tolto i megafoni, poi gli striscioni, quindi i divieti di trasferta, poi la chiusura della curva, quindi diffide a rafifca. Ora ci vogliono anche perseguire  se ti metti sulla vetrata per far cantare o se non rispetti il tuo posto. A queste condizioni forse è anche facile rinuncaire alla nostra amata Roma perchè preferisco la radiolina agli spalti. Che hanno esagrato forse se ne stanno accorgendo anche questi scienziati della repressione a tutti i costi. Difficilmente però si tornerà indietro altrienti ammetterebbero di aver fatto una gran cazzata e vedrete che presto se ne accorgeranno anche loro che non potranno militarizzare più lo stadio (meno lavoro, meno straodinari, ecc) visto che l'impianto resta semi vuoto. Io a questo punto proverei a seguire questo percorso.
Creare una delegazione di tifosi della Sud, credible, non ricattabile e soprattuto dura e pura che possa avanzare una serie di richieste per ricucire lo strappo:
1) Rivogliamo i megafoni in curva e la libertà di esporre gli striscioni dei gruppi e di carta come è sempre accaduto previa semplice visione agli ingressi delle Fo;
2) Basta a penalizzzioni di gruppo (deve valere la responsabilià soggettiva);
3) Libertà di tifare e basta a chiusure di settori o di trasferte;
4) Pubbliche scuse da parte della società AS Roma per aver insultato e trattato a pesci in faccia quelli che li definisce suoi clienti.
5) Abbattimento delle barriere durante la sosta invernale.
In attesa di ciò al deby mi auguro di vedere le due urve completamente vuote con due striscioni che mi farei anche autorizzare pur di farli entrare sul tipo: "questa è la coreografia che vi meritate".
Poi se vorranno scendere a questi compromessi bene, altrimenti meglio uscire a modo nostro che restare a modo loro.
Avanti Ultras!!!
Avanti Curva Sud!!!
Non mollare!!!!"
.
Altra mail:
"Volevo innanzitutto ringraziarla per tutto ciò che fa per noi tifosi, è un grande punto di riferimento.
"Sono abbonato in curva Sud da ormai 12 anni (conto anche le 2 stagioni in cui non mi sono abbonato per via della tessera del tifoso, ma sono andato comprando il biglietto partita per partita), volevo chiederle se ci sono gli estremi per un rimborso del mio abbonamento. Già si è espresso in passato su questo argomento però, ragionando, mi sono accorto che sui miei abbonamenti (campionato e champions) c'è scritto chiaramente "curva sud centrale", cosa che oramai non esiste più...può essere considerato un appiglio su cui fare leva per un eventuale rimborso?
la ringrazio anticipatamente,
Cordiali saluti.
P.S. se Pallotta entrasse in Sud da solo al derby come ha dichiarato nella chat, non essendo in possesso di abbonamento in quel settore, verrebbe daspato o multato per non aver rispettato il suo posto?"
.
Per Curva Sud centrale, si intende proprio il settore ignobilmente diviso... Secondo poi, se Pallotta entrasse in Sud dovrebbe essere teoricamente multato, perché la Sud è esaurita in abbonamento. Pensare, però, che lo Stato se la prenda con i potenti e non con i deboli è pura utopia.
Passiamo ad altre vergogne:
"Buona sera Lorenzo,
La contattavo per chiederle una cosa.
Sono stato in biglietteria a fare il biglietto per Roma Inter
E non mi è stato emesso perché sul terminale gli compare la scritta che la mia tessera club away non censita dalla polizia di stato.
Ma fino ad ora lo sempre usata..
Ho provato a chiamare la Roma ma non rispondono..
Lei sa magari indirizzarmi in qualche direzione?
Grazie mille"
.
Se non è scaduta, visto che ho avuto altre segnalazioni, rientriamo nel campo delle vergone che ci fanno dire "hanno rotto i coglioni".
Non so dare una risposta.
Non c'è una  ragione valida.
L'unica è andare a Piazza Colonna e chiedere cosa c***** si deve fare,.

19 ottobre 2015: sentimenti del popolo giallorosso ed aggiornamento del clima in Curva Sud:
"Premetto che sono entrato non per andare contro la protesta, anche perché a Sassuolo ero fuori e carpi stavo a casa, ma per il motivo che aver pagato 300 euro per l'abbonamento e starmene a casa mi ci rode, preferisco andare a vedere la partita allo "STADIO"
Hanno rotto il cazzo, sabato nonostante tutto avevo deciso di entrare in curva, ai controlli hanno usato l'arroganza, mi hanno fatto aprire il giacchetto e sotto avevo una maglia nera con scritta antilaziale, quello che mi controllava mi ha guardato e ha fatto ad un suo superiore:"Si può far entrare questo con sta maglia?" Io pensavo scherzasse, quando invece mi ha detto fammi vedere dietro se hai scritto qualcosa, non avendo nulla mi ha detto VAI VA', a mio cugino invece come al solito gli hanno fatto levare le scarpe, controlli a non finire, mentre poi ha nascosto l'accendino in pugno...
Una volta entrati abbiamo detto al momento dei tiri durante il riscaldamento, andiamo giù almeno se è prendiamo un pallone, ci siamo messi appoggiati alla ringhiera sotto, ci si avvicina uno stwart e ci dice che non si poteva stare in piedi altrimenti ci sarebbe arrivata una multa a casa, e inoltre dovevamo stare seduti al nostro posto, io gli ho risposto che qualora mi avessero pulito il posto io mi sarei andato a sedere...
Ma secondo loro io dovrei stare in curva sud seduto al mio posto, separato da mio cugino, con le braccia conserte e stare zitto?!
Hanno rotto il cazzo".
Leggendo qua e là, posso vedere che qualche commentatore non possa accettare che una ottima parte della Sud non entri.
Non capisco cosa gliene freghi: se uno entra, in una situazione del genere, non può che stare zitto... Se non entra è uguale, l'atmosfera non cambia. Il bello è che tutti questi commentatori, spesso radiofonici, non vanno in Curva Sud e quindi parlano non sapendo neanche di cosa stanno parlando. Un po' come se io pretendessi di parlare di quel che accade a casa loro senza esserci mai entrato. Se non mi piace il modo in cui vengo trattato, anche se ho pagato, sono libero di non entrare allo stadio, per far vedere visivamente che qualcosa non va. E anche se non cambierà nulla, non vedo perché dovrei entrare per far piacere al commentatore di turno. Lui entrerebbe alla radio (in cui non paga, ma è anzi pagato) se il direttore appena lo vede gli dice "sei un coglione, sei un deficiente" e minaccia di farlo radiare dall'ordine dei giornliasti se dice una cosa sbagliata al microfono?.

La protesta, comunque sia, desta l'attenzione dei giornali:
Il Giornale:
http://www.ilgiornale.it/news/sport/curve-romane-disertano-derby-calcio-senza-tifo-perde-passion-1184046.html?mobile_detect=false

La Repubblica:
http://www.giallorossi.net/sud-senza-ultra-e-il-coro-beffardo-ai-seggiolini-vuoti/

Il Messaggero:



18 ottobre 2015:
la pagina di Roma/Empoli.
E-mail:
"Sono abbonato in curva sud laterale volevo fargli vedere la situazione sicurezza negli stadio un ora prima della partita con spalti e scale con fiumi di acqua con il rischio di far scivolare qualcuno. Questa è la foto !".

Articolo del Corriere dello Sport "In Italia è vietato essere tifosi":
http://www.corrieredellosport.it/news/calcio/2015/10/17-5029515/in_italia_vietato_essere_tifosi/
Una mail:
"Buongiorno Lorenzo,
L'altra sera sono stato a vedere Italia Norvegia.. Tralasciando la questione presenze ( per la serie se non ci sono teppisti gli stadi si riempiono ) volevo far presente che seppur in possesso di biglietto per il settore curva sud, sono stato dirottato nei distinti lato Tevere perché la curva è rimasta chiusa. Mi domando a questo punto perché si venga multati per un cambio posto, perche'  vengano costruite delle barriere se poi o primi ad non far rispettare le regile sono proprio le istituzioni. Uno stato che si definisce civile e democratico non dovrebbe permettere che i suoi rappresentanti usino le leggi a proprio uso e consumo per le proprie vendette personali ( i trascorsi del prefetto dicono tutto ). È ignobile un comportamento del genere e non deve passare sotto silenzio.
Un caro saluto e forza Curva Sud.
Davide"
.



Dal Marocco

Svezia (Hammarby)

Uno stemma disegnato da Marco


16 ottobre 2015: comunicato "Roma":
"ROMA-Empoli vecchie maniere: radio, birra e bandiere.
Sabato ore 17.00 tutti ai Campi di Calcio Tiburtina Valley Sporting Club in via Vincenzo Bona s.n.c.
Ultras, tifosi, famiglie e bambini col pallone...Avanti Curva Sud tutti presenti!!!".


13 ottobre 2015: Disperato amore:
"Buonasera a te Lorenzo, e a tutti voi tifosi, sono Francesco 29 anni, abbonato in curva sud da 14 anni. Vi faccio una domanda come state? Io male, malissimo ci stanno levando tutto, ci stanno levando i nostri desideri (quanti di voi ancora oggi quando soffiate le candeline, desiderate lo scudetto?), ci stanno levando i nostri sogni (quanti di voi la notte prima dei derby sognate un gol sotto la sud al 94'), ci stanno levando la nostra identità, abbiamo sempre vinto poco sul campo, ma la nostra identità, in giro per l'Italia e per l' Europa, è stata sempre rispettata e temuta, ma soprattutto ci stanno levando la DIGNITÀ e LA LIBERTÀ. Io, e penso anche voi, voglio soltanto andare in curva per cantare a  squarciagola e sostenere la Roma. Il signor Pallotta e completamente insensibile a quello che sta succedendo, e quindi un complice di questo scempio, se non uno dei mandanti, ed un presidente che non rispetta la sua gente, e' uno sciacallo, un avvoltoio, un mercenario che vuole solo guadagnare con la nostra passione, senza tener conto di tutto ciò che siamo e ciò che ci spinge, a levare soldi e tempo ai nostri figli e alle nostre mogli, a fare trasferte di svariati  km per andare a Milano o Torino o Genova,  Bari o Lecce o Firenze, lei lo sa che cosa ci spinge a fare tutto questo signor presidente? L' AMORE per questa maglia. Lei signor. Presidente è mai stato innamorato? Sicuramente no. Io ragazzi non so se questa è la protesta giusta per riprenderci la nostra curva, e la nostra IDENTITÀ, stiamo facendo il loro gioco ci vogliono fuori dallo stadio, ed effetti ci stiamo già fuori dallo stadio quindi riprendiamo ci i nostri posti, ci voglio trasformare in quello che dicono loro....e allora trasformiamoci,  ma non in quello che dicono loro ma in cio' che diciamo NOI, i tempi sono cambiati dobbiamo evolverci, con telecamere controlli e diffide, è tutto più facile per loro e molto più difficile per noi. EVOLUZIONE ROMANISTA ORA.
Quindi rendiamogli la vita difficile, cominciamo a rientrare in sud magari tutti vestiti nello stesso modo, sarà più difficile identificarci, non fanno cantare i gruppi dai muretti? Cominciamo ad alzare i cori tutti noi dai spalti. Ma faccciamo qualcosa io sto impazzendo a casa, e voglio stare vicino alla mia Roma, almeno avremmo combattuto e lottato per il nostro sogno più grande. Daje ragazzi non se arrendemo adesso è pensiamo a che curva lasceremo ai nostri figli"
.

12 ottobre 2015: Alcune e-mail:
"Ciao Lorenzo.Ti scrivo a mo’ di sfogo, come vedo fanno in molti. Quasi non  ci dormo la notte. È evidente che ormai qualsiasi forma di lotta e/o  resistenza non ha più senso. Ci vogliono fuori e fuori ci manderanno.  Mr James, sicuramente dietro c’è lui (o almeno “anche” lui), non ci
vuole nel nuovo stadio. In questo concordo perfettamente col tuo punto  di vista e cioè hanno trovato un punto d'interesse lo yankee e il Prefetto sull’eliminare la tifoseria più accesa (sul come, la Polizia  fa per conto suo). Al posto delle poche centinaia di ultras il
rimpiazzo sarà con dei turisti giapponesi, russi, americani, ignari (come mr. James, del resto), della storia della Curva e delle decine di migliaia di ragazzi che ci sono transitati in circa 40 anni. Le  famiglie che tanto auspicano, almeno quelle italiane, non credo
possano permettersi lo stadio ai prezzi paventati.Il calcio è solo e  soltanto business. O te lo fai andar bene e ti adegui, o ti levi dalle scatole, con le buone o con le cattive. Storia, tradizioni, colori, passione (passione, cazzo, PAS-SIO-NE! Il calcio non è il cinema che
un film mi piace o non mi piace), usi e consuetudini non contano più niente. In questi anni abbiamo assistito ad una tenacia e ad una costanza di esecuzione di un progetto (repressivo) che se l’avessero applicata a qualsiasi progetto di
(realmente) pubblico interesse, ad esempio il completamento della Salerno – Reggio Calabria, ora con la macchina arrivavi dritto filato a Palermo.La cosa che più mi fa rabbia è che non sono mai riuscito a  comprenderne la matrice, quella che ha spinto per una forte
repressione che, in un decennio circa, ha stroncato il mondo Ultras.
Sono cambiati i governi, i Ministri, i Prefetti, i Questori e lacchè vari ma la prosecuzione del progetto è stata un po’ troppo teutonica per non farmi pensare che dietro ci sia una matrice, un mantice che ha  continuato a soffiare sul fuoco della repressione a dispetto degli
attori in scena, che sono cambiati negli anni.Pisanu, Maroni, Amato ecc ecc, sono cambiati e sono passati ad altri incarichi. Non credo stiano più dietro alla repressione del mondo Ultras, probabilmente non gliene frega manco niente adesso. Quindi la domanda è: chi c’è dietro?
Ha senso spendere tanti soldi per cacciare dagli stadi poche centinaia  di persone che, in tutta sincerità e dati alla mano, non creano poi  manco più tutti ‘sti problemi?
"Cui Prodest”? Non riesco proprio a vederci niente di sensato.Mando l’augurio a tutti gli esecutori (stewards, poliziotti e dirigenti) che tanta solerzia sia ripagata dal destino con dei figli che prima o poi inizieranno a leggere tanto e tutto (ne dubito, vista l’ignoranza di
questi appartenenti al SISTEMA) e diventeranno colti e idealisti e leggendo “1984” di Orwell o “Il Mondo Nuovo” di Huxley, schiferanno i propri genitori per esser stati parte in causa della soppressione di libertà e democrazia di questo paese.Ed infine:
possibile che non si possa fare una causa comune e ricorrere ad un Tribunale che fermi questa gente dal sospendere qualsiasi forma di democrazia in paese dai toni sempre più dittatoriali?Le cose che mi  vengono da dire sono tantissime ma chiudo qui per non annoiare
oltremodo chi leggerà questa mail.Grazie e a presto.  Manuel’71"
.
Poi, ancora Massimo:
"Buongiorno Lorenzo
Ti scrivo per cercare di chiarire alcune posizioni che ho espresso in precedenti mail. Nello specifico volevo spendere due parole sulle idee di "chiusura in grande stile " e " soluzioni alternative". Per me sono due concetti tra loro legati. Mi spiego o almeno ci provo. Per tutti quelli sopra gli anta, ma credo anche per molti altri magari più giovani, andare allo stadio è sempre stato sinonimo di tifo nel senso che, intendiamoci,  uno poteva anche andare in tribuna ma sapeva che il tifo c'era. Lo dava per scontato. Era parte di una realtà a suo modo indiscutibile. Se poi uno oltre ad essere un tifoso da stadio era anche un ultras la realtà del tifo diventava addirittura dominante rispetto al resto. Si ama il calcio e si amava  la Roma ovvio. Però il fatto di veicolare questo amore andando allo stadio in un certo modo era per noi la cosa forse più importante. Se ci avessero tolto quello ci avrebbero tolto tutto. Gli anni sono passati e te hai più volte messo in guardia su quello che stava per accadere. Con passaggi graduali. Ma stava per accadere. Tuttavia abbiamo sempre detto, anche in relazione alla.Away, " fino a quando varrà la pena noi andremo ". Ricordate? Bhe oggi quello che tutti sapevamo in cuor nostro sarebbe successo è realmente accaduto. Oggi ci hanno tolto tutto. Oggi non vale la pena. Oggi non mi diverto più e il mio mondo, il nostro, non esiste . Ho scritto che non credo si possa tornare indietro e lo ribadisco. Lo Stato non arretra. Lo sappiamo. Apprezzo quello che ha scritto Alessandro : sarebbe bellissimo andare in trasferta in 5000 ovunque. Ma quanto durerebbe? Chi realmente potrebbe permetterselo? Ma se ti cacciano da casa tua avrebbe poi senso farlo? Io credo di no ma è una mia idea. Non può esistere una curva senza la sua casa. Ecco perché la  chiusura in grande stile, allora, è una idea, una questione di principio,  al di là delle chiare difficoltà logistiche di attuazione. Lo so bene. Eppure la voglia di togliere il disturbo ( perché di questo si tratta) come voglio io resta forte. Da qui il " dopo". È  un discorso molto difficile ma se all' Olimpico non ci posso mettere piede perché mi hanno distrutto il mio mondo io ha comunque bisogno di aggregazione. Io ho bisogno di tifo. Saluto la mia casa con una festa...ma poi ne  cerco un'altra. Una più piccola  certo è meno apariscente. Ma almeno una casa che possa ancor sentire mia. Da qui l'idea un po folle di fondare noi la "nostra Roma" partendo dal basso. Trasformandosi. Ma in fondo rimanendo noi e potendo fare quello che abbiamo sempre fatto.  Come saprai esistono realtà che lo hanno fatto sul serio, in Italia come all'estero. Certo per noi sarebbe molto più difficile. Me ne rendo conto.
Ma la mia è solo una idea che mi frulla in testa. E  che volevo condividere con voi.
Avanti Curva Sud
Avanti Roma"
.
Un Romano all'estero:
"Ciao Lorenzo,
mi chiamo Stefano e non vivo a Roma, veramente ho lasciato l'Italia una decina di anni fa', ma come molti sono cresciuto frequentando la Curva Sud.
E' molto triste quello che sta succedendo, sopratutto  per la situazione nella quale si incontra la nostra amata citta' (corruzione, sporcizia,delinquenza, non funziona niente di niente), e questi signori si accaniscono su una parte del tifo come se fosse uno dei principali mali della nostra societa'.
Io allora chiedo a questi ragazzi di lasciare da parte per un momento lo stadio Olimpico e di organizzarsi , costituendo una associazione o un partito politico, e quando gioca la Roma in casa manifestare in piazza (con i dovuti permessi) il nostro disappunto per la sicurezza, e la settimana successiva per la monnezza per le strade, poi per le buche , per un lavoro , per il diritto ad una casa, per un comune libero di corrotti,ecc. ecc. ecc.
Se non vi vogliono allo stadio , incominciate a fare sentire la vostra voce per le strade di Roma, non per questa Roma Americana, ma per Roma citta'!!!
La mia forse e' pura utopia pero' mi piacerebbe che tutti questi ragazzi non perdessero il senso dell'agregazione, dello stare insieme , del cantare l'amore non solo per una squadra di calcio ma per l'intera citta'!!
Poi magari il tempo che finisce il girone di andata e buttano giu' la vetrata che divide la curva e vi fanno tornare al vostro posto, cosi nun glie' rompete piu' i coglioni pe strada!!
Avanti Curva Sud!!!"
.
Ancora, Giorgio:
"L'entità Curva Sud é troppo vaga per rispondere? Siete voi che dimostrare ancora una volta che merda di dirigenza che siete. Per quanto mi riguarda reputo gravissimo anche il menefreghismo di Totti, De Rossi e Florenzi. ....per me non rappresentate la gente romanista e non meritate più il nostro rispetto!!! Giorgio Montagnola Tribuna Tevere".
I giocatori sono stipendiati dalla Roma e credo gli sia stato imposto il silenzio.



10 ottobre 2015 (sera): Alcuni dicono, da divani e tribune, "eh, ma i tifosi della Roma nun so' più quelli de 'na vorta".
Beh, non abbiamo tempo di curarci di loro perché dobbiamo andare al Commissariato Prati.
Ci devono dire che sul ballatoio (solo noi delle curve eh? Non voi di tribune e divani!) proprio non si può stare e che a Roma/Sassuolo ci hanno addirittura F-O-T-O-G-R-A-F-A-T-O ("sei te questo? Beh qua non ci puoi stare, la prossima volta multa e poi daspo").
Naturalmente il Commissariato "Prati" è solo la "longa manus" del futuro capo della Polizia Gabrielli (sempre se non vorrà fare il Sindaco) e della catena di comando che ha deciso di distruggere le curve.
Evidentemente infastiditi del vuoti in Curva Sud, ritengono che adesso si debba utilizzare la carota, mentre dietro hanno il bastone che fino ad oggi hanno usato mandando direttamente le multe.
Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere.
La Questura di Roma impiega i suoi uomini per convocare decine di tifosi per queste S-T-R-O-N-Z-A-T-E.
Eh, ma "i tifosi della Roma nun so' più quelli de 'na vorta".
Aprite gli occhi per piacere e pijatece le parti.
"Quelli de 'na vorta" lo avrebbero fatto.


10 ottobre 2015: sistemata la stagione 1963/64. Sui biglietti per Leverkusen, mi viene fatto notare che i biglietti per Borisov erano 680 e non 900. Quindi mancherebbero all'appello 220 biglietti.
A proposito di biglietti, Giacomo ne venede uno perché non può più andare. Chi è interessato gli scriva una mail.
Le nuove frontiere dell'assurdo:

Potrebbe essere o un'altra multa oppure un colloquio ramanzina del tipo "non puoi stare sul ballatoio. In Italia si impiegano le forze dell'ordine per fare questi colloqui.
Per chi vuole un aggiornamento sul clima dell'Olimpico, ecco cosa ne pensano i sostenitori del Saint Etienne:
"Gli autobus sono stati setacciati fino a cercare i capelli. In questa prima ricerca, i coltellini per gli snack e anche i cavatappi sono stati semplicemente sequestrati dalle autorità. Inoltre, tutto ciò che sembrava anche solo all'alcol è stato confiscato.
Alle diverse centinaia di sostenitori di Etienne era strettamente proibito di avvicinarsi al centro storico, vicino al Vaticano. Se si voleva visitare la città, si è perso!
I luoghi di incontrosono stati dati ai leader dei gruppi appena 2 ore prima dell'inizio della riunione. L'organizzazione per la ripartizione dei biglietti era un po' incoerente. I biglietti che dovevano essere registrati non lo erano.
La Lazio non ha rispettato le normative UEFA includendo i nomi completi dei destinatari per ciascun biglietto, ma ha chiesto ai gruppi responsabili di farlo!
Il trasporto tra Villa Borghese e lo Stadio Olimpico non era nenache dei più calmi. Stipati come bestiame in oltre 80 perautobus, le autorità italiane hanno lasciato ferme per più di un'ora queste navette quando erano già piene di sostenitori.
Esasperata, la gente ha corso il rischio di uno scontro con le forze di sicurezza.
Infine le perquisizioni prima di entrare allo stadio per vedere le autorità che  confiscano tutti gli accendini trovati. A volte hanno fatto togliere le scarpe, a volte hanno tolto le calze, e alcuni anche giù i pantaloni e le mutande !!
Per finire cambio, alcune auto sono rimaste bloccate fino a dopo mezzanotte prima di poter prendere la lunga strada davanti a loro!"
.
http://www.envertetcontretous.fr/articles/deplacement-tendu-pour-les-bus-stephanois--19058-1.html
La città che vuole organizzare le Olimpiadi vi dà il benvenuto nello stadio di Polizia!
Pensieri:
"Ciao Lore'.
Pensavo che forse sarebbe il caso di iniziare a trovare soluzioni alternative. Va bene la chiusura in grande stile nel senso che,  ammesso e non concesso che si riesca a farla, sarebbe bellissimo. Ok. Ma poi? Quelli per i quali il calcio è niente senza tifo che faranno? Se abbiamo compreso che la Roma attuale, con tutto l' amore del mondo, con tutto il nostro amore, per quello che per noi significa Roma insomma, se abbiamo compreso che tutto ciò si avvia alla fine che facciamo?
Chiudiamo in bellezza e ok. Facciamo vede chi siamo e ok. Accendiamo e cantiamo. Ok.
Ok mille volte. Ma dopo? Tu sei pronto al nulla?  Noi siamo pronti a smettere di amare?
Io forse no. Che cazzo faccio dopo? A chi riverso il mio sentimento il mio amore? Che fine fa la mia città?  E la mia vita?  Sl serio pensiamo che dopo 30 anni basta così?  E che faccio vado a vede li ragazzini la domenica?  O il basket. O il ciclismo. O...bho. insomma abbiamo bisogno di qualcosa perché siamo drogati di amore e appartenenza. Di identificazione. Ma una squadra del cazzo in terza o seconda categoria non c'è?  Una squadra di quartiere.  Una qualsiasi di Roma nostra. Una che ci metta d'accordo. A Lore iniziamo ad andare li. Nei campetti. Nelle periferie. Vediamo. Parliamone. Pensa che ne so 500 persone che fanno il tifo in terza categoria. È poi magari mille. Pensa gli altri come ci rimarrebbero e pensa le loro facce del tipo " questi non mollano mai".
...oppure fondiaria noi sta squadra. My Roma? Ok .
Mettiamo 100 sacchi a testa. Cazzo saremo almeno mille....
Sai che squadra Lore. Annamo dritti dritti in Eccellenza
Daje.
Tutto si trasforma Lore.
Daje Roma.
Daje curva sud...ovunque tu sarai"
.
Pensieri # 2:
"Ciao Lorenzo, ti scrivo questa mail, che apparentemente sembrerà fortemente pessimista e priva di speranza, ma che esprime purtroppo uno stato d'animo attualmente condiviso (credo) da molti tifosi della Roma, e dai suoi ultras in particolare. Volevo soffermarmi soprattutto sulla cosiddetta "uscita di scena" e sulla "chiusura in grande stile" di cui si è parlato in qualche precedente email. Premesso che, per quanto triste sia il concetto, l'idea di chiudere in grande stile e di morire come ce pare a noi e come abbiamo sempre fatto mi trova teoricamente d'accordo, purtroppo ritengo che questi personaggi ignobili e sordidi che fanno il bello e il cattivo tempo con il calcio, l'economia e la politica nel nostro paese e nella nostra città ci abbiano tolto anche questa possibilità.
Nel senso che, per fare il tifo come abbiamo fatto noi per 30 anni nella maniera che ci ha reso famosi nel mondo, innanzitutto abbiamo usato tutta una serie di cose (dai tamburi ai megafoni ai bomboni ai fumogeni agli striscioni e alle coreografie) che ora difficilmente potremmo mai far entrare dentro l'Olimpico (oltre all'impossibilità, per tante persone vessate ingiustamente, di venire allo stadio per le assurde persecuzioni legali e per i provvedimenti che subiscono). Oltre alle difficoltà pratiche legate al non utilizzo di queste cose e alla separazione fisica del settore con la barriera, credo che anche fare una domenica di tifo memorabile, ammesso che sia ancora possibile (e ne dubito), durante un Roma-Palermo, un Roma-Frosinone, etc... potrebbe rivelarsi in un certo senso un'arma a doppio taglio, come se poi qualcuno potesse dire "ma come, avete tanto rotto il cazzo che con i divieti imposti da noi non potevate fare nulla e mo siete venuti allo stadio in 10.000 come una volta e avete fatto crolla' l'Olimpico dal 1° minuto al 90°?" Allora se volete riuscite ancora a tifare..."
Tanto per dirti che secondo me, stavolta, ci hanno costretto davvero in una situazione senza apparente via d'uscita, perché:
1) se ti riunisci ai baretti e all'obelisco per seguire la partita da fuori e contestare ti denunciano per manifestazione non organizzata
2) se entri e stai in silenzio e guardi la partita, come del resto accade nell'80% degli stadi inglesi o spagnoli, loro sono assolutamente soddisfatti e sereni dei loro meccanismi pervertiti di filtraggio e prefiltraggio, e la Sud diventa un settore assolutamente identico agli altri settori dello stadio
3) se non vai allo stadio e rimani a casa, gli risolvi proprio il problema dell'ordine pubblico, oltre al fatto che purtroppo non riusciremo mai a convincere TUTTI gli abbonati di Sud a non entrare. Se anche uno pensasse di colpire la società nell'unica cosa che le interessa davvero, cioè i soldi, non rinnovando nessun abbonamento di Sud, non penso che cambierebbe nulla, perché come dimostra l'ostilità che tutti gli altri tifosi della Roma hanno manifestato verso gli ultras della Sud, troveresti moltissime persone disposte a farsi l'abbonamento al nostro posto, potendo finalmente accedere a un settore che per anni gli è stato precluso. Diventerebbe una curva come la Nord, e molti abbonati, soprattutto con i prezzi assurdi che pare vogliano applicare nel nuovo stadio, potrebbero anche spostarsi in Sud da distinti e tribune per spendere di meno, una volta "bonificata" la curva (nella loro assurda mente da occasionali) dai mostri a tre teste che la colonizzavano.
La difficoltà di  trovare una soluzione efficace e di coordinare le nostre azioni sta inevitabilmente portando a differenti modi di protesta (a volte siamo entrati rimanendo in silenzio, a volte siamo rimasti fuori), ma, almeno per ora, senza ottenere grandi risultati (e lo dico senza alcuna critica verso chi ha organizzato queste proteste, ma anzi con grande rispetto e stima).
L'unica soluzione che penso ci sia rimasta, prima che le stesse misure adottate a Roma diventino realtà anche in altre città italiane, sono le trasferte. Forse, più che pensare a "morire" in grande stile, dovremmo provare a mantenere vivi la nostra mentalità e il nostro romanismo andando ogni volta in trasferta col numero più alto possibile di persone. Vorrei ne portassimo 5000 a Firenze, 5000 a Milano, 5000 a Leverkusen, 5000 a Barcellona, almeno 5000 in ogni città d'Italia e d'Europa dove andremo fino al termine della stagione a far vedere che gli ultras della Roma sono vivi, e non hanno alcuna intenzione di farsi da parte. Forse, allora, vedendo ancora le nostre bandiere sventolare nei settori, capiremo davvero che la Sud non è morta, e soprattutto che non morirà mai.
Grazie per il tuo lavoro, e sono contento che il sito sia tornato a essere luogo di scambio di opinioni e di confronto, anche se mi dispiace sia dovuto accadere quello che purtroppo stiamo vivendo in queste settimane per scuotere un po' le nostre coscienze.
Finché vedrai sventolar questa bandiera, siamo gli Ultras della Roma e per sempre canterem...
Alessandro"
.
Pensieri # 3:
Ma e' possibile esser fuori al derby piu bello del mondo oltre alle altre partite dopo aver speso 269 euro x il rinnovo?? Condivido la scelta della Curva anzi sono con loro perche' questo scempio non e' quello che abbiamo comprato e voglio tornare a tifare libero come primo e la decisione di lasciare le curve vuote e' l unica soluzione pero noi costretti ad abbonarci a marzo la prendiamo nel culo e spero che davvero si risolva questa cosa e che Lei solo avvocato puo' aiutarci. Grazie ancora".
 E' vero che chi si è abbonato subisce un danno non per colpa propria, ma è anche vero che se compro un pezzo di cioccolato, scopro che non è cioccolato ma anzi qualcosa di sgradevolissimo e il supermercato non me lo rimborsa perché è una questione di gusto non sono certo obbligato a mangiarlo. Se devo andare al derby per vedere la Curva Nord vuota perché i laziali non entrano, subendo perquisizioni come il peggiore dei criminali, diviso dagli amici per via della vetrata, con la polizia dentro il settore che prende in giro o minaccia beh...  sento assai meno la mancanza dello stadio. Me la posso vedere in TV, è uguale e non ho i risvolti negativi dello stadio. Anzi, se me la vedo con un laziale lo posso pure insultare.
Pensieri # 4:
"Innanzitutto grazie per l'aiuto e la vicinanza che ci dai. Ti giro quello che sto inviando alla Roma; non avrò risposta da loro, lo so. Ma è uno sfogo d'orgoglio.
Buona serata,
Massimo, un tifoso come tanti

"Difficile spiegare a chi fa del business e del mercimonio la propria esistenza in vita, il significato profondo  dell’appartenenza viscerale e dell’amore. Semmai impossibile.
Non credo capireste. O forse più realisticamente non sareste neanche interessati ad ascoltare.
Tanti ragazzi e tante lettere accorate vi hanno raccontato soprusi e privazioni, abusi e sogni infranti.  Hanno tentato di spiegare quel che ci state togliendo con la forza, calpestando diritti e sogni, sorrisi ed emozioni.
Per me, e quelli come me, la Roma non è la società. Non è chi ne detiene le quote, non un consiglio di amministrazione. Non sono i giocatori. Sarà retorica, ma la Roma siamo noi.
La Roma è un ideale profondo, è appartenenza, è un percorso che condividi con amici ed in cui sogni di accompagnare tuo figlio. La Roma è la Romanità, storia e valori di quest’Urbe Immortale. Roma è i suoi colori e la sua gente compatta, Roma è sorriso guascone ed abbracci stretti, Roma è sguardi complici e strette di mano.
La Roma sono quei ragazzi in fila un’intera notte per un biglietto, con appelli a testimoniare fedeltà, con l’orgoglio che cresce in petto quando il tuo nome è tra i primi dell’elenco. Come avessi dimostrato alla tua donna o madre che la ami. Come avessi rispettato un patto con il destino.
La Roma sono quei ragazzi che vedi viaggiare di notte su e giù per l’Italia, a loro spese, disposti a sacrificare famiglia ed amici per un percorso d’appartenenza e brividi che non sai spiegare. Stelle che segnano  tragitti interminabili, sole che risplende sui loro denti, vento che ne accompagna il cammino. Occhi sognanti, ritorni carichi di gioie, soddisfazioni, rabbia, orgoglio.
La Roma sventola negli stendardi all’Olimpico che raffigurano storia e tradizione di un popolo, simboli e volti che ricordano la via da seguire;  la Roma è nelle esultanze scomposte di tanti ragazzi che descrivono vissuti ed esperienze opposte, ma uniti dal sentire.
La Roma è il coro fiero che s’alza sull’1-7, quando il resto dello Stadio già se ne va e l’abbonato della Pay Tv cambia canale. Quando tutto, tutto è perduto. Ma raddoppi gli sforzi e canti più forte. Per spocchia, per orgoglio, per amore. Quel che sia. Quel che non sarete mai. Quel che non proverete mai.
Ora tutto questo è il male. Ci avete messo alla porta, senza alcun complimento di facciata. Alla porta come i nemici della Roma. Alla porta perché preferite marionette agli uomini, perché preferiamo la dignità al Sissignore, perché nel mondo che immaginate e per cui lavorate non c’è spazio per l’amore.  L’amore spaventa, l’amore sa unire. 
Voi non siete la Roma, la possedete. Forse. Ma non siete la Roma. La Roma siamo noi, dentro o fuori da quel settore.
… Non si dispiaccia la gente perbene, se non mi adatto a portar le catene".
 Pensieri # 5:
"Vorrei sapere cosa abbiamo fatto di male noi della curva per ricevere questo accanimento , vorrei sapere perche ' siamo l'unica tifoseria al mondo che non può sostenere la propria squadra , vorrei sapere perche ' la stampa non ne parla le radio nemmeno , vorrei sapere perche ' sputano sui nostri sacrifici fatti per abbonarci , vorrei sapere perche ' allo stadio olimpico non si sa mai a che ora aprono i cancelli fregandosene delle file e dei bambini sotto la pioggia o sotto 40 gradi , vorrei sapere perche ' tutto questo verso una curva che nel suo interno si e ' sempre comportata bene , vorrei sapere perche ' fare tutto questo solo per provocare le persone che gia vivono brutti periodi per lavoro e quant' altro ...vorrei sapere perche ' non gli va bene nemmeno se facciamo proteste civili , vorrei sapere perche ' questi trattamenti non facciano il giro del mondo .... Vorrei dire che a me va bene tutto ok i controlli , ok dare daspo se una persona va allo stadio con coltelli e materiale pericoloso ...ok controllare e fare in modo che non succedano disordini ... Ma reprimere no, vietare a chi ha acquistato un' abbonamento di seguire la propria passione , di sventolare una bandiera di essere insieme uniti per quelle poche ore , vietare tutto e regalare daspo per ogni minimo motivo senza logica ... Vorrei sapere dove e' la Roma in tutto questo vorrei sapere se qualcuno ci difende o se rimarrà' tutto cosi e tutto tace... Io con il Sassuolo sono restato a casa ... Lo faro' anche con il carpi ... Non  e' giusto quello che ci stanno facendo ... Leggere denunce e daspo solo per aver protestato in maniera civile mi crea un vuoto immenso .... Qualcuno deve aiutarci ... Non solo lei avvocato .... Ho una tristezza immensa dentro ... Mi stanno togliendo un pezzo di cuore domenica dopo domenica ... Io quando entro li ripenso a me da piccolo con mio padre i miei nonni .... Canto l'inno chiudo gli occhi penso a loro e mi sembra di averli vicino .... Loro ci tolgono anche questo .... La gente paga sulle proprie spalle ..e tutto tace ... Perche ' proprio a noi ....grazie ..... Alessio"
.
 Perché proprio a noi? Beh, il meccanismo è semplice. Il Presidente Pallotta, sul finire della stagione scorsa, fa una intervista in cui dice che vuole cambiare la cultura del tifoso della Roma (ne sentivamo tutti la mancanza):
http://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Roma/15-04-2015/live-roma-pallotta-tifosi-voglio-cambiare-cultura-ci-vuole-tolleranza-zero-110465059597.shtml
Vogliamo essere così ingenui da pensare che non si sia incontrato con Roberto Massucci (ex numero 2 - ma in realtà n. 1 - dell'Osservatorio), con il Prefetto Gabrielli e con il Questore? A quelli non sarà parso vero! E poiché - come in tutti gli stati di polizia, il rimedio è quello di buttare via il bambino con l'acqua sporca lo hanno semplicemente fatto. Forse andando anche oltre le intenzioni dello yankee che, comunque, ha trovato ottimo sceriffi per il suo Far West.
Il pensiero di Travaglio (lo si ami o lo si odi) credo inquadri perfettamente la situazione.
Pensieri # 6:
"SENZA FISSA DIMORA
Si, purtroppo oramai siamo diventati così..., tifosi senza fissa dimora, perché il sistema e la società hanno deciso così, ci hanno sfrattati dalla CVRVA SVD, la nostra casa abituale impedendoci di esprimere le nostre idee, dimostrare la nostra passione, far sentire la nostra voce a sostegno della nostra squadra del cuore, come del resto accade liberamente in tutto il mondo, consentendoci, prendendoci in giro, di farlo senza colore, simboli, voce, passione, il tutto in sfumature bianco e nero.
Quindi andiamo via e girovaghiamo per l'Italia e l'europa riempiendo in migliaia con la nostra presenza altre case, perché solo così siamo liberi e possiamo esprimerci, solo così possiamo far vedere di esserci ancora, di essere vivi e presenti al seguito della squadra. Lo abbiamo sempre fatto "Maciniamo Km, Superiamo Gli Ostacoli...", e a maggior ragione lo facciamo oggi visto che ancora la libertà da qualche altra parte esiste ancora.
Come recita un noto coro della CVRVA SVD "La Nostra Fede non Muore Mai", e questa è sempre stata, e sempre sarà, una certezza.
Finché anche uno solo di noi ci sarà, "EGLI SARA' NOI IN UNO" e la nostra Fede mai morirà !
AVANTI CVRVA SVD !
Firmato: UNO"
.

Un bell'articolo di Simone Meloni su Bate Borisov/Roma:
Chi siamo noi e chi sono loro. Vedere per credere (e giudicare): Bate Borisov-Roma, Champions League
Prologo: passato e presente

Doveva essere la stagione 96/97, quella di Carlos Bianchi sulla panchina della Roma. Sì, era in settembre. Dopo il Mondiale del 1994 avevo ben capito, nella mia pur fluttuante testolina da bambino, che il calcio non era solo uno sport. O almeno non lo era qui in Italia, figuriamoci a Roma. In quella serata di settembre la Roma era di scena a Mosca, contro la Dinamo, per i trentaduesimi di Coppa Uefa (alzi la mano chi ricorda il retro degli album panini in cui erano elencati tutti, e ripeto tutti, i risultati delle competizioni europee fino a dicembre).

Che l’annata fosse tra le peggiori della recente storia giallorossa, ancora non lo sapeva nessuno. E poi quella volta Fonseca, Tommasi e Berretta annullarono con facilità l’iniziale vantaggio moscovita. Io ero seduto davanti alla televisione, sul mio letto. Quasi come ora, mentre scrivo. Mio padre non c’era, si giocava nel tardo pomeriggio, come spesso accade in Russia, e per la prima volta mi trovavo da solo di fronte a quella che poi, in un futuro neanche tanto lontano, sarebbe diventata una passione immensa, nel bene o nel male. Ricordo ancora che pioveva allo “Stadio Dinamo” e i giocatori avevano i guanti. Cosa davvero incomprensibile per la mia ingenuità, impossibilitata a realizzare che non tutto il globo terracqueo fosse ancora in piena estate a settembre inoltrato.

Perché ho voluto riprendere questo ricordo? Innanzitutto perché credo che sia sempre bello rivangare nel passato e ricordarci da dove veniamo, e poi perché mi viene il sorriso sulle labbra nel pensare che da quella serata sono passati vent’anni (mi fa davvero strano scriverlo), e il tempo si è portato via tanta di quella magia con cui vivevo ed ho vissuto questo sport, e non solo la squadra del cuore. Tuttavia un pizzico d’orgoglio nel sapere che a così tanto tempo di distanza, praticamente nello stesso periodo, non solo potrò essere in quelle zone al seguito della Roma, ma anche nel ruolo di cronista, ce l’ho.

Pronti, partenza…via!

Il traffico scorre veloce sull’autostrada per l’aeroporto di Fiumicino. Il mio fedele zaino dell’Invicta mi comprime le ginocchia, come ai tempi delle superiori. In fondo lo spirito che mi fa muovere da un paese all’altro, attraversando città, culture e lingue differenti, è rimasto quello dell’adolescente. E non me ne vergogno a dirlo. Senza di lui sarebbe un’esistenza più piatta di quello che già non è. Seguire il calcio deve essere un sogno, aperto a tutti. Come lo è stato, in ultima battuta, per noi nati sul finire degli anni ottanta.

Andare a Borisov è un qualcosa che mi riempie di curiosità. Agli occhi di noi occidentali, la Bielorussia è vista un po’ come il Vaso di Pandora del continente. Quel paese che non è riuscito a scrollarsi di dosso la tirannia del suo dittatore Lukashenko e dove ogni libertà personale e collettiva è negata dal regime oppressivo e dilaniante del suddetto. Sarà, ma per avere un’opinione in merito credo sia importante tastare con mano la realtà. Perché conoscendo “i miei polli”, so quanto a queste latitudini esistano limitazioni in fatto di libertà basilari e manipolazioni della stampa a seconda delle esigenze.

In aeroporto mi aspetta Mauro, con cui condividerò l’ennesimo viaggio Oltralpe. L’itinerario è semplice: Wizzair fino a Vilnius e treno per Minsk la mattina successiva. Nel mezzo un ostellaccio dove riposare qualche ora. Le due ore e mezza che ci separano dalla capitale lituana passano tutto sommato lisce. Al nostro arrivo non ci aspetta certo un freddo polare, ma una decina di gradi in meno di Roma richiedono comunque un giacchetto e qualche accorgimento.

Nel piazzale antistante l’aeroporto troviamo una soave coppia locale, che ci invita a prendere il taxi per dividere la spesa. Considerato l’orario (mezzanotte) e la mancanza di mezzi pubblici, accettiamo di buon grado, cavandocela con due Euro a testa fino al centro città. In ostello il primo siparietto di questo viaggio: abbiamo prenotato per una sola persona, con l’intento di posare i bagagli e farci la nottata “on the road”. Una volta saggiato il tepore della struttura ci viene però il dubbio che forse qualche ora di sonno si renda necessaria. Peccato che i letti siano terminati. Insomma, tra una cosa e un’altra, alla fine il timido receptionist ci concede il divano della hall, in maniera di dormire entrambi. L’italian style…non fallisce mai!

La mia sveglia suona imperterrita alle 6. Il treno per Minsk lascerà Vilnius alle 8, ma trattandosi di un viaggio “particolare”, è consigliato presentarsi in stazione con un po’ di anticipo. Non senza qualche difficoltà, siamo riusciti a comprare i biglietti online, sull’ottimo sito delle ferrovie Bielorusse, sponsorizzato dalla foto di una ferroviera in stile “hard”, manco fosse la pubblicità di un night club.

Camminiamo abbastanza velocemente attraverso una Vilnius che si è svegliata freneticamente. Sarebbe stato bello visitarla, ma il tempo è tiranno. Come colui che governa la Bielorussia (ma sarà vero?). Ci stiamo per conficcare in un mondo nuovo e pieno di punti interrogativi. Per farvi un’idea pensate solamente che cercando notizie per il web su Minsk e il Paese in generale, dopo Wikipedia, il portale più accreditato è nientepopodimeno che l’esimio www.gnoccatravels.com. C’è chi consiglia di non parlare mai in italiano, chi di non fare foto ai palazzi istituzionali e chi dipinge i bielorussi come burberi senza educazione. Peccato che questi impeccabili consiglieri omettano di raccontare espressamente le loro grandi performance da “latin lover” a pagamento. Motivo per il quale verrebbero visti male ovunque, con tutta probabilità.

Mentre pensiamo a tutto questo, riflettendo se sia davvero il caso di entrare in questo inferno dantesco dalla temperatura rigida, mostriamo i nostri passaporti al gendarme lituano della dogana. Ci controlla i biglietti dei treni e poi ci lascia andare sulla banchina. Un fastidioso vento saluta il nostro addio alla civile e tollerante Unione Europea (sic!), due ferroviere ci parlano in russo, indicandoci posti e carrozza dove salire. Due cose vanno chiarite: sul sito delle Belarus Railways raccontano un sacco di balle, ‘ste due erano tanto gentili quanto stagionate. Poi, non è che abbiamo capito cosa abbiano detto in russo, ma siamo stati bravi ad interpretarne i gesti. Tipo pagina 777 del Televideo insomma.

Orbene, ecco il convoglio sferragliare libero nelle campagne baltiche, per avvicinarsi con passo serrato al confine. La curiosità è che le strade ferrate della Bielorussia sono dotate di uno scartamento differente rispetto al resto d’Europa, vale a dire quello russo. Fatta eccezione per il collegamento con Vilnius. Così facendo non c’è bisogno di cambiare i carrelli e l’unica perdita di tempo è quella del controllo passaporti/visti che avviene subito dopo il confine, quando nella stazione di Hudahaj salgono in maniera silente e ordinata gli uomini della Milizia.

Porgo loro il prezioso visto, ottenuto con vari improperi e tanta, ma tanta, pazienza. Visto cui va aggiunto quello necessario per esercitare la professione giornalistica sul territorio nazionale. Per ottenerlo è necessario inviare un modulo al Ministero degli Affari Esteri bielorusso ed aspettare che la loro decisione venga comunicata al consolato di Roma. Cervellotica e sicuramente selettiva la cosa, però c’è da dire che le risposte sono quasi sempre celeri ed in un inglese perfetto. Gioie e dolori della burocrazia. Suoni inquitanti della censura, probabilmente. Ma ogni contrada, ahinoi, ha i suoi modi per porre le museruole su chi vuol fare informazione.

Dunque, tra una sbirciatina al passaporto e un controllata alla fauna del treno, composta più che altro da pendolari, eccoci finalmente sbarcare a Minsk. Ci accoglie un cielo plumbeo, che man mano si farà più sereno mentre noi siamo severamente impegnati a decifrare strade e indicazioni in cirillico per raggiungere l’ostello. Ci riusciremo solo a tempo debito, alzando i pugni al cielo per un’impresa titanica che segna nettamente il nostro essere, fondamentalmente, dei rincoglioniti cronici visto che la cosa si ripete ciclicamente ogni qual volta ci avviciniamo agli Urali.

Essendo la Bielorussia un’ora avanti rispetto all’Italia, la partita si giocherà alle 21,45. Sede naturale dell’incontro la nuova Borisov Arena. Quasi tutti gli italiani hanno scelto di raggiungerla con transit organizzati dagli alberghi o da tour operator, noi preferiamo il più sfizioso treno, in maniera da passare un’altra ora in balia degli abitanti del posto. Che poi, a dirla tutta, il rapporto con gli autoctoni si rivelerà tutt’altro che conflittuale, smentendo una delle tante nefandezze lette su internet. In fondo l’essere umano è diverso ma uguale. E con le buone maniere e il rispetto della cultura e delle tradizioni altrui, difficilmente si ottiene scortesia o indifferenza.

Rispetto all’Ucraina, dove anche chiedere un’informazione era un’impresa titanica, con signore che fuggivano al solo intendere una parlata terron/inglese, manco fossimo il KGB (a proposito, la Bielorussia resta l’ultimo paese post sovietico ad aver mantenuto questo nome per i servizi segreti), qua tutti sembrano alquanto disponibili e disposti ad aiutare. Inoltre al termine dei quattro giorni di soggiorno, potrò tranquillamente dire che sì, magari il governo di Lukashenko sarà autoritario, ma in fondo la vita non mi è sembrata tanto diversa da quella di noi “privilegiati” europei. Ho visto tanta gente in giro, abbastanza aperta mentalmente e vogliosa di confrontarsi. Ovvio, per un bielorusso lasciare il proprio paese è un qualcosa di difficile, vuoi per il poco valore della propria moneta, vuoi perché ottenere un visto non sia la cosa più semplice di questo mondo.

Ma nel nostro tanto amato Ovest, dietro lo sfrenato consumismo e la vacua certezza di essere i più liberi, belli e saggi, spesso si celano magagne ben peggiori. Facendo un esempio calcistico: io, Simone Meloni, residente a Roma, non posso seguire un Napoli-Roma o un Napoli-Lazio se non con uno strumento di schedatura in tasca (e comunque ormai non basta neanche quello). Se io fossi nato a Minsk, potrei tranquillamente seguire la Dinamo a Borisov piuttosto che a Gomel senza alcuna tessera. Questione di punti di vista.

Ci pavoneggiamo di esportare democrazia infangando posti come la Bielorussia per la scarsa libertà. Ma non è l’Italia quel paese che non primeggia per libertà di stampa e dove se scrivi un articolo scomodo o punti il dito contro la stanza dei bottoni, rischi minacce e rappresaglie? Inoltre, e qui mi vien da ridere, si dice: “Eh ma in Bielorussia non ci sono vere elezioni dal 1994”. Scusate, miei prodi, mi dite chi di voi ha votato gli ultimi Primi Ministri in Italia? Suvvia, diciamo che è un po’ tutto relativo e le cose andrebbero analizzate distaccandosi dalla propria realtà che induce, per forza di cose, a considerare migliore tutto ciò che la compone e la protegge (vedasi esportatori di democrazia con il simbolo del Dollaro) e peggiore o inumano ciò che non gli è congeniale.

Con questo non voglio certo dire di esser arrivato nel posto dove le libertà personali siano ligiamente rispettate, anzi nel racconto di Dinamo Minsk-Rapid Vienna avrò modo di approfondire proprio questo aspetto, ma desidererei indurre al ragionamento attraverso la conoscenza di una cultura e di una storia profondamente diversa dalla nostra, sia come italiani che come europei.

Direzione Barysau

Terminato il primo giretto della capitale bielorussa, tutto sommato accettabile, intorno alle 18 ci dirigiamo finalmente alla stazione armati di zainetti e Rubli. E su questi ultimi ci sarebbe da fare una riflessione. Praticamente non esistono monete di ferro, ma soltanto contanti. Indice di quanto la valuta sia inflazionata. Ci ritroveremo spesso ad avere in mano mazzette di carta straccia equivalenti a poco più di un Euro.

Marciamo verso la banchina dove il nostro treno internazionale Varsavia-San Pietroburgo ci attende. Ironizziamo su chi questo viaggio lo compie per intero ed una volta saliti a bordo capiamo che ci si è organizzati di conseguenza. Torniamo indietro con la mente alle nostre scorribande ucraine, ed a quando viaggiammo da una parte all’altra dell’immenso paese a bordo di simili convogli. Tutti i vagoni sono dotati di letti, coperte, cuscini e tavolini. Come tipico dell’Est, un po’ tutti armeggiano con cibo e vettovaglie sistemate un po’ ovunque. Sembra di essere in un bazar, e la cosa, manco a dirlo, ci piace.

Approfittiamo dell’oretta di viaggio per schiacciare un pisolino, senza prima aver buttato l’occhio su alcune ragazze tanto carine quanto vestite da soubrette Fininvest di fine anni ’80. “Cin-cin cin-cin, diventeremo amici”, ridacchiamo ipotizzando si tratti di un “Colpo grosso”.

Intorno alle 19,30 ecco palesarsi la stazione di Barysau. La sua struttura verdognola ci dà il benvenuto, come gli uomini della Milizia appostati sui binari. Ci guardano senza proferire verbo, mentre noi usciamo nel piazzale per cercare un autobus che ci porti allo stadio. Di girare il piccolo centro posto a 70km da Minsk non abbiamo molta voglia, fondamentalmente non c’è nulla, a parte una chiesa ortodossa che esce ad ogni ricerca su Google. Ed in effetti, al primo sguardo, si capisce che grigiore e mestizia fanno da padrone. Del resto basti pensare che la maggiore attrazione locale viene identificata nella Borisov Arena.

Chiediamo informazioni a un autista, ma con il suo sigarone in bocca mostra di mal sopportarci. Allora entriamo in un tabaccaio e una signora sulla sessantina, ovviamente non parlando una parola di inglese, capisce i nostri primordiali gesti da uomini della pietra, indicandoci la fermata dove passa il bus 10. “Spassiba”, gli diciamo ed in men che non si dica ci posizioniamo in attesa del piccolo Van che con 5.000 Rubli (40 centesimi) ci porta a destinazione in un quarto d’ora.

Scendiamo sotto lo sguardo vigile di una coppia con le sciarpe del Bate. Costoro si disperdono poi nel boschetto di fronte lo stadio, perché e per quale motivo non è dato sapersi. Noi, ovviamente, prendiamo la direzione opposta e dopo pochi metri si apre ai nostri occhi la Borisov Arena. Sicuramente caratteristica vista da fuori, molto piccola (13.000 posti) e costruita a mo’ di astronave.Dallo scorso anno è la casa del Bate, dopo che per mezzo secolo il  club ha disputato le sue gare interne allo stadio Haradzki, dotato di 5.400 posti ma ugualmente omologato per le competizioni europee. Il Bate non è certamente una società che può vantare un passato glorioso nel calcio sovietico. Va detto che il club gialloblu è nato nel 1973 ma è stato rifondato nel 1996, tuttavia da quando esiste la Vysejsaja Liha (il massimo campionato bielorusso), ha saputo conquistare ben 11 volte il titolo nazionale, intaccando di fatto lo strapotere della Dinamo Minsk (quest’ultima era stata in grado di aggiudicarsi persino un campionato dell’Unione Sovietica, che allora comprendeva squadre potenti e titolate come quelle di Mosca o la Dinamo Kiev).

Certo, è inutile nascondere che un impianto del genere ha parzialmente cancellato il fascino degli stadi dell’Est. Quel tipico grigiore sulle gradinate aride, con tifosi imbacuccati che ruotano attorno ad impianti generalmente poco sviluppati e da un fascino retrò a dir poco unico. La Borisov Arena assolve a tutte le richieste della Uefa, oltre a quelle dettate dalla logica del profitto (a proposito, per dice che la Bielorussia è l’ultimo paese comunista in Europa, dal nostro arrivo abbiamo visto Mc Donald’s, insegne della Coca Cola e negozi dai brand internazionali a go-go. Quindi per un momento lasciate perdere ciò che vedete in apparenza, e ragionate sulla sostanza), con palestre, ristoranti e fan shop situati proprio al di sotto delle gradinate.

La gara contro la Roma è ovviamente sentita da queste parti. Il Bate ha avuto il merito di portare il calcio bielorusso per la prima volta in Champions League. Era la stagione 2008/2009, ed in quell’occasione i gialloblu riuscirono persino a strappare un punto alla Juventus, pareggiando per 2-2 dopo esser stati in vantaggio per 2-0. Pertanto, i biglietti sono andati quasi tutti esauriti, mentre nel settore ospiti alloggeranno poco più di 100 supporters italiani, nonostante i 680 biglietti venduti (in tanti, visto il basso costo del tagliando, hanno deciso furbamente di acquistarlo per avere la prelazione nelle gare successive).

Un’ora prima del fischio d’inizio decido di entrare in tribuna stampa. Dopo aver subito la classica perquisizione della polizia locale salgo le scalette che mi portano sulle gradinate. I seggiolini dell’impianto sono multicolor, un po’ come è stato deciso di fare a Udine, ed è possibile girare attorno al perimetro dello stadio liberamente, come avviene in Germania. Mi colpisce invece il divieto di fumo sugli spalti. Per strada e nei locali di tutto il Paese un po’ tutti hanno la sigaretta in bocca, ed il bielorusso medio sembra proprio non poterne fare a meno. Invece qui dentro, a riprova di come un tutti ormai si pieghino alle richieste europeiste e spesso idiote della Uefa, fumare è proibito. Bah!

Sistemo il mio computer sulla postazione ed osservo i seggiolini riempirsi minuto dopo minuto. Alla fine ci sarà quasi il tutto esaurito. La curva del Bate è alla mia sinistra e nella sua parte centrale si annidano gli ultras di casa. Tutti indossano una maglia gialla e questo dà comunque un tocco di colore al settore; da segnalare anche la presenza dei gemellati polacchi del Piast Gliwice. Dirimpetto loro, nel settore ospiti, sono presenti tutte le attuali insegne del tifo romanista e i primi cori, manco a dirlo, sono diretti allo sceriffo Gabrielli, per poi virare all’incitamento della loro squadra impegnata nel riscaldamento.

Una specifica va fatta: la tenuta di gioco con cui la Roma scenderà in campo rientra di diritto nelle prime dieci oscenità viste da me sui campi di gioco. Maglia, pantaloncini e calzettoni totalmente bianchi con effigi e strisce nere griffate Nike. L’annullamento di qualsiasi tradizione esistente dal 1927 ad oggi.

La gara sta per iniziare e la classica musichetta della Champions risuona dagli altoparlanti dello stadio. Gli ultras di casa si raggruppano e seppur in numero minuto riusciranno a fare un discreto tifo per tutti i 90′, aiutati anche da una buona partecipazione dello stadio. Ora, noi possiamo dire quel che vogliamo. Sicuramente in Bielorussia il movimento ultras è un qualcosa di recente e non ramificato come lo era da noi. Intanto c’è da prendere atto di una cosa: nel Paese dipinto come privo di qualsiasi diritto, i tifosi possono introdurre striscioni, tamburi e megafoni senza alcun problema. Poi non mi aspettavo che anche il pubblico normale spesso partecipasse ai cori della curva, seppur in maniera primordiale, ma comunque rumorosa.

I padroni di casa mostrano due coreografie durante la gara e tre belle esultanze ad ogni gol. Per me sono promossi a pieni voti, da noi sarebbero perfetti per una Lega Pro o una Serie D. Su fronte ospiti la prestazione è a luci alterne. Primi venti minuti abbastanza buoni, con belle manate e cori tenuti abbastanza a lungo. Dopodiché, con il tracollo dei giallorossi che subiscono tre reti in trenta minuti, il settore ospiti si ammutolisce riprendendosi di tanto in tanto per invitare la squadra a tirar fuori gli attributi.

Inutile dire che il pubblico di casa è a dir poco galvanizzato sul 3-0. Un momento storico per il calcio bielorusso che non viene scalfito neanche dalle due reti giallorosse nella ripresa e dalla traversa di Florenzi che per poco non pareggia i conti allo scadere. Vince il Bate, meritatamente, e per i supporters gialloblu è festa grande che fa da contraltare all’umiliazione di quelli italiani, ancora increduli di aver perso nettamente contro una compagine che occupa attualmente il sessantaduesimo posto nel Ranking Uefa.

Freddo e stanchezza, così finisce il mio esordio bielorusso

Osservo gli ultimi ringraziamenti della curva di casa ai propri idoli e poi mi avvio anche io verso l’uscita. Il freddo ora è calato sovente su Borisov: il termometro segna infatti 5 gradi, resi ancor più pungenti da un breve sgrullone che ha preceduto l’incontro. La mia prima tappa alla Borisov Arena sta per terminare, vi farò ritorno due giorni dopo per Dinamo Minsk-Rapid Vienna. La stanchezza ed il sonno cominciano a prendere possesso di me, e non mi rimane che recuperare Mauro per poi avviarci silenziosamente verso il ritorno a Minsk.

Il primo giorno di Bielorussia in fondo è stato intenso, e ci ha fornito delle indicazioni basilari: non siamo sbarcati in un universo intriso di cattiveria e malvagità d’animo, possiamo sopravvivere altri tre giorni. Abbiamo avuto l’onore di assistere a un momento storico per il calcio nazionale; almeno la figura del romano egoista e presuntuoso per stasera è andata a farsi benedire grazie a dell’ottima beneficenza.

Ah, infine. Vi starete chiedendo come sia finita la cavalcata della Roma nella Coppa Uefa 96/97. Ovviamente al turno successivo, vale a dire i sedicesimi. Malamente estromessa dal Karlsrhue, vittorioso per 3-0 in terra tedesca ed inutilmente battuto per 2-1 all’Olimpico. Ci ripenso mentre il pullman arranca nel traffico dell’unica strada che unisce Borisov alla capitale, una sorta di Pontina adibita ad autostrada. Ma invece di arrivare a Latina verremo scaricati a venti minuti dal nostro ostello, che raggiungeremo con una simpatica camminata. In fondo anche questa è andata, e l’ho potuta raccontare!

Simone Meloni


 Giovanni Cervone, ex portiere della Roma al "Tribunale delle Romane" di Reteoro:
“Sta accadendo qualcosa di grave, i motivi dello sciopero del tifo sono sicuramente grandi, perché il romanista, nella sua storia, ha sempre superato ogni ostacolo per rimanere accanto alla propria squadra. Nei confronti dei tifosi, ormai, si stanno prendendo dei provvedimenti troppo pesanti ed in questa maniera si arriva così ad un disamoramento: senza tifosi il calcio non ha senso di esistere! E’ giusto punire chi sbaglia, ma è completamente ingiusto prendersela con gente che vuole solamente sostenere la propria squadra!”

9 ottobre 2015: il comunicato uscito on line:
bene

8 ottobre 2015: rileggendo bene il comunicato della Roma, devo dire di avere errato io: i biglietti rimasti per la vendita libera sono 450. Certo, c'è chi dice che i biglietti "staccati" per Borisov erano (al di là di chi c'è andato veramente) 680 ma, oltre a ciò
rimane un problema ed il punto è quindi diverso: credo sia necessario che queste informazioni la Roma le dia PRIMA e non DOPO. Nel momento in cui si ricevono i biglietti si deve dire in anticipo la quota destinata ad agenzie e AIRC/UTR.
Dopo di che si deve far sapere quanti hanno esercitato la prelazione per poi dire, alla fine e prima dell'inizio della vendita libera, quanti biglietti rimangono a disposizione. In questo modo credo si possa fare una corretta comunicazione ed evitare lamentele.
Detto questo, anche la Curva Nord inizia ad avere a che fare con la "sosta" sui ballatoi. Abbiam ben visto che in Tribuna Tevere, ma anche in Monte Mario, ognuno fa come gli pare (e bene fa, viste le condizioni dell'Olimpico) senza subire alcuna multa.
Pare che alcuni ragazi siano stati convocati dal Commissariato "Prati" per avere quello che in Inghilterra si chiama "warning", vale a dire un avvertimento. A Roma impieghiamo la forza pubblica per avvertire un tifoso che non può stare sul ballatoio, senza che dia fastidio ad alcuno. Mi giungono anche news da Firenze in ordine ad analoghe multe per cambio posto. Evidentemente dalla Capitale si punta ad "educare" il resto d'Italia.
Una e-mail:
"Ciao lorenzo sono guido ! leggo quotidianamente il tuo sito , rigorosamente in cima alla lista dei preferiti dal 1999 .. quando scrivevi in comic sands e si parlava solo di partite e ancora non di repressione ! passo subito al nocciolo della questione : tutte le mail che ti arrivano ultimamente mi trovano d’ accordo, ma c’e’ stata una stamattina che mi ha preso il cuore .. e’ quella di roberto sulla “ chiusura in grande stile “ . ebbene si’ nel leggerla ho provato un misto di incazzatura, tristezza ma .. alla fine un “ SI, C***O FACCIAMOLA ‘STA COSA “ ! intendiamoci : e’ giusto sperare fino all’ ultimo che qualcosa cambi, ma a “ naso “ direi che e’ molto improbabile .. ed allora, se proprio cosi’ deve essere, prepariamola bene, ovviamente dovra’ essere un roma – carpi, roma – empoli, insomma una partita senza assolutamente “ occasionali “ . non gli daremo mai la soddisfazione di dire che e’ un “ il canto del cigno “  ma noi grideremo a testa alta cio’ che siamo stati e che non ci siamo mai piegati ai loro sporchi giochi. Lorenzo non fare il modesto, il tuo sito ( che considero uno degli ultimi avamposti di liberta’ di internet ) potrebbe essere un’ ottima cassa di risonanza per questo avvenimento .. pensiamoci ..
Curva sud con cucs – fegati spappolati – fedayn – boys ..
Grazie di tutto by
Guido 75"
.
Altra e-mail:
"Ho letto ora il tuo post su Fb...giusto per dare maggiore forza a quello che dici ti racconto quanto mi è accaduto. Visto che ero interessato ai biglietti per leverkusen sapendo che i gruppi avrebbero organizzato la fila, sabato mattina, per avere un quadro un po' più limpido, sono andato al Roma Store per chiedere se indicativamente mi avessero potuto dire quanti biglietti erano andati via in prelazione. "Non te lo possiamo dire, non lo sappiamo" la loro risposta. Mi è stato detto che i dati li avrebbero resi noti solo dopo la fine della prima fase, cosa che mi sembra anche non vera visto che martedì mattina non è uscito nessun comunicato".
Altra mail:
"scrivo per farle notare (forse è stato già fatto) che tutti possono comprare il biglietto da ultraviaggi, anche chi non ha mai visto una partita della Roma allo stadio,anche non essendo in possesso dell abbonamento di champions e campionato.Questa è l'ennesima dimostrazione che alla società non importa nulla di chi gli regala i soldi ogni anno e di chi fa enormi sacrifici per poter fare l abbonamento e poi vedersi togliere i biglietti da dei bagarini di merda. La ringrazio per tutto quello che fa! Buona serata".


7 ottobre 2015 (pomeriggio): anzitutto queste informazioni si dovrebbero conoscere prima e non dopo... questo dice la Roma sui biglietti per Leverkusen:
“Per Leverkusen avevamo a disposizione 1750 biglietti. La procedura è stata la solita: abbiamo iniziato con la prima fase di prelazione per chi aveva il biglietto per Borisov o i due abbonamenti. Già in questa fase sono andati venduti 900 biglietti. Abbiamo dato una parte di biglietti (150) a Ultraviaggi, l’agenzia che organizza le trasferte, e una parte ad AIRC e UTR (250). Ieri mattina, nell’arco di un’ora, sono andati in vendita i biglietti rimasti. Abbiamo cercato di soddisfare tutti ma purtroppo la disponibilità era limitata. Contro il Barcellona ci sarà una disponibilità superiore (più di 4000 biglietti) per una richiesta sicuramente superiore.
Ci dispiace che qualcuno abbia fatto la notte per i biglietti o abbia già comprato i biglietti aerei, ma noi consigliamo sempre di comprare prima di tutto il biglietto per la partita. Inoltre sconsigliamo di comprare biglietti su circuiti non ufficiali. Cercheremo in futuro di trovare altre strade ma al momento non ne vediamo di migliori. Probabilmente questo è il sistema che dà meno problemi e che premia la fedeltà”.
Comunque sia, in base a queste informazioni, e se la matematica non è un opinione:
1750 -
900 -
150 -
250 =
___________
450
Dove stanno questi altri 450 biglietti?

E-mail:
"Ciao Lorenzo,

ho letto negli aggiornamenti del sito che ci sono persone con aereo e albergo già prenotati che sono rimasti senza biglietto per la partita del 20/10.
Anche io stavo nella stessa situazione ma ho recuperato comprandoli sul sito del Bayer prendendo la tribuna (settore F9) che si trova affianco ai settori riservati agli ospiti (SG1/SG2/SG3, G4 e G5) al costo di 52 euro.
Quindi chi ha già speso soldi per viaggio e albergo potrebbe fare la stessa cosa magari prendendo il settore F9 per formare un gruppo di romanisti anche in un settore differente da quello degli ospiti (Noi  siamo 6)
Ti allego la piantina della BayerArena.
Un abbraccio e come sempre grazie di tutto".



Niccolò:
"ciao lorenzo,sono un abbonato in curva sud dal 1994/1995, tranne il primo anno di tessera del tifoso che ci siamo comprati il biglietto partita per partita.
piango ma piango di rabbia,il mio è urlo di rabbia e dolore.
E' un urlo verso chi fa finta d'esse sordo, ao che cazzo state a fa'??? la roma è la sud e la sud è la roma.
urlo ao ma che davero se vendemo l'anima nostra in nome de du spicci de n'americano che di roma e della roma non sa un cazzo??? aridatece la roma dei piacentini dei bonacina dei comi......
uno che non difende la sua gente, anzi si arroga il diritto di volerla educare...... no grazie le maestre stanno a scuola, uno che fa finta che il problema non esista e vieta ai suoi calciatori di affrontare pubblicamente il problema, uno che ci truffa......rinnovi a maggio poi ad agosto è come se vai non all'olimpico ma a kabul.
uno che arriva e come prima cosa cambia un simbolo intriso de storia e tradizione, la nostra, con un simbolo che è uguale alle magliette taroccate che per anni vendevano fuori dai cancelli dello stadio.
dice pure che ha fatto riunire un team di pubblicitari per rinnovare il nostro simbolo, mi viene da dire potevi trovarli piu bravi.......
Sveja per dio, se nun ce stamo noi è vostro dovere reclamacce, vero tribuna tevere i distinti manco li prendo in considerazione, ma nun ve lo chiedemo noi ve lo chiede la roma.
le leggi o le imposizioni o la repressione o la mancanza totale di democrazia si possono provare a combattere ma solo con il volere di tutti.
noi non entriamo, voi che fate???
AVANTI CURVA SUD, io il mio sogno fin da bambino non l''abbandono, ma sono nato con te e sono pronto a famme da parte con te.
niccolò uno dei tanti fucking idiots".




7 ottobre 2015:
sono rimasto un po' indietro con i messaggi e le e-mail:
"Ciao, sono un ex abbonato di curva sud, passato alla nord per motivi di sovraffollamento (sono stato "lontano" per un po' e non ho + trovato posto, sigh!)
Ovviamente sono totalmente d'accordo con Voi, come lo sono sempre stato, e non mi arrogo il diritto di esprimere giudizi o considerazioni sulla modalità della protesta, SACROSANTA!!!
Esprimo però un mio stato d'animo: mi fa male pensare che il messaggio che "passa" è: "la Curva Sud protesta perchè  hanno messo una vetrata", "la Curva Sud protesta perchè l'hanno divisa";
Secondo me, e sottolineo come sia un parere personale, dovremmo battere sulle DISCRIMINAZIONI che sta subendo la Curva Sud:
perchè le stesse misure non sono state apportate in altri stadi? Perchè le stesse procedure non vengono imposte non solo in altri stadi, ma addirittura in altri settori dello stesso stadio durante la stessa partita.
Io, come detto, vado in curva nord e nessuno mi ha mai chiesto di togliermi le scarpe....
Avanti Curva Sud
Daje Roma"
Io credo che misure come quelle attuate in Curva Sud, messe in opera per distruggere la stessa Curva Sud, siano incivili e che il modo corretto di protestare non sia quello di lamentarsi in ordine al fatto che altrove non siano state poste in opera, perché se si è vittima di una ingiustizia non si è più sollevati se anche altrove si perpetra la stessa ingiustizia. Certo, a volte "mal comune mezzo gaudio", ma è una vittoria di Pirro perché comunque ci sarebbe un arretramento generale che porterebbe - ovunque - alla morte del tifo. E' evidente che, sotto questo profilo, ci sia una discriminazione, ed il modo corretto per evidenziarlo è quello per cui si deve eliminare il problema senza guardare agli altri. La realtà è che si fa a Roma , perché Roma è il trampolino di lancio per carriere folgoranti e per consentire a diversi frustrati di sfogare sul popolo i propri insuccessi.
Poi: "Ciao Lorenzo , sono Alessio (alessio74) ti ho scritto qualche giorno fa. Come stai? Ti volevo ringraziare personalmente per aver pubblicato il mio sfogo e spero che non prosegua questa assurda e inspiegabile forma di repressione , sperando che non sia un biglietto da visita di un imminente nuova forma di regime e se fosse così darebbe ragione  alle teorie  complottistiche  che annunciavano scenari inquietanti riguardo all'avvenuta del  NWO ETC ETC , spero vivamente di no anche se in certi sensi già ci siamo dentro. comunque.... Io continuo la mia vita da genitore e da lavoratore e per quanto riguarda  la mia vita da tifoso , passo le giornate slogheggiando sia nel lavoro e/o a casa . rischio daspi o diffide ? ;) a parte gli scherzi ho trovato questo articolo http://news.superscommesse.it/calcio/2015/09/la-roma-vuole-la-pace-tra-curva-sud-e-istituzioni-96957/
Spero che sia veritiero l'articolo chiedo a te se hai notizie, datosi che il mutismo è totale da parte della nostra dirigenza, presidenza e giocatori .Non parla nessuno di tutto ciò ..come se fossero costretti al silenzio compreso il "mio capitano" . tu che impressioni hai di tutto questo? Grazie per l'attenzione che ci dai e grazie per tutto quello che fai"
. Probabilmente la Roma soffre la situazione ma - dovendo costruire un nnuovo stadio - non ha la libertà per battere, come dovrebbe, i pugni sul tavolo. Checché se ne dica, in Italia la Polizia ha un potere enorme, soprattutto nel mondo del calcio. Fino a che non lo distruggerà.
Roberto:
"Io caro Lorenzo penso che una chiusura andrebbe fatta in grande stile.
Non prendiamo in giro nessuno perché il tempo non torna indietro. Questo penso lo sappiamo tutti. Il momento è quello che sappiamo. Tutti hanno scritto e tutti hanno detto quello che pensano. Certo che non eravamo pronti. Certo che aspettavamo altri momenti. Certo.
Eppure il tempo arriva. Ti ricordi quando dicevamo, di fronte allo stendardo " No al Calcio Moderno", il calcio è' finito? Il calcio è' finito ecco. Se uno mi chiedesse se ancora, ad oggi, "credi che qualcosa cambierà'?"
Beh...io direi no. Allora dico che forse sarebbe meglio mandarli tutti affanculo. Tutti. Il calcio. La lega. La Roma. Pensa te Lore' la Roma. Il nostro amore che oggi mandiamo affanculo. Perché forse non ci merita. Non siamo più adatti. Va bene. Però credo che una uscita in grande stile andrebbe fatta.
Una partita secondaria. Che nessuno si aspetta dopo mesi di oblio. Tipo Roma Palermo. O Roma Che cazzo ne so.
Allora dico ognuno al suo muretto. Attacchiamo sotto Commando Ultra. E poi La vecchia Guardia. Fedayn al suo posto. I Boys. Ultra Roma giù anche se non è in trasferta. E tutti gli altri che mi sono scordato. Si fa il tifo come sappiamo. Come abbiamo fatto per trent'anni. E arrivederci. E vaffanculo a tutti.
Ma almeno decido io come morire. Di questo stiamo parlando.
Se finisco voglio finire come dico io.
Punto.
Daje Roma.
Daje curva sud.
Roberto"
.
Se nulla cambia - ed anche io ho molti dubbi che qualcosa possa camiare - anche io sono per la chiusura in grande stile. Il modo, poi, lo decide chi decide di chiudere.
Livio:
"Ciao Lorenzo,
poco fa ho mandato la seguente mail alla Roma, dopo aver ricevuto una loro comunicazione circa la terza maglia grigia... forse mi toglieranno dalla loro mailing list, ma sopravviverò.
Ciao e grazie.

Roma, 5 ottobre 2015
 Spettabile A.S. Roma,
ho ricevuto la vostra comunicazione inerente un'inutile e merdosa terza maglia della Roma.
Questa maglia (grigia!) fa schifo e mi fa veramente vomitare. Ora vi spiego il perché.
I colori della Roma sono il giallo e rosso.  Si potrebbe discutere sulle tonalità. Anzi no, perché sono i colori della città di Roma, i quali sono stati esattamente definiti. Il rosso della prima maglia può andare bene (ma non il bicolore, che è brutto e non fa parte della tradizione), il giallo no, perché in realtà è una specie di arancione ed è sbagliato.
La seconda maglia va bene, a parte il "giallo" e alcuni dettagli.
Sulla terza maglia (grigia!):
1) la terza maglia NON SERVE. È una pura speculazione mercantile che voi o la Nike (che è la stessa cosa) vi siete inventati per spillare più quattrini ai 'clienti' scemi. Benché disprezzi questo vostra politica, mi può anche lasciare indifferente che cerchiate di speculare con la nostra Roma. Purché non partoriate queste trovate merdose.
2) Il bianco, in nero e il grigio NON C'ENTRANO NULLA CON LA ROMA, I SUOI COLORI, I SUOI SIMBOLI, I SUOI TIFOSI. E NON C'ENTRANO NULLA NEMMENO CON LA CITTÀ E LA STORIA DI ROMA. Quindi evitate di prenderci per il culo, con idiozie tipo questa: «La tonalità del colore dominante di maglia e pantaloncini, evoca il simbolo della squadra e della Capitale: la Lupa con il suo manto grigio». E allora? Farete anche una maglia marrone-merda, come le famose cacate degli imperatori di Roma? Oppure la farete bianco-celeste, come i colori del cielo e delle nubi di quando fu fondata "The Eternal City"?! Potete darla a bere a un cinese, a uno statunitense o australiano che sia, non certo a noi Romani.
3) Il fondo dello schifo è stato toccato facendo ANCHE IL NOSTRO STEMMA BIANCONERO! Colori che, tra l'altro, appartengono ad un altro club che è nostro acerrimo rivale, soprattutto per noi tifosi, e che non nomino perché mi fa vomitare anch'esso.
4) A proposito dello stemma: questo che vi siete inventati è finto e non ci rappresenta. Quello vero ha la Lupa Capitolina (non la vostra ridicola raffazzonatura) e il monogramma ASR!
5) Per questi motivi: boicotto e invito tutti al BOICOTTAGGIO ASSOLUTO DEI PRODOTTI A.S. ROMA CON LO STEMMA FINTO E BOICOTTAGGIO ASSOLUTO DEI PRODOTTI NIKE (anche non dell'A.S. Roma).
6) Vi accuso, inoltre, di non aver protestato,  tutelando noi tifosi e il club stesso, accettando le assurde, abnormi e vessatorie misure contro il tifo e le persecuzioni contro noi tifosi messe in atto negli ultimi mesi.
C'è solo la ROMA!"
.
Ed ora passiamo alle idiozie di questi folli che seggono in Parlamento e anche al Comune di Roma:
"Trovi l'articolo online se può interessarti,scusamo il disturbo ma queste idiozie devono essere note.
Forza la nostra grande Roma!
Alleanza FI-Pd per stadi più sicuri, anche con l'aiuto degli ultrà "buoni"
Pubblicato il: 04/10/2015 16:17
Alleanza 'bianconera' Forza Italia-Pd per coinvolgere di più le società calcistiche nella lotta alla violenza anche con l'aiuto degli ultrà 'buoni'. A chiedere norme più stringenti per la sicurezza negli stadi sono il senatore di Forza Italia Altero Matteoli e il suo collega del Pd, da qualche mese anche assessore ai trasporti nella Capitale, Stefano Esposito. Divisi dalla politica ma uniti nella fede juventina, con l'esponente dem che ha pubblicamente confessato di essere stato, da adolescente, un ultrà bianconero che urlava 'Roma m...', aggiungendo però di aver anche fatto i complimenti a Francesco Totti.
Il calcio, afferma la strana coppia di Palazzo Madama, sta attraversando un periodo tra i più complessi della sua storia, una fase che si spera sia solo di passaggio perchè "desta forte preoccupazione e allarme per le istituzioni che non riescono a fronteggiare il problema della violenza negli stadi per garantire una dovuta sicurezza".
Per questo, aggiungono Matteoli ed Esposito, è necessaria una legislazione più severa che coinvolga più direttamente le società sportive nel garantire l'ordine e la sicurezza negli stadi sportivi, sostenendo i costi dell'intervento delle Forze dell'ordine qualora si renda indispensabile e quelli destinati a "ripristinare il decoro" nel caso in cui disordini e scontri abbiano creato danni. Ma soprattutto, la proposta Fi-Pd prevede il coinvolgimento dei tifosi "organizzati in associazioni" nella gestione dell'ordine negli stadi. In sostanza, gli ultrà possono svolgere degli steward solo a patto che abbiano i requisiti richiesti a questi ultimi per svolgere la loro attività.
Naturalmente, secondo la proposta Matteoli-Esposito, i tifosi che potrebbero svolgere mansioni da steward, affiancando sugli spalti queste figure professionali, devono avere una (lunga) serie di requisiti richiesti per legge, a cominciare da una fedina penale candida, così come deve essere quella 'calcistica', senza la macchia del daspo, per intenderci.
Ma gli ultrà aspiranti steward (ce ne saranno?) devono anche godere di "buona salute fisica e mentale", non devono essere daltonici, non devono far uso di alcol e droghe, devono dimostrare di avere "capacità di espressione visiva, di udito e di olfatto", devono avere una "prestanza fisica adeguata alle mansioni da svolgere".
Ma le norme previste dal ddl non si fermano qui: le società sono chiamate a garantire che i tifosi tengano, anche in trasferta, un atteggiamento "rispettoso e improntato al senso di civiltà negli stadi, sui mezzi pubblici e durante il percorso per accedere agli impianti sportiv"i. E devono "scoraggiare e non assecondare alcun tipo di violenza da parte del gruppo di appartenenza". Alcol e oggetti che “mirano ad offendere le tifoserie avversarie” devono essere off limit, così come devono rimanere fuori dai cancelli slogan e striscioni con contenuti violenti, omofobi, razzisti che possano incitare a comportamenti violenti.
Vietate, inoltre, le invasioni di campo e vietato “disturbare con eccessiva gestualità” gli altri spettatori o comunque "adottare atteggiamenti che ledono l'incolumità altrui". Niente stadio, poi, per i "gruppi organizzati di sostenitori" che non siano regolarmente costituiti in associazione, secondo criteri di "pubblicità e trasparenza", e che non siano accreditati dalle società sportive professionistiche di riferimento. Le società sono tenute a denunciare alla polizia le violazioni delle disposizioni.
A chiudere il cerchio, il generale inasprimento delle sanzioni per i violenti. Il reato di lesioni personali gravi o gravissime a un pubblico ufficiale porta ad una pena che può arrivare fino a 18 anni di carcere. Chi danneggia attrezzature e impianti sportivi per "impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive" rischia da 2 a 6 anni di carcere.
Da 1 a 3 anni di galera per striscioni, cartelli, scritte e immagini che incitino alla violenza o che contengano ingiurie o minacce. Con il carcere da 1 a 6 anni vengono puniti l'invasione di campo e il lancio di materiale pericoloso dagli spalti. Stessa pena detentiva per chi introduce nello stadio "artifizi pirotecnici"
.

PD e Forza Italia: beh, non è che vedo differenze.
Poi:
"Salve Avvocato, le scrivo perché so che è l'unica persona che mi ascolterà e che mi potrebbe dare spiegazioni. Innanzitutto piacere sono Andrea ho 20 anni e da 5-6 sono frequentatore di Curva Sud e da 4 abbonato con il voucher elettronico. Insomma il mio primo voucher elettronico l'ho fatto ai tempi di Luis Enrique per poi proseguire i miei abbonamenti da Zeman a Garcia fino ad arrivare ad oggi. Non era una Roma stellare come non lo siamo ora ma poco importava anche perché la cosa che più mi ha entusiasmato e che mi ha fatto innamorare è quel tifo assordante, il non stare al proprio posto, conoscere nuove persone mentre si esulta e si fanno 10 scalini per un gol per poi risalire e trovare gli amici di sempre.  Erano queste le cose belle della Curva Sud, esprimere il nostro amore con la passione, le bandiere, le coreografie, i fumogeni, i cori. Ora di tutto questo non c'è piu nulla. La Curva Sud è morta. Sono ormai 3 anni che ci abboniamo a Marzo e sinceramente personalmente parlando ogni anno per un ragazzo senza lavoro come me spendere 300 euro sono un sacrificio( neanche mio padre mi da tutti questi soldi per abbonarmi me lo sono sempre pagato da solo) eppure non me né mai fregato nulla perché alla fine tutti quei soldi ne valeva la pena spenderli. Quest anno tutto è cambiato, non mi aspettavo una situazione cosi e spero che tutti combatteremo per liberarci anche perché se si continuerà cosi non ho la minima idea di rinnovare il prossimo anno. Molti miei amici non hanno rinnovato perché " noi la Curva se la volemo ricorda com era prima" e sinceramente penso di essere un po d accordo con loro. Ma invece per noi abbonati che ogni settimana ci ritroveremo fuori lo stadio avremo una soluzione a tutto questo?? In fondo sono soldi pagati per una cosa che non ci appartiene. Qualcuno penserà a noi caro Avvocato? Questa situazione è insopportabile.
Avanti Curva Sud!"
.
Questa e-mail, purtroppo, non ha bisogno di commenti....

Passiamo a Bayer Leverkusen/Roma:
"Ti scrivo questa mail perché ancora una volta la società ha perso un'occasione per venire incontro ai propri tifosi.
In particolare per il secondo anno consecutivo la società nella vendita dei biglietti per le trasferte europee agisce in maniera poco chiara, in quanto da un lato finge di prendersi cura dei tifosi più fedeli predisponendo fasce di prelazione per coloro che hanno sempre seguito la squadra, ma allo stesso tempo riduce il carnet di biglietti, acquistabili autonomamente, perché ne preserva una parte per le agenzie di viaggio, che in questo modo hanno la possibilità di preparare dei pacchetti, comprensivi di biglietto a prezzi decisamente alti garantendosi un ottimo margine di guadagno.
A causa di questa situazione molti tifosi che si sacrificano facendo anche nottate fuori ai romastore si trovano a rimanere senza biglietto in favore di questi personaggi.
Molti avevano anche già pagato volo e albergo.
PENSO CHE TUTTO QUESTO SIA INTOLLERABILE!!!
Se i posti sono 2.000 io voglio poter accedere liberamente a tutti e 2.000 i posti e non dover pagare cifre esorbitanti per pacchetti viaggio che nulla hanno a che fare con la nostra passione.
Possiamo fare qualcosa? Magari preparare un messaggio da inviare alla società anche in più lingue?
Questo sistema non può andare avanti, e non lo dico per rabbia o convenienza perché io il biglietto l'ho preso, ma lo dico per tutti quelli che invece purtroppo hanno dovuto rimetterci a causa di questa gestione.
Io intanto in via autonoma ho mandato questa mail che ti riporto di seguito all'indirizzo tifosi@asroma.it:

Spett.le Società,

mi vedo costretto a scrivere questa mail per segnalarvi la triste situazione che da due anni a questa parte accompagna la vostra gestione della biglietteria per le gare europee e in particolar modo quelle riguardanti le gare lontane dallo stadio Olimpico.
Più precisamente molti tifosi tra cui il sottoscritto hanno notato come vi siano due realtà parallele e completamente opposte nella gestione dei biglietti di tali gare, infatti da una parte la società mostra  comprensione e tutela del tifoso stabilendo giuste fasce di prelazione volte a garantire la precedenza ai tifosi più fedeli che seguono sempre e comunque la squadra, ma poi dietro questa facciata nasconde l'intento di favorire alcune agenzie di viaggio che grazie ai biglietti ricevuti dalla società hanno poi la possibilità di offrire pacchetti viaggio per le trasfrte andando a lucrare ampiamente sulla passione della gente.
Di seguito riporto alcuni link pubblicitari delle sopracitate agenzie che mettono in bella mostra i loro pacchetti sempre comprensivi di biglietti.
http://www.ultraviaggi.it/soggiorni/germania-bayer-leverkusen-as-roma-ar-in-giornata-2/
http://www.ultraviaggi.it/soggiorni/germania-bayer-leverkusen-as-roma-1-notte/
Anticipando una vostra possibile risposta in cui affermiate che tali offerte non sono in alcun modo comprensive di biglietti e che non dipende da voi la disponibilità di tali agenzie, posso garantire tramite un testimonianza diretta che chi acquista i pacchetti in oggetto ottiene anche i titoli di accesso allo stadio.
Questa disgustosa situazione sta diventando ormai una prassi!!
Infatti tale fenomeno si era manifestato già l'anno appena passato durante la vendita dei biglietti della gara Feyenoord-Roma, in cui tifosi furono privati della possibilità di acquistare autonomamente i biglietti e furono costretti a seguire la squadra dovendo sborsare una somma molto più alta del dovuto rivolgendosi alle agenzie.
La cosa che fa arrabbiare me tutte le altre persone nella mia stessa condizione sia il fatto di non avere la possibilità di accesso all'intero carnet di biglietti che ogni volta vengono decurtati di centinaia di posti a fovore di questi soggetti che come detto prima hanno il solo fine di lucrare sulla passione dei tifosi.
Auspicando un cambiamento riguardo questa spiacevole situazione invio i miei saluti (al momento non proprio cordiali)
Sperando di trovare insieme a te una soluzione intanto ti invio un caro saluto e ti ringrazio per il lavoro che puntualmente fai per tutelare chi come te vorrebbe solo poter vivere la propria passione e il proprio amore.
Mattia"
.

Io credo che la Roma dovrebbe essere chiaro su questo aspetto dicendo ai propri tifosi quanti sono i biglietti disponibili mper la vendita libera. Mi è giunta una vocina in ordine a Ultraviaggi ma comunque, a prescindere da favoritismi per l'esclusiva a un'agenzia piuttosto che a un'altra, debbo dire che giuridicamente la Roma ben può dare un'aliquota di biglietti a una qualche agenzia. Sarebbe necessario non comprare quei pacchetti viaggio, ma c'è una fascia di pubblico che è interessata, con conseguente vantaggio per l'agenzia in questione e chissà per chi altro. Il vero problema è che la Roma non dice che di 2000 biglietti, ad esempio, 500 sono destinati a una agenzia. Molti si risparmierebbero le nottate.
Sempre sui biglietti per Leverkusen:
"Sono un tifoso della roma che segue la sua squadra in trasferta (e in casa ovviamente) da quasi dodici anni. Sono un " cane sciolto" e non faccio parte ne conosco nessuno dei gruppi. Premetto che ho sempre difeso e appoggiato,in tutti i modi, le iniziative dei gruppi della curva.
Andiamo con ordine. Ieri e' iniziata la distribuzione dei "bigliettini", c' erano 3 blocchetti da 100 bigliettini ciascuno. Il primo blocchetto di bigliettini e' stato riservato ai ragazzi dei gruppi ,come e' giusto che sia, che quindi avevano l'opportunita' di prendere i primi 200 biglietti ( con 1 bigliettino si potevano acquistare 2 biglietti della partita) ;poi gli altri due blocchetti sono stati lasciati agli altri tifosi.
Questa mattina all' interno del Roma Store erano presenti FISICAMENTE 415 biglietti della partita (non l' ho detto io ma lo ha detto piu' di una volta,ad alta voce, il responsabile del Roma Store)
Ora se i primi 200 erano per i gruppi ,per gli altri ne dovevano rimanere 215 (415-200=215 la matematica non e' un opinione). Invece per tutti gli altri (che hanno fatto la fila e hanno fatto gli appelli) ne rimanevano solamente 180. Quindi, conti alla mano, sono spariti precisamente 35 biglietti. Non voglio pensare "male" dico solamente che destare questo tipo di sospetti non e' il miglior modo di coinvolgere le persone nella protesta contro la situazione che stiamo vivendo all' olimpico e che tutti conosciamo.
Detto cio'  ci tengo a precisare che questo e' il risultato di una gestione vergognosa dei biglietti delle coppe europee da parte della Societa' ,che regala centinaia di biglietti a questa fottuta agenzia e che se ne frega di quei tifosi che da anni sono sempre presenti sia in casa che in trasferta"
.
Altra mail:
"Mi è giunta notizia, In merito alla vendita dei biglietti per leverkusen che circa 600 sono stati preventivamente dati all.agenzia ultraviaggi...Detto ciò, mi è stato anche detto che quest agenzia ha come proprietario qualcuno della famiglia baldissoni...c'è verità in questo oppure no? Grazie".
Questo sinceramente non lo so. Basta fare una visura sull'agenzia e lo si (dovrebbe) scoprire.
Ancora su Leverkusen:
"Probabilmente già è a conoscenza di quello che è successo oggi riguardo i biglietti della Bayarena. Io, per 3 numeretti, partirò senza biglietto ma questo è il male minore visto che, come me, altre centinaia di persone si dovranno (io no, per principio) rivolgersi alla Ultraviaggi per strapagare un tagliando che di diritto e secondo comunicato ufficiale della AS Roma sarebbe spettato ai soli possessori di abbonamenti Home e UCL. La mia domanda è, anche al fine di una mia personale 'inchiesta' giornalistica (condivido 'sto mestiere con cani e porci, ma è quello che mi piacerebbe fare 'da grande') e soprattutto per la rabbia scaturita guardando le facce di chi non potrà andare allo stadio a tifare la nostra AS Roma: è possibile denunciare la società per bagarinaggio? Mi spiego meglio. Essendo una società quotata in Borsa e avendo diramato un comunicato sui biglietti in cui non è stata fatta alcuna menzione sui 200 biglietti destinati alla Ultraviaggi (come confermatomi da Federico e Stefano che hanno coordinato la fila stamattina e da uno dei simpaticissimi dipendenti dello Store) è possibile ricorrere contro questa assegnazione abusiva? Scusi se mi sono dilungato ma la rabbia è tanta. Ci/mi hanno tolto casa (la Curva Sud) e a breve considerando la poca propensione della AS Roma a rinnovare le Card Away (essendo ex diffidato) ci/mi leveranno anche le trasferte nazionali. Sono rimaste poche occasioni per stare insieme al fianco della AS Roma e sinceramente il sentirmi privato del mio diritto (da consumatore, in quanto da tifoso non ne ho) mi ha fatto girare le palle. E non poco. Grazie mille per tutto quello che fa e farà per Noi tutti". Come detto, la Roma pecca di trasparenza per il "consumatore", cioè il tifoso che - sempre più - si sta rompendo le palle, defidelizzandosi. Come detto, non ci vorrebbe molto ad essere trasparenti, dicendo quanti biglietti sono destinati all'Ultraviaggi.
It's Italy:
"non ho preso il biglietto per 9 numeretti per leverkusen... su 2000 biglietti: 600 circa per quelli di borisov (la Roma dovrebbe chiedere, se vuol, fare una seria prelazione, anche il biglietto aereo in alcuni casi), 400 agli as roma store e 1000 ad agenzie varie... spero tu possa denunciare questa cosa, hai sicuramente molta più visibilità di me".
Passiamo agli steward che mo' all'Olimpico se la sentono calla, come si dice a Roma:
"Non ho mai avuto nessun problema allo Stadio. Questo come premessa. Ora mi sono trovata a dover discutere con uno steward perchè voleva infilarmi le mani nella borsa. Al primo pre filtraggio sono entrata tranquilla, documento e abbonamento alla mano,  mi sono femrata davanti ad un carabiniere chiedendo lui se aveva bisogno di controllarmi e lui mi ha chiesto gentilmente "potrebbe tirar fuori lei le cose dalla borsa che io non posso mettere le mani dentro?" detto, fatto. Non c'erano poliziotte donne non mi hanno perquisita addosso. Vado avanti, passo il tornello, documento valido, abbonamento pure e mi imbatto in questo energumeno che, con i guanto neri, si preparava dicendomi di aprire la borsa che lui doveva controllare. Io di tutta risposta gli ho detto, "alt, aspetti che le tiro fuori le cose io " e lui "no signora io posso controllare da me" . Li mi sono impuntata e gli ho detto che se voleva mettermi le mani nella borsa doveva chiamarmi un poliziotto. Lui si è innervosito ed ha iniziato a dirmi che lui aveva il cartellino da steward e che quindi non potevo dire nulla perchè LUI POTEVA, attirando l'attenzione delle forse dell'ordine perchè stava alzando la voce. Io gli ho detto "mi scusi ma non sono sicura di quello che mi dice, se mi chiama un ufficiale di polizia, preferirei che il controllo lo facesse lui." Li è successo un mezzo pandemonio eprchè questo stizzito comincia a chiamare "le guardie" io, col sorriso sulla bocca ho chiesto ad un poliziotto se potevo tirar fuori le cose così che lui poteva controllarle... al che lo steward continuava ad infilarmi le mani nella borsa e li gliele ho tolte e mi sono incazzata nuovamente. (scusa il francesismo). Ora immaginerai la mia domanda... puo' uno steward perquisirmi in questa maniera?".
La risposta è no.
Ripeto ancora una volta cosa può fare lo steward:
capitolo 3 punto 4 – Controllo degli spettatori con il sistema del pat-down:  Al fine di elevare ulteriormente il livello di sicurezza dell’evento, in analogia a quanto avviene a livello internazionale, gli steward svolgono attività di controllo sulla persona. Tale attività potrà essere svolta effettuando il “sommario controllo” delle borse, degli oggetti portati al seguito e delle stesse. Il servizio di stewarding -  persone, procedendo alla verifica attraverso la tecnica del pat-down (art. 1, comma 3, lettera a DM 28 luglio 2011) anche con l’uso di metal detector portatili. Le attività di filtraggio ed in particolare il pat down, devono essere svolte sotto la vigilanza del personale delle FF.OO. che deve essere presente sul posto. Il pat-down, che dovrà essere svolto con un atteggiamento “amichevole”, evitando comportamenti inquisitori non compatibili con il contesto festoso delle manifestazioni sportive, in analogia a quanto avviene in ambito aeroportuale, include:  la richiesta di esibizione di oggetti custoditi nelle tasche ed all’interno dei capi di abbigliamento; l’invito ad allargare le braccia e le gambe, al fine di consentire un adeguato controllo;  l’avvertimento che, in caso di rifiuto, sarà richiesto l’intervento di un operatore di Polizia e che il rifiuto di sottoporsi al controllo costituisce violazione del regolamento d’uso dell’impianto, con conseguente sanzione amministrativa ed espulsione dallo stadio; il sommario palpeggiamento delle parti ove potrebbero essere occultati oggetti pericolosi, nel rispetto della dignità della persona (a tal fine i controlli andranno effettuati da persone dello stesso sesso dello spettatore)".
In parecchi mi avete poi segnalato questo articolo (confesso, per il mio detestare l'economia, di averci capito poco:
http://www.tifosobilanciato.it/2015/10/05/as-roma-qualche-riflessione-su-questi-anni-di-gestione-stars-stripes/

5 ottobre 2015: nella pagina di Bate Borisov/Roma aggiunto biglietto, programma e gagliardetto.

4 ottobre 2015: la pagina di Palermo/Roma è in costruzione.

2 ottobre 2015: e-mail:
"Scrivo questa lettera per rispondere a tutti quelli che si lamentano e contestano ogni scelta dei gruppi della Sud (per partito preso), a chi non andava bene un tipo di protesta, a chi non ne va bene un'altro, a chi non va bene nessuno di quelli adottati, a chi crede che sia inutile protestare.
Mentre questi ultimi non meritano neanche una risposta, agli altri invece vorrei spiegare come stanno le cose e le motivazioni delle scelte dei gruppi.
 A chi sostiene che i gruppi sbagliano perché dovrebbero entrare e tifare più forte di prima rispondo che questo non è possibile, perché gli agenti della DIGOS, che da quest'anno stazionano nei pressi del cancello, hanno più volte minacciato di diffidare chi avesse lanciato un coro e sappiamo bene che ne sarebbero capaci. Inoltre, com’è noto, ci è stato vietato di posizionarci in un posto diverso da quello segnato sull'abbonamento/biglietto, di far entrare bandiere, pezze, fumogeni e striscioni. Non ci sono, quindi, i presupposti per tifare.
 A chi, invece, dice che i gruppi sbagliano perché dovrebbero restare fuori come a Roma - Sassuolo, vorrei ricordare che sono partite diverse denunce e DASPO dopo quella partita. Le prime per "manifestazione non autorizzata", i secondi per accensione di fumogeni. Continuare a tifare da fuori sarebbe solo un modo per farci decimare ancora di più.
 Chi invece sostiene che si dovrebbe entrare, per stare tutti al loro posto, in silenzio, sostenendo che "il silenzio è il rumore più forte", forse non capisce che è proprio quello che vogliono questore, prefetto e autorità varie. Loro non vogliono una curva vuota, vogliono una curva ammaestrata. Tutti al loro posto, seduti, come una qualsiasi Tribuna Tevere.
 A chi ci dice di pazientare e aspettare il nuovo stadio perché per adesso la Roma non può fare niente, proporrei di leggere i documenti dove il prefetto (o il questore, non ricordo) dice che Roma e Lazio si sono seduti a un tavolo comune per accettare questo provvedimento e nessun dirigente si è mai rivelato contrario a questa scelta. E farei anche leggere loro il questionario per il Nuovo Stadio, dove sono riportati i prezzi (esorbitanti) per un abbonamento in curva. Inoltre ricordo come a questa società del tifo passionale non importi proprio nulla, tranne se siano Indonesiani (onore a loro) da mettere su Facebook.
 L'ipotesi di abbattere la barriera sarebbe la scelta definitiva per consegnarci nelle loro mani. Tutti diffidati, tutti in prima pagina e in televisione per settimane, occasione per emanare ulteriori leggi repressive sull'onda dell'opinione pubblica che segnerebbe la fine del movimento.
 Fa sorridere, infine, chi dice che "la vecchia Sud" non si sarebbe mai comportata come noi. A questi individui vorrei ricordare che la "vecchia sud" non viveva questa repressione, tutto era libero, il calcio era ancora della gente, non esistevano daspo, divieti di fumogeni, tessere del tifoso, divisioni, divieti di trasferte, autorizzazioni della questura per coreografie e striscioni, divieti per megafoni e tamburi, biglietti nominativi, tornelli, perquisizioni, leggi assurde e tanto altro. Se queste leggi (repressive) fossero esistite fin dall'inizio, dubito che la "vecchia Sud" sarebbe stata quella che è stata (sono d'accordo al 100%).
 Penso di aver risposto a tutte le diverse versioni che ho sentito questi giorni, solo per fare chiarezza sulla situazione e far comprendere a più gente possibile (e ci stiamo riuscendo) la giustezza della nostra causa. Mi scuso per essermi dilungato.
 Questa curva non si divide!"
.


1° ottobre 2015:
un resoconto di Bate Borisov/Roma.
Sebino Nela:

"Io ero molto legato alla Tifoseria, sono stato anche insultato e criticato ma è successo a tutti anche a Totti. Ogni trasferta ci portavamo dietro dieci mila persone e tutti ci dicevano: “Che grande tifoseria avete !” ed io mi gonfiavo il petto. Tutte le parti devono fare qualcosa per tornare ai tempi di una volta. Giocatori, società, Prefetto, Questore, devono ricomporre la situazione. Altrimenti si può anche giocare a Novara e Vercelli. Non esiste al mondo che una squadra come la Roma non si vada aiutata, la juventus è aiutata dai tifosi. Io vedo che nessuno fa nulla e questa cosa mi infastidisce parecchio. Ci sono persone (ex compagni) innamorati come pochi della Roma. Ci sarà qualcosa in questa città con questa maglia che ci fa sentire uomo e giocatore. Io non sono romano ma dopo 5 minuti che avevo la maglia addosso, l’ho fatta mia. E oggi soffro. Roma la devi conoscere e capire. Sennò puoi diventare un giocatore anche bravo, ma non sei un giocatore della Roma. Ci sono questi aspetti nel nostro calcio che non possono non essere capiti. Altrimenti non sarai mai amato e apprezzato. Questo porta distacco.
Se non ti scoppia il cuore, non ce la farai mai.”
Costa meno partire dall'Inghilterra per andare in Germania a vedere la Bundesliga che non vedere un match in Gran Bretagna... i tifosi inglesi protestano (qui l'articolo originale):




30 settembre 2015: in costruzione la pagina di Bate Borisov/Roma. Comunque pareva l'Alessandria.

Toh, il Barcellona ha tenuto, sullo stesso modello di maglia, il suo simbolo a colori. Evidentemente anche a Nike possono essere messi dei paletti.


E' un intero mondo che si sta disamorando... da Verona (per i più giovani: in occasione di un Verona/Juventus del 20 marzo 1977 fu rinvenuta una bomba a mano sulla pista d'atletica, lanciata dalla Curva Sud e il coro in questione è del gruppo "I GIganti":


29 settembre 2015 (pomeriggio): un paio di e-mail in attesa di Bate Borisov/Roma.
"Ciao Lorenzo,
complimenti per il sito e tutto quello che fai.
Chi ti scrive è un nemico storico della Curva Sud di Roma, sono del Milan.
Scrivo a te e a tutta la tifoseria ultras romanista per esprimere tutta la mia solidarietà per quello che vi sta succedendo.
in anni di trasferte europee e italiane quella all’olimpico ha sempre avuto il suo fascino, sarà per il clima ostile tra di noi ma contro di voi c’era sempre quell’atmosfera calda e magica che ti faceva venire voglia di vivere lo stadio. Le bandiere della Sud che sventolavano sempre, i cori, gli striscioni, le torce e i fumogeni e spesso le coreografie.
Se penso che le prime trasferte a Roma erano inizi anni 90 sai benissimo quanto sia cambiato in peggio il mondo stadio, ma nonostante tutto spesso le tifoserie italiane sono riuscita a “dribblare”
tutti questi divieti. Ora - a causa del solito prefetto che deve farsi una carriera - vedo la situazione da voi preoccupante…..anche perché il resto del pubblico sono degli emeriti coglioni che di sicuro non vi aiutano.
NO SURRENDER
M. AC MILAN 1899"
.
Poi:
"Ciao Lorenzo , non potevo più tenermi dentro quello che sto provando e la voglia di comunicarlo a tutti coloro che la vivono come me ,ed è rivolto a tutti i tifosi .non solo a quelli della nostra amata Roma .
"Tutto il giorno penso a te"
Ciao Roma.
Da  quando ho l'uso della ragione io penso a te, da bambino avevo te e da genitore penso a te , ricordo quando avevo 14 / 15 anni, la domenica sapevo che giocavi a Roma ,una partita contro un mediocre avversario e mi dicevo ma non vado? Ma prima di mezzogiorno partivo e compravo il biglietto di un Roma Bari ,anche a 20000 lire per la curva sud  e per me erano troppi ma chiedendo un piccolo aiuto ai miei riuscivo ad averli  e fuori lo stadio compravo il biglietto, se  in biglietterie mi avanzava qualcosa, che poi finiva nelle collette per la coreografia ,altrimenti  da qualche bagarino e li finivano . Il tutto perché ? Perché sentivo la curva dentro di me ,immaginavo, sognavo e sentivo , di stare li con te, con la nostra gente, della mia città dei miei colori col mio più grande amore incondizionato di sempre .ma ora? Ora che succede? Succede che, qualcuno ha diviso un amore e fa male una divisone forzata , da qualcuno che non vuole  aggregazione niente  folcrore e tutti zitti a sedere . Questo si fa in chiesa se non ricordo male e non allo stadio.  Sei arrivato dove nessuno doveva arrivare, facendomi  piangere e stare male rovinando l'ultimo ponte tra me adulto e me bambino .
Vuoi strapparmi dal  mio amore da quello che ogni giorno penso e vivo .vuoi allontanarmi dalla mia fede!!!  Vuoi far si che la gente creda che siamo noi il problema della sicurezza che siamo delinquenti e teste calde . ma ti sbagli e già lo sai .sai che noi andiamo a  tifare !! Per far sentire la nostra voce e  fare il nostro dovere da tifosi  , grammaticalmente tifosi significa colori che tifano altrimenti bisognava chiamarli mutosi  e non parlo di tifo violento parlo di folcrore , cantare a squarciagola perché non si deve mai sentire la voce dell'avversario perché oltre che quella in campo c'è la partita sugli spalti e chi ha la voce più alta vince . la nostra coreografia deve essere ricordata per la genialità e per quanto amore ci si mette a preparare tutto oltre che la bellezza in se stessa . tutto sempre per quello che  è il nostro credo , il nostro amore facendolo nel nostro tempio dividendo il panino e parlando un po di tutto in generale anche con chi conosci ma non conosci . Al tuo dividi et impera io ti rispondo l'Unione fa la forza !!! E qualsiasi cosa accadrà tu passerai e la nostra mentalità non morirà. perché si tramanda ai nostri figli e loro faranno tesoro del significato libertà!!! Tutto dipende da noi ad essere bravi genitori e dando sempre un buon esempio e a farsi rispettare quando serve perché nella vita serve anche difendere la dignità e la libertà, cosa che ci state levando sempre più velocemente con sempre più controlli a tutte le popolazioni sull'intero  pianeta! Ma allora cosa posso fare per fermare tutto questo? Sono solo contro tutto ! Per forza!  ci hanno diviso in tutti i contesti sociali, quindi ci sentiamo soli  e rassegnati . io credo a questo punto che bisogna fare un punto della situazione e capire quale sia il modo migliore per essere uniti e difendere i nostri diritti e i nostri amori .uniti si divisi mai!!!  AVANTI CURVA SUD!!! AVANTI POPOLO ROMANO! GOCCIA A GOCCIA SI FORMA UN OCEANO. TI AMO!!! ALESSIO74"
.
E siccome bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare, è necessario inserire questa intervista a Maria Sensi (quantunque il sottoscritto non l'abbia certo amata):
“Vorrei esprimere la mia solidarietà alla Curva sud. La cosa che ha dato più fastidio, che ha dato il via a questa storia, sono stati gli striscioni, i cori e le contestazioni. In curva ultimamente non è successo nulla, tutto al più è successo fuori. Negli altri stadi le bandiere e gli striscioni possono esserci. E invece, in fondo, a Roma che succede allo stadio? Il buono e cattivo c’è ovunque e comunque è fuori. In luoghi che la Polizia conosce bene“.
“Anche questa cosa che non ci si possa alzare. Perfino in Chiesa ci sia alza! Io non trovo giusta questa cosa. Consiglio di andare avanti, alla Curva Sud. Con molta educazione, perché quello che accade non è giusto. Io mi ricordo mio marito: andavamo allo stadio prima per leggere gli sfottò. Noi abbiamo accettato tutto, il buono e il cattivo… perché anche la critica è importante, significa che c’è qualcosa che non va. E’ nato tutto dalle contestazione. Quando c’erano gli striscioni puliti e plastificati con le lettere belle, quegli striscioni andavano bene. Ora non si può esporre niente“.
“Capisco la necessità di mantenere i posti, ma bisogna dare la possibilità a chi è stato per anni vicino di aggiustarsi. Conosco professionisti che sono sempre andati in curva e adesso non ci vanno più“.
“Ho chiamato perché voglio stare vicino alla curva. Perché è giusto che la Curva ritorni quella che è. A Milano, a Torino, i tifosi possono tifare liberamente e qui invece è una desolazione. Io ricordo il divertimento degli striscioni. Ce ne erano alcuni pesantissimi contro la mia famiglia. Ma fino a che non c’è violenza, bisogna accettare tutto. Noi abbiamo accettato tutto. Ed è giusto così. La Curva sud deve ritornare quella che è“.

Alessandro Antinelli, giornalista di RaiSport a Teleradiostereo:
“La situazione della curva sud? Inaccettabile. Ho assistito ad una partita del Milan con 25000 spettatori, praticamente San Siro era vuoto. Ricordo la faida fra i tifosi di Inter e Milan e la questura di Milano per gli striscioni. A Napoli tolta la sfida con la Juve ci sono state pochissime presenze. Poi c’è la curva sud che è una delle curve più belle d’Italia. Rischiamo di offrire uno spettacolo altamente depotenziato, anzi azzerato. Il motore di questo sport è la curva. Sono partito da qui, per vedere se esistono altre situazioni limite e per capire cosa spinge la gente a non andare allo stadio. Anche se non sei romano, se non tifi Roma, il disagio è evidente. Per anni abbiamo fatto discorsi sull’abbattimento delle barriere. Sassuolo Chievo match senza polizia, le tifoserie sono gemellate. Ad Udine le barriere sono state tolte le barriere. A Roma si va nella direzione opposta. I tifosi della Roma, in questo caso, stanno dando un esempio di grande civiltà. A questo punto bisogna fare un passo indietro.

C’è stato il caso della finale di Coppa italia con la morte di Ciro Esposito, c’è stato Genny la carogna e poi gli striscioni contro la mamma di Ciro Esposito. C’è stata anche la reazione della Roma. Ancor prima c’è stata la morte dell’ispettore Raciti e, l’introduzione di filtraggi e pre-filtraggi come contromisura. Tutto quello che è stato introdotto dal 2007 però, è stato fallimentare. Ci dovrebbe essere un’ammisione di colpa e, un cambio di rotta. Quelli che vanno in curva ci sono sempre stati e, in un certo senso sono il sale di tutto. Se uccidi la curva uccidi il senso di questo sport.
Pallotta? Il club ha un contratto con i propri tifosi. Il club può dire: “certi tifosi li voglio in casa mia altri no”. Secondo me bisogna trattare. Un conto è delinquere, e qui torno alle istituzioni, perchè se alcuni soggetti frequentano ancora lo stadio vuol